giovedì 20 maggio 2010

Collective hope e molto altro

Consigli caprini per gli acquisti.


INIZIO MESSAGGIO PROMOZIONALE




Stimatissimo nonchè affezionatissimo,

vuoi assicurarti un sorriso in tempo di crisi?

Vuoi continuare a sorridere (se, o) quando non ci sarà più la corrente elettrica e il tuo blog preferito sarà solo un ricordo?

Ti piace l'idea di raccontare ai tuoi nipoti, un giorno, com'era la storia di questi anni turbolenti, come se fosse una favola grottesca a lieto fine, davanti al camino, sfogliando le pagine di un libro?

Bene, allora smetti di accatastare in cantina copie del Sole 24 Ore con in prima pagina il Lunedì Nero, il Martedì grigio e il broker impazzito che digita billions anzichè millions come se i supercomputer delle Borse fossero calcolatrici a manovella, tutto cio' che ti occorre è qualche copia di

Collective Hope!


Collective Hope è il libro che raccoglie la striscia a fumetti spaziale dell'amico di tastiera e brillante blogger Flavio Tibaldi, pubblicata in Grecia(ah, l'ispirazione dello spirito...) sull'inserto settimanale "9" del quotidiano Eleftherotypia.

Collective hope è uno spietato e fantasatirico specchio del mondo e dei nostri tempi.

Un must per il lettore scorrettamente informato.





Puoi assaggiare qualche altra vignetta qui

Gli affezionatissimi piemontesi possono incontrare l'autore (e portargli i miei saluti felici) alla presentazione venerdì alle alle 18.00 presso Libreria dell'Arco - via San Domenico 23, Chieri (TO).

Puoi acquistare il libro online qui.

Cosa aspetti? Scopri subito Collective Hope!




saluti felici

Felice Capretta

ps: nessun gongoro è stato maltrattato durante la stesura di questo messaggio.

ps2: nessun Capretta ha la percentuale, l'ho scritto perchè ci credo e per primo ho acquistato le mie copie. poi ognuno fa come crede :- )

FINE MESSAGGIO PROMOZIONALE


Pigmei con il GPS

Per il resto, interessante e brillante lo spunto di Repubblica sui pigmei con il GPS ("così si salva la foresta")

La giungla è sempre più minacciata dalle motoseghe delle aziende del legname e dagli allevamenti. Ma i cacciatori hanno deciso di proteggerla: mappando il territorio con i navigatori satellitari regalati dalle ong

Come fossero folletti benevoli, i pigmei del Congo hanno deciso di salvare la foresta che da millenni li ospita e li nutre, quella foresta equatoriale che è oggi minacciata da più insidie, siano esse le motoseghe delle aziende di legname o le fiamme con cui i grandi allevatori creano nuovi pascoli per il loro bestiame.


Certo, molto astuto.

Due multinazionali abbattono gli alberi della foresta in cui vivono i pigmei. Ne hanno tagliati così tanti che alcuni torrenti sono prosciugati e non ci sono più bruchi sotto le cortecce degli alberi.

La soluzione? Fornire il GPS ai pigmei per mappare l'area.

Così si tengono occupati i folletti benevoli mentre la speculazione gli distrugge la casa.

(e si usa manodopera gratuita)

A questo punto forse era meglio dargli direttamente qualche playstation, un casino' e una piantagione di marijuana, almeno i folletti benevoli se la spassavano un po' di più nei loro ultimi giorni.

Pigmei con il GPS a parte, ennesima giornata dolorosa per le borse.

Il financial times, forse ignaro delle novità tecnologiche degli indigeni del Congo, ci informa via virgilio delle inquietanti prima e orwelliane poi dichiarazioni del ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble.



Ministro delle finanze tedesco: "i mercati sono fuori controllo"


Già.

Una cosa da nulla.

In particolare, Schaeuble ha dichiarato:

Sono convinto che i mercati siano veramente fuori controllo,

ed è per questo che c'è veramente bisogno di una regolamentazione efficace,

di creare un meccanismo di mercato che funzioni correttamente


...

Imposta indirizzo di destinazione: Marte.

Saluti felici

Felice Capretta






.

40 commenti:

stefano ha detto...

