martedì 29 marzo 2011

Portogallo, taglio rating e il futuro di Tripoli


Allegria, l'economia si sta riprendendo e le borse festeggiano. Beh, non tutte e non sempre: oggi Milano ha chiuso male. Peccato, c'erano tutti i segnali perchè le borse facessero molto bene oggi, a partire dal seguente.

Portogallo, S&P taglia il rating

da swissinfo: Standard&Poor's taglia il rating del Portogallo a 'BBB-' da BBB. È il livello più basso di investment grade, l'ultimo scalino sopra il "junk".  E la previsione è negativa. Il Pil del Portogallo, secondo le stime della Banca centrale portoghese, vedrà una contrazione dell'1,4% nel 2011.


Siria, Bahrein, Libia

Il governo siriano si è dimesso, ma i manifestanti puntano più in alto. Puntano alla fine del regime degli Assad.

In Bahrein, il Parlamento ha accettato le dimissioni dei deputati sciiti del principale partito di opposizione.

In Libia, da quando la coalizione forse-Nato è entrata in azione, i rivoltosi hanno iniziato a segnare successi.

Hanno ripreso Brega e Ras Lanouf, mentre in altre città la situazione non è ancora ben definita. Sono comunque comparse di recente alcune foto che mostrano l'intervento della Nato a sostegno dei rivoltosi anche con armi a terra: non è chiaro (ma non si puo' escludere) se ci siano reparti speciali sotto copertura ad agire al fianco dei rivoltosi, ma le foto mostrano alcuni insorti caricare su un pickup munizioni di chiara fabbricazione USA che non sono in dotazione all'esercito libico.


Il futuro di Tripoli

Perfino lo stesso Cameron ha affermato che "bisogna aiutare i libici a costruire il proprio futuro", un sibilo orwelliano che fa venire un po' i brividi.

La strada sembra abbastanza segnata e lo scenario è piuttosto preciso: un giorno, molto vicino, Gheddafi lascerà o sarà rimosso, per la gioia di tutti coloro a cui ha pestato i piedi, e le forze che hanno sostenuto lo sforzo militare ed il relativo costo si spartiranno le spoglie della nazione libica, ma soprattutto si spartiranno le sue ricche risorse. Parigi in prima fila, con Washington, Londra e qualcosa a Berlino.

Poco resterà per gli italiani.

Nonostante i ribelli abbiano fatto sapere che rispetteranno gli accordi con l'Italia per le forniture di materie prime, il messaggio di oggi è stato molto chiaro sui futuri equilibri: Obama, Sarkozy, Cameron e perfino la Merkel hanno discusso in videoconferenza del futuro della Libia.

Frattini non considerato, Berlusconi non invitato.

Messi davanti al fatto compiuto.

Meglio così: ci sarebbe stato da chiedersi quale clamorosa figura da pirla avrebbe fatto il giullare-piazzista parlando alla pari con quattro mafiosi di alto livello, senza giornalisti a cui dare in pasto qualche trovata giullaresca o barzelletta da venditore, senza portaborse o uomini dell'ENI a suggerirgli un briciolo di linea strategica e senza competenze di geopolitica nè di geostrategia a limitare i danni.

Frattini, a dire il vero, è riuscito nell'incredibile risultato di farci fare comunque una figura miserrima: nei giorni scorsi ha ventilato l'ipotesi di un piano italo-tedesco per la Libia da contrapporre al piano franco-britannico. Sembrava quasi che il coniglio mannaro avesse avuto un barlume di lucidità.

E sembrava strano, in effetti.

Risulta infatti che Berlino, con eleganza e freddezza diplomatica, ha smentito clamorosamente la stessa esistenza di un piano italo-tedesco e lo stesso Frattini ha dovuto ammettere che si trattava solo di chiacchiere e di ipotesi.

Fosse successo, che so, in Norvegia, in Svizzera o in Islanda, il ministro degli esteri non si sarebbe solo dimesso: si sarebbe presentato nudo in piazza, con un campanellino legato al collo, a farsi prendere a ciabattate dalla folla in segno di penitenza.

Invece niente, la dignità prima di tutto. 

Dicevamo, sembra ormai molto chiaro che il ruolo strategico di Roma nella Nato e nei poteri che veramente contano nel mondo è quello che compete alla nostra classe politica: uno stupido cagnone di taglia medio-grande, utile solo quando serve, addestrato a malapena, a cui lasciare gli avanzi e da prendere a zoccolate quando scodinzola troppo.

Commento di Frattini: "L'italia non sente la sindrome da esclusione".

Presi a zoccolate, lasciati con le briciole e pure scondizolanti, grazie Frattini.

Che oggi viene promosso sul campo al titolo di Chihuahua Mannaro.


Saluti felici

Felice Capretta

54 commenti:

Anonimo ha detto...

i numeri dell'economia rale stanno facendo giustizia, dati di oggi:
- risparmio al minimo
- prezzi immobili in caduta
- attesa di inflazione, alta

Fra

Hiei ha detto...

Se qualcuno è in grado di indicarmi la minima differenza tra questo post e un qualunque editoriale di Repubblica, del Corriere o del Giornale offro un panino e 20 euro.

Comunque, visto che per errore adesso mi pubblico, abbiamo ancora minimo una domandina in sospeso: quella sui piloti libici disertori che nessuno ha mai visto nè sentito.

Non che guardi i tg di regime o i giornalacci realtivi, ma neanche in rete nè da nessuna parte esiste prova o la benchè minima traccia in particolare dell'ultimo che hai insistito tanto a raccontare, povero pilota che avrebbe rifiutato di bombardare il suo popolo per Gheddafi (preferendo evidentemente bombardarlo per Sarkozy, questione di gusti in fondo) e venendo poi abbattuto.

Era così l'ultima versione, mi pare...prove? Fonti? Qualcosa?

(stupiscimi e pubblicami persino questo! Poi rispondimi pure magari...)

a.mensa ha detto...

il Chihuahua Mannaro mi ha fatto troppo ridere....
che vergogna ..... io all'estero andrò solo più travestito da cammello ma che non si veda che sono italiano

OT Mario Barbiero ha detto...

