venerdì 31 dicembre 2010

Felice anno nuovo! Arrivederci all'11 gennaio

Grazie a tutti gli affezionatissimi per gli auguri.
Con piacere ricambio, uno ad uno, ed auguro ad ognuno solo il meglio per il 2011 che ci aspetta.

Potete controllare in diretta la situazione della capretta di Yule qui di seguito

(Aggiornamento 5/1/2011: la capretta quest'anno è sopravvissuta ed è stato avviato lo smantellamento)


Rinnoviamo l'appuntamento all'11 gennaio, con novità interessanti sulla questione corrente del golfo, loop current e disastro BP.

Saluti felici

Felice Capretta

giovedì 23 dicembre 2010

Buone feste, arrivederci all'11 gennaio


Affezionatissimi, per le feste mandiamo in vacanza il blog e ci aggiorniamo a martedì 11 gennaio, salvo i soliti eventi clamorosi e degni di nota, come gli onnipresenti ghiaccio e neve sulla A1, paris hilton nella vasca da bagno, ma anche "tutti gli eventi del 2010" , ripresa economica e "come sarà l'anno prossimo segno per segno, ve lo dice paolo fox".

E anche: "avro' spento la lavatrice prima di uscire?" e "speriamo che non mi facciano la multa".

Guerre, inondazioni, influenze alfabetizzate e cose caprine a parte, vi salutiamo con i nostri migliori auguri di buone feste, ed un invito a riflettere, in questi (pochi) giorni di feste, su:

  • quali sono le cose che realmente contano nella tua vita
  • se la vita che stai vivendo è veramente la vita che vorresti vivere
  • se quello che ti è successo fino a ieri davvero puo' influenzare le tue scelte di domani

E questo era il nostro regalo di Natale per gli affezionatissimi.

Sempre in tema caprinatalizio, vi ricordo anche quest'anno il Gävlebocken, ovvero la Capra di Gavle, in Svezia, dove ogni anno dal 1966 si costruisce una enorme capra di paglia nella piazza del paese. Se ne costruiscono due, in realtà, ma quella della piazza principale è la piu' famosa.

Lo sport locale delle vacanze di Natale è attentare all'integrità dell'enorme ovino con atti vandalici di ogni genere. Il fuoco è lo strumento più usato, visto anche il materiale di cui è costruita.

Nel 2009 le webcam di sorveglianza sono state colpite da un attacco denial of service appena prima dell'avvio dell'incendio che ha distrutto la capra. La seconda capra è stata invece rubata il 14 dicembre con un camion.

Quest'anno c'e' stato un tentativo di incendio il 2 dicembre alla seconda capra, mentre una guardia ha dichiarato di avere ricevuto un'offerta per lasciare che un elicottero rubasse la capra per portarla a Stoccolma (!).

Dalla prima capra, nel 1966, ne sono state costruite 34. Di queste, 21 sono state bruciate mentre le rimanenti sono sopravvissute, con un tasso di sopravvivenza del 38%.

Ce la farà la capretta di paglia quest'anno? La vedete nella foto.

E con questo interrogativo di particolare rilievo informativo salutiamo tutti gli affezionatissimi e ci rileggiamo nel 2011*

saluti felici

Felice Capretta


*ehi, manca solo un anno e qualcosa alla fine del mondo, bisogna iniziare a pensare a cosa mettersi...!

martedì 21 dicembre 2010

La quantità e la qualità, ovvero: viviamo davvero in un mondo migliore?


Il post di ieri sul coefficiente di eterogeneità del Gini ha suscitato alcuni commenti non favorevoli. Questo non capita praticamente mai, e ne approfittiamo per individuare le opportunità di miglioramento. Quindi grazie alle critiche.

Stavo rispondendo tra i commenti, ma vista la lunghezza del commento ho preferito affidare il tutto ad un post. Nel complesso, il post precedente non è stato dei più felici. Segnalo questo link come approfondimento (grazie al primo anonimo per la segnalazione).

Volevo già prendermi qualche giorno di vacanza dal blog per Natale e credo che lo faro' quanto prima.

Un altro commento a seguire, che mi consigliava di prendere la pala e andare a zappare la terra visto che è così bello, ha aperto un riflessione più ampia della semplice distribuzione della ricchezza, e vado subito al dunque.

La riflessione è: viviamo oggi in un mondo migliore rispetto al passato?

Il Pensiero Unificato vuole che oggi viviamo in un mondo migliore.

E' facile rispondere secondo la modalità tutto/niente: SI oppure NO, etc etc. Ma come sanno gli affezionati lettori, il periodo del bianco e del nero sta tramontando (per noi è finito da un pezzo, ma questa è un'altra storia) ed è tempo di analisi più articolate.

In prima battuta, si puo' dire che alcune cose sono migliorate, altre sono peggiorate.

La quantità della vita
(espressa in anni) è aumentata, la ricchezza complessiva è aumentata, la velocità è aumentata. L'acqua corrente e la luce elettrica non sono cose banali e danno indiscutibilmente comodità estreme.

Basta uscire dall'occidente per capire.

I lavori pesanti sono stati trasferiti in larga parte fuori dall'occidente e la maggior parte degli affezionatissimi hanno mani morbide come una dama di corte. Al ginocchio della lavandaia si è sostituita la sindrome del tunnel carpale da eccesso di mouse, che - se mi permettete - è uno scambio più che accettabile.


La qualità della vita (espressa in serenità e salute) a mio avviso è peggiorata. Corriamo come criceti nella ruota per comprarci cose che sostituiscano quelle che si sono rotte per "obsolescenza programmata" o per comprarci cose più grandi che comunque non soddisfano tutti i nostri vuoti profondi.

Non ci salutiamo più e non ci conosciamo neanche di vista.

Guarda i bambini giocare: muovono solo i pollici e hanno lo sguardo fisso davanti allo schermo. E se sei mai salito su un albero a mangiare le ciliege sai che differenza passa tra le ciliege dell'albero e quelle del supermercato.

Ora sostituisci alla parola ciliege la parola cibo, e fai due conti.

Pensa al cibo avvelenato, e fai due conti.

E' dura fare un'analisi dettagliata in poche righe, ma se vogliamo condensare tutto in una frase, la conclusione è che nel complesso la quantità è aumentata, ma la qualità è diminuita.
Ora io personalmente non credo che la scelta sia tra quantità O qualità.

Credo che una società che si vanta di essere migliore delle società precedenti dovrebbe essere in grado di offrire maggiore quantità e maggiore qualità insieme, tutto il resto mi pare una gran fregatura.

E se almeno fosse detta in chiaro, amen, si cerca di migliorare. Invece viviamo nell'era del Falso eretto a sistema e ci viene raccontato che la società moderna è migliore di tutte le altre società precedenti, come un grande organismo che passa dalla sciocca fanciullezza alla progressiva maturità e saggezza adulta.

Personalmente non credo che sia così e credo che i bambini abbiano molto da insegnare agli adulti.

Ma rispetto chi crede che la società umana cresca e si sviluppi come la vita.
Solo che prima o poi si invecchia.

E se come umanità avessimo raggiunto lo stadio della demenza senile?

saluti felici

Felice Capretta

ps: le grecia brucia ancora, con lo sciopero dei trasporti alla terza settimana consecutiva e la borsa che ieri ha perso oltre il 3% sulle voci di un downgrade del rating del debito. I bancari greci hanno perso il 5%. E Moody's oggi sta studiando il taglio del rating del portogallo. Niente di nuovo.

lunedì 20 dicembre 2010

Il coefficiente di eterogeneità del Gini, o della distribuzione della ricchezza e della sua equità

Il titolo è uno di quelli minacciosi: il coefficiente di eterogeneità del Gini è un numero compreso tra zero e uno che misura il grado di equità nella distribuzione di una variabile statistica.

Embè.

Si, in effetti.

Riproviamo.


Capretta, distribuzione disequità (seconda)

Durante gli studi di giurisprudenza seguiva anche lezioni di matematica. Diventò successivamente professore di biometria, demografia, diritto costituzionale, economia politica, sociologia e statistica, discipline che insegnò presso le Università di Cagliari, Padova e Roma.

Era Corrado Gini, insigne matematico e statistico italiano.

Dal 1941 al 1945 e dal 1949 al 1965 fu presidente della Società Italiana di Statistica. Fu opera di Corrado Gini la creazione nel 1927 dell'Istituto Centrale di Statistica, di cui fu il primo presidente. Fu pure Direttore dell'ISTAT, emanazione governativa precedente del 1926.

Fu lui a sviluppare l'indice statistico che porta il suo nome.

Doppio embè.

Riproviamo.


Capretta, distribuzione disequità (terza)

  • Immaginate un mondo fatto da un miliardo di persone, con il PIL mondiale pari a un miliardo di euro. Un mondo in cui la ricchezza è distribuita in modo uguale per tutti, ogni persona ha un euro in tutto di ricchezza.
In un mondo così, il coefficiente di eterogeneità del Gini è pari a zero.

  • Immaginate poi un altro mondo identico, fatto sempre da un miliardo di persone, sempre con il PIL mondiale pari a un miliardo di euro. La ricchezza in questo mondo è distribuita in modo totalmente disuguale: una persona ha un miliardo di euro e tutti gli altri hanno zero.

