mercoledì 20 gennaio 2010

Bond 5 anni in dollari (teoria e tecnica della truffa all'italiana)

Il solito Tgcom mette oggi tra le principali notizie del mondo una interessante novità: un bar di singapore ha fatto una serata promozionale in cui dava vodka gratis alle signore.

A coppa di reggiseno più grande corrisponde una quantà di vodka in omaggio più grande.

Notevoli le polemiche.

Già.

Forse sarebbe stato opportuno spendere un paio di parole in più su una piccola notizia che è uscita poche ore fa: il governo italiano ha annunciato di aver messo allo studio l’emissione di titoli di stato a 5 anni denominati in dollari.

Da Ansa

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il ministero dell'Economia ha conferito a un pool di banche il mandato per l'emissione di un titolo di Stato in dollari Usa a 5 anni. L'emissione, sottolinea il Tesoro in una nota, sara' effettuata, da un pool di banche d'affari internazionali, 'qualora le condizioni di mercato lo permettano'. I proventi - si legge in un comunicato - 'derivanti dall'operazione potranno essere impiegati dal Governo per svariati scopi, ivi incluse finalita' di gestione del debito'.


Detta così, è una notizia che merita di restare confinata tra le news finanziarie.

Risulta invece che la cosa merita un approfondimento, perchè una mossa del genere è come un grosso cartello giallo issato sul Ministero del Tesoro che dice: “noi crediamo nel ribasso del dollaro (e contiamo pure di farci un sacco di soldi alla spalle di chi ci casca)”.


Titoli di stato, le basi

Ci preme sottolineare che questa che segue è una semplificazione del meccanismo per diversi motivi: non ci sono più titoli cartacei, i bot si acquistano tramite la banca, hanno diversa durata e diverso valore, e il prezzo dell’emissione avviene su base d’asta e gli interessi sono espressi in modo diverso.

Comunque il meccanismo - a grandi linee - è il seguente.

Come gli affezionati lettori ben sanno, i titoli di stato vengono emessi da una nazione quando ha finito i soldi e non è in grado di far fronte alle spese.

Lo stato deve pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici, i fornitori di cemento per i muri delle scuole, il fornaio che porta le brioches alla buvette di Montecitorio e mille altre cose.

Se non ha soldi non puo’ pagare.

Così, alla fine dell’anno, per evitare di fare bancarotta, deve rastrellare i soldi che gli mancano.

I soldi li rastrella in un modo molto semplice, oltre alle tasse: emette in pratica grosse cambiali, dei grossi paghero’, che chiama “titoli di stato”, “buoni del tesoro”, o anche “titoli di debito”.

In fin dei conti le cambiali sono titoli, pero’ vuoi mettere la differenza tra chiamarli cambiali e chiamali “buoni del tesoro”?

Suona tutta un'altra cosa, Buoni Del Tesoro.

Lo stato così emette quei titoli.
Diciamo che ogni titolo vale 100 euro.

I cittadini, le banche, chiunque nel mondo puo’ comprare quei fogli che sono in sostanza promesse di pagamento.

Il titolo funziona come tutti i titoli: il signor Oreste Lavolpe (lo chiameremo così, il nostro brillante amico) decide di acquistarne uno e si impegna a dare subito 100 euro allo stato italiano.

Lo stato italiano, per contropartita, gli dà un titolo cartaceo con il quale lo stato stesso si impegna a restituire dopo un anno gli stessi 100 euro al signor Lavolpe, più una piccola somma di interessi, diciamo 1 euro (pari all’1% circa), totale 101 euro.

Dopo un anno, il signor La Volpe si presenta alla porta del Ministero del Tesoro con in mano il titolo, e, se lo stato italiano non ha fatto default, il ministero ritira il titolo di stato e mette in mano al signor Lavolpe 101 euro: 100 euro più 1 euro di interessi.

Fin qui, tutto in ordine.



Debito in valuta estera: la storia di Furbetto, Oreste Lavolpe e i Gettoni Colorati del Western Badombia (c)


Abbiamo visto che, in fondo, il titolo di debito è in sostanza una cambiale, un paghero’, tra due entità, su una somma di denaro.

Cosa succede quando questa somma di denaro è denominata in una valuta straniera, che so, in Gettoni Colorati del Western Badombia (copyright zio linucs)?

Succede che delle due parti, una guadagna e l’altra perde, e tanto più guadagna o perde in funzione della fluttuazione del cambio.

Facciamo un esempio caprino.

Furbetto ha bisogno di 100 euro per pagare la bolletta della corrente. Pensa subito al suo amico, il brillante Oreste Lavolpe.

Furbetto, prima di uscire di casa, da’ un’occhiata al tasso di cambio tra Euro e Gettoni Colorati del Western Badombia (c) e vede che il tasso di cambio è, come sempre, 1:1: 1 Euro vale 1 Gettone COlorato del Western Badombia e viceversa.

Egli pero’ sa che il Western Badombia(c) sarà presto costretto a svendere le sue riserve in oro per finanziare la guerra con il vicino Badombestan, e il Gettone Colorato perderà valore contro l’Euro molto presto.

Così Furbetto convoca Lavolpe e gli propone un affare: Lavolpe gli dà subito 100 Gettoni Colorati, e Furbetto li restituirà a fine mese con un interesse del 10%, pari ad una somma finale di 110 Gettoni Colorati.


Un ottimo affare (forse)

Un buon affare, degno di Oreste.

Il signor Lavolpe infatti intuisce che il 10% in un mese è un bel colpo, tanto più che il suo amico Furbetto ha un buon lavoro da dipendente che lo rende sicuramente solvibile, e così si precipita in banca a cambiare 100 Euro in 100 Gettoni Colorati grazie al cambio 1:1.

Subito Lavolpe porta i Gettoni Colorati appena cambiati a Furbetto, che ringrazia e firma la cambiale con la quale si impegna a restituire a Lavolpe 100 Gettoni Colorati più altri 10 come interesse a fine mese, totale 110.

Naturalmente Furbetto corre in banca a cambiare i 100 Gettoni Colorati in 100 Euro per pagare la bolletta.

Durante il mese il tasso di cambio Euro-Gettoni Colorati Western Badombia(c) inizia a fluttuare.

Poi, accade l’evento previsto da Furbetto: il Western Badombia (c) vende le sue riserve in oro per finanziare la guerra contro il vicino Badombestan.

Subito la notizia appare su un noto blog italiano, Informazione Scorretta, mescolata tra la storia di uno stupratore di conigli e quella del cagnolino ingoiato dal pitone.

La notizia si diffonde rapidamente, facendo crollare del 50% il Gettone Colorato del Western Badombia, al punto che 1 Euro vale 2 Gettoni Colorati.

Viene la fine del mese, e Furbetto deve onorare il suo debito.

Così si reca in banca a procurarsi i 110 Gettoni Colorati. Che paga solo 55 Euro, perchè nel frattempo il Gettone Colorato è crollato e vale la metà di prima.

Puntuale si presenta a casa di Lavolpe con in mano i 110 Gettoni Colorati del Western Badombia.

Lavolpe, felicissimo dell’affare fatto, straccia la cambiale, ringrazia l'amico per la sua puntualità, e corre in banca per cambiare i Gettoni Colorati in Euro.





L'amaro risveglio di Oreste Lavolpe

Lì avviene l’amaro risveglio del nostro eroe Oreste: la banca cambia diligentemente i 110 Gettoni Colorati in 55 Euro freschi di stampa.

Il signor Lavolpe si guarda intorno stranito: si aspettava 110 Euro e invece il cambio sfavorevole tra il momento della cambiale e il momento della riscossione gli ha fatto perdere 55 Euro.

Furbetto invece si frega le mani: ha preso 100 Euro e ha restituito 55 Euro, con un guadagno netto di ben 45 Euro.

Un buon affare. Per Furbetto.

Debito in valuta estera: la storia di Tremonti e Oreste Lavolpe


Il ministero del tesoro sta tentando il gioco di Furbetto.

Oggi emette titoli di stato in dollari con scadenza a 5 anni, contando che da qui a 5 anni il dollaro crollerà o scenderà rispetto all’Euro (capirai che scommessa).

Oggi prende dollari, che convertirà subito in Euro per pagare gli stipendi e le brioche della buvette.

