domenica 16 maggio 2010

L'euro non è sotto attacco, dice il presidente Bce Trichet

Visto su Reuters, merita un posto di prestigio nella galleria delle Pompose Dichiarazioni raccolte da Informazione Scorretta.

La dichiarazione di Trichet è particolarmente gustosa.

Una simile ricchezza di castronerie tutte insieme non la sentivamo da tempo.

Talmente enormi che gli abbiamo dedicato ancora una volta l'immagine del post, qui in posa nella più brillante e sfavillante espressione del suo genio.

(ehi, questo è l'uomo che ha le mani sui vostri soldi)

BERLINO
(Reuters) - L'euro non è sotto attacco, nonostante abbia toccato il minimo contro il dollaro degli ultimi 18 mesi. Lo ha detto oggi (sabato, NDFC) il presidente della Bce Jean-Claude Trichet.

[NFDC]

Uhm, meno male che non è sotto attacco.

Pensa se era sotto attacco, che fine faceva.

[/NFDC]



Tasso di cambio Euro-USD negli ultimi 3 mesi


In un'intervista pubblicata dal giornale tedesco Der Spiegel, Trichet dice che l'Europa si è ritrovata nella situazione peggiore dalla Seconda guerra mondiale e forse dalla Prima.

Ma descrive come un "nonsenso" le voci che i governi della zona euro avrebbero forzato la Bce ad agire questa settimana.

Trichet ha anche chiesto un passo avanti nel reciproco monitoraggio dei budget dei governi della zona euro, e ha detto che servono sanzioni effettive per il mancato rispetto del Patto di stabilità.

Più che i mercati valutari sono i governi europei, ha detto Trichet a Der Spiegel, ad avere la responsabilità del calo dell'euro.

Ed ora, le dichiarazioni virgolettate di Trichet:


Non è questione di un attacco all'euro. Ha a che fare con il settore pubblico e quindi con la stabilità finanziaria nella zona euro.

Dove l'abbiamo sentitita, questa? Ah, già, Alastair Darling, Cancelliere dello Scacchiere, commentando il gesto dell'ombrello fatto da Londra agli europei in cerca di aiuti prima del mega piano truffa da 700 mld EUR:

E' chiaro che la prima responsabilità degli Europei è adottare misure appropriate per neutralizzare le attuali tensioni in Europa.
Neutralizzare le tensioni. Giusto.

Prendiamo le nostre decisioni in completa indipendenza e molte volte ci siamo messi contro i capi di governo.

Completa indipendenza. Già.


Alla domanda se la Grecia dovrebbe lasciare l'eurozona, il presidente della Bce ha risposto:

No, non è una possibilità. Quando un Paese entra nell'unione monetaria, condivide un destino comune con gli altri.

Quello di cui abbiamo bisogno - ha però aggiunto - è un passo avanti nella sorveglianza reciproca delle politiche economiche in Europa. Abbiamo bisogno di meccanismi migliori per prevenire e sanzionare le cattive condotte.


Evviva.

Saluti felici

Felice Capretta

61 commenti:

Anonimo ha detto...

hahahah!

Si narra che il giovane Trichet volesse disperatamente percorrere la carriera del comico teatrale e che l'arcigna madre lo obbligo a quella del bancario .
Anni dopo questa sua antica passione continua di tanto in tanto a far capolino :-D

Tanto per restare in tema di comiche, domani l'euro scivolerà solo soletto su una buccia di banana...

Ci staranno anche fottendo il futuro, ma almeno ogni tanto ci regalano una risata :-D


Rasenna

Pluto ha detto...

ma vaffa....
Questi stanno tirando su tutto sto casino dell Euro per farci accettare una dittatura europea...

Anonimo ha detto...

Postavo quanto segue:

Tempo di elezioni in Germania

I plandbriefe sono ancora in essere........ma tripla A non lo sono proprio....


Aug. 24 (Bloomberg) -- Germany was minutes away from its biggest bank failure since 1931 when Chancellor Angela Merkel found herself bargaining with Deutsche Bank AG Chief Executive Officer Josef Ackermann on his mobile phone.

The nation’s financial system was heaving after credit evaporated with the Lehman Brothers Holdings Inc. bankruptcy two weeks earlier. Merkel and Ackermann now were haggling over how much money banks would provide to avoid their mutually assured destruction if they didn’t come to terms before the Asian markets opened.

Europe’s largest economy and its bankers were “millimeters from the abyss,” said Finance Minister Peer Steinbrueck, before Merkel broke the deadlock. When she accepted Ackermann’s final offer, the banks agreed to provide 8.5 billion euros ($12 billion) as part of a 35 billion-euro rescue package for Munich- based Hypo Real Estate Holding AG last Sept. 29.

“If she hadn’t reached me at a quarter to one that morning, it would have been over,” Ackermann told lawmakers on July 28. “I ran back to our room and shouted: ‘stop, stop, there is a solution.’”

If Merkel was engaging in brinksmanship for tactical reasons, “it went pretty far,” Ackermann said. “It was dangerous.”

That political savvy, honed during East Germany’s transition to democracy 19 years ago and sharpened during the 25-month-old financial crisis, is yielding dividends as Merkel retains a lead of 15 percentage points in the weeks before the Sept. 27 election. As chancellor, she is more popular than the Christian Democrats she has led since 2000 and with whom she has been affiliated in the Bundestag since reunification in 1990.

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Il 26 agosto 2009 postavo questo

http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2009/08/mercati-economia-e-speranza-da-leggere.html

Ricordiamo il caso Hypo Real Estate perchè è da manuale, ovviamente LORO possono avere sede in Irlanda per non pagare, scusate, per evadere le tasse (socialisti di m......):
L’espropriazione degli azionisti, ultimo provvedimento del governo tedesco, può verificarsi qui da noi? Scopo di tale manovra: salvare una banca quasi sconosciuta, la Hypo Real Estate, che rischia di franare trascinando con sé l’intero sistema bancario tedesco. Il buco scavato dalla HRE già rasenta 100 miliardi di euro, e lo Stato è costretto ad agire con misure che vanno da una legge straordinaria a un piano d’urgenza, per dare sostegno a questo mostro malato.
Ma perché bisogna salvare a tutti i costi la banca di Monaco di Baviera? La banca Hypo Real Estate, fondata nel 2003, è la pietra angolare di una "eccezione" tedesca: le Pfandbriefe. Tali obbligazioni coperte, sorrette da ipoteche, hanno 170 anni di vita (sono stati creati da Federico il Grande in Prussia nel 1769: servivano soldi per la guerra dei 7 anni!) e sono considerate il più sicuro investimento del paese. Non esiste ente, città, ospedale che non possieda delle Pfandbriefe nel suo giro d’affari.
Tuttavia, la HRE ha emesso l'equivalente di 900 miliardi di euro. Se crolla, il colpo sarà così terribile che il governo non può nemmeno ipotizzarlo. Fino a contemplare il provvedimento estremo: espropriare gli azionisti per salvare la banca.
Crollati i pfandbriefe, sarebbe crollato il sistema economico europeo perchè i covered bond emessi dagli stati europei sono pari a 2100 miliardi di Euro: il mercato dei covered bond è il più liquido dell'economia mondiale!

