lunedì 10 gennaio 2011

MASSIMA DIFFUSIONE - Effetti della marea nera BP sulla Corrente del Golfo

Stimatissimi, benritrovati.

E' con piacere che vi diamo il benvenuto nel 2011 e lo facciamo con un interessante articolo a proposito di corrente del golfo e disastro BP.

Abbiamo avuto infatti il piacere di scambiare un paio di email con Gianluigi Zangari, fisico teorico in forza ai Laboratori Nazionali di Frascati dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), l'autore del documento che fece più volte il giro del mondo (ne parlammo anche noi qui: corrente del golfo a rischio interruzione) sull'impatto del disastro BP sulla corrente del golfo.

Risultava infatti dalle analisi di allora che l'immissione di petrolio, gas e corexit in quantità massive nel Golfo del Messico aveva non solo distrutto la vita marina nell'area, ma aveva anche seriamente compromesso la loop current, che è una delle correnti che contribuiscono alla formazione della Corrente del Golfo, quella corrente che assicura clima mite in europa ed evita che l'intero nostro continente sia coperto dai ghiacci.

Dello studio si parlo' molto poco in Italia, gli affezionatissimi ne colsero in pieno la portata, i commenti furono numerosi e la discussione, come sempre, di ampio respiro strategico e di altissima qualità.

Le conclusioni erano che, essendo la circolazione oceanica un complesso sistema non-lineare, le conseguenze del disastro BP sarebbero state imprevedibili.

Oggi vi proponiamo un aggiornamento con il nuovo articolo di Gianluigi Zangari, apparso su un media russo e da noi tradotto, che analizza la presenza di clorofilla nelle acque del Golfo negli ultimi 20 anni. E giunge a conclusioni poco gradevoli, ma indubbiamente Vere, e questo è cio' che conta.



La vita marina a rischio nel Golfo del Messico potrebbe avere conseguenze sulle correnti oceaniche

di Gianluigi Zangari, Frascati National Laboratories (LNF) - National Institute of Nuclear Physics (INFN)

Abstract: Prove evidenti dal satellite mostrano una drastica riduzione della concentrazione della clorofilla nel Golfo del Messico, che potrebbe avere un serio impatto sull'intero ecosistema e circolazione oceanica. Poichè è ben nota la correlazione tra le dinamiche oceaniche e la biologia (per esempio, l'abbondanza del fitoplancton), la riduzione della concentrazione della clorofilla potrebbe avere serie conseguenze sulla circolazione (dell'acqua, ovvero le correnti, NDFC) del Golfo, fino alla Corrente del Golfo. Questo potrebbe rappresentare ulteriore prova dell'impatto ambientale causato dal disastro BP e dai successivi interventi umani.

L'importanza della clorofilla come parametro della qualità dell'acqua è ben nota: la misura della sua concentrazione e distribuzione è uno dei modi migliori per monitorare la flora microscopica (fitoplancton e/o alghe) che gioca un ruolo vitale nella vita dell'oceano in quanto base della catena alimentare.

Le acque con un'alta concentrazione di clorofilla solo solitamente ricche di nutrienti, e consentono la sopravvivenza e l'evoluzione della vita. Quando la distribuzione della flora precipita e muore in conseguenza di modifiche dell'ambiente, abbatte i livelli di ossigeno disciolto: questa è una delle cause primarie della moria di massa dei pesci, come è stato ampiamente riportato dai media in questi ultimi mesi riguardo la situazione nel Golfo del Messico.

Potrebbe essere una prova evidente dell'effetto dell'inquinamento generato dall'intervento umano.

Dall'incidente della piattaforma petrolifera della BP e dalla successiva immissione di differenti sostanze chimiche nell'ecosistema del Golfo, i dati satellitari hanno mostrato prova evidente di una drastica riduzione della concentrazione della clorofilla (milligrammi per metro cubo) nel Golfo del Messico di approssimativamente un fattore di 100, ad una prima analisi, anche se ulteriori studi saranno necessari per confermare questo dato.

Come viene mostrato nelle seguenti immagini satellitari (in questo studio sono state esaminate le immagini corrispondenti fino a 20 anni fa, ma a causa della mancanza di spazio includiamo sotto le immagini degli ultimi 5 anni), questa osservazione non sembra essere nè un fenomeno stagionale, nè un fenomeno atteso.

L'incidente e i successivi interventi umani hanno causato una irreparabile alterazione dell'intero ecosistema del Golfo, che oggi sembra un nuovo sistema biofisico artificiale, differente dal sistema naturale che esisteva in precedenza.



Le immagini




Novembre su novembre, anno dopo anno, ultimi 5 anni







Dicembre su dicembre (salvo 2010), ultimi 5 anni






Come ogni altro sistema complesso, potremmo descrivere il Golfo come un gigantesco organismo vivente, le cui parti, vita e dinamiche sono così fortemente collegate ed interconnesse al punto che ogni elemento non puo' essere disgiunto [dagli altri, NDFC].