In un mondo così, il coefficiente di eterogeneità del Gini è pari a uno, o per semplicità di lettura, si esprime in percentuale ed è pari a 100.

Tutte le alternative possibili tra 0 e 100 (o uno, se misurate l'indice "puro") si possono misurare e si possono esprimere in un numero, il coefficiente del Gini, come percentuale. Più il numero è vicino a zero, più c'e' equità. Più il numero è vicino a 100 (o uno) , più c'e' disequità.


Buona la terza, introduzione fatta.


Rapporto Bankitalia sulla distribuzione della ricchezza

Notizia di oggi tendenzialmente dimenticata dai media: il rapporto Bankitalia e la distribuzione della ricchezza in Italia. Il 45% della ricchezza complessiva delle famiglie italiane alla fine del 2008 e' in mano al 10% delle famiglie.

Ci sarebbe dell'altro ma per ora basta così. Tanto più che il dato è fermo al 2008, prima di due anni di depressione (e usiamola, questa parola).

Per inciso, il coefficiente del Gini per l'Italia è stimato oggi intorno allo 0.36, in crescita rispetto al dato dell'ultimo CIA Factbook di 0.33 e allo 0.29 dei primi decenni del 900.

Sempre secondo il Factbook (non aggiornato dai due ultimi anni di impatto della crisi), l'Italia si collocherebbe al 37esimo posto nel mondo, dopo la Grecia ma prima della Moldavia.

E' lontana la Svezia, paese normale al primo posto per equità con 0.23 circa su tutti i cittadini (meno un kamikaze), ma è anche lontana la Namibia, all'ultimo posto con lo 0.71.


20 Statistiche sulla distribuzione della ricchezza

Per completare il quadretto vi segnalo un ottimo articolo apparso su Il Portico Dipinto, dove presto o tardi migreremo : ) , in particolare sul Blog di Dusty. Traduzione a cura di Eileen Morgan da The Economic Collapse Blog: 20 statistiche sulla distribuzione della ricchezza .

Eccone alcuni stralci.

Al giorno d’oggi la ricchezza mondiale è più concentrata nelle mani di una élite di quanto lo sia mai stata nella storia moderna.

Un tempo la maggior parte della popolazione sul pianeta sapeva come coltivare i propri alimenti, allevare i propri animali e prendersi cura di sè. Non c’erano molte persone favolosamente ricche, ma c’era una certa dignità nell’avere un pezzo di terra che potevi chiamare tuo, o nell’avere un’abilità che potevi far fruttare.

Tristemente, nelle ultime decine di anni, una percentuale sempre maggiore di terre coltivabili è stata inghiottita da grosse corporation e da governi corrotti. Centinaia di milioni di persone sono state cacciate dalle proprie terre verso aree urbane sempre più dense.

Nel frattempo, è diventato sempre più difficile avviare un’attività propria, dal momento che poche monolitiche corporation globali hanno iniziato a dominare quasi ogni settore dell’economia mondiale.

Così, un numero sempre maggiore di persone nel mondo è stata obbligata a lavorare per “il sistema” per riuscire appena a sopravvivere.

Allo stesso tempo, coloro che sono al vertice della catena alimentare (l’élite) hanno impiegato decenni per implementare il sistema in modo da assicurarsi nelle proprie tasche porzioni sempre più vaste di ricchezza.

E così oggi, nel 2010, abbiamo un sistema globale in cui pochissime persone al vertice sono assurdamente ricche, mentre circa metà della popolazione di questo pianeta è irrimediabilmente povera.

Ci sono davvero poche nazioni nel mondo che.... (segue)




Conclusioni

In media, in tutto il mondo, con il passare degli anni il coefficiente del Gini cresce.

Ma non doveva essere il contrario?

Saluti felici

Felice Capretta

giovedì 16 dicembre 2010

tutto bene, scontri a parte

Dopo la felice avventura del sempiterno cavaliere che sappiamo come andrà a finire, i media continuano a menarla alquanto con la nascita del terzo polo. Continua la lunga marcia per la restaurazione del partito dello scudocrociato, iniziata all'indomani della disgregazione della democrazia cristiana quasi 15 anni orsono. Vedremo come procederà.

In tutto questo crearsi e disfarsi di pol(l)i (sarà che c'e' tanto becchime in circolazione), si rischia di perdersi certe notizie che fanno riflettere.


Scontri e scioperi in Grecia

Ieri ad Atene un ex ministro greco è stato inseguito e picchiato da dimostranti fuori dal parlamento nel corso di scontri con la polizia durante una manifestazione contro le misure d'austerità anticrisi del governo greco.

Kostis Hatzidakis, ministro dei trasporti nel precedente governo conservatore, è stato inseguito da circa 200 manifestanti all'uscita dal parlamento, che hanno gridato "Ladri! Vergogna!", gli hanno tirato dei sassi e l'hanno colpito con dei bastoni. Il politico è riuscito poi a rifugiarsi in un edificio vicino. Testimoni dicono di aver visto il volto di Hatzidakis coperto di sangue.


Magari c'e' qualcuno che si stupisce. Va da sè che prendere un disgraziato a calci nel didietro non è la soluzione ai mali della Grecia, e se qualcuno deve schiaffeggiare, schiaffeggi prima sè stesso, ma vista l'intera situazione nel complesso c'e' da stupirsi piuttosto che non sia successo prima e all'intera classe dirigente.


Oggi è in corso uno sciopero dei trasporti che sta paralizzando Atene con blocco del traffico sulle principali arterie di collegamento. Bloccati anche i collegamenti per via aerea per lo sciopero dei controllori di volo e navi nei porti


Parigi, scioperi e manifestazioni

Ieri Christian Dreyer, segretario nazionale della sezione ferrovieri della Cfdt (confederazione del lavoro francese democratica) parlando alla stampa ha denunciato le scelte del governo: "l'austerità è già nelle cose; operai e lavoratori fanno fatica ad arrivare alla fine del mese e a pagare l'affitto. Il salario minimo è fisso a 1020 euro ma per trovare casa a Parigi non si pagano meno di 500 euro al mese... Le richieste dell'Europa di ulteriori tagli e altre misure di austerity renderanno soltanto più pesante questa situazione".


Bruxelles, manifestazione davanti alla Commissione Europea

“Basta con l’austerità, si stimoli la crescita”. Con questo slogan anche a Bruxelles si è svolta ieri la giornata di azione dei sindacati. La confederazione europea ha organizzato una manifestazione davanti alla sede della Commissione. I sindacati chiedono di non smantellare l’Europa sociale.

“Il debito può essere ripianato più facilmente quando l’economia cresce”, afferma John Monks della confederazione europea dei sindacati, “e in questo momento invece si uccide la crescita, in Irlanda, in Grecia e presto in altri Paesi quando l’austerity avrà effetto, in particolare l’anno prossimo”.

Ieri scoperi e manifestazioni anche in Spagna, Belgio, Lussemburgo, Danimarca e Repubblica Ceca.


La Merkel ieri ha dichiarato che nessuno stato europeo sarà lasciato indietro.

Risultato: nell'asta di oggi, la Spagna ha collocato titoli di stato per 2.4 milioni di euro al tasso in netto rialzo del 5,4%.

Saluti felici

Felice Capretta

martedì 14 dicembre 2010

I tre voti dell'asilo e la scure sul rating

Mentre scriviamo, i media allineati passano il tempo discutendo dei tre voti che alla camera dei deputati hanno salvato il premier e l'attuale governo.

Non amiamo discutere di politica, dal momento che a nostro avviso in parlamento siedono quasi esclusivamente bambini dell'asilo che si giurano l'un l'altro eterna fedeltà (come se fosse la Famiglia) e poi si accapigliano per il furto dei giocattoli. Grossi e costosi giocattoli.

L'occasione è tuttavia ghiotta e l'avvenimento è stato da noi recepito con un sussulto di piacere caprino.

Non tanto per la salvezza dell'attuale governo - una parte o l'altra, poco cambia, e con uno scenario come quello attuale non andrà lontano - ma per il piacere di vedere ancora una volta sconfitto uno dei più spregevoli capibastone dell'asilo-parlamento italiano, uno di quelli che avresti paura ad affidargli il tuo criceto per il weekend.

Al di là di questo, la nota interessante di oggi ce la fornisce berlusconi stesso. Forse la pressione (psicologica, non arteriosa), forse l'euforia di vantare ben tre voti di maggioranza (di cui uno su una sedia a rotelle), forse la tredicesima pillola blu, fatto sta che si è lasciato sfuggire la frase seguente:

"io sono un ostacolo alla carriera di fini"

e questa, per una volta, sembra proprio la cosa vera più recente che è uscita dalla bocca del coso del consiglio.