Anonimo ha detto...

Nascita, crescita e agonia di un mostro.
Nata nel 2003 dalla divisione della Hypo-Vereinsbank, la Hypo Real Estate è stata progettata per fungere da discarica di quest’istituto, recuperando tutti i suoi crediti a rischio. Una bad bank anticipata. A capo, uno sconosciuto, Georg Funke, 48 anni, subcomandante della Hypo, il quale vede nella HRE la sua chance per diventare potente e ricco.
L'ingresso in Borsa è un successo, la HRE si stabilisce in Irlanda per risparmiare l’importo delle imposte. Inizia a rilevare piccole banche, come la Württembergische Hypothekenbank, una delle più importanti emittenti di Pfandbriefe, poi un istituto specializzato nei CDO, i subprime così popolari a Wall Street. Siamo nel 2005.
La HRE si amplia. Il suo titolare comincia a costruire un’enorme villa a Monaco di Baviera. Alla fine dell’anno, la HRE integra l’indice DAX, il primo della Borsa di Francoforte. La quotazione sale a 57,30 euro.
I capi della HRE mirano ormai a fare il colpo che permetterà all'istituto di diventare uno dei giganti del settore. La fusione con l’Eurohypo, istituto specializzato nel finanziamento di comunità, fallisce. Funke, allora, mette gli occhi sulla DEPFA, gigante tedesco delle obbligazioni ipotecarie, insediato in Irlanda. Ma nel capitale della DEPFA, si nascondono rifiuti tossici: subprime a profusione, rifinanziamento a tre mesi.
Crolla il mercato immobiliare americano, grazie al quale la Depfa realizza un incredibile rendimento del 30 per cento. Il proprietario della HRE non se ne cura. A luglio 2007 sborsa 5,7 miliardi di euro per acquistare la banca irlandese. Agli osservatori l’acquisto sembra arrischiato: in pratica, nessuno capisce cosa fanno i due istituti.
Quando, a fine estate, comincia a soffiare la tempesta dei subprime, Funke giura di non avere crediti a rischio. Però, a gennaio 2008, finisce per palesare 390 M€, milioni di euro, di subprime. Alla stessa data, le banche tedesche recitano l’atto di contrizione e mostrano i propri scheletri nell’armadio, mentre Funke, a telefono con gli analisti, continua a lodare il suo lavoro e la sua fiducia nel futuro.

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Credito d’emergenza
Gli investitori non ci credono e la quotazione precipita. La DEPFA inizia a mostrare segni di debolezza. Il mercato di vigilanza BaFin segnala irregolarità. Il 16 settembre, all’indomani del fallimento della Lehman Brothers, il proprietario della HRE fa appello al governo: la banca non trova più liquidità. Le occorrono 35 miliardi di euro. I delegati del ministero, al loro arrivo, scoprono che le necessità sono molto superiori e, nella notte, negoziano un credito d’emergenza di 50 miliardi di euro.
A tutt'oggi, sono stati, infatti, iniettati 100 miliardi di euro. Axel Wieandt, braccio destro di Josef Ackermann presso la Deutsche Bank, è chiamato in aiuto per mettere ordine (cioè il braccio destro del presidente di una banca virtualmente fallita METTE ORDINE. Metà del personale della HRE è alla vigilia del licenziamento, gli immobili stanno per essere venduti. La HRE è a terra.
PFANDBRIEFE Letteralmente, dal tedesco, "lettere o certificati di cauzione". Sono un tipo di bond emesso dalle banche tedesche specializzate nei mutui immobiliari: in pratica le banche che prestano denaro a chi vuole comprare una casa raggruppano i crediti che hanno con i loro clienti, creano delle maxiobbligazioni, e le frazionano poi in piccole tranche di titoli che ricollocano sul mercato per gli investitori. Questi tipi di bond rappresentano il segmento più largo del mercato dei debiti privati tedeschi e sono considerati della massima sicurezza. I Pfandbriefe sono simili alle Mortgage-backed securities degli Stati Uniti (dove mortgage è mutuo; backed significa «che è sostenuto, che si basa su»; e securities significa titolo: quindi "titoli basati su mutui").il pfandbriefe è una particolare obbligazione bancaria legata alla concessione di finanziamenti di credito fondiario e al settore pubblico, rigidamente standardizzata per natura degli emittenti autorizzati e classi di attivi sottostanti. Il pfandbriefe, nato come una security per il mercato domestico, è ormai un titolo di interesse internazionale. A partire dal 1995, è stata, in oltre, introdotta una nuova modalità di emissione – denominata Jumbo Pfandbriefe – destinata al mercato wholesale, che ne ha consentito, tra l’altro, la diffusione a livello europeo. Per Jumbo Covered Bond si intende una particolare emissione di covered bond denominata in Euro,principalmente con scadenza tra i 5 e i 10 anni, con modalità bullet, cedola annuale a tasso fisso, scadenza residua pari ad almeno due anni e con un ammontare in essere pari almeno a un miliardo di Euro; un jumbo covered bond, in oltre, per essere tale, deve essere contenuti, il che rende questo mercato uno dei più liquidi d’Europa. Le caratteristiche fondamentali, rispetto alla versione tradizionale del titolo, sono la maggiore liquidità e una più accentuata standardizzazione delle modalità di emissione. L’affermazione dei Pfandbriefe nel mercato internazionale, ha spinto molti paesi europei ad attuare riforme normative con l’intento di allineare la propria regolamentazione con quella tedesca accrescendo, così, la competitività di tali titoli.
Tale forte caratterizzazione dei covered bond comporta una serie di vantaggi sia per le banche emittenti che per gli investitori. Più precisamente, volendo elencarne i
principali, si parla di:
- trattamento agevolativo in termini di ponderazione ai
fini dei requisiti minimi di capitale delle banche (risk
weighting al 10% piuttosto che al 20% come le normali
obbligazioni bancarie);
- possibilità per i pfandbriefe di essere utilizzati nelle
operazioni di mercato aperto con la BCE;
- esclusione dell’applicabilità della normativa sui grandi
fidi (hai capito gran figli di m....)
- specifica deroga ai limiti di investimento previsti per le
compagnie assicurative (Direttiva CEE 2000/12).