Tra 5 anni, quando dovrà onorare il debito, si procurerà i dollari per la restituzione agli sveglioni di turno. Probabilmente li pagherà direttamente in carta igienica, neanche più in euro.

Tremonti stesso ha anche parlato chiaramente di eventuali plusvalenze che saranno destinate a fare del bene.

Evidentemente il furbetto Tremonti prevede il crollo o una discesa forte del dollaro da qui a 5 anni (altrimenti è impazzito, e non lo sembra ancora).

Se avrà ragione, lo stato incasserà le plusvalenze e chi accetterà l’affare, l'Oreste Lavolpe di turno, pagherà il conto.

Sui colli romani la chiamano ...sòla. Qui la chiamiamo truffa all’italiana, e ci ricorda parecchio Toto’.

Vediamo chi sarà il prossimo Oreste Lavolpe.

Ma soprattutto...sareste felici di avere Toto’ al ministero del tesoro?

Saluti felici

Felice Capretta

94 commenti:

Anonimo ha detto...

primo!!!
Capretta capretta... è talmente una fregatura quella di Tremonti che non credo possa essere vera ed attuabile... come si dice... è una boutade!
A mio parere non è indirizzata al mercato italiano, ma bensì a quello incentrato sul dollaro (quelli che sulla scommessa dell'esistenza del dollaro da qui a cinque anni devono fare i conti), serve insomma a far entrare capitali nel circuito economico italiano da parte di entità dollaro dipendente... tipo alcuni fondi sovrani medio-orientali... certo la fregatura rimane

Anonimo ha detto...

finche' l'unica alternativa di voto sara' Antonio la Trippa (see, ar sugo)vota Antonio,vota Antonio,vota Antonio...
che strano per una volta volta sara' il popolo a pigliarla ove il sole non suole battere e non le banche... una cosa mai vista!!

katanga

jjletho ha detto...

non vado troppo in OT proponendo questo incredibbbbbbile link del sole24ore:

Visco e Romano che parlano di lotta all'evasione...


Per metterla in rima, uno potrebbe dire:
"Tra ovvietà e stronzate, c'è da farsi un mare di risate"

alina ha detto...

Ahahahahahahahahahahah
Che cos'è il genio?
Fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità di esecuzione.

Ahahahahahahahah....pazzesco.


Faccio in tempo a salutare Yuma?
Adiòs amico !
Ciao ciao a tutti.

luigiza ha detto...

Tra post di Capretta e commenti di lettori qui é uno spasso unico.
Complimenti !
luigiza

Anonimo ha detto...

tel li induale'!!
cambio doll/EUR a 1,41!!!
c'e' anche una sincronia di tempi perfetta!!!

Mario ha detto...

Immaginiamo l'Italia come un bacino idrico che per funzionare correttamente deve avere sempre un certo livello d'acqua (soldi), al di sotto del quale il bacino inizia a funzionare male; attraverso l'imposizione fiscale si fa arrivare l'acqua necessaria a compensare le uscite.
Se non si riesce a mantenere il livello può essere un problema di entrate o un problema di uscite; chissà perchè si parla sempre del problema di aggiungere acqua e non del problema più grave di tappare i buchi ovvero gli sprechi.

Forse perchè chi ne parla è anche chi ha aggiunto i buchi al bacino?

Anonimo ha detto...

non e' detto che sia il dollaro a scendere, puo' anche essere una mossa per poi fare una valuta dollaro+euro nel momento in cui il cambio va oltre certi limiti, le ipotesi possono essere molte. certo loro sanno cose che noi non sappiamo e non sapremo finche' non sara' il momento di saperle.

indopama

andrea ha detto...

bravo Felice, hai spiegato bene la prima parte.
ora spieghiamo la seconda.
la carenza di investitori in dollari (che comperino i t bond tanto per capirci) sarà una carenza di lunga storia o solo momentanea (diciamo qualche anno ) ?
perchè così facendo, e se lo fanno anche altri oltre all'italia, è anche un modo per sorreggere il dollaro, e quindi non farne crollare il valore.
altra incognita è il tasso di interesse di questi bonds.
se seguono quello dei decennali americani non si può contare se non su un 3% scarso annuo, che però per 5 anni vorrebbe dire 15% circa.
per compensare tale operazione e guadagnarci qualcosa dovremmo contare tra 5 anni su un dollaro a 1,70 sull'euro.
ma a quel livello, dove saranno le nostre (europee) esportazioni ?
certo che se il dollaro arriva a 1,80 o 2,00 sull'euroc'è da guadagnarci senz'altro, ma se dopo un crollo asi riprende ?
5 anni sono lunghi e possono accadere molte cose.... anche che il dollaro arrivi a 2.00 e torni a 1,40 nel giro dei 5 anni.
pur avendo io pronosticato il dollaro a 1,80, come picco inferiore, non giurerei sulla permanenza a quel livello per molto tempo!
della serie:
bond in dollari a 3 anni al massimo, altrimenti si rischia la sola al contrario!

andrea ha detto...

ma conoscendo tremonti opterei per sola (a noi italiani) pressochè sicura !

Pluto ha detto...

Mi associo al primo parere.. nemmeno per me è un tentativo di speculare sulla caduta del dollaro. Oltretutto in un frangente in cui neppure il destino dell' Europa e della sua monata Euro è ben chiaro.
Per fare questo avrebbe avuto strumenti meno rischiosi (perchè per quanto ne sappiamo potrebbe essere l'Euro a cadere più del dollaro!) e pure meno antipatici. In finanza ne esistono parecchi CFD, CW, futures, options...
Probabilmente Tremonti vuole offrire uno strumento di investimento senza rischio cambio ad investitori che hanno capitali in dollari.

Però il rischio a quel punto se lo accolla l'Italia... a meno che Tremonti (che è uno parecchio sgaio) non sappia che tra 5 anni riceveremo a nostra volta un pagamento in Dollari cosicchè il nostro rischio pure sia a zero..

Ora...cos'è che ci può far dire che tra cinque anni prenderemo tali dollari? Forse lo poteremmo dire nel caso comprassimo buoni del tesoro americani per lo stesso valore...

Un altro modo del Governo Americano di comprare i propri Tbond con soldi stampati in cantina, ma solo un po' meno appariscente.

Pluto ha detto...

dal precedente msg:
monata Euro = moneta Euro... errore Froidiano... :D

Gaetano ha detto...

Illinois sull'orlo del baratro:

http://www.chicagobusiness.com/cgi-bin/mag/article.pl?articleId=32910&seenIt=1

Anonimo ha detto...

si perche' e' questo quello che ci meritiamo capretta ! ;)

Mario ha detto...

"forse faremmo bene a smettere di studiare la storia e cancellarne l'insegnamento, dal momento che la nostra società si comporta come se non imparasse niente dalla storia"

: )

09 settembre 2008 01.00

ho trovato questa frase curiosando nel passato ...
ripensando alle parole di un amico provo ad adattarla ai giorni nostri ...
"forse faremmo bene a smettere di leggere il blog e cancellarne i commenti, dal momento che ognuno di noi si comporta come se non imparasse niente da nessuno di essi"

è tardi e la pupa aspetta il biberon caldo, quindi a domani la prosecuzione del mio ragionamento ... uhm il biberon è ancora troppo caldo, quindi qualche cosa la posso anticipare ...

sì yuma se ne è andato, ha detto la sua sui motivi per cui lo faceva e ... ciao yuma, grazie yuma, a presto yuma ... il fatto che uno sensibile, intelligente e preparato dica me ne vado perchè qui (informazione scorretta) sono venute meno alcune cose (attenzione non ha detto che non ci sono mai state) pensavo che una qualche riflessione magari la muovesse e boh è vero siamo tutti diversi, a me se dal mio gruppo di amici uno come yuma dice me ne vado perchè qui non mi (ri)trovo più, se dal mio team di lavoro uno come yuma mi dice me ne vado perchè qui non mi (ri)trovo più, magari provo a pensare sul perchè, dato che lo ha spiegato in maniera abbastanza esplicita ... per carità altri in passato hanno scelto altre strade, non li conoscevo e non ci ho parlato quindi forse è per questo che adesso mi lascia un po' così questa cosa, ma anche no (eh il veltrobuonismo) perchè forse qualcosa su cui riflettere per il bene del blog e quindi anche di noi stessi c'è ... per chi come me vede questo posto e le persone che lo frequentano come un qualche cosa di più di una semplice chiacchierata al bar (che poi chi l'ha detto che dalle chiacchierate al bar non si impara qualche cosa? ad esempio in un bar ho scoperto che un mobilificio che mi voleva commissionare un lavoro stava facendo sparire i soldi senza pagare i fornitori per fare boom e scappare con il malloppo)

Mario ha detto...

e quindi ho risparmiato una raccomandata di sollecito di pagamento ... ;)

Vittorio Silva ha detto...