@Hiei
Cosa c'è secondo te di sbagliato nella ricostruzione di Felice?
Sono interessato a saperlo davvero.
Questo invece è quello che vedo io.
Che l'Italia non conti una cippa a livello internazionale mi sembra un dato di fatto.
Ma è sempre stato così, da prima di Berlusconi.
E non potrebbe essere altrimenti, cosa abbiamo dietro che giustifichi eventuali "muscoli" diplomatici?
Niente!
Bunga Bunga Silvio c'è perchè ci sono milioni di bunga bunga italiani.
Gli svedesi non hanno bunga bunga Silvio.
Perchè gli svedesi non sono persone bunga bunga.
Comportamenti ritenuti inaccettabili in Svezia da noi sono pane quotidiano.
Parcheggiare in doppia fila, usare le corsie riservate ai mezzi pubblici, fregarsene dei pedoni quando attraversano la strada sulle strisce, fregarsene delle auto che sono a 10 metri dalle strisce e attraversare lo stesso perchè tanto sono sulle strisce.
Sono degli esempi, la lista è lunga, ogni giorno milioni di italiani spiegano meglio di mille ricerche sociologiche perchè l'Italia ha Silvio Bunga che la guida.

Anonimo ha detto...

@FC
Off-topic, lo so.
50 persone uccise da un raid nel Nord Iraq.
Sarebbe interessante sapere come mai delle persone organizzano questi raid, sapendo poi che saranno uccise.
Dovranno avere qualche forte motivo per fare questo.
Sarebbe importante sapere quale, cosa vogliono, visto che questo non viene riportato dai media..

Gigi

marcoravelli ha detto...

@Mario,

Noi non siamo invitati ad avere voce in capitolo per il semplice motivo che 70 anni fa abbiamo perso una Guerra ed ora siamo vincolati da un trattato di pace.
Quindi visto che come dici giustamente tu, le risposte stanno già dentro di noi ti invito, anche in questo caso a cercare più a fondo o magari leggerti un buon libro di storia!

per tutti quelli che ancora credono che il petrolio sia l'obbiettivo li inviterei a riflettere su fatto che il maggior problema in questo momento per Europa e America è trovare acquirenti al Proprio debito pubblico( soprattutto all'indomani della tragedia Giapponese) e uno Spin-off( perchè di questo si tratta) del Governo del Colonnello è sicuramente un'occasione da non lasciarsi scappare.

Hiei ha detto...

"Cosa c'è secondo te di sbagliato nella ricostruzione di Felice?"

Niente: cosa ci può essere di sbagliato nel vuoto spinto? Nel piatto snocciolare banalità che già compaiono su tutti i quotidiani di regime? Soprattutto nel dare per scontato lo status quo guardandosi bene dal fare le opportune analisi?

Parliamo della Libia? Che cavolo vuol dire quel paragrafetto insulso? Dicci Capretta: sostieni ANCORA i rivoltosi? Li hai sostenuti vigorosamente, ora che ci dici? Dicevi di sostenere le rivolte pacifiche, ti pare pacifica e non violenta questa? Dai tutto per scontato, intervento militare - che non ha precedenti, senza nemmeno una scusa, senza un pretesto si bombarda una nazione sovrana con la pretesa di deciderne il futuro in modo assolutamente arbitrario - incluso e future spartizioni. Tutto normale, va ben così, secca solo un po' che noi italiani ci si becca la fetta più piccola se la si becca.

Ma siete tutti fuori si testa, del tutto?

Perchè non parliamo un po' dell'Egitto? Del golpe militare che si è rivelato tale, a tutti gli effetti? Della Tunisia? Chissà perchè migliaia di Tunisini arrivana a Lampedusa, che ci guardiamo BENE dal menzionare nel post?

No certo, come annunciavo parecchi post fa: dimenticatevene e pensate a sostenere la rivolta in Siria allora, che una volta assicurato il petrolio libico e portata la guerra civile in Siria la strada per l'Iran è spianata a Israele, "rivolte spontanee per costruire il futuro democratico blablabla", manco la brutta copia di Napolitano (quiz: quante volte ha detto "consapevolezza" il demente alle celebrazioni del 150enario? Prendere nota...).

Ma ci prendiamo in giro? Forza, vediamo se mi pubblica anche questo, e soprattutto se avete anche della risposte!

Felice Capretta ha detto...

hiei tu hai dei seri problemi.

io ho raccontato, non ho sostenuto.

anche se personalmente mi fa solo piacere quando cade un dittatore.

tuttavia è molto scorretto da parte tua attribuirmi cose diverse da quelle che ho scritto, specialmente quando queste cose sono la tua personalissima interpretazione.

è molto scorretto cercare di applicare la logica bianco/nero quando sai benissimo che le cose sono diverse.

e questo è un modo collaudato e scientifico per dirottare le discussioni.

si vede che hai imparato bene.

ma ho studiato anch'io.

quindi occhio.




cio' detto, dimostri ancora una volta mala fede.

inoltre è altrettando scorretto sostenere che non tratto questo e quell'argomento.

invece di lamentarti e picchiare i piedi, segnala, porta, spiega, dimostra, aggiungi.


parlaci tu dei francesi che hanno riesumato la dogana a ventimiglia e rimandano di qua i tunisini che vogliono andare di là, parlaci della siria e del complesso mondo delle tribu' beduine, degli shia, dei clan e della geopolitica del mondo arabo, se mai hai assagiato un kebab in vita tua.

i contributi sono sempre i benvenuti.

la merda tirata, no.

Dire che il mondo è cattivo e ti vuole male e capretta è cattivo e che nel litigio ha iniziato l'altro ti fa fare la solita figura, e francamente lo trovo ancora una volta penoso. per te.

saluti felici

felice

marcoravelli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
OT Mario Barbiero ha detto...