Nel frattempo, continua l'accanimento delle agenzie di rating sull'Unione Europea

  • quattro giorni fa, Fitch ha tagliato il rating sovrano irlandese di lungo termine a BBB+, a pochi passi dal "Junk"

  • S&P ha dato outlook negativo al debito sovrano belga, anticipando che potrebbe tagliare il rating a breve

  • Moody's mantiene negativo l'outlook sulle banche spagnole

e a questo punto non stupisce che si sia verificato oggi un brusco aumento dei rendimenti sui titoli di Stato spagnoli. All'asta sono stati collocati 2,5 miliardi di euro di titoli a 12 e 18 mesi rispetto al massimo di 3 miliardi. Per i titoli a 12 mesi il rendimento e' balzato al 3,449% rispetto al 2,363% dell'asta precedente mentre per i titoli a 18 mesi il rendimento e' salito al 3,721% dal 2,664%.

Forse un primo assaggio.

Per concludere l'allegra favola della rana e dello scorpione che volevano attraversare il fiume,

  • Moody's potrebbe cambiare l'outlook del debito sovrano degli Stati Uniti (!)

Per la cronaca, rana e scorpione affogarono entrambi, ma tutti gli altri vissero felici e contenti.

Saluti felici

Felice Capretta

lunedì 13 dicembre 2010

Attacco al debito italiano, Berlusconi

Dichiarazione di oggi del premier




Ci ricorda sinistramente ....qualcosa.....

E sempre a proposito di Spagna e di nessun bisogno di aiuto, Moody's giudica ora negativo l'outlook del rating delle banche spagnole.

Saluti felici

Felice Capretta

mercoledì 8 dicembre 2010

Strauss-Kahn, l'evergreen della comicità

Dominique Strauss-Kahn, lo Zar del Fondo Monetario Internazionale, ha appena sgranato un rosario di perle di comicità.

Ve le proponiamo in originale.

  • il g20 si è mosso con decisione per scongiurare una seconda grande depressione (minuto di silenzio, ricordiamo un recente titolo: "G20, accordi senza vincitori")
  • le autorità stanno procedendo lentamente nel regolamentare le istituzioni non bancarie (questa ci vuole un po' a capirla ma poi è veramente comica)
  • la principale causa della crisi globale è stata la carenza di un sistema di regolazione e supervisione finanziaria (già. urge una governance globale non eletta, o meglio, un governo mondiale)
  • Non dobbiamo aspettare - aggiunge Strauss-Kahn - c'e' bisogno di iniziare a ricostruire le strutture di governance. E' tempo di un salto triplo in avanti. (ah, ecco)
  • sul banco degli imputati anche l'idea che i mercati da soli si autoregolamentino (ah, maledizione!)
  • la crisi non è finita (già.)
  • dobbiamo essere preparati quando arriverà una nuova crisi, perchè la domanda non riguarda il se ma il quando (ma se ancora non è finita, come fa ad arrivare una nuova? e soprattutto, se ne è così certo e lo dice pure quando negava l'evidenza come ben sanno gli affezionati lettori, cosa ci dobbiamo aspettare ora?)

Infine

  • sulla Grecia: siamo molto impressionati dai risultati [...] molto è stato fatto, ancora molto resta da fare

Il commento della popolazione greca, molto impressionata

Roma, 8 dic. - (Adnkronos/Dpa) - Traffico in tilt in Grecia per lo sciopero di 24 ore del trasporto pubblico ad Atene e Salonicco. I lavoratori protestano contro i tagli operati nel quadro del piano di austerity varato dal Governo per ottenere gli aiuti per 110 mld di euro da Ue, Bce e Fmi. La mobilitazione di oggi e' solo il primo passo verso lo sciopero nazionale del 15 dicembre. A sostegno dell'agitazione, oggi saranno anche interrotte le transazioni nelle banche per tre ore, a partire da Mezzogiorno.

Intanto, tonnellate di immondizia si stanno accumulando nelle strade della Capitale, dopo diversi giorni di agitazione da parte degli addetti della discarica principale, che chiedono il rinnovo di 100 contratti a termine.


Proprio lui, quello di cui il 18 maggio 2010, come ricorderanno gli affezionatissimi, scrivevamo


______________________


Grecia, crisi non si sta allargando, Strauss-Kahn,

ROMA - La crisi greca non si estenderà ad altri paesi di Eurolandia. Lo ha detto il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale, Dominique Strauss-Kahn.

La crisi attuale è una crisi che riguarda solamente la Grecia

[...]

Mi aspetto che gli europei facciano tesoro di questa crisi perriformare le istituzioni europee

perché

intorno alla moneta unica non è stato creato un ambiente economico che renda l'euro funzionante durante una crisi.
Proprio lui, Strauss-Kahn, che senza fiatare ha reso disponibili 220 miliardi di euro (miliardi!!) e che l'altro giorno dichiarava di

non aver dubbi che il piano porterà la Grecia fuori dai problemi

e anche

Le misure adottate sono pesanti, ha affermato, ma c'è la possibilità che, una volta che il piano sarà attuato, la ripresa potrà essere più forte.

______________________


Già.



Saluti felici

Felice Capretta

PS: segnaliamo il crescente buzz sull'opportunità di emettere eurobond, ovvero titoli di debito dell'Unione Europea. Ci torneremo sopra prossimamente se l'argomento prende piede.

lunedì 6 dicembre 2010

la traccia della crisi a W

Visto sul NYT: andamento della disoccupazione, comparazione mese su mese dall'inizio della crisi, confrontata con gli andamenti di altre crisi precedenti.




C'e' altro da aggiungere?

Saluti felici

Felice Capretta

mercoledì 1 dicembre 2010

Gli inevitabili aiuti alla Spagna

A volte c'e' da chiedersi se non ti prendono in giro deliberatamente, dopo tutto quello che hanno scritto perfino i media mainstream. Non c'e' neanche da pretendere che leggano il nostro articolo precedente, ma almeno che leggano quello che loro stessi hanno scritto.


Partiamo da qualche tempo fa e leggiamo.


9 Febbraio - Almunia, la Grecia non ha bisogno di aiuti

Il 9 Febbraio 2010 ci informava il Times of India (e molti altri) della bella notizia e tutti ci rallegravamo.




5 Marzo - Angela Merkel, la Grecia non ha bisogno di aiuti


Il 5 Marzo 2010 ci informava BBC della bella notizia e tutti ci rallegravamo.




22 Marzo - Papandreu, la Grecia non ha bisogno di aiuto


Il 22 Marzo 2010 ci informava AGI della bella notizia e tutti ci rallegravamo.






2 Maggio 2010, senza parole







Poi....


30 Settembre - Juncker, l'Irlanda non ha bisogno di aiuto


Il 30 settembre 2010 ci informava ASCA della bella notizia e tutti ci rallegravamo.




16 Novembre - Bruederle, l'Irlanda non ha bisogno di aiuto


Il 30 settembre 2010 ci informava Milano Finanza della bella notizia e tutti ci rallegravamo.




28 Novembre 2010, senza parole





e infine....

27 Novembre - Barroso, Teixera dos Santos, Zapatero, Spagna e Portogallo non hanno bisogno di aiuti

Il 27 Novembre 2010, ci informava Il Sole 24 Ore della bella notizia e tutti ce ne rallegravamo.



La notizia di oggi....

2 Dicembre - Zapatero, la Spagna non dovrà ricorrere ad aiuti

Oggi, 2 dicembre 2010, ci informa Reuters della bella notizia e tutti ce ne rallegriamo.



MADRID (Reuters) - La Spagna non dovrà ricorrere ai fondi di sostegno dell'Unione europea. A dirlo è il primo ministro Jose Luis Rodriguez Zapatero, a quanto emerge dal testo di un'intervista televisiva con l'emittente Cnbc che verrà trasmessa oggi.

Zapatero ribadisce inoltre la necessità di "una politica fiscale molto più integrata" per la zona euro.

Il processo di risanamento del settore bancario spagnolo non ha subito rallentamenti, ha spiegato il premier, aggiungendo che la Spagna ha dovuto immettere nel proprio sistema bancario meno capitali di ogni altro paese della zona euro.

"Si è trattato a malapena dell'1% del pil, 11 miliardi di euro per raggiungere i livelli richiesti di capitalizzazione, meno di Francia, Germania e naturalmente della Gran Bretagna" ha detto Zapatero.




Chissà come va a finire.


Saluti felici

Felice Capretta

lunedì 29 novembre 2010

Prossima tappa: Madrid

Ehi, no, non è la nostra prossima vacanza!

E' invece quello che si legge tra le righe delle news economiche e finanziarie che raccontano la cronaca del disastro economico globale in diretta, spacciandolo per un simpatico e divertente tuttovabene.

Non si sono ancora spenti i riflettori delle news perfino dei media allineati sul caso Irlanda che già iniziano i campanelli d'allarme sulla tenuta dei conti pubblici della Spagna e sulla necessità del salvataggio.

Se in materia di scacchiere geopolitico mediorientale si dice che "solo gli uomini veri vanno a Teheran", in materia geopolitica economica europea si puo' dire che "solo gli uomini veri vanno a Madrid", enfatizzando non poco la nuance di follia delirante che entrambi i concetti in sè si portano dietro.

Leggiamo swissinfo oggi:

Crisi: vola a record rischio debito Spagna e Portogallo

MADRID - Vola a nuovi record il rischio debito di Spagna e Portogallo. Il piano di salvataggio per l'Irlanda non rassicura il mercato dal rischio di un contagio e se in apertura di giornata si era allentata la tensione sulle sorti dei Paesi "periferici" di Eurolandia, ora Madrid e Lisbona sono nuovamente nel mirino.