Sono d'accordo con Andrea: secondo me la manovra di Tremonti è soprattutto un modo per dire al mondo "noi nel Dollaro (e nella primazia economica USA) ci crediamo ancora!"

Non escluderei che qualche altro paese possa fare la stessa cosa in futuro, o per lo meno annunciarla/minacciarla: si tratta di "fare la testuggine" contro eventi sempre più negativi!

TaO ha detto...

Avevo già espresso la mia stima e la mia solidarietà a Yuma in via privata ( che a questo punto rinnovo pubblicamante ) e non avevo intenzione di intervenire su IS. Poi ho letto il post di Mario .

Mario , che dire , riflettendo su quello che hai scritto ieri , per una volta , non ho affilato la katana ed ho pensato a comprare una pentola più grossa , per cuocere la famosa zuppa da dividere con gli amici di avventura nel caso di collasso sistemico globale . Metafora ( ehm , quasi .... )forse rozza per dire che se esistono ancora persone che scrivono quello che hai scritto tu , beh , forse qualcosa di positivo in futuro possiamo ancora combinarlo .

Non possiamo essere d'accordo su tutto , possiamo però confrontarci e magari arricchirci a vecenda. Di cultura , di umanità , si spiritualità, di informazione perchè no ? . Altrimenti diventa tutto un enorme insieme di monologhi di sordi .

saluti rurali

TaO

jjletho ha detto...

@mario
su yuma, io ho interpretato il suo abbandono più che altro come una contro-reazione a ciò che è successo qualche post fa, e francamente non la ho imputata al livello del blog.
E' un pò che seguo sto blog, anche se mi sono permesso di farne parte solo da poco tempo, rispondendo e postando roba. Non mi pare che l'aria che tira qui sia cambiata, che ci sia una convergenza di punti di vista e che si facciano lapidazioni pubbliche.
Se Yuma ha interpretato una reazione a ciò che ha postato come uno storming the target contro di lui, a me dispiace. Ma è una sua interpretazione.
Se, in base a questa interpretazione, ha deciso di lasciare il treno, beh, non è che dobbiamo noi farci troppe domande.
Le uniche domande valide, secondo me, sono: lo storming the target è avvenuto sul serio? Se si, è stata una reazione dovuta al fraintendimento di ciò che ha postato lui?

Anonimo ha detto...

già molto meglio Prodi che voleva vendere l'oro di bankitalia nel 2007.
Se i mercati chiedono investimenti in dollari perchè non darglieli? Tanto più che si prevede che il greenback possa solo scendere. L'investitore italiano potrà quindi affidarsi a titoli del tesoro nostrano invece che in obbligazioni emesse dai concorrenti di Lehman o dal tesoro USA, e ben vengano gli investitori esteri che vogliono diversificare l'emittente. Di questi tempi è proprio vero il motto "pecunia non olet".

Arsan

Anonimo ha detto...

Mario,

Livigni, segretario personale di Mattei, sostiene che il 70% delle azioni di ENI sia di GS e JPM: indaghiamo?

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Ciao Folletto,
a me sembra un pò na panzana nel senso che non si capirebbero allora le politiche di collaborazione eni-gazprom visto che danneggiano il progetto rivale americano.
e comunque, sempre secondo me, sto rally del dollaro dovrebbe fermarsi..stiamo a vedere..
ciao
de

Anonimo ha detto...

un belvideo preso dal sito di santaruina, della serie c'è chi deve lavorare un mese per percepire sti soldi..e poi ci chiediamo perchè i tedeschi non siano interessati a salvare l'europa.
Posso farvi una domanda?
Se voi poteste fare qualcosa per cambiare la situazione che cosa cambiereste?

de

guru2012 ha detto...

@ de

"Posso farvi una domanda?
Se voi poteste fare qualcosa per cambiare la situazione che cosa cambiereste?"

Gran bella domanda, amico mio.

Come prima cosa, darei una ritoccatina allo stipendio dei "politici", così come gesto simbolico. Diciamo 3000 euro + le spese (reali).

Questo non avrebbe alcun effetto sul deficit dello Stato, ma certamente ci consentirebbe di avere "politici" migliori.

Anonimo ha detto...

http://www.agenziacina.com/index.php?module=htmlp&func=display&pid=25

Chi ha pagato per costruire questo palazzo?

Anonimo ha detto...

Lasciatelo stare povero (si fa per dire) Tremonti se no come fa a mantenere la corte di Papi' Pascia'.

“Economia demenziale
Maurizio Blondet
Con una situzione internazionale in bilico sull’abisso, mentre si teme un un effetto-domino sulle banche europee a causa del possibile default greco, Palazzo Chigi ci costa ogni anno un quarto di una finanziaria. Berlusconi non bada a spese, come i banchieri di Wall Street con i loro bonus miliardari. ”


h t t p : / / espresso.repubblica.it/dettaglio/silvio-quanto-ci-costi/2119170&ref=hpsp

h t t p : / / w w w .spreconi.it/2010/01/pi%C3%B9-falcon-per-tutti.html

Ma la colpa e' tutta dei bamboccioni precari e dei mammoni disoccupati che non si inventano qualche cosa per campare e per pagare le tasse cosi' da mantenere questi “signori”.
Tra quattro anni arrivera' poi il solito trio di vampiri (Visco,Padoa Scioppa,Draghi) capeggiato da Luca Cordero di Montezuma (conflitto d'interessi sulle ferrovie completamente occultato) e spalleggiato dalle banche per chiederci il conto di cio' che hanno ingoiato voracemente altri (compresi i tassatori).

Ma va tutto bene...e' tutto a posto...

Bimbo Alieno ha detto...

Non orrei fare il 'Pierino' nè tantomeno lo strenuo difensore di Tremonti, ma la diversificazione valutaria delle emissioni è assolutamente normale e comunque di dimensioi marginali, non la si può configurare come speculazione.
Oltretutto c'è in scadenza il 5 marzo una emissione del tesoro da 750 milioni di dollari, dunque eventualmente si studia un rinnovo

Felice Capretta ha detto...

@mario, tao, jjletho, yuma e altri

ho letto tutti i vostri interventi e, prima di dare la mia opinione, ho lasciato che la discussione si sviluppasse un po'.

le vostre sono tutte considerazioni degne di nota.

il blog è sempre rimasto fedele al suo stile ed alla sua linea editoriale, con articoli più o meno frizzanti a seconda del mio tono d'umore (eccheccaspita ;-).

su IS postiamo tutti notizie che non si trovano facilmente e che dovrebbero essere sulla bocca di tutti, insieme a notizie che sono sulla bocca di tutti e invece non si dovrebbero trovare o quasi.

poi la discussione è aperta e com’e’ noto a tutti, se ne va da sola dove la guidamo tutti noi.

Chiunque è benvenuto, nella misura in cui dà un costributo costruttivo. La porta è aperta in entrata e in uscita, chi va via lo fa perchè ritiene che sia la cosa migliore per sè, come giudicarlo?

Siamo anche stati bravissimi, e lo siamo tuttora quando occorre, a dare spazio perfino a chi ha cercato in tutti i modi di dirottare le discussioni, sapendone prendere solo il meglio. Certo, non senza qualche caduta di stile (me compreso), ma il bilancio è di gran lunga positivo perfino da questo punto di vista.

Riassumendo: porto notizie, do’ spazio alla discussione libera, ogni volta che parlo di qualcosa che non è un fatto oggettivo... specifico che è la mia opinione e rispetto le opnioni altrui.

cio' detto, in che modo posso dare ulteriore libertà?

(altro contenuto no, già questo sottrae troppo tempo al mio lavoro e devo pure campare)

Mario mi spieghi cosa intendevi per migliorare/cambiare?

saluti felici

Felice

Ps: se invece si parla di posizioni da integralisti sul wtc7... io parlo volentieri di 11/9 a condizione che la controparte abbia almeno visto inganno globale o altro documentario equivalente e sia disposto a confrontarsi, diversamente è una perdita di tempo.