E voi veramente credete che i mercati siano fuori controllo? Sanno benissimo quello che stanno facendo e li stanno manipolando più di prima in modo da mandare veramente tutto a p.....
Per poi fare cosa? Creare un pretesto per schiavizzare e controllare ancora di più le persone(non quelle ricche ovviamente),fare accettare la moneta unica mondiale elettronica e dare un minimo per vivere a tutti quanti;decideranno cosa mangeremo,quanto dovremo lavorare e spendere,come e quanto informarci ecc ecc
Dietro l'angolo ci aspettano una dittatura e degli anni durissimi.

vigna ha detto...

In particolare, Schaeuble ha dichiarato:

"Sono convinto che i mercati siano veramente fuori controllo".

Mentre il pomposo Trichet, con il ditino alzato", dichiarava qualche giorno fà e, precisamente, il 13 maggio: "Sui mercati ritorno alla normalità".

Ma, diciamolo seriamente, il mago Zulù in confronto è una persona più credibile.
saluti
vigna

Anonimo ha detto...

@ Fra

"Il denaro... ...è solo il mezzo per misurare come siamo."

Capisco che estrapolando poche parole dal contesto si può perderne il significato ma, immagino tu volessi intendere che "uno, più soldi ha, più stronzo è". O no?

:D


Il denaro, nel bene e nel male, misura cio' che produciamo, misura il tempo che perdo sul lavoro, misura ciò che posso acquistare per il mio benessere, ecc, la parte materiale della mia esistenza (per quella spirituale, ognuno ha isuoi metri). E' un mezzo di misura, giusto o sbagliato è quello che più si approssima alla necessità dell'uomo. Quando ne avremo un'altro, anche quello non sarà immune da difetti, inutile fare gli utopisti.
Chi lo stampa, ai fini della quantità - bolla - inflazione, poco conta. La questione del signoraggio è un altro discorso rispetto a quello che stavo facendo.
Fra

Mario B. ha detto...

"La crisi è peggiore di quello che si pensa - avrebbe detto - domani vado a Bruxelles, la Germania potrebbe addirittura minacciare l'uscita dall'euro, la manovra va fatta in unica soluzione: 24 miliardi e con un unico provvedimento. Prendere o lasciare"

Giulio Tremonti ieri al Consiglio dei Ministri

ehm gli anonimi ottimisti che dicono?

Infettato ha detto...

Il denaro è solamente il mezzo, poi, cosa da non sottovalutare, c'è l'imprenditore che è in ognuno di noi.
A parità di mezzi, quindi di denaro disponibile, sono le scelte di come utilizzarlo a fare la differenza.
Quindi sono i fini ottenuti che forse misurano come siamo.

La speranza collettiva by paxtibi è veramente bella, seguivo le strisce sul blog...devo dire che messe insieme nel libro hanno un impatto maggiore!

Francesco ha detto...

@mario

da dove hai preso la news di tremonti?

Infettato ha detto...

@Mario Si, è strana questa fretta del "tracolli", da tenere d'occhio anche la riforma di wall strett, non riesco a capire quali nuove regole hanno imposto.
Di certo c'è che la borsa non ha reagito bene, forse si tratta di una chiusura della stalla ora che i buoi sono tutti fuori, ossia, da questa crisi abbiamo visto che l'economia reale non cresce o cresce poco, la borsa invece è cresciuta e anche molto.
Ora, è difficle prevedere quale possa essere il futuro, quando gli stessi trader non si capacitano di alcune variazioni di mercato totalemte imprevedibili, caos?

Anonimo ha detto...

Il ministro dell'Economia tedesco Wolfang Schaeuble torna a ribadire la posizione a lungo sostenuta dal suo esecutivo: l'attuale crisi dell'euro deve essere affrontata dai paesi dell'Unione monetaria alla radice, ovvero al livello del deficit. E il modo per farlo è il rafforzamento del Patto di stabilità, pilastro della moneta unica fin dalla sua crezione.

Schaeuble, rivolgendosi al Bundestag, si è soffermato anche sul tema della tassa sulle transazioni finanziarie, una misura vivamente sostenuta dalla Germania come condizione per il proprio contributo al pacchetto anti-crisi. Nessun paese dell'Unione monetaria, ha chiarito il ministro, vuole introdurre la tassa in maniera unilaterale. La dichiarazione sembra rispondere alle preoccupazioni di chi teme un ripetersi della decisione improvvisa di Berlino di vietare le vendite allo scoperto di certi tipi di asset.