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Chi ha inventato i Pfandbrief, Federico il Grande di Prussia nel 1769 http://en.wikipedia.org/wiki/Pfandbrief

Tutto quanto per dire che la Germania non è che se la passi proprio bene!

Il Folletto

Anonimo ha detto...

tranquilli boys l'europa è sostanzialmente salva!!! WOW!!! a pigliarlo in cu....saranno essenzialmente inglesi e americani. non lo dico io eh, lo dice il nuovo GEAB N.45 eccolo....

http://www.leap2020.eu/English_r25.html

Anonimo ha detto...

tutti a parlare male del trilione di dollaroni del piano emergenza europeo, beh il GEAB non lo pensa così..fate caso al trafiletto a destra della pagina

From the necessary Eurozone coup d’Etat to the good governance of Euroland: The European challenge of the next six months
Let’s be very clear: the LEAP/2020 team consider that the European decisions of the weekend of 8/9 May 2010 of simultaneously confirming total Eurozone solidarity and putting the EU under Eurozone control, are good ones.

Mario B. ha detto...

crepe nella diga anglosassone?

Nucleare: Turchia,c'e' accordo con Iran
Trovata intesa per scambio uranio, coinvolto anche Brasile
(ANSA) - TEHERAN, 16 MAG - E' cosa fatta l'accordo tra Iran, Turchia e Brasile sullo scambio di combustibile nucleare. Lo ha detto il ministro turco Davutoglu. L'intesa potrebbe porre fine al braccio di ferro tra Teheran e l'Occidente sullo scambio di uranio. 'E' stato raggiunto un accordo dopo quasi 18 ore di trattative', ha detto Davutoglu, giunto a Teheran assieme al premier Erdogan per colloqui con le autorita' locali e il presidente brasiliano Lula, anche lui nella capitale iraniana.

Anonimo ha detto...

http://www.nakedcapitalism.com/2008/10/uk-financial-system-close-to-collapse.html

Friday, October 10, 2008
UK: Financial System Close to Collapse; Italy Breaks on "Weak" G7 Draft

England, which has been more candid in talking about the financial crisis than other countries (the governor of the Bank of England has said, for instance, that living standards will fall) issued a blunt assessment earlier today. The scary update is that even overnight lending is starting to break down.

From the Financial Times:

UK authorities insisted on Friday that action, not words, was needed from this weekend’s meeting of the group of seven leading economies if there was to be any hope of saving the world financial system from collapse.

As financial markets stared at the abyss, the UK delegation to the meeting sought to raise the stakes in an effort to avoid a mere agreement on a set of broad principles.

Describing a world in which wholesale money markets were now refusing to lend to banks, even overnight, the UK authorities warned that the world was on the edge of a collapse of the financial system.

...............

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Secondo me non si salva nessuno,coliamo a picco tutti.
Si tratta solo di individuarela sequenza di quelli che si metteranno per primi a pecorina : Felice scusa la battuta infelice
inca

Anonimo ha detto...

http://icebergfinanza.splinder.com/post/22734442/non-sparate-sugli-speculatori
Fra

Anonimo ha detto...

Parlare dell'europa, vivendo nel contesto italiano, è come misurare il movimento dei ghicciai della groenlandia durante un terremoto.

L'industria sta a pezzi, le infrastrutture sono obsolete, lo stato è saccheggiato dai privati, la corruzione politica è a livelli storici, l'evasione fiscale è la regola, la libertà di informazione pari allo zimbawe, un debito pubblico ormai a livelli fantascientifici.

Noi abbiamo una crisi dentro la crisi, e se tremonti pensa che passata la bufera andremo a rimorchio dei paesi che si rialzeranno io penso più verosimilmente che prenderemo un bel pernacchione.

Perchè l'economia di un paese come il nostro funzioni i lavoratori devono avere potere di acquisto, in questo modo i consumi salgono e l'economia gira.

La prospettiva invece è: emorragia di posti di lavoro, riduzione dei servizi, inflazione, il tutto già in un paese con gli stipendi più bassi d'europa. Ergo la gente non ha un euro in tasca. In questa situazione anche il debito al consumo finisce la sua corsa di ammortizzatore.

Nel nostro paese l'unico lavoro sicuro rimasto è la politica, in quanti ci mangiano? 1 milione di persone? Che se la godano finchè dura.


Fede

giak ha detto...

Ciao a tutti. Non intervengo mai per non inserire castronerie, ma vi seguo assiduamente con grante attenzione e ammirazione. Un ringraziamento straordinario a Felice per tutto.
Però una domanda ve la voglio porre: con queste dichiarazioni, ora tocca a Trichet fare la figura del co****one, poi tocca magari a Draghi, poi alle agenzie di Rating, poi a Tremonti e... avanti di questo passo.
Considerando però che da più di 3 anni NON NE HANNO AZZECCATA UNA e tutto continua così, non vi vinene da pensare che tutta questa manfrina invece non sia una deliberata apparente azione coglionesca di dichiarazioni fasulle quanto, piuttosto, l'utilizzo dei media per mandare in giro MESSAGGI a chi CHI li DEVE RICEVERE? Messaggi, ovviamente, di contenuto opposto alla realtà?

Io non riesco a credere che tali coglionate passerebbero impunite. VIa, ma di fronte alle agenzie di Rating o a Ministri o Presidente delle Banche centrali che NON NE AZZECCANO UNA... ma con un minimo di dignità, sarebbero già stati cacciati a sonori calci in culo. E invece, tutto prosegue, e magari li promuovono ulteriormente: vuol dire che fanno parte di un copione e che lo stanno recitando bene...

Che ne pensate?

Un caro saluto a tutti
Giacomo

Anonimo ha detto...