Felice Capretta ha detto...

@ bimboaliento

concordo sulla marginalità, anche se è da vedere di quanto sarà l'emissione.

in che modo serve dare mandato ad un pool di banche (lascio immaginare quali) per studiare tale emissione, se si trattasse di un semplice rinnovo?

(una risposta tipo "beh, per ingrassare GS e JPM" non vale ;-)

saluti fleici

felice

rumenta ha detto...

Felice:

Ma soprattutto...sareste felici di avere Toto’ al ministero del tesoro?

certamente SI'!!!!

molto meglio lui dei politicanti da 2 gettoni colorati del western badombia (c) al chilo che ci troviamo sulla schiena oggi.....

de:

Posso farvi una domanda?
Se voi poteste fare qualcosa per cambiare la situazione che cosa cambiereste?


l'altezza dei politici.
direi che si potrebbero "sfoltire" un po' dalle spalle in su.... pour encourager les autres.

poi, dopo aver abolito la contabilità in partita doppia (la madre di tutte le truffe, di bilancio e non), si potrebbe passare allo smantellamento della pubblica.... hemmm.... "amministrazione", che per tenere i conti basta fare 2+2=4, e non è poi così difficile.
avremmo così centinaia di migliaia di nuovi "addetti" alla lavorazione dei campi, risparmieremmo sul carburante per trattori e mietitrebbia (gli ambientalisti ci andranno a nozze) e non dovremmo più dipendere dall'estero per le derrate alimentari. considerate infatti che solamente in italia ci sono centinaia di migliaia di ettari NON coltivati perché non conviene farlo, sia per i costi ma, soprattutto, a causa delle illuminate politiche "comunitarie".

poi si potrebbe cominciare a riorganizzare le cose su base locale, a partire dalle singole comunità.....

ma questa è, ovviamente, fantascienza, ed io non sono mai stato un buon scrittore.....

Anonimo ha detto...

Partecipazioni Rilevanti

Di seguito sono riportate le partecipazioni rilevanti in azioni ordinarie dell’Eni SpA aggiornate all’ultimo giorno lavorativo sulla base delle informazioni disponibili e delle comunicazioni ricevute ai sensi della delibera Consob 11971/99
Azionisti Numero di azioni possedute % sul capitale

Ministero dell’Economia e delle Finanze


813.443.277
20,31

CDP SpA
400.288.338 9,99

Ha inoltre comunicato alla Consob la disponibilità, in quanto societa di gestione del risparmio:

* Capital Research and Management, di una quantità di azioni ordinarie Eni pari al 2,01% del capitale sociale, in data 10 luglio 2009;
* Blackrock Inc., di una quantità di azioni ordinarie Eni pari al 2,72% del capitale sociale, in data 10 dicembre 2009.

http://www.eni.com/it_IT/investor-relations/eni-borsa/azionariato/struttura-capitale-sociale/struttura-capitale-sociale.shtml

http://www.eni.com/it_IT/investor-relations/eni-borsa/azionariato/ripartizione-azionariato/ripartizione-azionariato.shtml

http://www.eni.com/it_IT/investor-relations/eni-borsa/azionariato/azioni-proprie/azioni-proprie.shtml

http://www.eni.com/it_IT/investor-relations/eni-borsa/adr/adr.shtml

Non credo sia facile capirne qualcosa.

Il Folletto

vigna ha detto...

@ Rumenta

La Tua proposta di cambiamento mi gusta pienamente. Sarei il primo firmatario di un Referendum che ci riporti alla ragione sociale.

Purtroppo,a quelli che la pensano come noi, ci danno dei utopisti.

@ Felice

Quoto anche le Tue precisazioni.
Son tutti benvenuti e chi vuole uscire dalla porta, non viene trattenuto con la forza.
Saluti cari a tutti

Vigna

Anonimo ha detto...

@ Guru e Rumenta
grazie per le risposte. mi scuso in anticipo per la lunghezza di quanto sto per scrivere, chi lo desidera può proseguire oltre.
La mia è sempre stata una presenza discreta all'interno di questo sito, ho sempre letto i post di Capretta ma raramento ho espresso la mia opinione come d'altra parte ho fatto in molti altri siti di controinformazione.
Di Informazione Scorretta mi piace lo stile molto equilibrato, quasi "british".
Mi piace anche leggere gli interventi delle persone come voi
che sono, pur nelle varie differenze, quasi sempre corretti e aperte al dialogo.
A differenza di molti non credo che sia negativo lamentarsi, dà modo in primis a noi stessi di capire ciò che non ci piace e ciò che non riteniamo giusto.
Da quello che leggo ,non solo qui ma anche in altri siti, vi è una convergenza di idee a prescindere dall'orientamento politico delle singole persone verso ciò che non funziona in questo sistema.
Per questo ritengo molto importante il dibattito all'interno di siti come questo e non condivido la scelta di alcuni di abbandonare la discussione perchè tanto non si fa altro che lamentarsi.
L'azione umana , secondo me, è la somma di tre passaggi fondamentali.
1)individuazione di un elemento a noi avverso.
2)elaborazione di idee per cambiare questo elemento avverso
3)si attua una strategia che metta in pratica le nostre idee.

Per quanto ad alcuni queste possano sembrare solo chiacchere da bar, in realtà nascondono molto di più..sono esattamente i primi due punti di quanto detto sopra, ovvero individuazione di un problema (lamentarsi) e idee per risolverlo.
Il terzo punto, ovvero la strategia, è solo all'apparenza la parte più complessa..una volta che abbiamo le idee chiare su cosa non ci piace e su come invece vorremmo che fossero il gioco è fatto.
Tutti hanno capito ormai che non ci si può aspettare molto dalla politica, i loro problemi sono diversi dai nostri, in questo momento più che mai sono i giochi di potere ad assorbire le forze della politica.
Contrariamente a quanto sosteneva un anonimo in precedenza non c'entra montezemolo, è solo fumo negli occhi.
Attualmente ci sono tre persone di cui non farò i nomi che appartengono ciascuno a uno dei tre schieramenti politici di destra,sinistra e centro che si stanno alleando per attuare un cambiamento a livello di leadership politica in italia.
La democrazia per come l'abbiamo conosciuta sta morendo, ciò che possiamo fare è gettare i semi delle nostre idee per veder nascere una nuova democrazia.
a presto

de

Anonimo ha detto...

Salve a tutti,
secondo me tutti sti titoli li acquisteranno i nostri fondi pensione perchè si (raccontano) sarà un investimento sicuro in verso un soggettto solvibile, gli USA, bla bla bla

corvo ha detto...

LETTERA AL FRONTE POPOLARE DI GIUDEA
!!!attenzione ironia!!!

Caro Felice,
non so se per te vada tutto bene ma a me nell'ultimo periodo. leggere i commenti di questo blog ha dato piú di una spiacevole sensazione.

Gli attacchi ad personam non fanno parte a mio avviso di una cultura della discussione, come non lo fa il razzismo.
Lí mi aspetterei un intervento chiarificatore della moderazione che fino ad ora non é venuto.
Ma questo é decisione della moderazione.

Credo che il punto cruciale, rimarcato da Yuma sia un altro: ovvero la staticitá della discussione che dopo un poco diventa fine a se stessa, dal momento in cui non ha una progettualità. A cosa assomigliamo?
alla versione 2010 del fronte Popolare Giudeo?!

Perché alla fine il problema é: "Si, ma adesso che facciamo?"
Abbiamo una crisi epocale e i nostri governanti sembrano (sono?!) incapaci di gestirla.
"Si, ma adesso che facciamo?"

Quale sono le alternative?
Se la discussione si ferma solo sul criticare ció che fanno gli altri senza condividere niente altro che il dissenso a mio avviso non ne vale la pena.
In questo caso avrebbero ragione coloro che piú volte hanno scritto: "Siete catastrofisti che sputano nel piatto in cui mangiano"

Vi sono piú voci che si sono interrogate sul perché Internet non sia stata censurata: beh, perché siamo inoffensivi.
Anzi, siamo una valvola di sfogo funzionale al mantenimento in vita di quel sistema che critichiamo.