Effettivamente una forte correlazione tra dinamica dell'oceano e biologia (es. l'abbondanza del fitoplancton) è ben nota e ogni ricerca e modello lo dimostrano in sistemi diversi dal Golfo del Messico(1).

Ora il Golfo è un nuovo sistema creato dall'uomo, virtualmente instabile: un gigantesco organismo gravemente malato, simile ad un paziente affetto dal cancro.

La conseguenza diretta è che nessuno è in grado di prevedere quale sarà il futuro di questo nuovo sistema del Golfo creato dall'uomo.

In particolare, nessuno puo' anticipare l'impatto sulla Corrente del Golfo, le cui dinamiche ed attività sono fortemente correlate ed dipendenti dal sistema del Golfo, come ho già affermato nel mio precedente lavoro (2)

A mio avviso, potrebbe essere molto difficile, se non impossibile, che lo stato naturale del Golfo venga ripristinato com'era prima dell'incidente.

Dal momento che entrambi questi sistemi, come tutti i sistemi complessi, esistono e si evolvono lontano dall'equilibrio termodinamico, non possiamo fare riferimento al concetto di equilibrio, ma siamo convinti che raggiungeranno certamente un nuovo stato fisico complesso, che potrebbe essere tuttavia molto diverso dal precedente stato naturale.

L'attuale situazione del clima a livello globale [il riferimento è alle temperature polari in Europa e USA in Dicembre, NDFC] potrebbe essere già un primo indizio di questa nuova evoluzione.


Riferimenti:

1. N. Lovendusky and N. Gruber “Impact of the Southern Annular Mode on Southern Ocean circulation and biology”, Geophysical Research Letters, Vol. 32, L11603, 2005;
2. G. Zangari, “Risk of Global Climate Change by BP Oil Spill”, 2010, Associazione Nazionale di Geofisica–National Geophysical Association. [Si veda anche il nostro Corrente del golfo in via di interruzione? , NDFC]
3. http://www.myocean.eu.org
4. http://oceancolor.gsfc.nasa.gov
5. G. Zangari patent n. 9903198/1999


Riconoscimenti:

National Aeronautics and Space Administration-NASA
Paper originale (inglese) in pdf qui , link alternativo qui
Tradotto in italiano da Informazione Scorretta
Link originale articolo: Corrente del Golfo, BP Marea Nera

(si prega di includere tutti i link in caso di ripubblicazione)


Saluti felici

Felice Capretta

439 commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   401 – 439 di 439
Goodlights ha detto...

per zita:

http://www.lamentemente.com/2008/12/10/luomo-e-dio/

ciao!
sara

Goodlights ha detto...

sempre per zita come quello sopra, ma anche per chiunque volesse andare oltre...

http://www.lamentemente.com/what-the-bleep-do-we-know/

ciao!
sara

Anonimo ha detto...

dal Link di Sara (parte 1):

L'Uomo è Dio

L’essere umano è il solo responsabile della sua esistenza: il mondo esterno, non è altro che una proiezione di quello interno. La realtà esterna non esiste nemmeno, se non vi fosse il mio pensiero nell’atto di pensarla.

Che cos’è la realtà esteriore? E’ il nostro fantasticare, il nostro sognare, il nostro sentire, il nostro pensare. Essa non fa altro che rispondere al nostro segnale, ecco perché è illusoria, di per sé non esiste: esiste solo in virtù del mio pensiero, solo come io la immagino. Quindi cambia continuamente, non ha esistenza propria ma, per fortuna, dipende da me.

L’essere umano è un magnete, una calamita, un radar, una frequenza che emette una vibrazione, la quale poi, attira una situazione esterna. L’essere è energia.
Se esiste un programma, esiste anche un programmatore: il principio di causa-effetto, spiega tutto l’essere. Il programmatore non è Dio ma l’uomo, il quale scoprendo di avere la capacità di programmare, si oltrepassa, riconoscendo in sé la superumanità.
Non può esistere un Divino, se non all’interno dell’uomo.
La famosa “illuminazione” non è altro che riconoscere la divinità che è in noi, è cioè l’esserne consapevoli, o più precisamente “l’essere consapevoli”.
Risvegliando i suoi Poteri, l’uomo scopre di essere divino. Solo un Dio infatti, può modificare una realtà da lui creata, una realtà che sembra vera ma che in realtà è più astratta di un sogno. Nel quale ogni Mago può rendersi protagonista, rendendolo lucido a volontà…

Non siamo creati ma co-creatori.

In realtà, ogni uomo è un superuomo, il problema è che non lo sa. Ci hanno sempre insegnato a vergognarci, ci hanno tirato su a pane e peccato, mentre noi tutti potremmo scoprire l’enorme Bellezza che ci abita Dentro.
Dentro di noi, dorme un Potere infinito ma abbiamo paura di scoprirlo, di svegliarlo.
Abbiamo paura di sapere chi siamo, d’altronde l’ignoto, ha sempre spaventato l’uomo, più di qualsiasi altra cosa e il “cristianesimo” del resto, gli ha sempre fatto una gran pubblicità negativa.
Per la religione “cristiana” infatti, è preferibile avere dei fedeli inconsapevoli… della loro congenita e indiscutibile divinità.
La chiesa modella l’uomo a forma di “colpa”, educandolo poi alla paura dell’inferno.