"Se fosse globale, allora sì", ha sintetizzato Schaeuble a proposito dell'opportunità di una tassa sulle transazioni. Riconoscendo poi che esiste un diffuso scetticismo su tale possibilità a livello internazionale, ha affermato che la Germania ne sosterrà se necessario l'introduzione in Europa o anche solo nella zona euro.

Il ministro ha voluto infine ricordare che il pacchetto di sostegno alla zona euro è anche nell'interesse nazionale della Germania, che trae grande beneficio dalla moneta unica.

Francesco ha detto...

@Mario

trovata la news di tremonti

http://notizie.tiscali.it/articoli/politica/10/05/21/tremonti-manovra-tensioni.html

guru2012 ha detto...

@ Fra

"Il denaro, nel bene e nel male, misura cio' che produciamo, misura il tempo che perdo sul lavoro, misura ciò che posso acquistare per il mio benessere, ecc,..."

Guarda, da che mondo è mondo, chi più ha lavorato, meno ha guadagnato. Si son fatte rivoluzioni sanguinose per questo, ma la violenza non porta mai vantaggio ai più deboli.

Ma se abbiamo una chance di sopravvivenza in questo pianeta, essa passa per una presa di coscienza della nostra "civiltà" al fine di creare un nuovo sistema dove TUTTI abbiano accesso alle risorse, INDIPENDENTEMENTE dai meriti, o peggio, dalla produttività.

Un'utopia?
Può darsi, ma non lo è anche quella dove il 2% della popolazione POSSIEDE il 90% delle risorse? E dove molti (anche qui dentro) guadagnano soldi facendo trading on line?

Dici che non ci saranno abbastanza risorse per tutti?
Può darsi, cominciamo intanto a dividere equamente quelle che abbiamo a disposizione.

Per un ulteriore approfondimento di questi concetti ti rimando alla lettura di "Elementi di Filosofia Spicciola" e del volume di prossima pubblicazione "Free Bancomat".

Ciao. :D

Anonimo ha detto...

oppure si fanno le cose per gli altri anziche' per se' stessi.

altruismo al posto dell'egoismo. questa e' una differenza che nasce dentro di noi e non puo' essere imposta dall'esterno.

chi ci ha fatto essere egoisti?

magari la stessa cosa potrebbe farci diventare altruisti...

:-) indopama

Anonimo ha detto...

una banca tedesca è messa male.

Anonimo ha detto...

1-1
se fosse vero pareggiamo
di la' hanno Citygroup che traballa

Fabio

Anonimo ha detto...

La riforma USA :
La proposta approvata dal Senato crea un'autorità per la tutela dei consumatori all'interno della Fed e cerca di assicurare che qualsiasi società, a dispetto della dimensione e della complessità, possa venire liquidata. Per coordinare gli sforzi nell'individuare rischi per il sistema finanziario viene creato un comitato di supervisione per la stabilità finanziaria. La riforma tocca virtualmente ogni aspetto dell'industria finanziaria: agli hedge fund e alle società di private equity verrà richiesto di registrarsi presso la Sec. Inoltre con limitate eccezioni, i derivati verranno scambiati su piattaforme pubbliche: a chi compra e vende contratti derivati, anche esistenti, sarà richiesto di disporre di collaterali come protezione per eventuali default. Ad alcune delle maggiori banche verrà inoltre richiesto di separare i loro desk di swap, facendoli confluire in società controllate, altrimenti non potranno avere accesso ai prestiti di emergenza della Fed.

ilnegro ha detto...

indopama dice :
oppure si fanno le cose per gli altri anziche' per se' stessi.

altruismo al posto dell'egoismo. questa e' una differenza che nasce dentro di noi e non puo' essere imposta dall'esterno.

chi ci ha fatto essere egoisti?

magari la stessa cosa potrebbe farci diventare altruisti...