Ora, fermo restando che ognuno ha le sue idee, sarebbe forse meglio trovare una base comune anziché passare il tempo a beccarsi a vicenda mentre coloro che hanno che detengono le leve del potere ci guardano e ridono.

Possiamo fare di meglio insieme?
Io ne sono tuttora convinto.
In questo blog circolano alcune menti brillanti.

Anonimo ha detto...

Magari, di questi tempi assumerei pure "er pomata" e compagnia bella di febbre da cavallo (per restare in tema di animali ;-) ) al ministero dell'economia....
Dajece tremò, se riesci a vendere sta roba alle banche straniere me levo er cappello!

guru2012 ha detto...

@ de

Tre persone?

Chi Fini, Casini e Bersani?

"Tutti hanno capito ormai che non ci si può aspettare molto dalla politica..."

Ma il problema è che non bisogna aspettarsi niente dalla politica, la politica dovremmo farla noi tutti in prima persona, ma ormai nessuno ne ha più voglia (me compreso).


@ Felice

La conduzione del blog è sempre ottima, nonostante i nostri commenti...

PS: Hai visto September Clues? Ce n'è una versione in italiano sul blog di Duffy.

Anonimo ha detto...

:-)))

vedo il caos piu' totale nella mente della gente. nessuno ci capisce piu' niente.

la soluzione? per prima cosa credo che bisogna ammettere di non capirci niente e di non avere una soluzione.

secondo: rendersi conto che quello che si e' fatto fino ad ora non lo desideravamo poi cosi' tanto ma ci e' stato abilmente inculcato da fuori, dentro di noi sentiamo di fare ben altre cose.

possiamo allora cominciare a fare quello che ci sentiamo di fare senza andare dietro alle idee e ai luoghi comuni che altri ci vogliono far seguire?

si puo', bisogna solo volerlo fare.

la colpa non e' dei politici e di nessuna altra persona all'infuori di noi stessi, cercare la soluzione cambiando gli altri e non noi stessi non fa che rimescolare sempre la stessa minestra ormai andata a male.

pensate forse di trovare la soluzione in mezzo a tutte le cose vecchie che abbiamo fatto fin'ora? se le cose vecchie fossero state buone adesso non vi ritrovereste qui a discutere sul come cambiarle.

c'e' bisogno del nuovo, un nuovo molto diverso perche' il cambiamento e' molto grosso.
il nuovo non esiste ancora e va inventato, da dove arrivano le invenzioni? le troviamo gia' scritte su internet? se pensiamo di trovarle qui ha ragione corvo a dire che siamo inoffensivi.

il nuovo si trova nel luogo in cui nascono le idee, non si puo' trovare tra le idee gia' ideate. :-)

il luogo dove nascono le idee ormai lo conoscete gia', solo che la paura di conoscerlo lo fa rimanere immobile e sconosciuto.

pensate ancora che io parli di cose cosi' astratte? i vostri pensieri invece sono tutto cio' che avete, provate a dimostrarmi che avete altro oltre ai vostri pensieri.
provateci da soli, non importa che lo spiegate a me o ad altri perche' e' semplice capire come stanno le cose.
l'unica cosa reale sono i vostri pensieri, l'unica cosa di cui siete certi.

avete paura di un mondo reale che non e' piu' come volete, ma cos'e' questo mondo reale se non solo dentro i vostri pensieri?
di nuovo, c'e' qualcuno che riesce a percepire il mondo reale senza pensarlo?
anche qui non date a me la risposta, datela a voi stessi, senza mentirvi, e vedrete come cambia la vita nel momento in cui si conosce veramente cos'e' la realta'.

la realta' e' solo un immenso pensiero e per cambiarlo bisogna che andiamo alla sorgente dei pensieri. si puo' ed e' piu' semplice di quello che pensiamo, basta solo volerlo.

indopama

Anonimo ha detto...

a volte aiuta ad avere meno paura di conoscersi se sentiamo le stesse cose dette anche da altri.

«I concetti che ora si mostrano fondamentali per la nostra comprensione della natura …
sembrano alla mia mente delle strutture di puro pensiero …
l'universo comincia ad apparire più come un grande pensiero che come una grande macchina»
James Jeans, in "The Mysterious Universe"


"non siamo esseri umani su un viaggio spirituale, siamo esseri spirituali su un viaggio umano".
Stephen Covery


indopama

Anonimo ha detto...

"La mente intuitiva è un dono sacro, e la mente razionale è un fedele servo. Noi abbiamo creato una società che onora il servo e ha dimenticato il dono..."
Albert Einstein


indopama

optional ha detto...

Cara Capretta, poiché nessuno, ma proprio nessuno, é in grado di prevedere niente in economia (e in tutti gli altri campi, naturalmnte), la tua analisi vale poco o nulla. Per quello che ne sappiamo noi (e Tremonti), l'euro potrebbe valere il doppio o la metà del dollaro tra 5 anni. L'economia non é una scienza esatta, le previsioni non valgono. Ciao

rumenta ha detto...

OT

altre ricerche dimostrano che i dati sul riscaldamento globale sono stati falsificati al NASA Goddard Science and Space Institute presso la Columbia University di New York e al NOAA National Climate Data Center ad Ashville, nel North Carolina.
buona visione......

Anonimo ha detto...

@ "L'economia non é una scienza esatta, le previsioni non valgono. Ciao"

veramente molte ptrevisioni del geab si sono avverate...

Anonimo ha detto...

Ciao Guru,
ci sei quasi..solo che al posto del pelatone c'è il baffetto.

Ciao Indopama,
alcune cose che hai scritto mi sono piaciute, altre invece non sono riuscito a capirle.

"la soluzione? per prima cosa credo che bisogna ammettere di non capirci niente e di non avere una soluzione."

soluzione a che cosa? perchè pensi che le persone non capiscano niente?
Perdonami ma così dicendo dai l'impressione di chi sale in cattedra e cerchi di insegnare con presunzione il significato della vita alle alte persone, ma credo che non fosse questo il tuo intento, forse ho frainteso io..non sò.

"il nuovo non esiste ancora e va inventato, da dove arrivano le invenzioni? le troviamo gia' scritte su internet? se pensiamo di trovarle qui ha ragione corvo a dire che siamo inoffensivi.

il nuovo si trova nel luogo in cui nascono le idee, non si puo' trovare tra le idee gia' ideate. :-)"

su questo non sono d'accordo.
storicamente le tribù e le popolazioni più isolate sono anche le più conservative e chiuse alle nuove idee.
lo scambio di idee tra popoli e culture è sempre un fattore di crescita ed evoluzione delle idee stesse, pensare che non abbiamo bisogno delle idee degli altri e che è tutto già dentro di noi come le idee innate mi sembra riduttivo.
Nessuno di noi è un Buddha e credo che nessuno di noi, almeno in questa vita, può ambire a conoscere l'universo.

"avete paura di un mondo reale che non e' piu' come volete, ma cos'e' questo mondo reale se non solo dentro i vostri pensieri?
di nuovo, c'e' qualcuno che riesce a percepire il mondo reale senza pensarlo? "

perchè paura? qui si parla solo di cambiamento, cambiamento delle cose che non ci piacciono o troviamo ingiuste.
Ma la percezione è un'azione involontaria..come udire un suono o sentire il caldo e il freddo, è un qualcosa indipendente dalla nostra volontà; pensare invece è un'azione volontaria e creativa come coniugare le due cose?
Quindi secondo te se un albero cade nel mezzo di una foresta non fa rumore? Il mondo esiste perchè esisti tu? io non credo..

"basta solo volerlo"
su questo invece mi trovi d'accordo.

de

Anonimo ha detto...

@de
io non sono un esperto, sono un bambino al primo giorno di asilo.
mi sembra pero' di avere riconosciuto l'asilo e cio' mi ha reso immensamente felice, quasi come una capretta. :-)))

non ho risposte perche' le sto ancora cercando dentro di me, mi ha fatto pero' un immenso piacere il fatto che tu abbia preso in considerazione un punto di vista della vita diverso dal solito. anche io ho fatto come te e devo dire che mi ha cambiato completamente la vita, in meglio.

non tutto e' chiaro subito e forse non lo sara' mai ma l'amore che mi e' venuto dal vivere la vita in un modo diverso da come mi sembrava normale e giusto fare, questo non riusciro' mai a traferirlo pigiando dei tasti sul computer. e un po' mi dispiace perche' la vita, se la vogliamo scoprire, e' veramente meravigliosa, sempre.

indopama

Anonimo ha detto...

