domenica 8 maggio 2011

Continua il circo e le ultime dal mondo arabo

Continua il Circo Di Washington, questa volta è stato rilasciato un video di Osama Bin Laden, che riprende sè stesso mentre si guarda uno dei suoi filmati.

Di spalle.

Ci si filma sempre mentre si guarda un film di sè stessi, è una cosa così gradevole e gratificante che mi chiedo sempre come puo' resistere chi non l'ha mai provato.

Ah, e si vede una persona che dovrebbe essere Bin Laden con la coperta di lana sulle spalle come Nonna Abelarda e il cappello di lana in testa. In una casa che sembra una bettola a Brancaccio, con il dovuto rispetto per certi ristoranti/pescherie a Brancaccio, dove si mangia un gran bene.

Bisogna proprio vederlo.



Nessuna satira riuscirà mai a pareggiare il livello di comicità raggiunto dalla propaganda.


Sempre parlando di filmati, è stato sollevato tra i commenti dall'affezionatissimo idea3online il tema della forma dei confini del compound, che ricordano i confini di Israele. In questo filmato i confini si vedono ancora meglio e sono ancora più somiglianti ai confini di Israele rispetto alla immagine iniziale. Vero o falso, comunque affascinante, la somiglianza c'e'.


Parlando d'altro, nel mondo arabo ci sono alcuni nuovi scossoni in corso.


Tunisia, nuovi disordini

Dalla scorsa settimana nuovi disordini stanno mettendo a ferro e fuoco l'Avenue Bourghiba. I manifestanti chiedono "una seconda rivoluzione" e protestano perchè i cambiamenti non sono sufficienti e non sono sufficientemente rapidi.

Per tutta risposta, il governo ha promulgato una nuova legge che vieta a tutti i sostenitori attivi dell'ex regime (militanti del partito RCD) la possibilità di ricoprire qualsiasi carica pubblica.

Non è stato sufficiente. E il ministero dell'interno ha sempre il filo spinato intorno ed è stato proclamato il coprifuoco notturno.

Le stesse fonti del Ministero hanno poi reso noto che cinque posti di polizia e della Guardia nazionale sono stati incendiati a El Mnihla, Intilaka, El Mourouj, Ibn Khaldoun e Kasserine.

La situazione è esplosiva a Sidi Bouzid (la città da dove, con il suicidio di un giovane commerciante ambulante, prese il via la "rivoluzione"): la caserma della Guardia nazionale e quella della polizia stradale sono state incendiate. I manifestanti hanno rimosso i segnali stradali e hanno incendiato dei pneumatici, distruggendo le vetrine di molti negozi e le insegne di uffici pubblici.

Incendiati anche il posto di polizia e la stazione dei trasporti pubblici di Meknassi e due altre caserme (della polizia e della Guardia nazionale) a Regueb.


Bahrein, revocato lo stato di emergenza dal 1 Giugno

Il re del Bahrein Ben Issa al-Khalifa ha ordinato con un decreto la revoca dal 1. giugno dello stato d'emergenza imposto nel paese il 15 marzo a seguito di settimane di proteste anti-governative. Lo rende noto l'agenzia statale BNA.

Un'altra devicisione che arriva quando è troppo tardi.


Siria, di nuovo i carri armati in azione

Dopo essere entrati in forze nella prima città ribelle di Daraa, e dopo aver effettuato rastrellamenti casa per casa, le forze dell'esercito siriano sono entrati nella notte di Sabato a Homs, terza città siriana, e Tafas, una città vicina a Daraa.


Grecia, l'assalto dei media

La Grecia continua a sprofondare. Der Spiegel, come segnalava l'affezionatissimo Il Folletto tra i commenti, ha lanciato venerdì la notizia che Atene sarebbe stata disposta a lasciare l'Eurozona e reintrodurre la dracma, cintando fonti anonime vicine al governo tedesco.

Atene ha prontamente smentito, e tutto va bene.

Riunioni a parte.