GEAB N°45 è disponibile! Crisi sistemica globale - “Dal colpo di Stato nell'Eurozona„ al tragico isolamento del Regno Unito, lo smembramento geopolitico mondiale accelera il suo ritmo.
http://www.conflittiestrategie.splinder.com/post/22730657/geab-n%25C2%25B045-e-disponibile-crisi-sistemica-globale-a-cura-di-g-p

m

Mario B. ha detto...

@giacomo
Sul perchè facciano certe dichiarazioni non lo so, certo è che a quei livelli tutto si può pensare meno che siano dei "cojones".
Comunque la tua chiave di lettura non deve essere tanto lontana dalla realtà.

ps benvenuto tra i commentatori! serve l'aiuto di tutti per provare a capire cosa diavolo sta succedendo.

Anonimo ha detto...

Sono Sempreio del
14 maggio 2010 07.27

Volevo solo dirvi che ho fatto BINGO !

Scusate se oggi non si è visto nessuno a ritirare i risparmi. Mi sa che qualcuno sarà rimasto deluso.

Ho tirato su un migliaio di euro di carta straccia, ma domani li converto in sterline oro. e dato che prevedo anche un corposo rimbalzo dell'euro che in questo momento sta disegnando una importante figura di inversione , magari rifaccio BINGO !

E visto che ci siamo, in considerazione che le previsioni si fanno prima, prevedo ((prevedo, prevedo....sono il MagoOroonzo, usate pure la rima che vi aggrada) anche una risalita dell'SP500 almeno fino in area 1160 /1170.

E' tutta carta straccia, ma meglio in tasca mia...

Saluti

GEABPalladiCristallo ha detto...

Oh mio DIo il Geab dice che l'Europa continentale e' salva e la GB e' sull'Orlo del Collasso. Tocchiamoci le palle, che l'ultima volta che il Geab ha detto questo l'Euro stava quasi per saltare..E ovviamente un collasso della GB non avrebbe nessuan influenza sulla stabilita' degli altri paesi!! Quelli del Geab hanno preso la laurea in economia al CEPU! (ma sono stati bocciati anche li')

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti.
ho letto i commenti.
@pluto, non è certo che possedere un 'arma possa cambiare il tuo stato , o possa garantire il tuo futuro.

sono stato in fiera, la fiera realtiva al ns settore.
rispetto al' ultima esposizione, che si era tenuta 2 anni fa, l' affluenza è stata del 60% in meno.
premesso che quanto da noi discusso, nei mesi scorsi, si sta realizzando.
sono in aumento la disoccupazione, e aumentano le aziende senza lavoro.
nei prossimi mesi, parlo luglio/ settembre , troveremo maggior confusione.
il caos, che avevamo previsto, si sta accentuando, basta osservare la politica, gli attacchi contro la chiesa, il clima, .
per cui, non è che avere cibo per 6 mesi o avere un' arma ci risolva le ns situazioni.
il fatto che tanti continuano a convincersi di essere al sicuro di tutto, vuol dire che ancora non hanno capito niente.
i veri cambiamenti avverrano dentro di noi.
se riusciamo a cambiare non avremo nessun tipo di necessità. in caso contrario nessuna cosa sarà utile.
si avvicina il tempo dove la dualità non esisterà più.

in relazione a come siamo dentro, ossia il ns atteggiamento, vediamo e viviamo l' esterno.

non rischiamo di arrivare ai prossimi con l'ansia, preoccupazione.
non servirà.
importante è vivere, in quanto non abbiamo la forza di far cambiare il mondo, o il ciclo di cambiamentiche sta attraversando la terra, la galassia, il sole.
per cosa vorrei aggiungere portiamo gioia , amore, serenità nella ns vita, tra le ns famiglie, tra i ns amici.
franco

alina ha detto...

E' "normale" che Trinchetto affabuli il popolo. Non può far sorgere adesso il panico, è troppo presto, quello verrà da solo ed in modo abbastanza sioccante, come da copione, perchè un copione c'è. Eccome se c'è !
Ciao, ciao.

vigna ha detto...

x Alina.

"Il copione c'è"!

E, non potresti condividerlo con noi?

Almeno, se riesci, posta un link.

Grazie anticipatamente.

vigna

Anonimo ha detto...

....continua

BANCHE: sbidiguda, come fosse antani anche per lei come per due o drastiche riforme IMPRESCINDIBILI
POPOLO BUE: abbiamo vissuto sopra le nostre possibilita' e ora dobbimo pagare
B:quintana!con scappellamento a destra come i debiti, occhiello di privilegio,PAGATE O SARANNO CAZZI AMARI
P.B:ma in islanda pero' non sembra esserci questa grave situazione
B:terapia tapioco fai come ti dico o succhiusi anche in quattro e resti senza cibo,acqua,energia.
.....e ora si aggiunge anche sto fio de 'na mignotta:
-costantinato a fifti fifti allaccia scarpa,scarpa allaccia tanto qui ormai COMANDIAMO NOI E FARETE TUTTO QUELLO CHE VI DIREMO DI FARE!!!

katanga

Anonimo ha detto...

@vigna

il copione e' qualcosa che va al di la' della finanza e dell'economia, il terreno di gioco sono le EMOZIONI.

ti ricordi che qualche articolo fa avevo scritto sul denaro?
il denaro e' pura emozione, solo che non lo capiamo.

con le notizie che stanno dando sui media e con i commenti che fate voi state facendo il "loro" gioco.
metto loro perche' non so bene chi e cosa siano ma piu' vi preoccupate e piu' danneggerete voi stessi. piu' andate alla ricerca di notizie sulla finanza e sull'economia e piu' per voi la situazione peggiora perche' i vostri pensieri negativi e pieni di paura creeranno un mondo negativo e pieno di paura.

del denaro e della crisi non bisogna proprio piu' parlarne per non avere il problema, le emozioni creano la vita solo che NON NE SIAMO CONSAPEVOLI e non appena uno accenna questo discorso (come sto facendo io ora) viene esubito deriso o liquidato con una frase del tipo "prova a riempirti la pancia coi tuoi pensieri".

il bello e' che la cima della piramide sorride quando vi legge perche' invece e' esattamente coi pensieri che ci si riempie la pancia...

la realta' e' assai diversa da come tutti comunemente pensano, molto diversa ed e' una ealta' in cui noi abbiamo un potere enorme, solo che non lo sappiamo perche' non ci siamo mai fermati a capire chi siamo e come siamo fatti.

tutto qui, la soluzione e' semplice, basta volerla vedere.
te lo posso dire per esperienza, se mi credi... sta alla tua curiosita', o piu' per me o piu' per i Trichet vari.

indopama

Anonimo ha detto...

un consiglio a chi sta per scrivere e denigrare il mio commento:

ricordate che anche ora prima di scrivere e mentre scrivete state continuamente pensando... non sottovalutate i vostri pensieri che forse sono l'unica cosa di cui potete essere sicuri dell'esistenza, tutto il resto, quello che chiamate realta', non riuscirete mai a provare che esista veramente fuori di voi, quello che chiamate realta' e' invece solo puro pensiero, il vostro e le regole della costruzione e modifica di questa realta' va cercata dentro di voi, nel come si formano i pensieri e da dove vengono.

qualcuno dira' pure che sono fuori tema, allora io aspetto che mi descriva dove finisce un tema e comincia l'altro...