Come dice Felice pùò essere una fregatura per gli italiani, ma può essere conveniente per chi usa quotidianamente il dollaro

Anonimo ha detto...

Avete mai ricevuto comunicazioni dalla vostra banca di "modifica unilaterale del contratto" nelle quali si comunica in sostanza come e quanto ve lo stanno mettendo in quel posto?
Avete mai atteso al telefono ore aspettando che un'idiota sottopagato di un call center vi legga quelle frasi fatte imparate a memoria che a tutto servono meno che a risolvere il vostro problema?
Siete mai riusciti a parlare con un responsabile di un qualche disservizio per manifestare il vostro disappunto ed avere la soddisfazione di dirglielo in faccia?
Vi siete mai trovati a sentirvi rispondere "il sistema non lo permette" senza sapere il perchè e senza mai riuscire a parlare con quello che lo ha pensato quel "sistema"?.
Siete mai riusciti a capire attraverso quali algoritmi vengono calcolati gli studi di settore o a immaginare la faccia di chi li ha pensati?
Siete mai riusciti a farvi spiegare come cavolo viene calcolato il maledetto "rating" della vostra azienda?.
Avete fatto mai relazioni impegnandovi giorni e notti intere con passione per spiegare progetti, investimenti, previsioni ed accorgervi dopo mesi che nessuno le ha lette?
Vi siete mai sentiti presi per i fondelli senza sapere neanche a chi rivolgervi per manifestare il vostro disappunto?
Se avete subito tutto questo, se la frustrazione vostra è almeno pari alla mia, probabilmente arriverete alla mia stessa conclusione.
Bisogna ricominciare a menare le mani!
Vi siete mai chiesti perchè da Napoli in giù non c'è un autovelox?
Perchè come lo mettono, lo distruggono, non fanno manifestazioni, petizioni, raccolta firme e altre cose inutili, lo sfasciano e basta.
Bisogna cominciare a pensare che se voi siete da soli, incazzati, non vi ascolta nessuno.
Ma 1000,10000,100000 persone incazzate fanno paura e possono cambiare le cose in 5 minuti.
Prendetela come uno sfogo, non sono un violento, ma se il governo a deciso di mantenere a proprie spese quasi 1.000.000 di cassa integrati forse è perchè un po' gli facevano paura (ma quella vera).
Riflettete.

Ciao

Juobogan

rumenta ha detto...

Juobogan:

Se avete subito tutto questo, se la frustrazione vostra è almeno pari alla mia, probabilmente arriverete alla mia stessa conclusione.
Bisogna ricominciare a menare le mani!


LOLLISSIMO!!!

se gli operai delle varie eutelia & C. si armassero di corda e sapone ed andassero a cercare quel coglione con il coltello tra i denti, credo che immediatamente riprenderebbero a percepire lo stipendio, con gli arretrati ed interessi al seguito, e le loro aziende ricomincerebbero a lavorare serenamente.
invece ci pensano la "politica", il "sindacato", c'è la "legalità", regole da rispettare..... solo per loro, ovviamente.
e questi si riducono a vivere negli uffici per paura di perdere tutto.
MA NON SONO LORO CHE DOVREBBERO AVERE PAURA!
sono questi porci che, nascosti dalle leggi dello "stato democratico", possono fare e disfare le esistenze di chi si fa il culo dalla mattina alla sera per quattro soldi, mentre "galantuomini" alla napolitano fanno la cresta sui rimborsi spese e se qualcuno chiede spiegazioni si indignano pure e minacciano di chiamare la polizia (grazie a de per il bel video, prontamente finito nella pigna dei link).

ma d'altronde questa è la "democrazia" in azione, baby.....

Anonimo ha detto...

Anke io la vedo come una semplice diversificazione dell'offerta, speriamo che vada bene e che ci siano sempre tantissimi acquirenti del debito pubblico italiano :-)

DAZ

Anonimo ha detto...

Anonimo rumenta ha detto...

OT

altre ricerche dimostrano che i dati sul riscaldamento globale sono stati falsificati al NASA Goddard Science and Space Institute presso la Columbia University di New York e al NOAA National Climate Data Center ad Ashville, nel North Carolina.
buona visione......

21 gennaio 2010 09.39


Questa news (peraltro postata precedentemente qui a dicembre.. da me e da un paio di altre persone) non vale un caspio.
Se ne parlò come, insomma.... una conseguenza di fuga di notizie-dati-parole.
Ora, è come il progetto segreto degli U.S. Haarp, che, anche se solo di facciata, tutti noi possiamo vedere e conoscere.
Potrebbe essere benissimo la Nasa stessa ad avere intenzionalmente messo in giro voci per negare il riscaldamento globale.
Nel modo più BANALE (ooooopssss te l'ho detto, mi raccomando non raccontarlo in giro) così anche i più banali possano crederci.
Quei report riguardanti la manipolazione dei dati.. NON avrebbero modo di esistere.

Anonimo ha detto...

e gia'....
solo che purtroppo bisognera' aspettare che il popolo sia alla fame per aspettarsi un minimo di rivolta.
ma quel giorno saro' li'!!!
magari sara' un po' violento come discorso ma democraticamente, l'italia e mezzo mondo, per non dire tutto, non ha speranze.
O si spacca tutto fra lacrime e sangue e si ricomincia da capo o la merda ci anneghera' tutti(o quasi).
questo e cio' che il POTERE sa da molto tempo e che da molti anni si sta preparando ad affrontare con un progetto per quanto si puo' vedere veramente ben riuscito!
gli esempi di inedia e apatia( e rincoglionimento) sociale li puo' vedere chiunque,la fame e la disperazione sembrano essere rimaste le uniche fonti alle quali potra' abbeverarsi il riscatto della liberta'.

katanga

guru2012 ha detto...

@ Katanga, Juobogan

Va bene che ancora la rete è libera, ma andiamoci piano con le parole. Spaccare un autovelox è un atto di teppismo, seppur giustificato e tale rimane. Non servirà a cambiare un bel niente.

Una guerra per il cibo poi, rincoglioniti come siamo, ci porterebbe dritti, dritti verso la dittatura.
E non la dittatura mediatica che conosciamo oggi, ma quella dove vengono a prenderti a casa e ti sbattono dentro senza dirti né A né BA. Non so se mi spiego...

Che poi ste rivoluzioni col bagno di sangue s'è visto come vanno a finire.

Non credo, comunque, che gli operai licenziati potranno riprendersi il loro lavoro usando la corda e il sapone. Il loro lavoro semplicemente non esiste più. Finito.

I call center saranno presto e definitivamente sostituiti da voci elettroniche intelligenti.

Ammesso che in futuro esisteranno ancora i call center.

Anonimo ha detto...

Indopama,
capisco quello che vuoi dire.
cerco sempre di portare con me certi insegnamenti anche se a volte non è facile seguire la via, ma almeno ho un'ideale a cui guardare.

@capretta
com'è andata la mia previsione dei giorni scorsi sulla discese delle borse? e poi c'è chi dice che certe cose non si possono prevedere..
volevo chiederti una cosa, se mi permetti vorrei far leggere un documento solo che è molto lungo..come potrei fare per postarlo?

de

Mario ha detto...

@Felice
Prima di parlare di soluzioni, pongo la prima domanda:esiste un problema?
Secondo me sì ed è quello che corvo ha espresso in maniera pulita e semplice.
Seconda domanda: per te Felice questo problema esiste oppure no?
Terza domanda rivolta a tutti:voi cosa ne pensate?
Tirate le somme si può decidere se e cosa fare, perchè in questo blog ci sono molte persone valide e voglia non solo di discutere, ma anche di fare.
E qua mi fermo perchè non arrivo neanche ad essere una "mentina" brillante, ma se c'è da dare una mano al gruppo dove posso arrivare arriverò.

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti.
@corvo, yuma
il fatto che yuma ha deciso di non partecipare al blog, con la sua scelta ha influenzato qualcuno di noi.
perchè?
yuma ha fatto le sue scelte. questo blog, di sicuro andrà avanti con o sdenza di noi.