Anonimo ha detto...

(parte 2)

Un uomo che scopre di essere un superuomo, esperendone la fattualità, non ha più bisogno di credere… Un uomo divenuto Sé, non è più indottrinabile.
Se un uomo esperisce la propria divinità, non vede alcun vantaggio nella credenza in un Dio lontano. Quell’uomo infatti, ha scoperto Dio dentro di Sé, un Dio che dormiva ma che ora si è alzato, aprendo gli occhi al Sole di un nuovo giorno, nello Specchio di un Uomo Nuovo.
Il Dio che abita l’uomo non è vendicativo ma felice.

Riassumendo… L’essere umano è un essere meravigliosamente potente. Per motivi culturali e religiosi, egli però non lo sa. Da piccoli infatti veniamo “educati”, e lì inizia il nostro calvario. Ci insegnano ad essere esattamente ciò che non siamo, innescando dentro di noi dei pericolosissimi meccanismi letali, perché contro natura. Tali meccanismi recidono quasi completamente i nostri poteri, i quali, in seguito, dovranno essere risvegliati, cioè riattivati.

Ci hanno sempre educati al limite, alla paura, al peccato, all’errore, ai doveri, alla fatica, alla vita come “valle di lacrime”, al guardarci le spalle dai ladri, dai pazzi, dai teppisti, dalle malattie sempre in agguato, dagli incidenti che possono sempre accadere, (e le notizie del telegiornale – sempre e solo negative, rincarano la dose), dal lavoro che tanto non c’è, dal fatto che i soldi sono negativi a priori – bisogna vergognarsi di averne e i ricchi non andranno mai in paradiso – dal fatto che la vita è dura, pericolosa e spietata. E dopo tutto questo ci stupiamo se la gente è depressa? Se la gente ammazza? Se la gente si suicida? Se la gente è povera quindi infelice? Se la gente vive “senza valori”? Se la gente è superficiale? Se la gente non vale niente?

Se la gente non vale niente è perché gli è stato insegnato così.

Se continuiamo a credere, che tutto ciò che accade dipende solo da cause esterne, dal destino o dalle punizioni divine, allora è normale che il mondo va come sta andando.

Noi non siamo nelle mani del Signore e nemmeno in quelle del destino: NO! L’essere umano, per fortuna, è causativo al 100% di tutto ciò che accade nella sua esistenza.

La legge di causa-effetto è la legge che regola l’intero universo, sia a livello invisibile che a livello visibile: diventarne consapevoli, è il primo gradino verso la felicità, verso la Conoscenza di Sé e del mondo.

Tale Conoscenza si chiama Risveglio.

Di Lucio Giuliodori.

Fonte: http://www.luciogiuliodori.net

Anonimo ha detto...

@ sara

No, non mi chiamo Luca, giuro.

guru

PS: ah, dimenticavo, DIO, non esiste.

Goodlights ha detto...

@guru

...o forse non lo cerchi nel posto giusto...
:-)

sara

Anonimo ha detto...

Arthur Schopenhauer


IL MONDO COME VOLONTA' E RAPPRESENTAZIONE

«Il mondo è una mia rappresentazione»: ecco una verità valida per ogni essere vivente e pensante, benché l'uomo soltanto possa averne coscienza astratta e riflessa. E quando l'uomo abbia di fatto tale coscienza, lo spirito filosofico è entrato in lui. Allora, egli sa con certezza di non conoscere né il sole né la terra, ma soltanto un occhio che vede un sole, e una mano che sente il contatto d'una terra; egli sa che il mondo circostante non esiste se non come rappresentazione, cioè sempre e soltanto in relazione con un altro essere, con il percipiente, con lui medesimo.

http://www.luciogiuliodori.net/en/philosophy/151-arthur-schopenhauer.html

Anonimo ha detto...

Friedrich Nietzsche


Sulla questione della comprensibilità. (...)

Non è affatto un argomento contro un libro, se uno qualsiasi non lo capisce: forse era proprio questa l'intenzione del suo autore: non voleva essere capito da "uno qualsiasi".

Quel che facciamo. Quello che facciamo non viene mai compreso, ma solo lodato o biasimato.

Le nostre idee più alte debbono - e vogliono! - suonare come stupidaggini, in certe circostanze come delitti, se giungono illecitamente a orecchie non fatte ne predestinate per esse.

Fare della propia vita un esperimento - questo soltanto è libertà dello spirito, questo divenne in seguito la mia filosofia...

Dare giudizi morali sulle persone e sulle cose serve da conforto a chi soffre, a chi è oppresso, a chi si tormenta interiormente: una specie di vendetta.

Anonimo ha detto...

Emile Cioran


Proverbio cinese: "Quando un solo cane si mette ad abbaiare a un'ombra, diecimila cani ne fanno una realtà". Da mettere in epigrafe a ogni commento sulle ideologie.