@Marco Ravelli
Nella foga di denigrare chi non la pensa come te hai dimenticato un insignificante quanto trascurabile particolare di secondaria importanza, irrilevante comunque quindi non te ne crucciare ...
LA GERMANIA HA PERSO LA SECONDA GUERRA MONDIALE
Chi era il quarto commensale a pranzo l'altro giorno con nel menù la spartizione libica?

Anonimo ha detto...

Ti seguo da tanto tempo e ho sempre apprezzato il tuo contributo per un'informazione libera e documentata. E' sicuramente vero che ti sei limitato a documentare e riportare i fatti, però è sembrato anche a me che non facessi una distinzione tra le rivolte egiziane, tunisine etc e la situazione libica che mi sembra diversa, più che una rivolta contro un regime appare come una conquista coloniale. In ogni caso ti leggo sempre volentieri!
niccolò

Felice Capretta ha detto...

@ marco

i miei commenti non sono moderati e possono apparire prima degli altri che sono ancora in attesa di essere moderati.

quindi se vedi apparire il mio commento ma non il tuo, potrebbe non essere censura ma semplicemente il fatto che non ho ancora guardato la pagina di moderazione..

infatti il tuo commento c'e' ed è tutto intero ed è comparso insieme agli altri poco fa, come quasi tutti dall'inizio della moderazione, nonostante quello che dicono quelli che non si firmano (e che hanno tutti indirizzo ip proveniente sempre da una o due aree geografiche ben definite) o il solito hiei.

occhio, confondere il falso con il vero solo perchè il falso viene urlato forte solitamente induce nell'errore. ma capisco benissimo...capita : )



@ mario

è vero caspita!



saluti felici

Felice

Felice Capretta ha detto...

@ nicolo'

a mio avviso la dinamica è la medesima e ribadisco che quello che sta succedendo nel mondo arabo ha una matrice comune e spontanea.

ribadisco anche che la matrice potrebbe essere comune a tutto il mondo perchè la misura è colma, solo che nei paesi arabi è un po' più colma che qui da noi e quindi si sono mossi per primi.

in libia tutto è andato più o meno nello stesso modo che in egitto e in tunisia sostanzialmente fino a quando gheddafi non ha giocato il joker del fuoco sulla folla.

bombardamenti inclusi, che, ribadisco, sono stati successivamente documentati (alla faccia di chi insinuava che fossero un'invenzione. sempre la stessa persona, peraltro)

da quel momento in poi le cose hanno iniziato a prendere un'altra piega. e infatti abbiamo visto l'intervento estero, la NFZ, i tomahawk, l'infiltrazione delle SAS, il supporto ai ribelli, in sostanza le mani forti sulla libia.

infatti da allora, se ci fai caso, ho rallentato di molto la mia copertura. più che altro, quando ci sono i militari di mezzo diventa ancora più difficile distinguere il vero...cioè di solito diventa inutile.

saluti felici

felice

marcoravelli ha detto...

Cito:

Washington, 18 mar. (TMNews) - Il presidente degli Stati uniti Barack Obama ha chiamato questa notte il capo di stato francese Nicolas Sarkozy e il primo ministro britannico David Cameron per coordinare una strategia sulla Libia dopo l'approvazione della risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza dell'Onu che autorizza un ricorso alla forza contro le forze di Muammar Gheddafi. In un comunicato, la presidenza americana segnala che "i leader si sono messi d'accordo sul fatto che la Libia deve conformarsi immediatamente alla risoluzione e sul fatto che le violenze contro la popolazione civile devono finire". Obama, Sarkozy e Cameron "hanno concordato su un coordinamento stretto sulle prossime tappe e sul fatto di continuare a lavorare con i paesi arabi e gli altri partner internazionali per garantire l'applicazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza sulla Libia", ha fatto sapere la Casa Bianca. (fonte afp)

è molto chiaro:
i vincitori comandano, Germania e Italia sono tenuti ad uniformarsi alle loro decisioni.

OT Mario Barbiero ha detto...

@Marco Ravelli
parafrasando una celebre pubblicità ... essere vincitori di una Guerra Mondiale ... ha i suoi privilegi!
Ma dimentichi confido in buona fede che il terzetto dei volenterosi ha provato a coinvolgere la Germania e questa gli ha detto no!
E i teteschi di cermania non li volevano mica per fare come faceva la DC una volta quando aveva la maggioranza dei voti e poteva governare da sola, ma portava lo stesso al governo 4 o 5 partitini (liberali, repubblicani, socialdemocratici) giusto come specchietto per le allodole di una nei fatti inesistente pluralità di opinioni: per questo nei volenterosi a fare da partner di cartone ci sono Croazia, Slovacchia, Quatar ...
Pensate, non ci hanno voluto nemmeno come sagome di cartone!
D'altra parte bisogna dirla tutta, la badilata in faccia Silviuccio se la è presa e noi con lui perchè ha pensato di andare per la sua strada e non per quella che mamma e papà Rotschild gli avevano indicato.
Quindi povero silviuccio se segui i poteri forti sei colluso, se segui una tua strada sei pirla, insomma che vita di merda che fai, bunga bunga a parte ...

marcoravelli ha detto...

io non denigro,
semplicemente dico che tutto discende dall'Economia.
Se non sta in piedi quella non sta in piedi nulla.

Che Berlusconi vada a troie non è certo un problema per gli italiani
ma che Obama non capisca una beata minchia di economia e tenga in carica quel deficiente di Bernanke è invece un grosso problema per tutto il mondo!!!

da ciò deriva tutto ciò che noi riteniamo essere un problema... dalla scuola che non serve più a nulla alla sanità insostenibile...
dalla rivolta nel magreb a alla crisi economica...

e francamente se avere le risposte, per te significa perderti nei pettegolezzi proprio non ci siamo... meglio io che le risposte le stò ancora cercando!!

Hiei ha detto...

@felice

"io ho raccontato, non ho sostenuto."

Ah, davvero? Davvero davvero?
23 Febbraio, bello:

"Risulta comunque che la Cirenaica è ormai completamente liberata, mentre la Tripolitania è ampiamente nelle mani dei manifestanti. E' a Tripoli che da giorni si gioca la partita finale.