I credit default swaps (cds) sul debito del Portogallo sono schizzati di 40 punti base al picco di 542 punti - in base ai dati Cma riportati da Bloomberg - e quelli sulla Spagna hanno segnato un rialzo di 22,25 punti al nuovo massimo di 336 punti. In aumento anche i cds sull'Italia con un incremento di 14 punti base a 230, il livello più alto da almeno sei mesi.


per chi non ricorda cosa sono i credit default swap, c'e' questo nostro vecchio post che puo' rinfrescare la memoria.


Segnali evidenti

Tutto inizio' alcuni mesi fa, con il conio dell'acronimo PIIGS, che ha avuto più fortuna del precedente "Club Med". Portogallo Irlanda, Italia, Grecia, Spagna sono le nazioni europee che non hanno i conti in ordine e che sono le gambe zoppe del tavolo dell'Unione Europea.

Come se Francia e Germania avessero i conti in ordine.

Già.

Comunque, nell'esatto momento in cui il termine PIIGS è stato coniato, in quel momento veniva tracciata la linea di fuoco dei tentativi di far esplodere l'Unione Monetaria Europea. Ed infatti la prima a cadere ed essere prontamente consegnata al Debito Eterno è stata la Grecia, ora l'Irlanda, ed ora il mirino si sta spostando verso Portogallo e Spagna.


Unendo i puntini


Si, si, tutto vero, i PIIGS, quello che volete. Sembra proprio che il destino sia tracciato. Gli uomini veri vanno a Madrid, che per essere salvata richiederà uno sforzo più grande di quelli che servono per salvare Irlanda, Grecia e Portogallo insieme.

O forse, gli uomini veri vanno a Roma.

Forse.

O forse le cose sono un tantino più complesse.

Perchè vedete, due anni fa sono state le banche a rischiare.

Poi ci sono stati i grandi salvataggi a colpi di debito, che hanno moltiplicato per mille volte l'insolvenza e l'hanno passata alle banche centrali. Che, a loro volta, hanno moltiplicato per mille volte l'insolvenza e l'hanno trasferita agli stati.

Così gli stati più deboli hanno iniziato a scricchiolare.

Ora stiamo assistendo ai grandi salvataggi degli stati a colpi di debito, che stanno moltiplicando per mille volte l'insolvenza e la stanno trasferendo alle istituzioni sovranazionali.

Ci si potrebbe chiedere come andrà a finire, oppure si potrebbe semplicemente unire i puntini e guardare in che direzione vanno gli uomini che marciano.

Una volta, il mio (famoso) professore di politica economica all'università riporto' a lezione una domanda che una studentessa americana gli aveva fatto durante una conferenza: Professore, quando finisce l'Euro?

Forse, gli uomini veri sanno dove vanno.

O forse, non lo sanno proprio e ciecamente marciano portando l'insolvenza così in alto da fare il massimo danno.

Saluti felici

Felice Capretta

ps: avevamo promesso che vi avremmo fatto sapere quale sarebbe stata la destinazione del nostro periodo di vacanza. manteniamo oggi la promessa con alcune foto.






Perchè i veri Capretta vanno.... al Cairo, a Luxor, ad Aqaba, a Petra. Ed al Mar Morto. E osservano da lontano le sponde di Israele e le luci di Eliat, sognando un giorno, da veri felici capretta cuor di leone, di varcare il Giordano ed arrivare a Gerusalemme.

mercoledì 24 novembre 2010

A grande richiesta: i filmati del Blog Economy Day


Ecco il nostro post tanto atteso sul Blog Economy Day. Grazie a Beatotrader de Il Grande Bluff per l'accurato lavoro di taglia&cuci e upload su youtube.

Se per una volta vi va di accendere la televisione, pare che questa sera su La7 alle 21:10 la trasmissione EXIT parlerà del Blog Economy Day e dell'Imprese Che Resistono Day.

L'evento è riuscito molto bene e si replicherà molto presto.

Grazie a chi c'era, grazie a chi è venuto a salutarmi e a ringraziarmi (ciao sara, a.mensa, yuma, acetosella - in ordine di apparizione).

Ecco il filmato del nostro intervento, cose che tutti già ben conoscete.

Prima parte




Seconda parte




Sulla sinistra trovate tutti gli interventi dell'intera giornata.


Saluti felici

Felice Capretta

sabato 20 novembre 2010

Blog Economy Day in diretta streaming

Buongiorno a tutti,
come sapete siamo relatori al Blog Economy Day.

Se siete troppo lontani da Acqui terme o se con tutta questa pioggia non avete voglia di venire in un posto che si chiama Acqui, o se semplicemente preferite starvene stravaccati sul divano....


potete gustarvi la conferenza in diretta streaming gentilmente offerta dallo sponsor.

E' altamente probabile un boom di accessi, quindi collegatevi presto e attendete con pazienza l'inizio della conferenza. Il nostro intervento è tra i primi, probabilmente tra le 10.30 e le 11.

A rileggerci il 25 novembre!

Saluti felici

Felice Capretta

sabato 6 novembre 2010

Arrivederci al 25 novembre

Siamo in vacanza, rientriamo intorno al 25 Novembre. Questa volta siamo davvero in vacanza-vacanza, non una semplice vacanza dal blog, un momento di stacco tra il lavoro vecchio appena lasciato e quello nuovo che deve ancora iniziare.

Vi diro' poi dove sono stato, per ora non si puo' dire : )

Nel frattempo non dimenticate il blog economy day, ci vediamo là!

BlogEconomy Day: l’Evento da non perdere


Il BlogEconomy Day è un evento che si svolgerà il 20 e 21 Novembre ad Acqui Terme, per la precisione nel Grand Hotel Acqui Terme che ospiterà il workshop dei più prestigiosi blogger economici italiani.

Per sapere tutto quello che occorre per prenotarsi e partecipare clicca qui

Saluti felici e arrivederci al 25 novembre!

Felice Capretta

mercoledì 3 novembre 2010

GEAB 47 parte 2

Stimatissimi,
di seguito la seconda parte del GEAB 47 pubblicato a settembre.

Un ringraziamento speciale ai traduttori:
  • Laura
  • Vittorio
  • Martina

La prima parte qui.


2 - Telescopio Cinque aspetti chiave dell'entrata degli USA nella fase di austerità. La sequenza di crisi sociali e politiche degli Stati Uniti per i prossimi dieci anni

Come in precedenza menzionato, l'entrata degli stati Uniti nella fase di austerità è causata da due serie di fattori: alcuni interni, specifici degli Stati Uniti, altri legati alle condizioni internazionali in rapido cambiamento. Per quanto riguarda i fattori interni, è chiaro che l'aumento del deficit diventa uno dei temi centrali del dibattito politico statunitense dopo essere stato diligentemente ignorato per anni. I democratici Keynesiani possono meglio rivelare la manipolazione monetaria Repubblicana ma ciò non cambia il fatto che questo tema stia emergendo come uno dei punti centrali per gli elettori. In economia così come in politica, la psicologia gioca un ruolo fondamentale e la crisi corrente ha cambiato le attitudini di un numero sempre crescente di americani per quanto riguarda il concetto di debito: il loro personale così come quello del loro paese.

Ciò che era considerato come prova di modernità e comportamento «Americano Vero», si sta trasformando nell'opposto: comportamento datato e anti-americano [35]. Il legame tra dibattito pubblico e comportamento individuale nasce sullo sfondo della crisi del credito e dell'impoverimento delle classi medie.

Secondo l'opinione di LEAP/E2020 tale legame informerà il dibattito pubblico statunitense per il prossimo decennio e genererà una serie di shock politici e sociali perché si tratta di una genuina rivoluzione intellettuale se paragonata allo standard degli ultimi cinquant'anni.

Ed si può anche considerare questo come uno dei cambiamenti più profondi poiché segna la fine del mito di un'America dalle ricchezze illimitate[36] e di conseguenza di un futuro radioso[37].

Da novembre 2010, le elezioni daranno il via alle valutazioni sulla grandezza del cambiamento in corso. Per il nostro team esse risulteranno in due eventi direttamente interagenti: la paralisi del potere federale rispetto all'economia ed agli affari sociali ed una crescente fissazione sul dibattito del deficit del paese.

Questo è pericoloso, poiché inasprirà sia la consapevolezza di un enorme problema ignorato per troppo tempo (crescita del debito) precludendo qualsiasi azione significativa per risolverlo (paralisi istituzionale).



Andamento della disoccupazione a lungo termine negli USA (1990-2010) (in blu i valori della disoccupazione totale) - Fonte: BLS, 08/2010.

Solamente a partire dalle elezioni di Novembre 2012 (in realtà dal 2013) sarà possibile per Washington, secondo LEAP/E2020, incominciare a prendere alcune decisioni interne difficili. Del resto questa è l'opzione più ottimista, che assume che il dibattito razionale prevalga, che non mette troppo in dubbio i fondamenti del sistema politico, sociale o economico del paese. Ma per il nostro team allo stadio attuale, non è l'opzione migliore [38].