Il Wall Street Journal ha scritto che la Grecia ha chiesto ai partner dell'eurozona di abbassare gli obiettivi di riduzione del deficit mentre fatica ad attenersi al piano di austerity stabilito nel quadro del salvataggio internazionale. Sempre stando alle indiscrezioni del Wsj, Atene avrebbe ammesso che probabilmente non sarà in grado di tornare a finanziarsi sul mercato il prossimo anno e potrebbe avere bisogno di ricorrere di nuovo al fondo di salvataggio della Ue.

Il New York Times ha scritto che EU e FMI starebbero in realtà solo prendendo tempo per consentire alle banche di rafforzare il loro capitale in attesa dell'arrivo della Tempesta.

Saluti felici e stay human

Felice Capretta

15 commenti:

Anonimo ha detto...

Primo! Alla faccia di tutti gli altri che la domenica sera vanno in giro a far bisboccia dicendo che c'è la crisi e a raccontare tutte le cose che leggono qui su informazione scorretta .... ;)

Carino Osama con il copertone sulle spalle che si muove come un malato di alzhaimer! Con quei quattro accrocchi su di un improbabile armadietto Hi Tech ... brrrrr questa sì che è la centrale operativa di un network del terrone ehm! terrore!!!!

Si!si! Operativissimo ... neanche capace a farsi una tinta alla barba che sia verosimile.

Quello che mi sconcerta è l'incongruenza, forse apparente, tra il 'merdone' che i pakistani hanno ricevuto dagli americani e il contenuto degli interrogatori della presunta moglie di Obama ehm!!! Osama ... che fastidiosi questi lapsus!

Se vere, trovo interessanti le parole di Osama quando fa notare cosa si sono sentiti 'costretti' a fare per evidenziare il trattamento brutale degli israelo-americani contro i rinchiusi di Gaza ... se vero, questo è il punto di vista di un popolo umiliato, torturato e chiuso nell'angolo. Come vuoi che reagisca??

Awake!

Torn.

Anonimo ha detto...

Le teste di turbante non sono mai state un grosso esempio di pulizia e ordine, tengono le case come stalle di cammello, per cui di cosa vi meravigliate?
E dei simpatici salafiti egiziani non ne parlate?

Felice Capretta ha detto...

@ torn

"L'America non potrà sognare la sua sicurezza, fino a che non vivremo la stessa sicurezza in Palestina", questo sarebbe il contenuto di un audiomessaggio postumo di bin laden, comparso sui `siti web islamici` che conosce solo rita katz. Quali esaattamente, da 10 anni non si sa.10 anni.

Ma la cosa piu` interessante e` che quelle parole ricordano molto le parole pronunciate da uno dei 5 agenti del mossad arrestati in new jersey l`11 settembre 2001.

Si, quelli prontamente spediti in israele da chertoff anziche` interrogarli, dal momento che festeggiavano e si scaattavano foto con le torri in fiamme. Quelli che lavoravano per una societa` di traslochi che era una copertura per una rete di spie israeliane negli usa.

......

Saluti felici

Felice

Ps: parola di conferma: banded

Sitoqualunque ha detto...

"Osama guarda se stesso in coperta, berretto di lana e boule dell'acqua calda: your argument is invalid".

Tersite ha detto...

Carissimo, sono felice di proporti una soffiata fresca fresca:
http://vaneparole.blogspot.com/2011/05/quando-si-dice-il-caso.html

Verdi pascoli a tutti.

Anonimo ha detto...

Mi pare che l' "Osama Show" sia stato confezionato in modo da apparire una ridicola sceneggiata a qualunque persona dotata di un Q.I. superiore a 50, mentre quello tragico dell'11 Settembre richiedeva un valore lievemente superiore; riguardo le motivazioni invece quelle del 2001 sono apparse abbastanza evidenti mentre oggi regna una grande incertezza testimoniata dal fiorire di svariate ipotesi, tutte però accomunate da una proiezione temporale un po' limitata.
Forse per capire bisogna guardare da una prospettiva più lontana, oltre l'attuale situazione geopolitica, superare le persone ed i fatti per mettersi sul piano delle idee, quelle secolari che orientano la storia.
Nel nostro piccolo possiamo solo fiutare il vento infido stando attenti a non farci trascinare nei vortici, come una capra saldamente piantata su un alto sperone roccioso.
Saluti:
guido

Anonimo ha detto...

allarmismo preventivo
http://blogghete.altervista.org/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=820:gianluca-freda&catid=40:varie&Itemid=44#comments

Anonimo ha detto...