Un uomo che si rispetti non ha patria.

Anonimo ha detto...

Pavel Florenskij


(…) personalmente non starei a difendere l’efficacia fisica della parola contro le suddette obiezioni, dal momento che nella mia comprensione del mondo non esiste affatto il fisico come tale, senza la penetrazione con l’energia spirituale e occulta. E sono dell’avviso che non il magico deve essere spiegato da cause fisiche, ma il contrario; ciò che ai profani appare come fisico dev’essere spiegato attraverso forze magiche.

Tuttavia quel che va sotto il nome di leggi della natura mi è sempre parso una maschera temporanea. Altre forze dominano il mondo e altre cause – diverse dalla scienza – dirigono il corso della vita. Talvolta, però, queste forze e queste cause sollevano la maschera che hanno indosso e fanno capolino dalle crepe dell’ordine scientifico del mondo. […] Ed è lì che bisogna guardare, lì che bisogna tendere l’orecchio al mistero del mondo, pronti a cogliere l’attimo. Là dove c’è una deviazione dal consueto, è la che va cercata la confessione spontanea della natura. Sin dalla più tenera età la mia mente era attratta dai fenomeni inconsueti.

(…) l’incognito non era per me un fenomeno consueto ma sconosciuto, bensì il contrario, un fenomeno conosciuto ma inconsueto, un’irruzione nel consueto dall’ambito della trascendenza, un attacco a quanto solitamente incognito da parte di un inconsueto che, tuttavia, era soavemente conosciuto, caro, una rivelazione dai meandri più reconditi. Solo tale oggetto pareva degno d’essere conosciuto, degno della conoscenza, mentre quanto particolare non era scivolava via come un’ombra pallida. L’incognito nutriva la mente, mentre quel che non meravigliava, che non generava meraviglia, era una sorta di pula secca priva di sostanze nutritive.

Prendiamo i sogni per esempio. I sogni si fanno mentre si dorme e scompaiono al risveglio. Ma vuol forse dire che non esistono?

Anonimo ha detto...

Io non credo in Dio, lo conosco.

Ramakrishna


Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi.

Marcel Proust


Lo schiavo non è quello che ha la catena al piede ma quello che non riesce ad immaginarsi più la libertà.

Silvano Agosti


Tutto sta nel fare... Non conta l'attore bensì l'azione; non conta lo sperimentatore bensì l'esperienza.

Bruce Lee


Start believing in yourself and the world will start believing in you.

Vijay Thadani


Il primo passo verso la saggezza è quello di mettere in discussione tutto e l'ultimo passo è quello di affrontare tutto.

George Christoph Lichtenberg


Gli unici diavoli esistenti sono quelli che si agitano nel nostro cuore. E' lì che la battaglia va combattuta.

Mahatma Gandhi


Passai accanto a duecento persone e non riuscii a vedere un solo essere umano...

Charles Bukowski


Mai ti si concede un desiderio senza che inoltre ti sia concesso il potere di farlo avverare.

Richard Bach

Anonimo ha detto...

Per tutte le azioni di iniziativa e di creazione esiste una sola regola elementare... che nel momento in cui ci si impegna senza riserve allora anche la provvidenza si muove. Un'infinità di cose accadono in favore di qualcosa che altrimenti non si sarebbe mai verificato. L'audacia ha in sé genio, potere e magia. iniziate adesso.

Johann Wolfgang Goethe

Anonimo ha detto...

Che ci piaccia o no, siamo noi la causa di noi stessi.

Giordano Bruno

Anonimo ha detto...

L’uomo comune cerca certezza negli occhi di chi ha di fronte, e chiama questo fiducia in sé. Il Guerriero cerca d’essere senza macchia ai propri occhi, e chiama questo umiltà. L’uomo comune è agganciato agli uomini suoi compagni, mentre il Guerriero è agganciato unicamente a se stesso.

Carlos Castaneda

Anonimo ha detto...

In queste parole è nascosto il Grande Segreto; beato colui che lo trova:

Sii calmo! E sappi: IO – SONO – Dio.

(…) Svegliati! Afferma la tua sovranità, conosci il tuo Sé ed i tuoi poteri. Tutto quello che io ho è tuo. La mia vita fluisce attraverso di te, perché tu possa prendere da essa quanto vuoi, quanto comandi!

Immagina questo, pensalo, sappilo! Con tutta la forza positiva della tua natura, pronuncia la parola creativa. Essa non tornerà a te vuota.

Conte di Saint Germain

Anonimo ha detto...

Auguri e buone cose a tutti, sinceramente e di cuore.

Grazie dell'ospitalità e della pazienza a Felice e a tutti.



Ciao, Zita

raffaele ha detto...

Ciao Anonimo che mi hai scritto quella cosa inglese. Non avevo capito.Oggi è venuto il mio amico Lucio a trovarmi che siamo tanto amici e mi ha spiegato cosa dovevo fare. Mi ca facile, da solo non ci arrivavo mai più. Bello quel film 'ce anche la cassetta? che glila regalo a Teresina . Pensa che l'indiano vecchio che allarga le braccia sembra tutto a mio zio Fausto. ma lui è di vicino a Napoli

Anonimo ha detto...