L'ambasciatore libico in Italia continua a non volersi dimettere. Questo fa di lui un sostenitore del futuro ex regime e dovrà fronteggiare l'accusa di genocidio se e quando sarà formulata.

Potete fargli sapere quello che pensate chiamando l'ambasciatore, Hafed Gaddur, al numero 06 86320951. Gli affezionatissimi romani che volessero fargli un salutino di persona lo trovano al suo ufficio sulla Nomentana al civico 365. Di seguito invece le email, più pratiche."

E questo NON E' SOSTENERE?
Certo più facile scappare dalle domande e denigrare minacciando di censurare di nuovo (tanto lo sappiamo che farai così e quello era solo lo spot per giustificarti preventivamente, non PUOI rispondermi, semplicemente).

Vediamo se hai la dignità di rispondere a questo e a tutto ciò che ho scritto prima e che hai ignorato. Ma rispondere stavolta.

OT Mario Barbiero ha detto...

@Marco Ravelli
potresti dire le stesse cose, senza per questo darmi dell'imbecille, cosa questa che a me non fa né caldo né freddo perchè non influenza la mia di vita, ma solo la tua nella parte che riguarda il tuo approccio verso di me e e i miei pensieri "del cuore".
Detto questo ti leggo sempre volentieri per quello che vale la cosa.
Penso che in terzultima analisi sia giusta la tua affermazione che tutto va ricondotto alla'economia.
Quello che non condivido è il peso che dai agli aspetti finanziari e cosa ancor più importante che tu dimentichi o sorvoli che alla fine o meglio all'origine di tutto ci sono sempre degli esseri umani, con i loro comportamenti che sono frutto dei loro pensieri che sono frutto del grado di coscienza che hanno raggiunto.
Chi tira le fila del mondo ha una coscienza (sporca o pulita è un giudizio che non mi compete e che anzi trovo superato) più elevata di chi si fa tirare.
Quindi nessuna ingiustizia, ognuno è dove deve essere e ognuno ha ciò che deve avere.
Se non gli va bene basta rimboccarsi le maniche cuore", che è più facile di quel che si pensi.
Ci si può anche rimboccare le maniche della "mente", ma è tanto più faticoso e limitato.
Parola di chi ha provato entrambe le strade.

Felice Capretta ha detto...

@ hiei

in che modo l'invitare le persone ad esprimere la propria opinione, quale essa sia, è collegata al sostegno ai rivoltosi?

(al decimo "tanto non mi pubblichi" che viene pubblicato vinci uno specchio contro il quale accanirti a coprirti di ridicolo)

felice

luigi ha detto...

@mario "Quindi povero silviuccio se segui i poteri forti sei colluso, se segui una tua strada sei pirla,"

Eh, bisogna invertire i fattori: se sei pirla prendi certe strade, e soprattutto le prendi in certi modi... Fare affari con Gheddafi va bene, ma lasciati aperta una porta, cribbio! Ma come fai a comprometterti in questo modo? E i baciamano, e i caroselli, e le amazzoni... Il sistema dell'alta politica internazionale è sostanzialmente mafioso, le simbologie contano, lui dovrebbe saperne pur qualcosa visti i trascorsi e viste le persone di cui si circonda...

Anonimo ha detto...

"D'altra parte bisogna dirla tutta, la badilata in faccia Silviuccio se la è presa e noi con lui perchè"
Fatemi capire: l'hanno data a sivlio perchè è lui, quindi non l'avrebbero data a prodi, o l'hanno data all'italia perchè non conta una cippa.
... e, effettivamente, dopo esserci autoscgovernati per 70 anni, aver perso il treno dell'industrializzazione, prima rallentata e fermata e oggi in completa dismissione, aver sputtanato i risparmi del popolo più risparmiatore per coprire i bon bancari, ecc...
davvero pensiamo che dovremmo contare di più?
davvero è colpa di pippo o di pluto?
davvero pensiamo di non aver superato il punto di non ritorno?

@ Hiei e Felice
personalmente trovo che le polemiche con Hiei indispongano, facciano perdere tempo e interesse per il blog. Mi dispiace per Hiei e i suoi contributi, ma è più quello che toglie che quello che da... dagli un taglio che si sta meglio senza, tanto non c'è verso di uscirne. che si apra il suo blog per dire la sua.
Fra

Felice Capretta ha detto...

@ fra

vero, mi sono lasciato prendere perfino io.

saluti felici

felice

Anonimo ha detto...

@hiei

perchè ce l'hai tanto con felice?

lui fa quello che si sente e cerca di dare le notizie che altri non danno o, peggio, danno in modo parziale e tendenzioso.

anche se dovesse in cuor suo "tifare" per i ribelli e questo dovesse trasparire dai suoi post, quale sarebbe il problema?
meglio essere dalla parte delle popolazioni che insorgono dopo anni di sopprusi o meglio essere dalla parte dei dittatori?

felice mette molta ironia in ciò che scrive e, a volte, questo immagino possa infastidire qualcuno soprattutto quando si toccano argomeniti critici come l'olocausto.
anzi, tornando indietro, mi sembra proprio che da dopo il suo post sulla giornata della memoria in molti abbiano iniziato ad attaccarlo anche sul resto...

sta poi all'acume di una persona capire certe sottigliezze e certe ironie, ma si sa, non tutti abbiamo la stessa testa e laddove ad uno scappa un sorriso, ecco che un altro si sente offeso.

il tuo comportamento è pesante, immaturo a tratti ed il tuo accanimento patologico.

perchè semplicemente, come hai fatto più di una volta, non prendi il largo?
cosa te lo impedisce?
noi non chiediamo di essere salvati e, comunque, non affideremmo mai questo ruolo a te!

non vedo come gli insulti, l'interpretazione in malafede di ciò che viene scritto e il tono supponente possano dare un qualsiasi contributo edificante alle discussioni.
ed ora non scrivere che nemmeno questo questo mio commento è costruttivo perchè questa battuta l'hai già usata troppe volte.

spero di non scatenare l'iferno con questo mio commento...

un saluto da una lettrice stufa di leggere le tue banalità.

t.