Io invece penso che uno dei mali peggiori della società sia l'altruismo.
L'altruismo è una cosa contro natura.
Secondo me è attraverso un sano ragionamento egoistico che si arriva a conclusioni di tipo cooperativo e ad una più equa distribuzione della ricchezza.
L'altruismo è una cosa contro natura.
Se faccio l'agricoltore e produco, che so, il 5% in più di quello che mi serve per vivere e la parte eccedente la cedo ad altri agricoltori che hanno avuto il raccolto distrutto dalle intemperie non lo devo fare per altruismo, devo arrivare a concepire delle norme che mi vincolino a farlo in modo da, egoisticamente, assicurarmi che quando sarà il mio raccolto ad andare perso, protrò usufruire delle eccedenze degli altri.
Solo un discorso egoistico porta a stabilire regole che migliorano la convivenza civile, che OBBLIGANO ad agire nell'interesse comune, non che lasciano la cosa all'altruismo che è una malattia non una cosa positiva.

ilnegro ha detto...

Non ho ancora capito bene in cosa consisterà, la riforma del settore finanziario voluta da Obama, quello che mi pare di aver capito è che le banche non potranno più operare direttamente, almeno su alcuni mercati e/o con certi strumenti finanziari, in particolare i derivati.
Se vorranno farlo dovranno creare società ad hoc, anche di loro proprietà, ma distinte dalla banca stessa.
In pratica quello che si fece all'inizio, negli anni 90, quando anche in Italia per operare su certi mercati, compresa la borsa, le banche dovevano rivolgersi alle SIM.

guru2012 ha detto...

@ ilnegro

Perfetto, ma non credo che Indopama parlasse di altruismo (lui se l'è svignata a bali a spassarsela... :D).

Il problema è che ormai il mercato è diventato una sorta girone infernale dove regna il motto "mors tua vita mea", il che funziona in natura, ma non con noi che siamo animali "intelligenti".

All'agricoltore che ha un 5% di eccedenze non passa per la testa di condividerle con chi è stato più sfortunato, o meno bravo, anzi, lo investirà per avere un vantaggio sui propri competitors.

Magari se lo gioca in borsa. :D

Il Bagatto ha detto...

Il capo dell'intelligence americana, Blair, lascia dopo un solo anno e mezzo... Clinton afferma che bisognerebbe dare una lezione alla Corea del Nord... la fuoriuscita di petrolio nel golfo del Messico si sta caratterizzando come il più grave disastro dell'umanità....se volete finire in bellezza cercate "marsili", il gioioso vulcano sottomarino davanti la porta di casa. Una notizia positiva delle ultime ore: con la comunicazione della creazione in laboratorio di una cellula artificiale che si replica e che quindi è viva, si conferma quello che Lavoisier aveva detto a suo tempo a Napoleone, cioè non è necessario Dio per giustificare la vita sul nostro pianeta (ed i preti, leggi Bagnasco, giustamente si stanno molto ma molto preoccupando). Riguardo i piccoli giochetti di borsa ed affini: Germania in vantaggio sulla perfida Albione (e degenerati figliastri amerikani)

Il Bagatto ha detto...

Se ho ben capito la Germania sta cercando di creare uno spazio borsistico più tranquillom e con meno squali. Chi vuole puo entrarvi sapendo di poter lavorare con più tranquillità ma sapendo anche che se succedo guai uno se li incolla tutti...Un messaggio ai paesi emergenti e a quelli del terzo mondo? Londra come reagirà? (perchè a qualcuno verrà voglia di lasciare Londra per Francoforte). Se ho detto delle stupidaggini perdonatemi ma il mondo finanziario è per me un grande mistero...

Il Bagatto ha detto...

@ Felice
se apprezzi Flavio Tibaldi avrai sicuramente in libreria la "Guida galattica per autostoppisti" di Douglas Adams ed il mitico "Codex Seraphinianus"... :)

Anonimo ha detto...

notizie dall'Italia e dal mondo:

Tremonti (20/05/2010): "La crisi è peggiore di quello che si pensa - avrebbe detto - domani vado a Bruxelles, la Germania potrebbe addirittura minacciare l'uscita dall'euro, la manovra va fatta in unica soluzione: 24 miliardi e con un unico provvedimento. Prendere o lasciare".
da fonte: repubblica.it

un po' di escalation militare (questa volta in Corea) non guasta mai quando c'è crisi
fonte: asianews.it

ci sarebbe poi un mostruoso "blob" di petrolio che si aggirerebbe in fondo al mare (che non emerge in quanto ghiacciato), evviva la green economy (e spegnete la lucetta dello stanby della tv)
fonte: mercatoliberonews2.blogspot.com