Inoltre, dietro il problema del debito statunitense, infatti, si cela quello della permanenza o dell'avvicendamento al potere dei gruppi che controllano il sistema politico americano: le famiglie più ricche ed il complesso militare-industriale, combinati con i loro intermediari finanziari, le banche, sono infatti al centro dell'enorme deficit accumulato dagli Stati Uniti.

Il primo gruppo paga a malapena qualche imposta, il secondo si «concede» guerre a volontà ed un esercito sovradimensionato, ed il terzo gestisce il tutto e trae profitto dai deficit, che generano una manna di ogni genere di attività finanziarie.

E' la natura profondamente politica del debito statunitense che crea questo strano «fronte di rabbia» in cui uno può trovare molto vicini nelle loro analisi «Tea-parties» ultra-liberali, attivisti anti-tasse ed anti-Washington da una parte, e dall'altra attivisti anti-capitalisti che vogliono un aumento delle tasse e la creazione di un sistema di previdenza in stile europeo.

Per esempio, entrambi i gruppi si oppongono alla riforma della salute di Obama (per alcuni esagerata, per altri minima), nel loro «odio» per Wall Street (dividere le perdite per alcuni, evitare di dividere i profitti per altri), nel loro rifiuto per le avventure militari (spreco di denaro per entrambi)... Dai «bianchi della classe medio-bassa» alle minoranze lasciate da sole a difendersi, questi due gruppi non possono che continuare a rafforzarsi seguendo il passo della carneficina socio-economica che colpisce le classi medie statunitensi [39].





USA: andamento annuale comparato del PIL nominale (verde), del deficit federale (blu) e del PIL reale (rosso) (2005-2010) - Fonti: Tesoro USA/ Market Ticker, 08/2010.

Ma immaginare che i detentori del potere statunitensi (le classi sociali favorite, i banchieri, il vasto complesso militare e industriale) si prestino umilmente ad una politica di riduzione del deficit che potrebbe avere come risultato un'improvvisa perdita del loro potere e della loro ricchezza sarebbe assolutamente ingenuo.

Per questa ragione lo sviluppo più verosimile, secondo il nostro team, sarebbe in direzione di una successione di crisi politiche e sociali durante i prossimi dieci anni.

La crisi, la sua durata e la sua natura sistemica, evita che i gruppi di leaders attuali possano ancora continuare ad esercitare il proprio potere come fatto nel passato, ma i gruppi che vogliono cambiare il sistema politico statunitense non hanno i mezzi per forzare il cambiamento.

Si realizzerà quindi uno scenario di squilibri che risulterà inevitabilmente in un aumento, come dicono gli economisti, della disoccupazione «strutturale» di massa, che richiederà o la creazione di ammortizzatori sociali a base più ampia, oppure un forte aumento delle forze di sicurezza interna del paese (per proteggere i gruppi di potere).

Questa popolazione «lasciata ad arrangiarsi» alimenterà sempre di più le «crociate» sociali, religiose o politiche (e secessioniste) che stanno cominciando a far emergere demagoghi ed aspiranti leader politici di ogni genere. All'interno dell'elite statunitense, il dibattito si intensificherà a partire dal 2011, su come «tenere il paese» senza la ricchezza nè il suo sostituto, ovvero il credito facile dei decenni recenti.

A differenza delle opportunità di tre o quattro anni fa, al nostro team appare ora improbabile che avventure militari esterne vengano utilizzate come mezzo per uscire dalla crisi. L'ingresso nella fase di austerità non è del resto favorevole a nuove costose avventure che inasprirebbero solamente le tensioni interne generando allo stesso tempo una fiera opposizione esterna... con la consapevolezza che gli Stati Uniti sono divenuti estremamente dipendenti dalla benevolenza economica e finanziaria del resto del mondo.

Volenti o nolenti, gli Stati Uniti avranno ora da affrontare le immense contraddizioni e i disequilibrii accumulati in oltre cinque decenni. E naturalmente ciò aumenterà il loro profilo di «paese a rischio» e le incertezze sulla loro crescita, le loro tasse, la loro attrattiva, la loro capacità di risanare il proprio debito...


L'irrilevanza del dibattito "inflazione contro deflazione" nella crisi sistemica

E' da molto tempo che LEAP/E2020 dice che il problema dell'inflazione/deflazione è molto più complesso del semplice duello tra due concetti contradditori, tanto più che, espresso in questi termini, sembra sempre più una disputa parrocchiale che interessa solo gli economisti.

Questi dibattiti, così come le statistiche utilizzate, (aggregati monetari, indici dei prezzi, ...) diventano talmente scollegati dalla realtà di un mondo in crisi, da perdere ogni rilevanza, contribuendo così ad aumentare significativamente la confusione di chi prende le decisioni (governi o banche centrali).

Il nostro team ha perciò osservato che dall'inizio del 2010 i risultati del GlobalEurometre per l'inflazione producono maggioranze fluttuanti che si ribaltano quasi ogni mese, provando che gli intervistati sono diventati incapaci di formarsi un'opinione definitiva su questo indice.

Infatti per LEAP/E2020, se un risultato diventa assurdo, non significa che gli intervistati stiano impazzendo o che la realtà cambi di mese in mese, quanto piuttosto che l'indice non è più rilevante. Una crisi sistemica è caratterizzata da cambiamenti fondamentali nel processo che si sta valutando. Richiede perciò un radicale adattamento degli indicatori così come degli strumenti di intervento.

Crediamo del resto di essere entrati in un periodo di tendenza al rialzo dei prezzi per i bisogni fondamentali [40] e, al contrario, in un periodo di ribasso dei prezzi per molte delle classi con grandi patrimoni.

E a differenza del dibattito su inflazione/deflazione, questo aspetto è di diretto interesse per un numero più vasto di attori.

La misura di questi cambiamenti, attraverso l'indice dei prezzi o del costo della vita in particolare, diventa sempre meno rilevante a meno che non si stabiliscano due tipi separati di indici, anziché fare affidamento su indici sintetici sfocati.

In aggiunta, e lo vediamo oggi su larga scala negli Stati Uniti, per i decisori che vogliono influenzare il comportamento degli attori economici, il problema dell'aumento dei prezzi è in realtà un problema inerente il potere d'acquisto.

Perciò la stabilità annuale dei prezzi può avere lo stesso effetto di un incremento se, al tempo stesso, le paghe ed altre entrate dei consumatori calano. Ancora una volta troviamo un processo duplice che richiede un'attenta valutazione e messa in prospettiva degli andamenti per accertare cos'è che alla fine determinerà veramente le scelte dell'attore economico rilevante.

Il potere d'acquisto sembra essere un indicatore molto importante sotto questo aspetto.

Così, mentre Ben Bernanke e la Fed vaneggiano di come stiano contenendo l'inflazione negli Stati Uniti, ciò non impedisce una doppia riduzione dei guadagni e dei capitali e la contrazione del credito per i nuclei familiari, cose che somigliano ad una forte inflazione: «Se i miei introiti sono diminuiti del 10% ed i prezzi sono aumentati in media del 2%, il mio potere d'acquisto è diminuito del 12%. Pertanto non spendo niente, o almeno molto meno, qualunque cosa mi dicano sul tasso d'inflazione».

Ma del resto, di quale potere d'acquisto stiamo parlando?

Delle classi medie o delle classi privilegiate?

Anche qui, il sistema di statistica americano mostra i suoi limiti ideologici.

Fin quando si è potuto dichiarare che la classe media rappresentava il grande e stabile cuore della società degli Stati Uniti, le misure generali erano sufficienti. Dal momento in cui la classe media resta indietro, si frammenta ed impoverisce, tutte le politiche economiche basate sulle misurazioni medie sono condannate al fallimento poiché hanno come obiettivo una categoria di attori che di fatto non esiste più.

Questi fatti, naturalmente, si applicano ugualmente agli altri stati occidentali nel mirino della crisi.

Il dibattito di lunga data su inflazione/deflazione, è perciò solo un esempio dell'eclatante fallimento del sistema di statistiche nel profilarsi della crisi sistemica.



Percentuale di posti di lavoro persi nelle recessioni successive alla Seconda Guerra Mondiale, dopo il 1945 (allineate al massimo dei posti persi; recessione attuale in rosso) - Fonte: CalculatedRisk, 08/2010

Ma oltre a questa separazione sociale e per categoria di patrimonio, è necessario anche osservare lo sviluppo temporale. La fase di bassa inflazione o deflazione, che sembra deprimere i banchieri centrali e preoccupare così tanto la Fed, è soltanto temporanea.

Da una parte, i BRIC, queste potenze in rapida ascesa, sono soggette a un'inflazione crescente che non mancheranno di trasmettere ai paesi occidentali [41]; dall'altra, gli Stati Uniti, che sono in una posizione unica nel sistema economico globale, rimangono alla mercé di una «reflazione» mal gestita che si trasformerà immediatamente in iperinflazione nel caso di una perdita di fiducia nel dollaro americano.