Felice Capretta ha detto...

temo che non leggerai mai la sua risposta, l'ho rimesso in cantina a fare i conti con i suoi incubi dopo che effettivamente mi sono fatto prendere la mano.

comunque grazie per le parole sensate, molto apprezzate.

saluti felici

felice

Felice Capretta ha detto...

su richiesta di hiei pubblico il suo ultimo commento.

-------------------------------

"in che modo l'invitare le persone ad esprimere la propria opinione, quale essa sia, è collegata al sostegno ai rivoltosi?"

In che modo invitare la gente a perseguitare (più o meno velatamente) un ambasciatore, pubblico ufficiale di uno stato sovrano, a dimettersi dal suo lavoro e pronunciarsi di fatto contro il suo legittimo governo sotto la mincaccia di essere processato per genocidio se non acconsente, è "non sostenere"?

In che modo chiamare i territori controllati dagli insorti o come li vuoi chiamare "liberati" è non prendere posizione?

Se devi prendere per i fondelli, almeno impegnati! Capisco che è davvero dura, ma provaci, per rispetto dell'altrui intelligenza.

Ci fornisci le prove dei piloti disertori di cui hai più volte parlato o dobbiamo concludere che era tutta propaganda, visto che "non sostieni"?

Devo ripeterti le domande venti volte come ai bambini piccoli o cominci a rispondere a qualcosa?

Che guarda che ne ho una montagna d'altre di cosette di cui parlare, e scusa tanto se diffido, dopo una quindicina di commenti assolutamente legittimi che mi hai cancellato...

Ah! "Tanto non mi pubblichi"!
(mi serve uno specchio nuovo per l'anta dell'armadio! :'D )

-------------------------------



E con questo la pratica hiei è chiusa e consegnata al dimenticatoio.

saluti felici

felice

marcoravelli ha detto...

ammetto di provare un particolare fastidio per i raginamenti fatti col Cuore anzichè con la testa, soprattutto quando questi portano a conclusioni che non sono semplicemente sbagliate ma tendono pure a giustificare il regime vigente.

il grosso problema del GEAB è che è redatto dai Franciesi e per taqnto non saranno certo loro a dirvi che la posizione debitoria della Francia è molto peggio di quella spagnola; certo: loro godono di fiducia maggiore, ma i conti dovranno tornare comunque.

con un debito che quest'anno salirà al 100% del Pil e un deficit del 7%, considerando che il loro Pil è maggiore del nostro, basta una scoreggia perchè anche loro finiscano in default tecnico (che però è un termine che non va di moda).

Da qui la necessità di "colonizzare " il magreb.
ovvero trovare nuove discariche per la necessaria inflazione monetaria che ancora dovrà venire...

ma questi sono ragionamenti che si fanno con la testa, se si ha il coraggio di pensare che l'uomo delle caverne e quello della silicon valley sono la medesima cosa.
Nulla è mai cambiato nella natura umana e forse non cambierà mai.
sono semplicemente i mezzi ed i modi ad aver mutato forma.

se però qui ci si lascia trasportare dal Franco-Pensiero o dall'indo-scentismo non si riesce più a cavare un ragno dal buco....

[OT]
P.s. @Luigi

ho costruito un piccolo bruciatore Pirolitico ma ho bisogno di perfezionarlo, se hai consigli, visto che ti vedevo molto informato contattami a:
marco@marcoravelli.com

Anonimo ha detto...

@ FC Mario e ..
rimane non risposta la mia precedente domanda...
"Fatemi capire: l'hanno data a sivlio perchè è lui, quindi non l'avrebbero data a prodi, o l'hanno data all'italia perchè non conta una cippa."
Aggiungo: l'italia ha rotto le uova nel paniere a francia e usa pretendendo che il comando fosse spostato sotto la nato: è la prima volta, a mia memoria, che l'italia alza la voce con i paesi che hanno vinto la guerra e l'ha vinta.
mi pare che siamo alle solite, basta contestare e autosputtanarci: se si fa, non va bene, se non si fa, non va bene. ma lo conoscete un altro paese dove tutti autosputtanano il loro popolo sempre e comunque, al pari di questo?
per es, I francesi ripristinano le frontiere e non mi pare ci siano comunist-pacifist.- buonisti che contestano. cosa avrebbero detto i vendola di turno se fosse successo da noi?
cosa avrebbero detto i santoro di turno se le proteste fossero arrivate da un veneto che già è carico di immigrati come un uovo da decine di anni?
anche questa volta forse un po' di obbiettività in più non guasterebbe.
Fra

Anonimo ha detto...

"E con questo la pratica hiei è chiusa e consegnata al dimenticatoio."

Già e con questo credo sia chiusa la pratica "Informazione Scorretta".

Felice, hai preso un granchio con l'Egitto, la Tunisia e sopratutto con la Libia, può succedere..., solo gli idioti non cambiano idea.

Hiei non ha offeso nessuno e non ha usato termini volgari in questi suoi ultimi interventi, quindi di CENSURA si tratta.

Un saluto con stima per il lavoro che hai fatto e per avermi REGALATO dei bei momenti.

guru

Anonimo ha detto...

CIA i ribelli libici sono combattenti irakeni di al quaeda
http://www.marketoracle.co.uk/Article27232.html

The rebels are clearly not civilians, but an armed force. What kind of an armed force?

Darnah, northeast Libya: World Capital of Jihadis

The anti-Qaddafi Libyan Islamic Fighting Group (LIFG) Merges with al Qaeda, 2007

ecc.
da leggere
Fra

marcoravelli ha detto...

per una volta tocca pure a me dar ragione a Guru....

Felice Capretta ha detto...