Delay Guru Peschamorti

"...ma il compito degli uomini, se ne esiste uno, non è quello di svelare questi MISTERI.

Né di indagarli.

Se credete esista un DIO, temetelo, se pensate che la sua giustizia sia spietata, oppure adoratelo per la sua misericordia.

Ma non aspirate al suo POTERE perché Egli vi castigherà come accadde a Lucifero.

Gli uomini non sono DIO, sono parte dell'Uno, come una goccia è parte del mare."

Anonimo ha detto...

@ Sara

"...o forse non lo cerchi nel posto giusto..."

Sara, io non cerco dio, non ho obiettivi così alti.

Cerco solo di sbarcare il lunario.


@ Mario

Se continui di questo passo, un giorno, o l'altro, "apparirai alla Madonna", come diceva Carmelo.

guru

Mario Barbiero ha detto...

@guru
Paura che venga a tirati le coperte mentre dormi?
Non sono il tipo che fa queste cose, io sono per il fiammifero acceso tra le dita dei piedi ...

Anonimo ha detto...

V ha fatto partire il domino.


http://www.bloomberg.com/news/2011-01-12/merkel-says-germany-is-ready-to-do-whatever-is-needed-to-save-the-euro.html

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Ai fautori del libero mercato e detrattori del reddito di cittadinanza Ripeto, (stavolta senza link , che mi sembra l´avevo gia fatto), x ogni real investito (badate bene investito) nel programma "bolsa familia" (informatevi su cos' é) ne viene generato 1, qualcosa (credo si avvicini ai 2, la ricerca era dell´anno scorso), ció vuol dire che quelli che ricevono i din din non son stati a grattarsele...
Cele
questa mi sembra una bella notizia (austriaci dite parassitaria?)
pazienza, ce n´é di parassiti (avidi)

Goodlights ha detto...

vorrei precisare che quella sfilza di citazioni non l'ho postata io.

buona giornata a tutti!
sara

ps guru: nemmeno io lo cerco, l'ho già trovato guardandomi allo specchio!
e, se anche a te va bene, considererei la questione conclusa.
per me è tutto perfetto esattamente così com'è.

yuma ha detto...

ciao Mario
ieri ero via e non avevo il pc con me .

Tutto il giorno ho pensato a come mi avresti risposto per le rime.

Poi ho visto le rime Che delusione !. Mamma mia.

Hai perso il senso dell'umorismo?

Oppure sono io che non ho messo abbastanza punti e parentesi come li chiama Raffaello?

Addirittura offeso? Io volevo offenderti? A che pro? Offenderti? Ma dai...Potrei magari ferirti,e se volessi potrei essere pesantemente cattivo.

Ma la motivazione? Bah !

Ho comunque analizzato cosa ti può aver dato fastidio

Escluderei la masturbazione, in quanto non è vero che porta a cecità . Questo ormai è acclarato !

Escluderei anche alcaloidi da tiroide e relativo trapianto in quanto non realistico

Escluderei farti vedere da qualcuno bravo perchè qui mi son ricordato le faccette.

OK resta solo ...

Il tuo batti e ribatti ,anche se lo negherai fino alla morte, ha per te un'unica finalità .
Dimostrare che il tuo è il ragionamento vincente e quindi che hai ragione tu.
Punto
e diciamo che più di un quinto sul totale di tuoi commenti avvalorerebbero tale tesi

Se questo ti offende ...Houston hai un problema. !

Spiacente non ti posso aiutare .

Sei di nuovo scivolato nell'aggressività del "Borghese piccolo piccolo" tu sai a cosa mi riferisco azz...passo falso.

Ancora !

Comunque, così per curiosità, mi sono andato ad analizzare questi nostri 400 e rotti interventi

Ne è venuta fuori una cosa interessante

DIO NEW AGE
26 Mario
13 Indo
6 Franco
4 Sara Tot 49 interventi a favore

Quindi più del 10 % degli interventi sono di questo tenore praticamente ad opera i 4 utenti

8 Yuma 7 Zita 6 Guru 5 Luigi 3 Agc tot 29 posizioni diverse con richieste di morigerazione.
Già questi dati credo dimostrino in modo evidente come sia abbastanza diffiicile saltare perchè in ogni momento ci si trova a dover eventualmente saltare ,

Tenere presente che molti commenti occupano più argomenti.
4 Anonimo 3 Ms 3 Raffaello (non ricordo posizione)

UCCELLI
2 indo 2 Sara 1Yuma 1Akkad 1Gaetano 1 Vigna 1 Supermarioprof 1bag 1Gibi 1Acg 1folletto 1 Mario 1Max 1 Anonimo

ECONOMIA /POLITICA
17 Mario 6 Indo 6 Yuma 5 luigiza 4 Anonimo 2 Guru 2 Fra 1 Guido1 Cele 1 folletto

GOLFO
7 Anonimo 5 Yuma 4 Agca 3 Indo 3 Mario 3 Guru 3 Lui 3 bagatto2 Fra 1 Supermario 1 Akkad 1 Hiei

FIAT 5Guru 3gaetano 2Indo 2Y 3 Mario 1 Ted

Evitato il conteggio di Varie. su Corvo e citazioni, mentre considerati validi quelli di Agca solo per interventi "potabili".