:-)

indopama

Anonimo ha detto...

@vigna

e' bene ricordare che il denaro e' pura "fiducia" e la fiducia e' un'emozione.

la fiducia:
non si vede
non si tocca
non ha odore
.....

la Fiducia la sentiamo solo dentro di noi, non capiamo bene cosa sia e da dove venga ma fa niente, l'importante e' capire che e' solo dentro di noi, il resto verra' da se' e per quel che ne so e' meraviglioso.

:-)

indopama

vigna ha detto...

Indo dice:
"la Fiducia la sentiamo solo dentro di noi, non capiamo bene cosa sia e da dove venga ma fa niente, l'importante e' capire che e' solo dentro di noi, il resto verra' da se' e per quel che ne so e' meraviglioso."

Ma, allora bisogna escludere ogni tipo di pensiero logico, onde poter percepire quella fonte di pre-pensiero?
Vedi Indo, io, ormai ho 55anni e non sono riuscito a venirne a capo, spero che me ne rimanga ancora il tempo.

vigna

Anonimo ha detto...

@vigna

si,
bisogna eliminare ogni pensiero logico che viene dalla mente, una volta staccata la mente allora viene fuori il cuore, quello che veramente ha il potere di creare, il pre-pensiero, le emozioni.

ascoltato quello allora la mente definisce i dettagli ma se la via principale e' sbagliata tutta la creazione sara' sbagliata.
o meglio, non e' sbagliata ma porta poco amore, come e' ora.

indopama

alina ha detto...

Vigna, te lo dice lui, il Trinchetto, qual è il copione
quando dice che "l'Europa si è ritrovata nella situazione peggiore dalla Seconda guerra mondiale e forse dalla Prima".
Bestiale eh? Anzi, direi di più ; luciferino perchè lo dice pure, non se ne sta zitto !
Quelli come lui sfruttano la paura della gente e poi si mettono lì, sul trono a convincere che hanno trovato la soluzione dicendo che è tutto sotto controllo. E lo è veramente sotto controllo, il loro, però!
Anche la paura è un'emozione e pure il sollievo che uno prova quando vede che una soluzione è stata trovata.
Ma è stata trovata dagli stessi che la hanno creata.



Chi controlla il passato controlla il futuro, chi controlla il presente controlla il passato.
G.Orwell.

Mario B. ha detto...

@vigna
Tempo fa in un'intervista il figlio di Vito Ciancimino ha detto che la mafia "va dal pastore e di nascosto gli uccide le pecore, poi di lì a breve si presenta per offrire aiuto a risolvere il problema".
Il pastore è ben felice di accettare l'aiuto insperato.

Il ragionamento di Alina riesco anche a seguirlo fino a questo punto.
Quello che non mi è chiaro è il perchè dovrebbero avere bisogno di un salto di qualità nel controllo che già hanno su di noi.

E non capisco nemmeno quelli che dicono che con l'NWO noi saremo ridotti in miseria e schiavitù.
Perchè?
Non è più agevole ed economico controllare chi sta bene, piuttosto che chi sta male?
Penso sempre che se Israele non tenesse nella fame e nella miseria i territori palestinesi, non dico subito, ma nel giro di una o due generazioni Hamas dovrebbe aprire un ufficio collocamento perchè resterebbe senza manodopera.

Che poi è una chiave di lettura del benessere occidentale di cui abbiamo goduto in questi anni.

Anonimo ha detto...

"Chi controlla il passato controlla il futuro, chi controlla il presente controlla il passato.
G.Orwell."

discorso interessante quello del tempo ma assai difficile, forse la cosa piu' importante e' capire bene cosa sia il denaro, visto che e' quella cosa che piu' di ogni altra ci preoccupa quotidianamente.

il denaro e' basato sulla fiducia e la fiducia e' un'emozione. chi controlla questa emozione controlla il denaro.

per fare crollare questo "sistema denaro" non bastano tutti quei calcoli incomprensibili che ci fanno vedere, 700 miliardi qui 1200 la'.

crollera' solo se perdiamo la fiducia nel denaro perche' e' questa la base del sistema, un'emozione.

puo' apparire strano ma e' cosi', per questo non esiste il campo economico, quello finanziario, ecc. ma e' tutto uno, e' tutta una vita basata sulle emozioni.

basta pensare per esempio a cosa mira la pubblicita', a far nascere nella gente un desiderio, e cos'e' questo se non un'emozione?

se ci fermiamo un attimo a pensarci vedremo che tutto quello che facciamo quotidianamente si basa sulla verie emozioni, tra cui anche la paura, tramite la quale principalmente ci tengono ingabbiati e ci guidano a fare quello che vogliono "loro" anziche' quello che sentiamo dentro di noi.

una volta capita la base di quella che chiamiamo realta' ecco che i sogni diventeranno la base della nostra creazione.
al momento non e' ancora cosi' se non per pochissimi ma la situazione sta migliorando, nonostante sentiamo notizie che ci fanno preoccupare (anche questa un'emozione che ci fara' eseguire di conseguenza certe azioni).

indopama

Anonimo ha detto...