@ fra

non è tanto questione di sputtanamento del popolo ma dell'inettitudine della classe politica e dello sputtanamento della medesima.

se si fa non va bene, se non si fa non va bene, è vero: perchè non è la cosa in se' ma quello che è stato fatto finora e soprattutto il come la si fa oggi.

basterebbe avere un minimo di attributi per prenderlo in quel posto almeno con dignità, e già sarebbe un passo avanti.

non potremo opporci al saccheggo del nostro cortile di casa (adesso ci stanno anche depredando quello che ci è rimasto in casa, con le scalate ai gruppi alimentari), ma almeno finiamola di fare i servi sciocchi e sorridere con gioia ai cari alleati mentre ci depredano a destra e a manca.

indovina perchè sorridono? *

anche perchè in fondo il nostro è pur sempre un grande paese, la settima o l'ottava economia mondiale, c'e' genialità e ci sono grandi risorse.

basterebbe un tantino di coraggio e un minimo di intelligenza per disobbedire all'ordine mondiale costituito e rilanciarlo alla grande, questo paese.


@ fra sul secondo commento

ehm, non so come dirtelo, ma dell'effettiva esistenza di al qaeda se ne potrebbe parlare a lungo, il che fa cadere un po' tutto l'articolo. puoi partire da qui, shceda su luogocomune ma tin invito a fare le tue ricerche.



@ guru

deduco che hai confuso quello che ho scritto con quello che mi ha messo in bocca hiei.

pazienza.

è stato comunque un piacere, e comunque il premio del primo commento di un utente su IS è tuo e nessuno te lo toglie :-)

saluti felici

felice

* sorridono perchè i nostri politici se ne fregano che qualcuno li stia derubando delle risorse, tanto i medesimi politici hanno già trovato qualcuno su cui rifarsi derubandoli a loro volta. e indovina chi è.... (la risposta è facile :/ )

OT Mario Barbiero ha detto...

@guru
"solo gli idioti non cambiano idea"

quindi dato che da quasi tre anni TU sei sulle medesime posizioni la logica conseguenza è ... chi di battuta ferisce di battuta perisce!

ps di me potete dire tutto, ma non che sia rimasto della stessa idea di quando sono arrivato qua ...

Anonimo ha detto...

@ Felice
ok, sottoscrivo
quello che volevo sottolineare io è che l'inetta gestione della classe politica è generalizzata da 70 anni e che abbiamo perso il treno, come (qualsi ex) n.ma potenza economica.
non è colpa del sempre e solito berlusconi.

@ guru
.. si tratta di scegliere se tenersi alcuni e perderne altri, o viceversa... non potevi più tenere tutti... la misura era colma. uno che grida per non far parlare gli altri è meno democratico di chi lo mette fuori dalla porta.
Fra

Anonimo ha detto...

@ Mario
confermo, meglio prima!
ps: chi di battuta ....
Fra

Il Bagatto ha detto...

Uno dei punti di forza di IS era la spontaneità e la velocità nel rincorrersi delle varie opinioni. Non amo la censura (o moderazione, se preferite). Quando vi è un commento non gradito, lo si salta e non ci si accanisce a risponderte a tutti i costi. In ogni caso anche dietro un commento urlato o addirittura scorretto può esserci qualcosa di interessante. Hiei (a proposito: è la sua foto quella che campeggia all'inizio di questo articolo? ... )poteva essere pesante per molti, ma qualche riflessione (almeno in me) è stata evocata. Un caro saluto a tutti (Indo, in questi giorni mia figlia è dalle tue parti! Se la incontri sono sicuro la riconoscerai!) e lunga vita ad IS e ai suoi partecipanti !

luigi ha detto...

@marcoravelli, al volo puoi cercare in internet "lucia stove" è un tipo di vicino voghera che fa bruciatori pirolitici: oltre che produrli interloquisce volentieri e incoraggia gli autocostruttori. Nel suo sito trovi dei disegni di partenza e delle misure di massima per il dimensionamento di un piccolo bruciatore. Da lì in poi tanto smanettamento e prove e riprove... Se non ho capito male hai un'azienda di lavorazioni meccaniche?

Anonimo ha detto...

@ felice
Faccio un appello per hiei ,ognuno dica la sua e si assume la responsabilita di cio'che scrive -
Tutti hanno diritto di dire cio che pensano e credono anche se sbagliato.
No alla moderazione dei commenti

tuo affezionato lettore

Anonimo ha detto...

il pessimismo di Barnard
RAGE AGAINST THE MACHINE?
parte 1
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8121
parte 2
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8123

Cosa succede realmente in Libia?
http://scienzamarcia.blogspot.com/2011/03/cosa-succede-realmente-in-libia.html

OT Mario Barbiero ha detto...

@fra
Ma a me non interessa la tua opinione sul mio conto.
Sei comunque un acuto osservatore e uno che si documenta, quindi un occhio di riguardo te lo concedo, per quello che può valere per te la mia di opinione invece.
Io sto molto meglio adesso e di certo indietro non torno più!
Per quanto riguarda prodino e co. il mio pensiero è sugli italiani e l'Italia; sono gli stessi del tempo di Berlusconi, di Prodi, di Craxi, di Andreotti.
Infatti dopo la prima guerra del golfo l'allora ministro De Michelis (che andava per discoteche con le battone) potè sedersi al tavolo dei vincitori e prendere la parte spettante all'Italia:" due casse di datteri e un cammello sdentato!"
Diciamo che gli Italiani erano migliori al tempo del secondo dopoguerra ...

Anonimo ha detto...

A volte la soluzione semplice ad una situazione complessa è quella giusta. Ragionamento:
1. Il peak oil è stato superato quindi bisogna guardarsi intorno e cercare la più vicina fonte di approvvigionamento.
2. Se salta tutto inclusa la visione europeista allora bisognerà ripiegare sulla autodifesa nazionale.
3. Lo status quo nel Maghreb sta per saltare, bisogna prendere la parte del nuovo e sostenerlo senza se e senza ma.
Questo è stato il ragionamento francese.
Il ragionamento italiano è stato incapace di constatare il punto 1, comprendere il punto 2 ed immaginare il punto 3 credendo che tutto potesse rimanere immutabile, che il potere potesse essere trasferito da padre Gheddafi a figli e compagnia bella e che gli amici restassero a guardare.
Non è stato così per la cialtronaggine dei nostri governanti e le conseguenze gravi dovranno ancora addivenire. Quando la benzina comincerà a scarseggiare ne riparleremo.
M

fenice araba ha detto...