Comunque ho contato 88 Mario 31 Indopama 5 Franco + 20 citazioni che salto volentieri in quanto, pur autorevoli ,ritengo sempre stucchevoli

Possibili eventuali errori, ma il senso non dovrebbe cambiare

Io Amo le statistiche . Si possono capire un sacco di cose. Ognuno tragga le sue conclusioni

Le mie che sono 144 commenti fanno più di 1/4 che dovrei, a detta di Franco e Mario, saltare in quanto di provenienza non gradita.

Peccato che invece alcuni i interventi di Indo e Mario sarebbero interessanti

Quindì è un dilemma

Nel dubbio, visto che oltretutto probabilmente a causa di queste situazioni sono spariti anche altri che leggevo volentieri, come Arsan e Amensa ad esempio, fino a quando non vedrò di nuovo aria nuova salterò il Blog nel suo insieme.

Saluti a tutti
PS
A quanto pare vi siete di nuovo fulminati Zita . Bene, è solo una conferma .!

PS PS ieri, oltre a quanto rimarcato dal Folletto sarebbe successa anche un'altra cosa interessante per il nostro futuro...ma va bene così. Ciao Ciao
oh oh parola di verifica
MANIQUO

Mario Barbiero ha detto...

@yuma
tu sei libero di pensare quindi di crare la tua realtà come meglio credi; sei tu quello che è entrato a gamba tesa in quello che io e indo e franco diciamo.
Zita nel mio caso ha addirittura parlato di "abisso" nel quale sarei finito ( giocoforza indo e franco in quell'abisso ci sarebbero già da tempo).
Contestate entrambi la nostra affermazione chiave: esiste solo la soggettività con tutto quello che secondo noi ne consegue.
Noi sentiamo che è così.
Noi stiamo sperimentando questa cosa, voi l'avete scartata a priori, perchè ci dite che il nostro modo di vedere è sbagliato.
Se non lo avete provato allora le vostre affermazioni possono solo basarsi su di un costrutto logico (sto cercando di rimanere sul vostro terreno, quello della logica e della razionalità).
Alla domanda perchè Zita risponde:
""alcune cose per me sono oggettive, ma NON perché le ho lette nei libri" "

PER ME?????
fuori uno dato che se è "per te "allora quella cosa è soggettiva.
L'oggettività prescinde dall'osservatore.
Non le hai lette, ma non mi dici come ci sei arrivata, forse perchè senti che è così?
Logica che fa parte dell'insieme di valutazioni che tu e lei prendete come riferimento della vostra vita.

E tu che dici sull'oggettività?
Niente, porti l'attenzione su altro.
Toh chi mi ricordi ... ah sì i disinformatori.

Allora chi è che ha un problema?
Tu che segnali le distorsioni di un sistema che funziona sulla base di idee e pensieri uguali ai tuoi?
O io che analogamente a te segnalo quelle distorsioni, ma baso la mia vita su idee e pensieri completamente nuovi?

Se vuoi dire che io sbaglio sei libero di farlo, ma allora o ammetti che lo dici perchè così TU SENTI dentro di te ... oppure dimostri che non è così facendo uno sforzo che vada oltre le batture.

Sto ancora aspettando, sei libero di fare quello che vuoi, ma se non dimostri un bel niente smettila di dire che diciamo sciocchezze.
Non sei nella posizione di farlo e non perchè lo dico io, ma perchè lo dici tu.

Anonimo ha detto...

Mi complimento pubblicamente con Yuma: non solo battute, ma come direbbe Dickens "facts, facts, facts" (però non ricordo dove, scusate).

Diciamo che la chiave è tutta qui, copincollo perché è troppo importante:

"8 Yuma 7 Zita 6 Guru 5 Luigi 3 Agc tot 29 posizioni diverse con richieste di morigerazione."

R I C H I E S T E D I M O R I G E R A Z I O N E .

Non accuse, non critiche vuote, qualche battuta sì, qualche scherzo sì, magari qualcuno pesante, per carità, fatevi una risata anche ogni tanto!

In poche parole, andiamoci tutti piano a sostenere a spada tratta qualunque cosa.

Piano piano. Per il resto buona vita a tutti, ma davvero.

E' dura accettare che la virtù e la verità sono nel mezzo ed è finita l'epoca delle bandiere e degli estremismi. In tutti i sensi, in tutti i luoghi, in tutte le credenze e soggettivismi.


Z.

Anonimo ha detto...

aggiungo infine che per trovare il mezzo e restarci e stare sereni è dura, bisogna davvero trovare il proprio cervello e usarlo.

con ciò non voglio dire che voi non siate già sulla strada e io ancora indietro, per carità!

però state solo calmi, la calma è indispensabile per non prendere pali.