@corvo
in ogni momento non perdi occasione per atteggiarsi a "guida" quale capo carismatico; questo è l' aspetto di te stesso che devi migliorare.

voi tutti, come me, siamo arrivati su questo blog, per strade diverse.
tutti noi, abbiamo avuto la possibilità di scrivere ed esprimere il ns pensiero.
perchè voler cambiare qualcosa che non è vostra ?

invece di criticare, portate un contributo a miglioare situazioni che non vi piacciono.
invece prevale sempre il ns "io", arrivo in un posto e cambio tutto.
è la stessa cosa che abbiamo fatto con la ns terra.

io rispetto il lavoro di felice, il quale , con impegno, porta conoscenza a tutti noi.

devo dire grazie a questo blog, per aver avuto la possibiloità di fare esperienza, di conoscere persone uniche, di conoscere amici, con i quali ho avuto scambio di esperienza, compreso te, corvo, yuma e tutti.

piuttosto che criticare la gestione del blog, io mi chiederei cosa " pretendo" di avere o trovare da questo blog.

con affetto
franco

Felice Capretta ha detto...

@de

appunto ;-)

per il contenuto lungo posto qui tra poco un indirizzo temporaneo a cui mandare il materiale, se é adatto e per te é ok lo pubblico direttamente come post.

@ mario, corvo, indo, franco, tutti sul tema "che fare"

però, quanto siete esigenti :-) vi ringrazio perchè é uno stimolo a fare meglio.

siamo daccordo sui punti 1 e 2 esposti da de più sopra, IS svolge bene questo compito.

io personalmente credo che la chiave per cambiare il mondo sta nel cambiare sè stessi.

ognuno ha il suo proprio cosa e come, ognuno lo seve scoprire e non sono in grado di dirlo.

franco qui sopra e indopama hanno insisito spesso su questo, qualcuno ha recepito.

altri hanno insistito su altro.

rispetto tutte le altre opinioni.

comunque riconosco l'esigenza forte di fare qualcosa di concreto

e

con piacere vi annuncio che

da un po' di tempo stiamo lavorando ad un sito con forum dove ognuno potrà comunicare, proporre ed organizzarsi.

è tutto pronto, manca solo una grafica accattivante, ma il forum é pronto.

a grande richiesta posso farlo partire e renderlo operativo in un paio di giorni al massimo.

che ne dite?

saluti felici

Felice

Felice Capretta ha detto...

@ DE

scrivi qui

0bn3fu3tfpl76e1@jetable.org

saluti felici

felice

Anonimo ha detto...

"Se voi poteste fare qualcosa per cambiare la situazione che cosa cambiereste?"

Banconote stampate dallo stato non più dalle banche centrali, con conseguente eliminazione dei buoni del tesoro (cambiali).

Er Pantera

Anonimo ha detto...

@ guru
si magari non e' un commento ben riuscito.
E' ovvio che ha ragione Felice e che il cambiamento non puo' che avvenire cercando di migliorarsi come primo passo,ma cat-so a volte la voglia di fare un macello e' veramente grande.
comunque purtroppo sono convinto che la dittatura che ti prende e ti porta via senza ne a ne ba sia li,li in attesa del crollo gia' che pur tra mille dubbi mi sembra propio tutto programmato nei minimi dettagli!!

katanga

Anonimo ha detto...

@ felice

trepidante l'attesa per il nuovo blog d'azione,quando vuoi!!

katanga

Anonimo ha detto...

OT
a suffraggio di quanto riportato da Benetazzo su CDC sulla societa' americana!!

http://www.repubblica.it/sport/basket/2010/01/21/news/usa_lega_soli_bianchi-2034827/

katanga

Anonimo ha detto...

Ah regà... purtroppo l'ordine novo già esiste... esiste nella mente de quelli che hanno scatenato 'sta crisi... che pazientemente aggiungono un tassello ar mosaico, anno dopo anno... tutti gli eventi sono collegati, solo che noi, distratti dar lavoro pe' portà a casa la pagnotta siamo messi in condizzione de nun accorgerci del quadro complessivo.

Se tratta, dico io, d'en quadro che iniziò tempo fa, un tempo in cui c'hanno tolto le capacità intuitive per darci cose materiali e inutili, "sfuggenti come le nuvole" ce sta scritto nell'Upanishad (si se scrive così).

Quindi er sor Indopama c'ha raggione da venne! Agire prima sul mondo materiale è come mette er carro dinanzi ai buoi... prima c'avemo da liberare noi, rinchiusi in un veicolo umano... e mo' so metafore pe rdire che dobbiamo abbattere le nostre paure perché non avviene il cambiamento, non esiste alcun cambiamento, è tutto nelle nostre menti...

Mo' ce staveno du monaci buddisti che guardaveno 'na bandieruola che se moveva... "la bandiera è mossa dal vento" disse er primo, "te sbaji, è er vento che nasce dar moverse della bandiera" disse er secondo... passò dellà er maestro: "non è né il vento né la bandiera che se move, ma solo le vostre menti".

Er Pantera

Anonimo ha detto...

benritrovato felix the cat
;-)

corvo ha detto...

Spaccare un autovelox è un atto di teppismo, seppur giustificato e tale rimane. Non servirà a cambiare un bel niente.
Anche impiccare i capi di governo a testa SOTTO o ghigliottinare i re é un crimine, a meno che non vinci la guerra al che diventa un atto di eroismo.

Negli Stati Uniti la situazione sta escalando rapidamente.
Incitamenti alla rivoluzione armata si succedono sempre piú spesso.

Per evitare che la violenza divenga l'unica valvola di sfogo é necessario produrre alternative visibili e fattibili alla disperazione e alla rabbia.

Anonimo ha detto...

La voce grossa dell'UE contro la Grecia nasconde il destino segnato dell'Euro
http://www.movisol.org/10news017.htm
____

per quanto riguarda gli usa credo interessanti i due articoli di benetazzo:
"Razza che ramazza"
http://www.eugeniobenetazzo.com/razza_che_ramazza.htm

"Gheto capio"
http://www.eugeniobenetazzo.com/gheto_capio.htm

Anonimo ha detto...

@ andrea
magari un 3% all'anno diventasse il 15% in 5 anni!

in termini di rendimento avremmo un 3,1% totale tra 5; esagerando il conto

1+0.03*[1+0.03*[1+0.03*[1+0.03*[1+0.03]]]]

Okkio ai conti alla "Bruno Vespa"... altrimenti ci fanno bere qualunque cosa i professionisti dei media main stream

Resta vero chi sostiene "un certo senso" nel difersificare gli investimenti; resta pure una bella scommessa sul dollaro... che il debito pubblico americano sia in mano cinese [e nipponica] si sa, che la Cina non voglia perdere i suo $ idem, ma l'azzardo di Felice, ancorche' senza la magica sfera, e' statisticamente realistico

guru2012 ha detto...

@ Indo, er pantera

Il cambiamento interiore, o se volete, spirituale, è frutto di un percorso che non tutti sono portati a fare.

Io per esempio, a dispetto del nick che porto, non sono interessato a conoscere le profondità di me stesso.
Voglio una vita semplice, fatta delle cose materiali che questa "dimensione" ci offre, comprese le partite di champions league. ;D

Le cose per cui dobbiamo combattere, a mio avviso, sono cose "normali": aria pulita, cibi sani, libero accesso alle risorse e via discorrendo.

Tutte cose a cui abbiamo diritto e che ci sono state PRIVATE. Ripeto PRIVATE.

L'acqua, per esempio.
Grillo sta facendo una battaglia contro la privatizzazione dell'acqua, chi di voi sta partecipando?

Non me ne frega niente di Casaleggio Associati, Sasson e compagnia bella, se sono contro la privatizzazione dell'acqua, si può fare questa battaglia insieme.

O no?

guru2012 ha detto...

A proposito di acqua

rumenta ha detto...

Va bene che ancora la rete è libera, ma andiamoci piano con le parole. Spaccare un autovelox è un atto di teppismo, seppur giustificato e tale rimane. Non servirà a cambiare un bel niente.

in inghilterra la pensano diversamente, c'è persino un sito che raccoglie foto di autovelox fatti a pezzi o bruciati.
se ti iscrivi alla mailing list mandano pure i "consigli" su come fare......
e che dire dei sistemi t-red truffaldini utilizzati da molte amministrazioni per far cassa a spese dei cittadini??
perché, finiti i soldi, non possono semplicemente smettere di rubare, no no....