1)Premesso che ognuno a casa propria invita chi vuole ed è padrone di chiedere agli altri un linguaggio consono al proprio io.

2)Premesso che ognuno a casa propria tiene pulito come vuole, di conseguenza se felice ha deciso una pulizia di primavera anticipata e continua, è una sua decisione e va rispettata.

3)Se la moderazione viene interpretata come censura, di certo felice non può negare a questi “personaggi “ di aprirsi un loro blog ed insultare gli altri da li.

Detto questo, felice, da signore quale ti ritengo, se hai tempo e voglia, potresti aprire te un blog del tipo: “ I Post che non mai letto” e buttare li la spazzatura.

A quanto ho capito, l’era moderna ha bisogno di turpiloqui e frasi ambigue che creano discordia e incomprensioni, senza l’uomo modero si sente perso a causa della mancanza di un proprio io.

Anonimo ha detto...

@ Mario
se sono qui è perchè mi interessano le opinioni. meglio se contribuiscono alla mia conoscenza. mi incacchio solo quando vedo che si cerca di propinare il proprio pillolozzo ogni 3x2, prendendo a spunto pretestuosamente alcune frasi estrapolate. comunque liberi tutti.
intanto oggi o domani rilasciano gli stress test delle banche irlandesi, che probabilmente saranno nazionalizzate a breve come unica soluzione.... e così, come sostengo da tempo, l'europa si avvierà sulla strada del dissesto ben prima degli usa. come quando venirono abbandonati i paesini al confine dell'impero, ben prima che roma implodesse.
Fra

Anonimo ha detto...

non sarebbe meglio bloccare post contenenti insulti e attacchi personali lasciando passare tutto ciò che contiene concetti, idee ed opinioni? Il problema secondo me è che questa censura/moderazione che dir si volgia è diventata "ad personam" e con evidenti caratteri punitivi. In più è una censura spot in cui compaiono pubblicazioni fatte per ripicca o per dimostrare qualcosa o per mettere un po' in ridicolo. Questo mette in secondo piano i temi trattati.
Inoltre se Hiei fosse un narcisista la sua censura lo ringalluzzirebbe ancora di più, se fosse nella ragione sarebbe privato della possibilità di esprimerla, se fosse una di quelle voci perennemente fuori dal coro allora sarebbe un peccato togliere un importante stimolo al contradditorio.... Tieni fuori insulti e post che scendono sul confronto personale in modo smaccato...

marcoravelli ha detto...

@Luigi,

infatti, partendo proprio da quel modello ho costruito un piccolo bruciatore in ferro ma il mio intento è di farlo funzionare
SENZA l'INFLAZIONE di aria..(hahaha ... si vede che sono fissato!!)

luigi ha detto...

Purtroppo a quanto pare si conferma che la guerra nel deserto libico si risolva in grandi galoppate come nella seconda guerra mondiale: ribelli di nuovo respinti fino a Brega, Ras Lanuf di nuovo in mano ai lealisti, dopo Brega c'è Agedabia che è di nuovo minacciata: se cade, la via per Bengasi per Tobruk sono aperte. La partita non è per niente scontata. Se Gheddafi riesce a rimanere in sella sarà uno smacco epocale per il declinante occidente: forse che Cina e Russia abbiano scomeesso su questo quando si sono astenute in sede ONU?

Synthesis ha detto...

chi critica la moderazione dei commenti dovrebbe provare ad aprire un blog e dire qualcosa che a qualcuno di quelli che si sente la verità in tasca (o che per lavoro deve avere la finta verità in tasca?) non va giù.

Un luogo di discussione rimane tale se le persone sono abbastanza mature, altrimenti diventa una caciara inutile e servono regole per chi non sa autoregolarsi.
Non per essere antidemocratico o simili cavolate, ma se decidiamo di fare un'assemblea e uno decide di venire con lo stereo a palla e non c'è verso di parlare allora non è più una assemblea, è un rave.

E poi esiste il trollaggio e il debunking basato sul mandare in vacca i topic e attaccare i commentatori. Questo aspetto non va ignorato, specialmente in questo specifico caso.

Felice Capretta ha detto...

@ il bagatto, fenice, anonimoo, synthesis

a livello "politico" concordo con felice e synthesis.

a livello tecnico, la moderazione è impostata per singolo commento, del tipo tutto/niente. non è possibile selezionare singoli spezzoni del singolo commento e far passare solo quello.

quindi non è possibile filtrare il contenuto "buono" da quello intenzionalmente manipolativo.

e in ogni caso non mi metto certo a farlo, così come non prendo in considerazione altre opzioni manuali come quella suggerita dalla fenice araba.

Pur concettualmente corrette, il punto è che con il blog non ci campo neanche lontanamente.

Lo faccio nei ritagli di tempo.

Non mi posso permettere di passare mezza giornata a filtrare e fare la raccolta differenziata dal momento che ho il mio lavoro da mandare avanti.

L'anonimo che entra nel merito dei contenuti moderati e mi lascia perplesso.

Come puo' sapere quali contenuti sono stati fermati e quali sono passati, dal momento che i commenti moderati sono visti solo da me e da chi li ha scritti?

saluti felici

Felice

luigi ha detto...

[OT]@marcoravelli
Il disegno fornito nel sito (quello per intenderci con cui ricavi un bruciatorino da due scatolette di pelati, una grande e una piccola) "funziona" senza ventilazione forzata. dico "funziona" con le virgolette perchè il rudiemntalissimo specimen che mi sono costruito fa il suo dovere in maniera piuttosto aleatoria, però devo precisare che l'ho costruito a occhio in maniera estremamente casalinga, comunque qualcosa fa. Se vai a vedere il loro sito hanno un modello senza ventilazione forzata che si basa sul fatto di allungare il "camino" di alimentazione del fornello. E' un bruciatore molto più alto a parità di diametro, forse puoi provare a replicarlo. Ciao

Anonimo ha detto...