Z.

Anonimo ha detto...

@ Mario, Sara e gli altri Dei

Mi son letto l'abstract postato dal link di lucio giuliodori tanto perché con 'sto piagnisteo, m'è venuto lo scrupolo di non avervi ascoltato con sufficiente attenzione.

La litania è proprio quella, tale e quale, l'avete trovata già bell'e pronta sul web, o si tratta di una coincidenza?

Beh, comunque, a conti fatti, se proprio dovessi scegliere tra il culto dell'IO e quello di DIO, opterei per il secondo.

Fantasia per fantasia, preferisco credere che ci sia un signore con la barba bianca che tutto decide, anziché passare il tempo a guardarmi allo specchio per godere della mia immensa bellezza.

Si tratta del NULLA, dell'immenso egoismo dell'uomo che crede di poter svelare il mistero della vita e farsi DIO egli stesso.

L'unico argomento degno di essere preso in considerazione di tutto il piagnisteo è il discorso sull'OGGETTIVITÀ.

Inutile dirvi che siete fuori strada e non perché lo pensi io, ma per una questione... oggettiva.

Voi scambiate la percezione della realtà, con la realtà stessa.

Quando piove ci si bagna, se non si apre un ombrello: quella è la realtà.

Poi, si può discutere sugli effetti che la pioggia può avere su di noi, sul come il nostro livello di percezione possa modificarli.

Ma, scusatemi la banalità, la pioggia è pioggia, punto.

Chi ne ha paura potrà prendersi un raffreddore, chi non ne ha potrà godere del suo effetto rigeneratore, o se volete purificatore.

Aaaa Marioooo, altro che DIO, sei solo una goccia nel mare.

Come me.

guru

Anonimo ha detto...

Passando alle cose terrene, mi son letto l'ultimo post di Wolf su Marchionne e il sindacato.

Come al solito mi ha fatto riflettere, non tutto il male vien per nuocere :D.

In effetti è vero, il SINDACATO è rimasto immobile per 40 anni.
Non credo come ho letto nelle righe del post che questo sia accaduto per un freddo calcolo di convenienza.
Magari sono un ingenuo.

Non conosco abbastanza approfonditamente il contenuto del dictat dell'uomo in ammollo per poterne contestare i contenuti: mi bastano le modalità con cui è stato promulgato.

Con la voce del padrone.

Senza rispetto.

O così, o pomì.

Con il solo intento di far rispuntare sui muri delle nostre città il lugubre marchio della stella a cinque punte.

Come se un disoccupato qualsiasi andasse con una pistola in mano a chiedere un lavoro che gli spetta di DIRITTO.

Vergogna.

Che se la porti in Canadà la sua FIAT, magari il Corvo si trova un altro lavoro.

guru

Goodlights ha detto...

@guru
..."anziché passare il tempo a guardarmi allo specchio per godere della mia immensa bellezza".

hai interpretato le mie parole a modo tuo.
pazienza!

ciao!
sara

Anonimo ha detto...

a proposito di cose terrene e quindi di poco conto: ma la lista falciani, di cui poco( o addirittura per niente) si parla in giro non vi interessa proprio? forse su questa un po' di informazionescorretta non sarebbe male...
non vi interessano i diritti che la maggior parte di noi perderà, ma almeno i doveri che tutti dovremmo assolvere, doveri erga omnes come pagare le tasse dovrebbero trovare condivisione, spero.
cosa ne sapete? cosa ne pensate?


anon

P.S.
scusate l'off topic, non so se a dio interessi chi paga le tasse onestamente.

Anonimo ha detto...

@Guru

premetto che non rispondo per scontrarmi con quello che dici ma solo per indicare un punto di vista diverso dal tuo che forse puo' interessare (ma anche no) qualcuno di quelli che legge.

tu dici:

"Voi scambiate la percezione della realtà, con la realtà stessa.

Quando piove ci si bagna, se non si apre un ombrello: quella è la realtà."


quello che io so di certo e' che sono io che in quel momento sto pensando che piove, che sto pensando che mi sto bagnando per cui (sempre io) penso che sia meglio aprire l'ombrello.

la percezione a mio parere non e' un atto oggettivo ma soggettivo poiche' sono io che ogni istante penso di vedere, di toccare, di sentire, ecc, sono io che penso di avere i 5 sensi.
quindi la realta' che dovrebbe essere oggettiva e' invece costruita dalla sequenza delle mia percezioni (?) che sono solo sempre soggettive.

per me stesso (e penso per ognuno di noi) e' impossibile provare che la realta' esista al di fuori di me poiche' dovrei non esistere ed allo stesso tempo pero' percepirla per provare che c'e'.

ma come faccio a non esistere per provare a me stesso che la realta' c'e' senza di me?

non si puo' fare, non si puo' provare l'oggettivita' della realta', l'unica cosa di cui sono sicuro al 100% e' che ogni volta che percepisco la realta' ci sono sempre (anche) io.