@ Il bagatto
Per prima cosa, la Merkel sta dicendo: "noi siamo il mercato, loro il bordello. Se siete persone serie dovreste venire a lavorare nella nostra borsa. Se volete giocare al casino', andate pure a New York o a Londra.
fonte: wolfstep.cc

Arsan

Anonimo ha detto...

facciamo una considerazione veloce veloce: per risolvere i problemi dell'Euro (esacerbati dalla speculazione angloamericana)qual'è la differenza tra la ricetta tedesca e qualle americana?
Beh, sono completamente antitetiche, la germania infatti vuole un rientro dai deficit dei paesi europei effettuato con tagli e risparmi (quindi politica monetaria restrittiva), gli USA vorrebbero che la BCE facesse andare le rotative virtuali (manovra espansiva), tanto poi i soldi vanno a finire (quindi il plusvalore di ogni dollaro immesso) sempre nel sistema finanziario angloamericano.
E perchè i politici tedeschi sono così contrari a questa opzione (ed al rischio connesso di iperinflazione)? La prima cosa che fece Hitler quando prese il potere (la Germania era in piena iperinflazione) fu quella di internare tutti i politici, anche quelli a livello locale, nei campi di concentramento e di sterminarli. Badate bene, questo avvenne nel plauso generale e nel silenzio totale di TUTTI i tedeschi, i quali anzi, forse data la soddisfazione immensa ricevuta dal loro capo, lo seguirono felici fino all'inferno. Ora provate ad immedesimarvi un attimo in Frau Merkel..

Arsan

ilnegro ha detto...

Secondo me invece sia la Merkel che Obama stanno dicendo la stessa cosa : il mercato E' il bordello.
TUTTI i mercati SONO solo bordello.
Se fate i bravi e non ci fate incazzare vi controlliamo e vi lasciamo giocare ancora ma con certe regole.
Se ci fate incazzare vi togliamo il giocattolo del tutto.
Il senso del flusso del "denaro" dovrebbe essere :
1) mercato-->produzione-->consumatori
2) consumatori-->produzione-->mercato
invece ora è :
1) produzione-->mercato
2) consumatori-->produzione-->mercato

Non funziona.

Anonimo ha detto...

Usti quanto si ingrassano questi: http://www.businessweek.com/news/2010-05-20/fed-assets-reach-record-2-35-trillion-on-mortgage-purchases.html

Il Folletto

yuma ha detto...

@IL Negro 4.56

Bingo ! Hai appena enunciato la "Teoria del dono" Maurizio Pallante, Monasteri del terzo millennio

La centralità della produzione di valori d'uso in una struttura economica limitata territorialmente e finalizzata all'autosufficienza, richiede agli individui la capacità di svolgere, accanto al proprio lavoro principale, differenti mansioni, a volte in forma di collaborazione subordinata, e di costruire una rete di scambi fondati sul dono e sulla reciprocità.

Ognuno mette a disposizione degli altri la propria competenza specifica e riceve in cambio le competenze specifiche altrui.

In questo tipo di struttura economico-produttiva il dono non è il regalo rituale della società consumistica, né l'atto caritatevole che le religioni raccomandano ai fedeli per alleviare le condizioni di miseria in cui vivono i poveri: è uno scambio reciproco con alcune caratteristiche non scritte, ma ben definite: l'obbligo di dare, l'obbligo di ricevere, l'obbligo di restituire più di quanto si è ricevuto.

Con queste caratteristiche il dono è una forma di scambio che crea legame sociale tra le persone coinvolte: io ho ricevuto da te e ti restituisco più di quanto mi hai dato; quando tu mi restituirai quanto ti ho dato in più, mi darai più di quanto hai ricevuto da me in modo che io sia nuovamente obbligato nei tuoi confronti e così via.

Anonimo ha detto...

SOLO GLI HEDGE FUND SUL BANCO DEGLI IMPUTATI ?

Anonimo ha detto...

C.L.A.M.O.R.O.S.O.