@ Felice e a tutti i democratici
per uno che fa ce ne sono sempre 10 che ci parlano sopra, alla biscardi. guardiamo i fatti e siamo pratici. se chi scrive polemizza e porta a svilire la discussione, o tieni lui o mantieni il tenore della discussione.
sennò finisce come in parlamento dove non combinano nulla e chi potrebbe dare un contributo se ne tiene ben alla larga, andando da altre parti.

NEL FRATTEMPO - Ocio
irlanda studia il piano per addossare le perdite bancarie agli obbligazionisti -> a breve risultati stress tests -> le news dicono che si stanno vendendo in fretta e furia tutte le obbligazioni sovrane Europa.
se l'irlanda proseguisse, e speriamo sia così, la sfiducia crescerebbe e si arriverebbe allo stallo dei rifinanziamenti sovrani, vedi spagna e italia.
stiamo arrivando al bello.
Fra

Anonimo ha detto...

non mi riferivo a post in particolare, parlavo solo di un pricipio generale da adottare. Il tuo sile di moderazione fa trapelare uno stile punitivo da cui si deduce che ci sono probabilità che ci siano messaggi non offensivi cancellati. Ricordo un tuo post in cui dicevi qualcosa del genere che riporto a parole mie: "il minimo che ti possa capitare dopo aver insultato è di non essere più pubblicato per un po'". In iù emergerebbe un pizzico di nervosismo tipico di chi sta reagendo e non agendo.

Anonimo ha detto...

a tutti i fautori della liberta' a tutti i costi. per esempio:

"Faccio un appello per hiei ,ognuno dica la sua e si assume la responsabilita di cio'che scrive -
Tutti hanno diritto di dire cio che pensano e credono anche se sbagliato.
No alla moderazione dei commenti"

-

CARO AMICO, anche Berlusconi (del quale tanti di voi si lamentano) allora e' libero di dire quello che vuole, o no?
quando tratta con gli altri e parla di affari (suoi) non ha forse il diritto di farlo?
non e' forse questo che chiedete a gran voce adesso?

pero' per Hieee va bene ma per Berlusconi no?
Berlusconi e' si libero, ma di fare come pare a voi.

idem Capretta, non e' forse libero di fare come gli pare?
poi qualche cima dira' che le parole e le immagini non fanno male a nessuno e se non piacciono si saltano.

BENISSIMO CARE CIME, allora guardate tutti i giorni un bel pornazzo di fronte ai vostri figli piccoli e fanculo, se non gli piacciono che li saltino!
e poi mi metto di fronte alla scuola prima che entrano e comincio ed esplico il mio dizionario di bestemmie.

qualcuno ancora piu' intelligente dira': ma i figli sono piccoli...
che secondo lui vuole dire tutto ma che in realta' non significa niente.
se secondo lui i figli sono piccoli ed e' giusto censurare allora anche secondo me chi legge IS e' piccolo (e mooooolto piu ignorante di un bambino) e censuro.
non e' forse la stessa valutazione soggettiva? o quella della censura su IS e' piu' soggettiva di quella sui bambini?

UN PO' A TUTTI, rasentate un livello di intelligenza intermedio tra un albero e un babbuino.

affermate di no?
e' la dimostrazione che il livello "babbuino" non e' ancora stato raggiunto.

indopama

Roberto ha detto...

Allora , premesso che il mondo non è comandato da una "stanza dei bottoni" , anzi i bottoni non ci sono proprio.
Non esiste che un tizio in America dica , ma dai facciamo una rivoluzione così comandiamo noi , dopo.....
Beh , magari c'è , ma non è una espressione di tutti gli americani , è una fazione , con altre fazioni che possono essere anche contro.
E poi non è detto che i risultati siano quelli che uno si aspetta.
Parliamo invece di Tunisia, nelle città costiere c'è un'anarchia a metà , e lo dico per esperienza diretta.
I poliziotti si sono come volatilizzati , sono rimaste le milizie urbane (una specie dei nostri vigili) e l'esercito.
I Tunisini dicono che la polizia era particolarmente odiata e corrotta, oltre che il braccio armato di Ben Alì.
Adesso devono ricostruire le milizie , e il paese , ma potranno farlo solo dopo le elezioni, per lo stesso motivo non c'è nessuno che abbia la voglia di fermare i barconi , dato che molti giovani hanno paura di non trovare lavoro nel turismo, e le aziende straniere hanno riaperto (per fortuna!), ma no assumono muovi operai , stanno a guardare.
Inoltre al momento non si sa se i benefici riservati alle aziende off-shore rimarranno (benefici fiscali e finanziamenti).
Questi ragazzi qualche cosa dovranno fare , sono centinaia di migliaia in Tunisia, la guerra in Libia ha enfatizzato il tutto.
Magari , per aiutare il paese si potrebbe fare una bella vacanza in Tunisia, così il poverino che passa il mediterraneo in gommone , magari vi porterà il daquiri a bordo piscina, invece
Là campavano con il turismo, un minimo di agricoltura e tante aziende straniere che producono a basso costo e senza tasse (già, offshore, senza dazi e Iva)
In Libia, invece c'è solo un sacco di petrolio , di acqua e poca popolazione , poveretti , anche con Ghandi al potere erano destinati ad una massiccia iniezione di democrazia.

OT Mario Barbiero ha detto...

"anche con Ghandi al potere erano destinati ad una massiccia iniezione di democrazia"

Parole da scolpire nella pietra!

Gian Piero ha detto...

Peccato
Eri una simpatica capretta.

Hai pestato una merda di Tirannosauro in Libia.

Ma non farti un problema, son merde accuratamente nascoste, spero che faccia tesoro, quando Hitler parla di democrazia e sublimi valori, scappa.

Vuol solo fare guerra.