Secondo LEAP/E2020, la perdita di fiducia nella capacità dell'economia americana di lasciarsi rapidamente alle spalle la crisi, o persino la paura che essa ricada in recessione nei prossimi mesi, può dare il via a questo fatale doppio processo sul dollaro: un'inflazione interna «come rimedio [42]», tale da scatenare una fuga dagli asset denominati in dollari da parte del resto del mondo.

Dato l'ingresso degli Stati Uniti nella fase di austerità e date le velate minacce di Ben Bernanke agli altri banchieri centrali [43], la fine del 2011 potrebbe rivelarsi adatta a provocare una simile catena incontrollata di eventi. Indubbiamente, gli ultimi anni hanno mostrato che, nonostante il suo stile oratorio molto professoriale, Ben Bernanke (come i suoi colleghi) ha poco controllo. Via via che la situazione americana diviene più complicata, non c'è ragione per cui il controllo degli eventi da parte della Fed debba rafforzarsi; semmai il contrario.

Il vero PIL americano è del 30% più basso delle cifre ufficiali

L'ingresso degli Stati Uniti nella fase di austerità è iniziato di fatto almeno due anni fa. In realtà, la crisi e le sue conseguenze in termini di un crollo di utili e di capitale, così come la drastica riduzione del credito al consumo, sono soltanto un passo nel processo di impoverimento delle classi medie americane che è iniziato quasi trent'anni fa. Attraverso tutto questo periodo, la fregola del credito facile ha avuto l'obiettivo di nascondere questo impoverimento compensando una carenza di reddito con debiti illimitati.

Dato che la crisi ha portato questo processo a una fine improvvisa, Washington (il governo, il Congresso e la Fed insieme) ha provato a compensare la sua sparizione con un gigantesco debito pubblico.

Tuttavia, come vediamo quotidianamente guardando allo sviluppo economico e sociale del Paese, questo tentativo è fallito per le ragioni discusse nei capitoli precedenti di questo numero del GEAB. Comunque, questo tentativo ha un impatto diretto sul PIL americano che la maggior parte degli economisti e degli esperti rifiuta di riconoscere, perché questo provocherebbe uno shock di tale violenza per la stabilità economica e finanziaria globale che la cosiddetta «crisi Greca» sembrerebbe soltanto un semplice esercizio di allenamento.

Se la bugia delle autorità greche sull'ammontare del debito del loro Paese e quindi del rapporto debito/PIL è stata sufficiente a generare il panico mondiale, immaginate per un secondo cosa causerà la scoperta che il PIL degli Stati Uniti è in realtà del 30% più basso delle cifre ufficiali, e pertanto il rapporto tra debito pubblico e PIL americano nel 2009 è stato del 113% e non dell'83% [44] (visto che, per il nostro team, questa è una realtà che diventerà ovvia a tutti durante il 2011). La differenza è semplicemente dovuta al fatto che tra il 2007 e il 2009 gli Stati Uniti si sono fatti carico di oltre 4000 miliardi di dollari di debito aggiuntivo per un incremento del PIL di solo poco più di 200 miliardi di dollari in tre anni [45].

Ma non fate errori! Questo enorme debito pubblico aggiuntivo è soltanto un tentativo di rimpiazzare un PIL «mancante» dovuto alla crisi e alla fine del debito dei consumatori. Uno potrebbe anche sostenere l'idea che questo 30% del PIL sia stato nulla più che una finzione per almeno uno o due decenni.

Ma il nostro problema non è cosa è successo vent'anni fa, ma cosa succederà nel futuro.

E l'ingresso nella fase di austerità della crisi sistemica introduce un fattore fondamentalmente nuovo, che è quello che crea un contesto generale che favorisce la rivelazione di questa verità: che il PIL americano non è nulla più che l'ombra di ciò che era in passato [46] e che la cifra usata nelle statistiche economiche e finanziarie è grandemente sopravvalutata.

Con una simile sopravvalutazione, quasi tutti gli indicatori sono per la gran parte falsi.

La percentuale di indebitamento del Paese, la sua quota dell'economia globale, i tassi monetari, il valore del dollaro (che è basato sulla dimensione dell'economia americana)... tutte queste cifre sono in gran parte sbagliate.

Questo potrebbe anche spiegare (come per il dibattito «inflazione / deflazione») perché le politiche economiche e monetarie implementate negli Stati Uniti abbiano fallito così miseramente. Senza alcuna vera conoscenza della realtà di base, nessuna strategia può portare al successo e, in questo caso, la visuale data dalla mappa (gli indicatori) è sempre più distorta [47]. La Fed isolata e persa di fronte a una opportunità storica

Cosa succede quando il rinomato leader è obbligato a fronteggiare un grande fallimento e mostra completa indecisione sulle azioni da intraprendere? In qualsiasi gruppo umano questo genera sistematicamente tre eventi: la preoccupazione dei fedeli, l'ambizione dei concorrenti/avversari e l'allontanamento degli opportunisti. La Federal Reserve americana si trova scaraventata esattamente in questa situazione. Le sue politiche hanno fallito e le discussioni infuriano dentro e attorno ad essa per determinare quali politiche adottare per il futuro.

Appare ovvio che essa si è completamente persa.

Questo è il problema quando tutti gli indicatori sono sballati e conseguentemente nessuno sa più a cosa corrispondano [48].

Probabilmente, essa comincia a percepire il proprio isolamento attraverso le dichiarazioni e le azioni della BCE, la banca centrale cinese... Ma all'interno degli stessi Stati Uniti, le conseguenze stanno diventando visibili.

I nemici della Fed, quelli che vorrebbero abolirla, stanno acquistando potere [49] grazie ai vari movimenti di «americani infuriati»: all'incrocio tra i due mondi che essi respingono, Washington e Wall Street, la Fed è al cuore di questa rabbia popolare verso l'attuale sistema [50].

Gli oppositori delle sue passate politiche stanno passando i migliori giorni della loro vita invocando che essa faccia completamente l'opposto (su questo punto, potrebbero non venire delusi!).

Per il resto, l'amministrazione Obama, il Congresso e le banche si stanno chiedendo che tipo di politiche possano aspettarsi nel futuro dalla Fed.

Ciò che è certo è che, se la Fed non riprende il controllo tra ora e la fine del 2010, essa sarà completamente priva di credibilità per provare a regolare l'ingresso degli Stati Uniti nella fase di austerità, e tale ingresso avverrà pertanto nelle peggiori condizioni possibili.

O la Fed prova a continuare a far finta di avere a disposizione i mezzi per rivitalizzare l'economia senza percorrere la via dell'austerità, e vedremo dunque palesarsi un conflitto diretto tra la Fed e la maggioranza delle sue controparti in giro per il mondo [51] che non credono più nell'idea di continuare a ripetere gli errori del passato fino a che infine abbiano successo; oppure prende il toro per le corna e suona la canzone dell'inevitabile austerità, accettando infine pienamente la propria impopolarità ma almeno facendo qualcosa di utile, ovvero «traghettando gli Stati Uniti nel mondo reale del XXI secolo».

Questa è una opportunità storica che non si presenterà due volte alla Fed.

In questo momento, siamo piuttosto pessimisti rispetto alla capacità della Fed di osservare e sfruttare questa opportunità.



Acquisti netti o vendite di titoli del Tesoro USA (2001-2010) - Fonti: Tesoro USA / Haver Analytics / NYT, 09/2010
Le conseguenze dirette per l'Asia e per Eurolandia: un disaccoppiamento accelerato con successo, o il caos sociale

Nei prossimi due numeri del GEAB tratteremo di Asia e Europa in maggior dettaglio. Ma possiamo già anticipare le sfide per queste due aree nel momento in cui gli Stati Uniti entrano nella fase di austerità.

Per l'Asia e la Cina, innanzi tutto, sarà «il momento della verità».

Nel 2011, la Cina e l'Asia dovranno provare di essere diventate entità capaci di garantire almeno la propria crescita senza dover contare sugli Stati Uniti, e dunque portando a una crescita in tutti i Paesi BRIC e in Eurolandia [52] nello stesso momento. Senza dubbio l'arrivo nell'austerità degli Stati Uniti determinerà un marcato calo nelle esportazioni verso gli USA e dunque richiederà consumi decisamente aumentati all'interno della Cina, dell'Asia e dei Paesi BRIC [53].

Nel frattempo, l'ingresso di Eurolandia nella stagnazione a partire dalla fine del 2010 [54] porterà a fronteggiare un cambiamento culturale, consistente nella scelta di favorire una nuova partnership con i paesi BRIC [55] oppure di affondare nelle difficoltà economiche insieme agli Stati Uniti e al Regno Unito.

L'Asia ed Eurolandia si troveranno di fronte a due sfide parallele riguardanti la propria relazione con gli Stati Uniti: . per gli asiatici, è chiaramente una sfida a sganciare la propria crescita dalle esportazioni verso gli Stati Uniti [56] . mentre per gli europei in Eurolandia la sfida a sganciarsi è piuttosto una questione intellettuale [57] dato che in pratica essi non dipendono dalle esportazioni verso gli USA.