quindi diventa spontaneo, se ovviamente uno ne ha voglia, incuriosirsi e pensare che:
1- la realta' sia formata solo dai miei pensieri, quindi tutto puro pensiero, fino a prova contraria io non sono ancora riuscito a dimostrare a me stesso che non sia cosi'.
2- io possa essere il creatore (per quanto appena consapevole e qui si apre un'altro discorso su cosa sia la consapevolezza, la coscienza) di questi pensieri, quindi della realta'.

guarda, se sei curioso, puoi provare a dimostrare a te stesso che quanto ho scritto non sia il vero, a me farebbe piacere conoscere del nuovo, qualcosa a cui io non sono ancora arrivato a pensare e capire perche', lo sai, io amo la conoscenza della vita e una tua risposta credo andrebbe in questa direzione.

niente scontro guru, mi piace come scrivi, continua a scrivere quello che senti che a me va benissimo cosi', io non sono qui per giudicare perche' il giudizio non mi porta da nessuna parte, la conoscenza invece si.


indopama

Anonimo ha detto...

@anon

prima di sperimentare certe cose mi preoccupavo dei diritti e dei doveri, ora non piu', non sono per niente interessanti, sono uno dei tanti dettagli della creazione della vita.

ora mi interessa sapere di piu' su come funziona la creazione della vita.

per questo solo apparentemente i discorsi spirituali non centrano con l'economia, dipende da quanto profonda e' la conoscenza della creazione della vita, piu' e' grande questa conoscenza e maggiore e' la consapevolezza che tutto e' uno per cui si bada di piu' al disegno principale che ai dettagli.
l'importanza dei dettagli, per me, diminuisce con l'aumentare della conoscenza, il progetto nel suo insieme diventa piu' interessante dei dettagli.


indopama

vigna ha detto...

MOODY'S CONFERMA "TRIPLA A" PER USA, FRANCIA, GERMANIA E GRAN BRETAGNA.

Strano ma vero, eh? Qualcuno ha ancor dubbi su chi comanda il mondo? o, meglio, chi conta e non conta un ....o!

Certo Yuma, non scherzi mica, eh? Complimenti per la statistica, sei meglio di quelli dell'ISTAT e tutto questo gratis, bravo!
Mario, guarda che si capiva che Yuma scherzava e, uno come Te, avrebbe dovuto capirlo subito. Non vogliamo mica rompere la bella compagnia per queste cose? Facciamoci una risata e tutto finisce con un buon bicchiere di vino e tarallucci.

Sara

Bentornata e grazie dei Links, interessante (almeno per me).

Capretta, che fine hai fatto????

Buon proseguimento a tutti gli amici di IS

vigna

Anonimo ha detto...

al forno.

:-D

Mario Barbiero ha detto...

@vigna
Se uno canzona o mette in discussione il mio modo di pensare poco importanta se non mi dà del deficiente apertamente.
Io sono ciò che penso.
Il punto è un altro.
faccio un esempio.
Indo e Franco sono molto più avanti, a loro i tentativi di impallinatura non preoccupano minimamente.
Sono aquile che volano alto nel cielo, i pallini non li sentono arrivare.
Io invece sono un pollo che ha appena capito di non esserlo e sta provando a diventare quello che è realmente: un'aquila.
Ma nella mia attuale condizione sento i pallini arrivare.
Sai dove sta vigna il nocciolo del discorso?
Che yuma o zita allora dovrebbero smettere di parlare solo perchè io non sono in grado di evitare i loro pallini?
Allora il problema è solo mio.
Indo quando interviene non lo fa in replica ad una provocazione.
Sta solo cercando di far scoccare in ciascuno la scintilla della curiosità.
Franco la stessa cosa.
Io no, rispondo al fuoco.
Che ieri fossi mosso dalla famosa fiamma del'incazzatura e oggi invece dal dispiacere che provo a vedermi impallinare poco importa.
Sempre il fucile in braccio ho per rispondere.
Vuol dire che la ricerca dell'equilibrio continua, equilibrio che io ho visto in franco quando l'ho incontrato e nelle foto di indopama che ho visto oggi (Bali è lontana e io non ho mai preso l'aereo in vita - questa - mia).
E che ho anche potuto toccare con mano anche se a sprazzi negli ultimi tempi.
Ma in misura sufficiente da farmi capire che l'equilibrio esiste.
segue

Mario Barbiero ha detto...

anzi no, basta ...

Anonimo ha detto...

OT sul cibo cotto/crudo.

http://www.stampalibera.com/?p=20766#more-20766

vigna ha detto...

Mario,

- "anzi no, basta ..."

Va bene così Mario, quello che fai è giusto e onesto, non devi rimproverarti niente.
Anche io mi incazzo abbastanza regolarmente e dopo, magari, mi pento. Ma va bene così, anzi, tutto va bene, intanto è tutto e solo pensiero.

Saluti cari
vigna

«Meno recenti ‹Vecchi   401 – 439 di 439   Nuovi› Più recenti»