Draghi fa mea culpa ed accusa le banche centrali di vaer sbagliato politica monetario, cioè stampare denaro ponendosi come obbiettivo una moderata inflazione


Draghi, crisi dovuta anche a errori politica monetaria, poi prosegue smentendosi......NEOLINGUA ORWELLIANA

giovedì 20 maggio 2010

(ANSA) - FRANCOFORTE, 20 MAG - Le cause della crisi sono legate a ''difetti regolatori ed errori di politica monetaria'': lo ha detto Mario Draghi. ''I benefici di una solida cornice di politica monetaria - ha aggiunto il governatore di Bankitalia - sono diventati piu' evidenti, non meno evidenti, in una crisi''. Draghi ha anche sottolineato ''l'importanza capitale'' in una crisi di mantenere i flussi di credito.

Il Folletto

Anonimo ha detto...

@ il bagatto
non lasciarti ingannare dai titoli dei giornali, non siamo ancora capaci di creare la vita in modo artificiale.
Ciò che hanno fatto, ammesso che sia vero quello che dicono, è solo una manipolazione genetica eseguita su un organismo già in vita per conto proprio.

Un saluto a tutti.
Tridens

Il Bagatto ha detto...

@ Tridens
come chirurgo non ho una preparazione superspecifica -anche se mastico abbastanza bene di genetica ... :) - sono i miei colleghi genetisti e biologi che sono sicuri che questo sia il primo passo verso la creazione di vita artificiale (probabilmente la ricerca è molto più avanzata di quello che dicano, per ovii motivi di attacco non solo ideologico da parte dei poteri superforti... forse saprai che si è a buon punto anche nel trapianto di cervello, almeno in alcuni animali ... anche questo è tabù. Ma la scienza va avanti, stando attenta -per quanto possibile- a non cadere in tragici errori tipo l'energia nucleare "spiegata al popolo" :)

Il Bagatto ha detto...

@ Tridens
il sito ove puoi leggere i dettagli:
http://www.sciencemag.org/

Anonimo ha detto...

@ Guru
Guarda, da che mondo è mondo, chi più ha lavorato, meno ha guadagnato. Si son fatte rivoluzioni sanguinose per questo, ma la violenza non porta mai vantaggio ai più deboli.

Ok, d'accordo
Anche le rivoluzioni sono parte del "sitema", vuol dire che il manovratore aveva perso la sensibilità di quel che era il limite in quel momento. Ovvero la stampa della carta era stata mal gestita e si è rotto l'equilibrio, neanche fare i manovratori è semplice e privo di rischi... Anzi, si rischia la pellaccia.
Fra

Anonimo ha detto...

@ il bagatto
hai detto bene: "il primo passo".
Aspettiamo che ci arrivino.

Grazie del link.

Tridens

Il Bagatto ha detto...

@ Tridens
certo, è un primo passo ma molto importante di cui ora non siamo in grado di capire le ricadute. Questo l'articolo sull?osservatore Romano:
http://www.vatican.va/news_services/or/or_quo/text.html#16

Il Bagatto ha detto...

@ Tridens
per "par condicio" il link della UAAR (unione atei agnostici italiani: presidenti onorari Margherita Hack, Piergiorgio Odifreddi, ecc):
http://www.uaar.it/news/2010/05/21/annuncio-craig-venter-sintetizzate-cellule-grado-autoreplicarsi/

Il Bagatto ha detto...

Gli USA non hanno gradito per niente l'iniziativa di Brasile e turchia di abbassare il livello di scontro con l'Iran. Perchè perdere una ghiotta occasione per una eventuale ulteriore guerra?. Vedi:
http://blogs.aljazeera.net/americas/2010/05/18/dc-lula-nice-try-too-late
anche con la Corea del Nord gli USA alzano il tono (dal più imnportante quotidiano di Seul):
http://english.chosun.com/site/data/html_dir/2010/05/21/2010052100423.html
Sai, nel caso i mercati scricchiolassero troppo ... :)

Anonimo ha detto...

UN MONDO DI MENZOGNE!

Anonimo ha detto...

il fondo oceanico sta crescendo di 13 piedi al giorno in australia

Anonimo ha detto...

An Expanding Earth ?

Anonimo ha detto...

alè ci mancava che ingrassasse anche la terra... :-D

Rasenna

Anonimo ha detto...

@Rasenna

guai a pensare di sapere già tutto.....

indopama