Per ciò che riguarda Eurolandia, la stagnazione economica si materializzerà alla fine del 2010. L'austerità degli Stati Uniti intaccherà inevitabilmente le esportazioni dall'Eurozona [58]. Essa si combinerà con l'austerità realizzata in Eurolandia, causando tensioni sociali molto intense, specialmente se i sistemi di benefit per la disoccupazione e per il welfare saranno messi a rischio senza significativi contributi da parte delle persone ad alto reddito.

Ricordiamo che, senza equità, l'austerità in Europa scivolerà nel caos socioeconomico, e l'esempio sarà il Regno Unito da questo ottobre [59].

Ma anche in Asia le tensioni sociali potrebbero diventare un tema dominante dalla fine del 2010/inizio del 2011, se essa si dimostrerà incapace di rimpiazzare il mercato americano per le sue esportazioni: Pechino ha appena riconosciuto ufficialmente per la prima volta che la Cina ha più di 100 milioni di disoccupati da integrare nel mercato del lavoro l'anno prossimo [60]. Ciò ha il potenziale di creare significativo caos sociale, persino in una nazione pesantemente sottoposta a controllo di polizia. Nel prossimo GEAB potremo identificare i trend che crediamo si affermeranno nel 2011 per ciò che riguarda queste due regioni.


E' tutto!

Saluti felici

Felice Capretta


NOTE


[35] L'uso delle carte di credito sta collassando. Fonte BusinessWeek, 08/09/2010
[36] Come scrive il Guardian in questo articolo del 15/08/2010, sapendo che la fine di un sogno si può rapidamente trasformare in un incubo.
[37] In effetti i cambi di abitudini sono repentini, numerosi e fondamentali: dalle città che decidono di togliere l'asfalto dalle strade perché non si possono pagare le riparazioni e che un'altra volta diventano piste del far west, passando dalla fine della passione per il golf che conduce alla bancarotta dei campi, il ritiro della carta igienica da alcuni servizi pubblici, l'abbandono delle imbarcazioni turistiche per tutta la lunghezza della costa americana, la fine della pubblica amministrazione che provvede all'aiuto dei disabili, dell'educazione, dei pensionati in molti stati e città, la fine della macchina per molti sedicenni, università sull'orlo della bancarotta, ... anche il tasso di natalità sta calando. Fonti: USAToday, 03/08/2010; CNNMoney, 23/07/2010; USAToday, 26/08/2010; LJWorld, 09/08/2010; USAToday, 08/06/2010; USAToday, 28/07/2010; New York Times, 14/08/2010; Wall Street Journal, 17/07/2010; USAToday, 27/08/2010
[38] Fonte: Washington Post, 12/08/2010
[39] E' ciò che LEAP/E2020 aveva anticipato da Febbraio 2009 nel GEAB No. 32
[40] E la pressione sui prezzi dei generi alimentari lo riflette chiaramente. Fonte: Telegraph, 11/09/2010
[41] Si dovrebbe leggere su questo argomento l'articolo molto interessante di Andy Xie, pubblicato nel Caixin del 16 agosto 2010.
[42] In un tentativo di far ripartire l'economia americana e alleggerire il crescente fardello del debito, che è sempre più difficile da finanziare.
[43] Vedi sopra.
[44] In questo contesto, non sorprende che la domanda globale di oro continui a crescere molto rapidamente, ad esempio 36% nella seconda metà del 2010. Fonte: MarketWatch, 25 agosto 2010.
[45] Fonte: Spese del governo americano
[46] Un altro esempio lampante: le transazioni in immobili commerciali sono crollate del 90% tra il 2007 e il 2009, da 522 a 52 miliardi di dollari. Fonte: MyBudget360, 2 agosto 2010.
[47]. Per avere un'idea di come possa apparire la famosa «recessione a W» ~~~ attualmente in svolgimento, è interessante leggere questo articolo di Douglas McIntye su 24/7WallSt del 13 agosto 2010.
[48] Per oltre due anni LEAP/E2020 ha evidenziato il fatto che a forza di pasticciare i numeri i leader avrebbero perso qualsiasi traccia della realtà.
[49] Il consenso crescente sull'idea di Ron Paul di effettuare infine un censimento completo delle riserve di oro degli Stati Uniti (dall'ultimo sono trascorsi più di cinquant'anni) appartiene a questa categoria. Fonte: Kitco, 24 agosto 2010.
[50] Specialmente visto che è la Fed che, a partire dall'inizio della crisi, ha organizzato il riacquisto del proprio debito da parte degli americani, annunciando una dolorosa monetizzazione per tutta la nazione. Vedi il grafico sotto.
[51] Ripetiamo ancora una volta che né Eurolandia né la Cina sottoscriveranno un nuovo round di stimolo americano. Questo lascia sul tavolo poche opzioni realistiche e tali da poter essere implementate efficacemente.
[52] La Cina continua inoltre a diversificare le proprie riserve verso l'Euro, uscendo dal dollaro. Fonte: Bloomberg, 16 agosto 2010
[53] Questo è senza dubbio ciò che la Cina sta già attivamente facendo. Fonte: Bloomberg, 2 agosto 2010
[54] Con i salari tedeschi in stagnazione e gli aumenti fiscali che la Francia dovrà realizzare, la crescita non è proprio in agenda per i prossimi semestri in Eurolandia. Fonti: Le Monde, 8 settembre 2010, Libération, 9 settembre 2010
[55] Come dato di fatto, l'Unione Europea sta cominciando a rivolgere la propria diplomazia verso la Cina. Fonte: EUObserver, 13 settembre 2010
[56] Fonte: People's Daily, 13 agosto 2010; Bloomberg, 19 agosto 2010
[57] Come spesso accade, è utile leggere i pensieri di William Pfaff su questo argomento, del 13 luglio 2010.
[58] Il mito dell'economia tedesca non toccata dalla crisi sarà durato poco meno di un anno dato che, a partire da questo autunno, essendo definitivamente svanito l'effetto dei piani di stimolo, la Germania e l'Eurozona si troveranno senza crescita. Ciò non aiuterà la situazione di Nikolas Sarkozy in Francia, che si sta dunque dirigendo dritta verso una crisi di regime tra ora e la fine del 2010, prevedendo una serie di crisi socioeconomiche e di affari di Stato. I leader tedeschi saranno dunque completamente soli nell'organizzare Eurolandia in questi prossimi semestri, dato che l'elite parigina sarà nel caos politico più completo a 18 mesi dalle elezioni presidenziali, con un presidente uscente senza alcuna chance di rielezione. Fonte: The Economist, 9 settembre 2010; Le Parisien, 14 settembre 2010
[59] I sindacati inglesi hanno deciso di attaccare le riforme che sono state annunciate, e che essenzialmente consistono di tagli di bilancio che colpiscono tutti i servizi pubblici del Paese. L'annuncio di tagli di bilancio nel giugno 2010 ha aiutato ad alleggerire la crisi che incombeva sul debito inglese e sulla sterlina: questo è il beneficio avuto dal governo di Sua Maestà a differenza dei governi greco, spagnolo, portoghese... Ora però è questione di realizzare ciò che è stato annunciato; lo shock sarà brutale. Dovremmo dunque aspettarci un impetuoso ritorno del tema del debito dei paesi dell'Eurozona sulle colonne del Financial Times e dei media finanziari americani... per deviare meglio l'attenzione dai problemi crescenti in entrambi i Paesi. Tuttavia, in verità, l'Eurolandia è ora molto più robusta di sei mesi fa. Fonti: Telegraph, 16 agosto 2010; Le Monde, 13 settembre 2010; Independent, 10 settembre 2010; Spiegel, 9 agosto 2010.
[60] Fonte: Le Point, 10 settembre 2010

domenica 31 ottobre 2010

Il pallonaro delle palle di fuoco born in the usa


Stimatissimi, affezionatissimi, sicuramente non avrete potuto fare a meno di leggere, tra uno speciale Sarah Scazzi e l'altro, l'approfondimento sulle cartucce per stampanti esplosive spedite negli USA.

Già.

Che già così è notevole: ma quali sbattimenti per recapitare un pacco-bomba, ma quali lunghi appostamenti e accurati studi dei percorsi da compiere, ma quali passamontagna per aggirare le videocamere di sorveglianza (chissà poi per sorvegliare chi, visto che il crimine imperversa indisturbato), al tempo di internet tutto è facile, in 3 semplici passi:

  • 1. si confeziona e si impacchetta il pacco-bomba
  • 2. si chiama il corriere espresso che viene direttamente al laboratorio delle bombe per il pick-up: "Pronto, DHL? Qui è la Centrale Del Terrore Sezione Yemen, codice cliente 21122012666, una presa da noi e una consegna negli USA entro domani mattina. Contenuto del pacco? Beh, sarebbe confidenziale, comunque sono toner di stampanti imbombati"
  • 3. si controlla poi sul sito dhl.com/delivery il tracciamento, la consegna e l'effettiva esplosione del pacco bomba. in un click. boom! yalla yalla evviva!