@mario

siccome la vita e' basata sulle emozioni e la gente si sta risvegliando (fa parte di un ciclo che non possiamo cambiare), "loro" hanno bisogno di intensificare la paura, le emozioni negative che tengono ingabbiata la gente a fare quello che vogliono loro anziche' quello che la gente si sente dentro.

questo il perche' dei fatti, stanno perdendo il controllo delle emozioni e ne hanno bisogno di sempre piu' forti.

non centra niente la finanza o la globalizzazione, il terreno di gioco e' quello piu' vero, cioe' quello che proviamo dentro.

lo vedi da cosa controllano; per esempio tutti i media, l'informazione che genera le emozioni.
analizza bene le notizie in prima pagina nei giornali o telegiornali, lo vedi quanti morti? quante notizie negative?

lo vedi che non appena uno da' una notizia pericolosa per loro lo fanno fuori? lo vedi che non fanno fuori chi fa i casini nell'economia o nella finanza ma fanno fuori chi da' informazioni scomode?

nel momento che ti sentirai libero ecco che loro crolleranno e ti sentirai libero solo quando capirai come funziona veramente la vita.

loro lo sanno gia' come funziona la vita ed e' per questo che giocano sul campo vero, quello delle emozioni, pero' gli sta andando ogni giorno sempre peggio e infatti non ce la faranno. staremo a vedere, il momento e' assai interessante.

indopama

alina ha detto...

Mario, è creando scarsità che si riesce ad accentrare il potere. Non pensare al danaro, pensa al puro potere.
Scarsità monetaria, lavorativa, energetica alimentare ; lo dice con molto umorismo :) anche Katanga.
Si scarica la colpa sui governi, addossando loro la responsabilità delle crisi, perchè vengano delegittimati, avendo favorito prima e non a caso, il dilagare della corruzione.

Questa è una mia analisi.

Anonimo ha detto...

io sono un inguaribile sognatore e negli ultimi tempi mi sto avvicinando ( anche se molto lentamente) ad una corrente di pensiero/vita che non dista molto dai discorsi di indopama.
l'amore è tutto ,la piu grande forza di cui TUTTi disponiamo.
è tutto molto bello e vorrei davvero una società un po' piu semplice basata sull'amore e sul rispetto del prossimo.
il proiblema ,per quel che mi riguarda è che ho quasi 30 anni un lavoro a tempo indeterminato mal retribuito ( 1200 euri al mese) una compagna "precaria" e una figlia di 3 anni.
vorrei pensarla sempre in maniera positiva...creco di convicermi che i pensieri negativi attirano solo altre negatività...però, cazzo se è difficile!!!
tutti i buoni propositi si dissolvono magicamente quando arrivo al lavoro ,leggo una qualsiasi notizia etc etc
son veramente confuso.
vedo la luce in fondo al tunnel ma......è veramente dura

A

Anonimo ha detto...

per esempio la Repubblica:
1- Afghanistan, uccisi due soldati italiani - (emozione di paura della morte assieme all'emozione di vendetta)

2- Bangkok, ferito reporter italiano (idem come sopra)

3- Indagine antitrust su Rc auto
"Tariffe, aumenti sospetti" (emozione di vendetta)

4- Quando Bossi fa i dispetti al premier (emozione della lite)

5- Bolzano al centrosinistra, dèbacle del Pdl
Devastata la sede dell'Anpi di Trento: "Un attentato"
(emozione della vittoria/sconfitta, quindi sempre lotta, guerra piu paura della morte per l'attentato)

6- Brunetta: "No tagli a stipendi degli statali"
Euro, Juncker: "Preoccupa rapidità del crollo" (emozione di paura, perdita)

e poi:
- Napoli, studentessa tenta il suicidio al liceo
"Un suo amico si era ucciso poco tempo fa"

- L'ombra di un serial killer a Roma
Dieci omicidi ma un solo assassino

- Piccole crisi senza importanza
Mcm e Italcarni, anche le coop licenziano

- Immatricolazioni auto -7,4% in Europa
Aprile terribile per la Fiat: calo del 27,3%

ecc. ecc.....

TUTTE NOTIZIE NEGATIVE PER GENERARE NELLA GENTE NOTIZIE NEGATIVE, PRICIPALMENTE PAURA E QUINDI DESIDERIO DI PROTEZIONE.

per questo ci si fida del governo, perche' non ci fidiamo di noi stessi.

coi commenti che ho letto sopra state facendo esattamente il "loro" gioco, aumentate la paura dentro di voi, cala la fiducia in se' stessi e aumenta il bisogno di protezione.

questo e' il campo da gioco, non i numeri contabili. le emozioni perche' queste generano le azioni nella vita.



indopama

Anonimo ha detto...

@ indopama

In generale sono abbastanza d'accordo con quello che dici te. L'unica cosa su cui invece ho molti dubbi è quella sul fatto che la gente, la massa, si stia in qualche modo risvegliando. A me pare esattamente il contrario, più giro, più parlo col mio prossimo e guardo il mondo in generale, e più ho l'impressione che il rincoglionimento generale aumenti in maniera esponenziale. Non riesco proprio a capire come si faccia a vedere nel mondo in cui viviamo una massa che ogni giorno si risveglia sempre di pù e diventa sempre più consapevole. A me pare l'opposto, ma può essere che sono io a essere troppo pessimista.

Anonimo ha detto...

mi correggo, volevo dire

...PER GENERARE NELLA GENTE "EMOZIONI" NEGATIVE...

indopama

Anonimo ha detto...

@ indopama

mi spieghi qual'è il senso di insistere sullo stesso concetto per 1 anno (almeno) e sempre sullo stesso? In ogni post dici le stesse cose, anzi la stessa. Non capisco cosa stai cercando TU. Mi viene il dubbio che tu lo ripeta più per te che per gli altri.
Sei veramente riuscito a capire Tu cosa cerchi?
PS: ci terrei a precisare che lo dico in senso costruttivo, non voglio muovere le solite osservazioni che ormai ti senti arrivare regolarmente ogni volta.
Fra

Anonimo ha detto...

@ 17 maggio 2010 09.01

vedila cosi':
piu' la gente e' rincoglionita e confusa meno e' certa di quello di cui era certa prima.

e' l'anticamera del cambiamento, le false certezze si stanno sgretolando ed e' normale passare attraverso un momento di confusione.

non sara' cosi' per tutti e quelli che non riescono andranno giu' assieme a chi vuole tenere in piedi questa situazione.

e' una selezione naturale come la vediamo tutta attorno a noi, dipende da noi stessi da che parte vogliamo stare, c'e' il libero arbitrio.

indopama

Anonimo ha detto...

@Fra

perche' ti voglio bene, anche se tu non lo capisci.

indopama

Anonimo ha detto...