Almeno 9 morti e due chiese bruciate vicino al Cairo

Scontri alla chiesa di san Mina nel nord-est della capitale. Bruciata la chiesa della Vergine Maria e quella di Al Azra. centinaia i feriti. I salafisti accusano la Chiesa copta di tenere prigioniere donne che si sono convertite all'islam.

http://www.asianews.it/notizie-it/Almeno-9-morti-e-due-chiese-bruciate-vicino-al-Cairo-21501.html

Mario Barbiero ha detto...

Un conoscente qualche mese fa è andato in banca e ha comunicato che doveva ritirare 15.000 euro dal suo conto.
Tralascio l'interrogatorio stile Guantanamo a cui è stato sottoposto solo perchè voleva ritirare i suoi soldi.
Li ha ricevuti in 4 tranche settimanali, pertanto ha avuto l'intera somma circa 30 giorni dopo averla richiesta.
Oggi ero in posta e a uno hanno negato un prelievo di 1.300 euro perchè non li avevano.
Gli hanno chiesto di passare la prossima settimana.
Meditate gente, meditate ...

Anonimo ha detto...

@felix

Come sei criptico! Avevi sonno? Il tuo ps mi lascia sconcertato.

Anonimo ha detto...

La crisi del debito greco è sul punto di andare fuori controllo?
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=print&sid=8276

le balle greche
http://mercatoliberonews.blogspot.com/2011/05/le-balle-greche.html

Anonimo ha detto...

Più che dalla CIA, la sceneggiatura di tutta questa storia di Bin Laden mi sembra scritta da Max Bunker, quello del gruppo TNT.
La cosa della barba tinta poi è fantastica! Il sosia non somiglia abbastanza all'originale? No problem, diciamo che si tingeva la barba per vanità.
hahahahahahaha

RedLizard

Anonimo ha detto...

Questa è proprio una bassezza ... (ammesso e non concesso che la propaganda stelle e strice abbia un fondo di vero) dopo averlo assassinato senza un 'regolare' processo che dimostrasse "al di là di ogni ragionevole dubbio" la sua colpevolezza ... gli danno anche dell'impotente ...

ODDIO! STO PER VOMITARE!

Notate bene che non sto dicendo che Osama fosse un santo guerriero o un mito da idolatrare. Sto dicendo che la nazione più potente (almeno così credono in molti) del mondo, che si spaccia per esportatrice di democrazia e paladina della giustizia sta superando ogni limite morale elevandosi alla forma e allo stato di un dio "che può ogni cosa".

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2011/05/09/visualizza_new.html_871993680.html

Torn

Anonimo ha detto...

I prezzi dell’argento e delle materie prime: si prepara una nuova crisi
di Maurizio d'Orlando

Dopo anni di crescita, il prezzo dell’argento, del petrolio e altre materie prime è crollato. Ma non sembra essere un segno positivo. Si prepara una nuova crisi: agli aspetti finanziari si aggiungono i debiti pubblici e una depressione senza fine, o l’iperinflazione. Ma tutto è legato al prezzo dell’oro e dell’argento, da secoli controllato da diversi gruppi e oggi da Goldman Sachs e JP Morgan.

http://www.asianews.it/notizie-it/I-prezzi-dell’argento-e-delle-materie-prime:-si-prepara-una-nuova-crisi-21504.html

Anonimo ha detto...

si parla da anni di una nuova moneta mondiale...ma nei fatti esiste da molto (la cosa assurda è che la studiavo all'università...).... comunque sono i diritti speciali di prelievo DSP

http://dspdirittispecialiprelievo.blogspot.com/2011_02_01_archive.html