Ora, se anche a voi tutto questo sembra un tantino improbabile, se anche voi vi fate gli scrupoli a spedire un portachiavi a forma di coltellino Opinel n.2 perchè sapete che vi troverete tempo zero i RIS in casa a dare la caccia al terrorista che c'e' in voi, probabilmente troverete interessante l'articolo comparso su effedieffe.com a firma Maurizio Blondet, di cui vi proponiamo qui di seguito alcuni stralci interessanti:

«Hamed Fargh, direttore dell’Autorità per l’Aviazione Civile ha dichiarato allo ‘Yemen Post’ che nessun aereo, cargo di nessuna compagnia americana, è decollato dallo Yemen nelle ultime 48 ore. Nè UPS, nè Federal Express, né DHL, nè nessun altro volo di una ditta di spedizione USA ha lasciato lo Yemen nelle ultime 48 ore [...] Sono accuse false e senza fondamento» (No U.S. Commercial or Private Plane left Yemen to the U.S. over last 48 hours; Yemeni Official).

e ancora

Mohammed al-Shaibah, direttore cargo della Yemenia Airways: nè un aereo UPS, nè un DHL diretto a Chicago è partito dallo Yemen nelle ultime 48 ore.


Sarà per questo che i media oggi correggono il tiro e dichiarano che i pacchi bomba sono transitati anche su aerei passeggeri.

Ammesso che fossero realmente pacchi bomba, dal momento che un toner di una inkjet con un po' di polvere e alcuni fili elettrici fa una bomba come latte in tetrapak, polistirolo in barrette e 6 uova sotto plastica fanno la crostatina del mulino bianco.

Swissinfo ci informa che i destinatari dei pacchetti di consumabili per l'ufficio con fili elettrici era la comunità ebraica di chicago, una un po' particolare pero'...

CHICAGO - Due istituzioni ebraiche di Chicago, la città del presidente Usa Barack Obama, erano probabilmente nel mirino dei terroristi islamici che hanno spedito dallo Yemen i due pacchi bomba intercettati ieri. Lo ipotizza il Chicago Tribune, il più diffuso quotidiano locale.

Secondo il quotidiano l'obiettivo non erano due sinagoghe ma due congregazioni del North Side della metropoli dell'Illinois, nei quartieri di East Rogers Park e di Lakeview.

Una di queste sarebbe la piccola congregazione Or Chadash, che conta un centinaio di fedeli, molti dei quali gay o transgender. Or Chadash divide uno spazio con un'altra congregazione ebraica (non finita però nel mirino), la Emanuel Congregation.

Il reponsabile della Emanuel Congregation, il rabbino Michael Zedek ha detto di avere ricevuto ieri una telefonata di un responsabile della comunità ebraica di Chicago, secondo cui Or Chadash sarebbe stata appunto una delle organizzazioni finita nel mirino di terroristi.

Secondo l'altro quotidiano di Chicago, il Sun Times, che cita fonti federali, i terroristi hanno invece voluto colpire un centro della comunità ebraica (uno dei sette Jewish Community Center del North Side) e una sinagoga.


Risulta inoltre, sempre da effedieffe, che l'ispiratore del mittente del materiale per l'ufficio cablato sarebbe tale Anwar al-Awlaki: il capo di Al Quaida Nello Yemen (tm), con doppio passaporto americano e yemenita, già ispiratore ed indottrinatore degli autori dei due più recenti fantozziani tentativi di far parlare di sè:





Inoltre, avrebbe scambiato 18 email con Nidal MalikHasan, il protagonista della strana sparatoria avvenuta il 5 Novembre 2009 nella più grande base americana di Fort Hood.

Lui. Quello che non riesce ad ispirare un attentatore più intelligente di una faina.

Lui. Capo di Al Quaida Nello Yemen (tm)

Lui. Nato negli USA, in New Mexico.

Già.

Saluti felici

Felice Capretta

martedì 26 ottobre 2010

Il banco vince...



"Gioco breve: un giocatore viene nominato Banca. E vince."

(nel frattempo il senato francese ha passato la contestatissima riforma, che ora passa alla Assemblea Nazionale)

Saluti felici

Felice Capretta

ps: vi ricordo il blog economy day!

martedì 19 ottobre 2010

Usa, 13600 mld di debito e la voce grossa di Pechino


Ok, ok, ma la vecchia lo sapeva o non lo sapeva? Sarà lui o sarà lei ad avere ucciso Sarah?

Esaurita con queste due frasi la rassegna stampa della giornata di oggi, ci sarebbero alcune notizie che meritano un po' di attenzione.

Vediamo un po'...

USA, debito a 13665 miliardi di dollari

NEW YORK - Debito americano ai massimi di tutti i tempi a quota 13'665 miliardi di dollari, ovvero 3'000 miliardi di dollari in più da quando il presidente americano Barack Obama ha assunto l'incarico. Lo riporta l'emittente Cbs, sottolineando come durante i due mandati dell'ex presidente George W. Bush il debito sia aumentato di 4'900 miliardi di dollari.


La cosa ormai ha un tantino di ridicolo. Si potrebbe obiettare che il nostro allegro paese, nei suoi momenti, ha raggiunto il 160% di debito sul PIL, mentre gli USA con questa cifra arrivano al 100%.

Vero.

Vero pero' anche che l'Italia non era la nazione motrice dell'economia mondiale ed epicentro della società occidentale stessa e che contava come il due di picche alla mensa dei pezzi grossi.

E adesso è un po' diverso, diciamo che il paragone non regge.


Fed di Atlanta: servono 100 miliardi al mese

Sull'onda della comicità più pura, abbiamo questa dichiarazione del presidente della Federal Reserve di Atlanta Dennis Lockhart: si è dichiarato a favore di ulteriori misure di "quantitative easing" (ovvero, altra stampa di moneta dal nulla con le conseguenze che tutti stiamo vedendo)

Il QE2 (come e' conosciuto in gergo sui mercati internazionali) "puo' avere qualche buon effetto" ma "si deve trattare di un numero abbastanza ampio perche' faccia la differenza", ha detto Lockhart in un'intervista alla CNBC.

Ed ha concluso così:

Qualcosa nell'ordine di 100 miliardi di dollari al mese andrebbe bene

Miliardo più, miliardo meno. Lascio?

(gli affezionatissimi ricorderanno che il TARP di Paulson cubava 700 miliardi di dollari)

Passando a news un po' più sostanziose e meno divertenti, prosegue lo sciopero in Francia. E mentre il TG della sera ha liquidato la carenza di benzina con quattro parole, risulta che...


Francia, un benzinaio su tre a secco

(AGI) - Parigi, 19ott. - Un benzinaio su tre in Francia e’ in attesa di rifornimenti e rischia di rimanere a secco. E’ l’allarme lanciato dalla Federazione dei trasporti su strada secondo cui 4000 distributori in tutto il Paese sarebbero in grave difficolta’ a fronte dei complessivi 12.500.

Una notizia confermata anche dal ministero dell’Ambiente che non ha specificato pero’ se le stazioni sono gia’ completamente senza benzina o hanno qualche giorno di sopravvivenza.

La Federazione dei trasportatori intanto ha fatto sapere che ci si avvicina a un fine settimana “veramente difficile” e ha chiesto al governo di “sbloccare immediatamente i depositi e di fissare delle priorita’ nella distribuzione di carburante, altrimenti ci sara’ la paralisi dell’economia” ha detto il responsabile Jean-Paul Deneuville.

Molte delle nostre imprese - ha affermato il presidente della Federazione delle imprese dei trasporti Philippe Grillot - non possono gia’ piu’ assicurare i servizi”.

Intanto aumentano i prezzi del gasolio, del 2,61% nelle ultime due settimane, e l’Unione de consumatori francesi ha gia aperto un’inchiesta.

Ebbene si.

Infine, se avete in mano il vostro telefonino piccolissimo che fa mille cosette carine, tenetevelo stretto, potrebbe tornare molto utile in futuro. Pechino infatti sta minacciando la restrizione dell'export di 17 minerali rari che servono ai nostri ipod, playstation portatili e non, ferri da stiro con ricevitore GPS integrato (per sapere sempre dove stai andando con il ferro da stiro), macchinette per il caffè collegate ad internet ed altri ammennicoli del genere.



Cina: Pechino minaccia restrizioni export 'terre rare'

PECHINO (via swssinfo) - La Cina sta progettando di restringere ulteriormente le esportazioni dei preziosi minerali chiamati "terre rare", dei quali detiene il monopolio con il 95% della produzione mondiale. Lo afferma oggi il quotidiano China Daily citando un alto funzionario del ministero per il commercio.

Si tratterebbe della seconda riduzione delle esportazioni in un anno e verrebbe a pochi giorni dall'annuncio che gli Stati Uniti stanno indagando per stabilire se il contingentamento delle esportazioni sia una pratica vietata dagli Accordi mondiali sul commercio (Wto).

Le terre rare sono indispensabili per la produzione di motori elettrici per le automobili, di turbine eoliche, di batterie al litio, di computer e gran parte dei loro accessori e sono ampiamente usate nell'industria degli armamenti.

Secondo il funzionario citato dal China Daily, Chao Ning, la Cina ha riserve limitate dei più preziosi dei minerali, 17 in tutto, compresi nella categoria e deve preoccuparsi delle esigenze della propria industria nazionale.


Saluti felici

Felice Capretta

ps: Vi ricordo il Blog Economy Day!