@Fra

in ogni caso, sbaglio quando dico che il denaro e' basato sulla FIDUCIA? e che questa e' un'emozione?

se non sbaglio (e lo sai che non sbaglio, lo scrivono anche su tutti i testi universitari) allora perche' non analizzare la base del sistema e non i dettagli come invece fai tu?

secondo te crolla la casa se tiri giu' il camino o crolla se tiri giu' le fondamenta?

vale la pena preoccuparsi di piu' del camino o delle fondamenta?

indopama

Anonimo ha detto...

- Danno le notizie negative perchè alla gente interessano quelle, preferisci sentire che qualcuno ha più problemi di te! quelle buone fanno cambiare canale
- A ha ragione ad essere preoccupato, infatti anche lui non vive bene solo con il pensiero, viceversa con una situazione stabile e prospettive future ottimistiche avrebbe anche uno stato d'animo migliore(e non viceversa) - checchè ne dica indopama
- anche se uno ha risolto tutti i suoi problemi personali (e quindi anche economici, ne sono sicuro!) comunque da questa situazione ne sarà toccato anche materialmente.
Fra

Anonimo ha detto...

io ascolto se arriva il terremoto per scappare dalla casa prima che crolli, se ce la farò o meno non lo so ma so di avere fatto tutto il possibile. Quindi uno che mi ripete tutte le mattine che mi agito per niente non mi stà aiutando. Aiuta solo a confondere i familiari che mi circondano, tuttalpiù.
Tutto è emozione, quindi lo è anche il denaro, ma non stai dicendo proprio niente di nuovo.
Secondo me non stai neanche aiutando a dare maggior consapevolezza all'individuo, stai solo predicando lo stesso teorema della felicità attraverso il distacco dalla emozione (dalla paura) (che epicuro chiamava atarassia, tanto per capirci).
Fra

alina ha detto...

Indo, quella faccenda della fiducia e del denaro....bisogna stare attenti a che al denaro non venga sostituito qualcosa d'altro che però mantenga intatta la fonte che crea la nuova emozione, cioè attenti di non essere manipolati di continuo come fin qui nella storia dai soliti ignoti ignobili, o no ?

guru2012 ha detto...

@ Indopama

Sul controllo delle emozioni è come dici tu, nessuno te lo contesta, l'hai ben descritto.

Ma dal tuo ragionamento se ne dovrebbe dedurre che "la crisi" sia stata creata da "loro" per controllarci (semplifico).

Io credo invece che il nostro sistema di vita stia andando in crisi perché non sostenibile, materialmente e spiritualmente.

Non credo però, che l'uomo sia destinato al passaggio a un livello superiore, o meglio, spero che non sia così.

A me piace la vita com'è essa è, lavorare, mangiare, fare l'amore, dormire, crescere e... morire.

Non voglio inventare la realtà. Voglio scoprirla.

Ciao.

Mario B. ha detto...

@A
sono in sintonia con il tuo intervento, con l'unica differenza che il mio lavoro di autonomo si sta deteriorando notevolmente e quindi una certa sicurezza economica inizia a vacillare.

Mario B. ha detto...

@fra
nonostante stia peggio economicamente tutti quelli che mi vedono a distanza di sei mesi un anno mi vedono più rilassato, quasi ringiovanito e pensano che il mio lavoro vada a gonfie vele.
Invece grazie alle parole dell'instancabile indopama e del buon franco io sto trovando un equilibrio nuovo anche in questa situazione di difficoltà.
Oggi ho trascorso la giornata all'aperto con mia figlia che ha 10 mesi, abbiamo camminato, giocato a palla, guardato la natura che ci sta intorno (ho la fortuna di abitare in una delle ultime zone agricole del comune di Padova e grazie alla crisi resterà tale dato che non ci sono più i soldi per le enormi speculazioni edilizie che stavano progettando).

Mario B. ha detto...

@indopama
nel tuo ragionamento c'è un errore; è vero che "LORO" hanno paura che le persone possano iniziare il percorso che tu instancabilmente ti affanni a evidenziare.
Ma questo problema è veramente lontano, la quasi totalità delle persone neanche si pone le questioni come pochi di noi fanno in questo ed altri blog (se avete notato siamo sempre gli stessi, chi su Crisis, chi dal Corvo, chi su Mercato Libero, eccetera ... ).
E tra questi pochi tu e franco siete una minoranza, anche aggiungendo il sottoscritto e altri come A che riflettono su ciò che dite.

Anonimo ha detto...

Buon pomeriggio a tutti.
Interrompo per un attimo il fluire dei discorsi "alti" (sono interessato da quello che dice Indo anche se penso che il suo ragionamento sia valido per l'individuo in quanto singolo; per modificare l'assetto globale bisogna arrivare ad una massa critica, altrimenti il discorso rimarrà confinato a poche persone) dicevo interrompo il volo alto per volare molto basso. Oggi sono successe alcune cosette interessanti:
1) il Trichet è attaccato pesantemente dalla Germania che vuole la sua testa (e mettere uno dei suoi al timone della baracca). Consiglierei al Trichet di non fare bagni in piscina...(ricordate il precedente Governatore affogato stranamente?)
2) il colpo messo a segno da Lula da Silva con l'accordo sul nucleare iraniano segna una sconfitta pesantissima per l'Abbronzato (che vede anche in difficoltà la sua Borsa). Anche a lui consiglerei di fare molta attenzione nell'attraversare la strada...
3) Uolter attaccando i Servizi ha messo sotto osservazione e critica il responsabile politico degli stessi Servizi, il Copasir che ha come capo, guarda un po' il Baffino D'Alema... Anche a lui consiglerei di mantenere la calma (specie sui trascorsi di affittuario a buon mercato, a capo del governo che avallò un attacco micidiale ad una capitale EUROPEA, che tentò di intromettersi nei salotti buoni delle banche italiane...)
4) ci sono difficoltà a collegarsi ad alcuni siti che trattano di finanza... Un consiglio a tutti: se diventerà difficile tenersi in contatto, tutti nella piazza principale del paesetto della Capretta il 13 agosto alle ore 13 per salutarci (e l'ultimo spenga la luce)...

IL BAGATTO

Mario B. ha detto...

@alina
"pane et circensem" così controlli le masse,; mettili alla fame e molti si piegheranno in ginocchio, ma altri cercheranno di ribellarsi.
Perchè creare il motivo di una eventuale ribellione?
Le generazioni degli anni 60/70 come la mia sono l'esempio più evidente.
I nostri genitori vissuti nella miseria del dopoguerra non ci hanno voluto far mancare nulla.
Così hanno creato una massa di benestanti che non ha sentito il bisogno di impegnarsi nella società civile.
Oggi in Italia governano gli ottantenni solo perchè la mia e le altre generazioni lo hanno permesso perchè se stai bene non c'è nessun motivo per cui senti il bisogno di cambiare le cose.
Sì , "LORO" sono organizzati, vogliono controllarci, faranno di tutto per non perdere il controllo della situazione.
E se stai male, beh uno Spartaco prima o poi viene fuori.

Mario B. ha detto...

@indopama e alina
Il problema che hanno oggi "LORO" è che il benessere con cui hanno controllato 500.000.000 di individui non è più sostenibile per via delle limitate risorse del pianeta.
E se hanno controllato in questo modo tedeschi, italiani, francesi e non giamaicani, camerunensi o vietnamiti è solo perchè gli occidentali in virtù dell'estrema conflittualità che ha contraddistinto la loro evoluzione si sono trovati più avanti di altri popoli in tutti i settori.
Perchè quando vi dicono che siamo tutti uguali è una profonda castroneria!

Mario B. ha detto...

@alina
Ma soprattutto perchè darci il benessere e poi togliercelo?

Anonimo ha detto...

"coi commenti che ho letto sopra state facendo esattamente il "loro" gioco, aumentate la paura dentro di voi, cala la fiducia in se' stessi e aumenta il bisogno di protezione."

non per me.
io mi proteggo da solo, che se aspetto lo "stato".....

"@pluto, non è certo che possedere un 'arma possa cambiare il tuo stato , o possa garantire il tuo futuro."

certo che no, ma dà qualche possibilità in più, e con i tempi che corrono anche poco può essere abbastanza per sfangarla.

alina ha detto...

Mario, ritengo che il tempo sia un fattore molto importante, non tanto per noi quanto per il potere.
E può esserlo in entrambi i casi cioè, sia che le cose precipitino, sia che vengano portate avanti con calma e destrezza. Se non siamo in grado di portarglielo via il nuovo Spartaco arriva dalle loro fila.

PS: adesso ad abbracciare e baciare il Trinchetto che è messo male, chi ci va ? Io no :)

alina ha detto...

"Perchè darci il benessere per poi togliercelo".

Perchè è sempre stato così, perchè sono sempre stati i creatori. Ora c'è un periodo che non conviene creare, per loro, allora distruggono, distruggono e distruggono finchè..... Boh, finchè non lo so, ma alcuni dicono che manca poco al punto in cui la storia non è ancora scritta:)

Anonimo ha detto...

Il brasile cresce a ritmo 15 %, no 6-7% (x fortuna)...
Conosco una ragazza che insegna portoghese a lavoratori del gruppo thissen Knupp( o come diavolo si scrive), bé mi dice che é amica di una ragazza che lavora in amministrazione, ingegneri piangono x avere piú soldi (ma non ce n' é), han sbagliato a costruire fabbrica in un pantano, fondamenta da scavare piú che nel progetto, etc etc, schiavi cinesi clandestini ammassati nei cantieri, continui rinvii di consegna dell ' opera, non sará pronta neanche nel 2011, comunque , le grandi imprese vengon qui, vedi fiat e record di vendite (e le macchine qui son care, comprarle e mantenerle!!!)
cele

Anonimo ha detto...

Mario
il benessere occidentale non lo meritiamo...
Qualche dunnio mi viene, negli anni '60-70 i nostri "veci" (abbiam + o - la stessa etá) han lottato x averceli quei diritti!!1
Ora é il caso che anche altri paesi li abbiano, quelli fin' ora esclusi, e cioé i poveri!
Non mi sembra giusto che si perdano i nostri, e bada bene, parlo di diritti, non del consumismo sfrenato, quello non mi ha mai contagiato...
IL BAGATTO
Dove é il paesino x incontrarsi nella piazzetta il 13 agosto?
Sciolone?

Anonimo ha detto...

Più passa il tempo e più mi convinco che l'unica speranza per l'Europa è nell'instaurazione di un regime marxista-leninista ferreo ed austero che includa la riapertura di centri di educazione al lavoro manuale per tutti coloro che hanno ampiamente fagocitato il turbo capitalismo dall'80 ad oggi.

Mr. M

Mario B. ha detto...

@Il Bagatto
Allo stato attuale delle informazioni non me la sento di avvalorare la tesi di alina ed altri sui famigerati "LORO".
Anche perchè senza ricevere uno straccio di motivazione logica dovrei fare un atto di fede.
Cosa vuol dire "lo hanno già fatto"?
Assolutamente niente, è come dire "a me lo ha detto mio cuggino ...".
Io credo sia tutta colpa nostra, inteso non come singoli, ma come massa.
Una somma di comportamenti errati quale stiamo generando da decenni non può che portare a due cose:
il reset del sistema;
il suo collasso.
La prima soluzione non è indolore, la seconda è mortale.
Questa cosa per cui sia colpa di individui che già controllano tutto il mondo, ma lo vogliono controllare di più non ha logica.
Io provo a guardarci come si dice "da fuori" e non vedo delle povere pecorelle indifese, ma un branco di locuste che sta divorando tutto e tutti in una crescita sfrenata che non è più sostenibile.
Per la semplice ragione che la terra è un sistema chiuso, quindi le sue risorse finite nel senso di non illimitate.
Poi vedo che questo non frega niente a nessuno perchè il tema è la BCE fa, la FED fa, i soldi che non ci sono ...
Quando si vuole spegnere un fuoco che si fa?
Un ottimo modo è ridurre l'aria.
Ecco appunto io vedo i soldi come l'aria che usiamo per bruciare risorse.
E ce la stanno togliendo perchè era la strada più semplice e veloce per ridurre l'incendio.

Anonimo ha detto...

direi che non posso che essere d'accordo con tutti, mi sembra che la situazione si faccia ogni giorno piu' chiara e siamo tutti un po' piu' attenti ai bisogni generali e non solo i nostri.

io dicevo che la situazione stava migliorando e lo vedo ora, sta calando l'egoismo e sta nascendo una presa di coscienza di una vita basata sulla collettivita' in cui finalmente viene incluso anche il pianeta.

io continuo ad essere positivo e felice per come stanno andando le cose.

indopama

giuditta ha detto...

http://tuttouno.blogspot.com/2010/05/grecia-il-cavallo-di-troia-del-colpo-di.html