Una guerra per il cibo poi, rincoglioniti come siamo, ci porterebbe dritti, dritti verso la dittatura.

la instaureranno anche prima che si arrivi a tanto.
si sa, prevenire è meglio che curare.....
e comunque le "rivolte per il pane" sono spesso servite a conquistare diritti prima negati.

E non la dittatura mediatica che conosciamo oggi, ma quella dove vengono a prenderti a casa e ti sbattono dentro senza dirti né A né BA. Non so se mi spiego...

un po' come succede oggi negli us, dove basta essere dichiarati "enemy combatant" per finire in galera senza sapere nemmeno di cosa si sia accusati e per un periodo di tempo indefinito.
e un domani non avranno nemmeno più bisogno di appiccicarti un'etichetta posticcia per farlo.
lo faranno e basta.

ovviamente sempre che i cittadini non aprano gli occhi e si ribellino.... come pare stiano cominciando a fare ;-)

Che poi ste rivoluzioni col bagno di sangue s'è visto come vanno a finire.

finiscono nella comune di parigi, da molti considerata il primo esempio di gestione Anarchica, soffocata nel sangue perché funzionava.
o finiscono nella ucraina Anarchica del dopo rivoluzione d'ottobre, altra riuscita esperienza soffocata nel sangue.
o finiscono nella Costituzione degli Stati Uniti d'America, che non ha più nulla a che fare con gli odierni us.

il problema è sempre lo stesso, non bisogna mai distrarsi ;-)

Non credo, comunque, che gli operai licenziati potranno riprendersi il loro lavoro usando la corda e il sapone. Il loro lavoro semplicemente non esiste più. Finito.

sbagliato.
le aziende in questione, a detta dei dipendenti, sono piene di commesse, e loro continuano a lavorare senza stipendio per paura di perderle....

Axel C.Bianco ha detto...

@guru2012

io ho firmato.

E dai tempi in cui p.Alex Zanotelli invitava alla riflessione sull'acqua pubblica

E faccio il possibile ultimamente x divulgare il problema, con scarso seguito probabilmente ;-)

Se credi e puoi, invito valido anche agli altri lettori, guarda qui:
http://pseudoliberipensieri.blogspot.com/2009/11/acqua-un-bene-per-il-comune-ed-una.html

luigiza ha detto...

Volevo segnalarvi l'articolo free di Blondet su FdF che trovate all'ndirizzo: http://www.effedieffe.com/component/option,com_myblog/show,A-chi-studia-troppo-Giavazzi.html/Itemid,272/

Bella analisi ma incompleta e che mi permette di chiarire il mio convincimento sulle cause vere della crisi e che ho espresso in commento nel post precedente a questo.
Blondet ad un certo punto dice: "..Da qui la crisi dei mutui subprime. Una ragazza-madre negra, cameriera in un bar, 800 dollari al mese di reddito, viene attratta a contrarre un mutuo per una casa da 400 mila dollari. Ovviamente, la ragazza-madre finisce per non poter pagare, e tutto va a pallino...."
Verissimo ( a parte l'infelice scelta della parola 'attratta' - qui il libero arbitrio evidentemente non esiste -, ma si dimentica di ricordare chi ha firmato il contratto: la ragazza negra od il Maligno ? E se NON é stato il Maligno a chi risale la responsabilità di quell'atto e le sue conseguienze ?
Questo nelle varie analisi NON viene MAI preso in considerazione.
Ditemi per cortesia chi nei primi anni duemila faceva la coda agli sportelli bancari per sottoscrivere contratti di gestione del capitale privato per non perdere il treno di (illusori perchè fantomatici) interessi a due cifre ? Chi erano ? Forse gli alieni ? Sì? Allora dovevano essere del tipo Nordico perchè, il Corvo docet, i tipi Grigi e i Ret4 hanno fattezze diverse dall'umano. Ma se invece erano umani, porca puttana, la firma su quei contratti ce l'hanno messa loro oppure no. E se ce l'hanno messa loro debbono o non debbono ripondere delle conseguenze del loro atto ? Il sottoscritto non ha mai firmato niente preferendo investire sul suo lavoro.
Io resto convinto che i banchieri sono stati i primi a meravigliarsi del numero immane di cogl... pronti a farselo mettere in quel posto, cosa che successe alla buona sig.ra Wanna che avuta la folgorazione si trsformò da venditrice dia lghe miracolose a poco prezzo a venditrice di tronchetti della felicità a prezzi astronomici.
Ma i pirloni li hanno comperati ed ora incolpano la Wanna e i banchieri. Fantastico !
luigiza

Anonimo ha detto...

Ma certo guru... come se dice... a panza piena se ragiona meglio... sull'acqua hai perfettamente ragione, e infatti io partecipo al forum dei movimenti per l'acqua: http://www.acquabenecomune.org

Er Pantera

guru2012 ha detto...

@ Luigiza

Quindi ne devo dedurre, che a parer tuo, la ragazza madre (per giunta negra!) non aveva il diritto di "possedere" una casa?

Intendi, non voglio polemizzare con le tue idee, hai ragione quando scrivi che che la gente è stata attratta dai soldi "facili", ma dai... il piano era studiato a tavolino.

Le banche hanno rubato sapendo di rubare, la gggente s'è fatta semplicemente fregare.

guru2012 ha detto...

@ Rumenta

Ok, tu hai ragione, ma io non sostengo che bisogna porgere l'altra guancia... machettelodiaffare, tu non vedi l'ora di menare le mani... :D

Quanto ai dipendenti di Eutelia, conosco la storia, le commesse ci sono, è la forza lavoro che non serve più.

È la legge di mercato, bisogna ottimizzare i profitti...

luigiza ha detto...

@Guru
No, non é che la ragazza, il ragazzo, l'ibrido (ci sono anche questi) bianco, giallo, nero o verde che sia non ha diritto a ... E' che l'uno o l'altro debbono essere educati a compiere azioni che siano, nel caso specifico, compatibili con le loroi risorse economiche. Anche a me piacerebbe girare in Ferrari (in realtà non me ne frega assolutamente nulla) ma se non me la posso permettere o compra una Panda oppure viaggio coi mezzi pubblici e se ciò nonostante faccio un mutuo per la Ferrari le conseguenze le debbo pagare io non chi mi ha venduta la macchina o il mutuo.

"...il piano era studiato a tavolino". Certo, ma non il piano a cui alludi tu. Se tu fossi stato un assiduo lettore dell'Economist, che NON è l'organo del neonato partito comunista, sapresti che il piano, detto anche Globilizzazione, intendeva tirare fuori dalla miseria quei miliardi di individui che sono rimasti indietro rispetto a noi ociidentali. Ed é un piano che é riuscito almeno per quelle popolazioni che hanno saputo approfittarne, vedi Cina ed in parte anche India. Alla base di quel piano caro Guru, c'era spirito cristiano altro che camarille pluto-giudaiche massoniche votate alla schivizzazione dell'umanità tutta. Purtroppo, e qui Tremonti ha ragione, é stato messo in opera in modo affrettato e maldestro.

Ed a proposito di piani mi allargo un attimo per dire che anche il piano dell'amministrazione Bush aveva uno scopo generoso (anche se io per muovere la mia gente abulica ed alquanto tonta non avrei tirato giù due torri), scopo che sintetizzo nella frase: 'offro a voi seguaci dell'Islam l'ultima (io credo e spero) possibilità per potervi sedere al tavolo degli umani (e non solo). Ma di questo potrebbe parlarne più estesamente il Corvo se non fosse quel casinista, pure reticente, che é . Mo' so zzi tuoi pennuto !

" ..la gggente si é fatta semplicemente fregare". No. Anche io sono andato nella mia banca per vedere cosa significava farsi gestire il mio patrimonio da un Fondo, ma mi sono subito fermato alla lettura del frontespizio del contratto dove vi era scritto: 'Gestione patrimoniale SENZA DISTRIBUZIONI DI PROVENTI'. A me cervello di gallina ma dotato di solo sano buon senso è bastato, perchè ho tradotto così: tu ci dai i soldi che noi investiamo. Se va bene noi, non tu, ci becchiamo gli interessi ed a te inviamo una velina dove ti diciamo che devi pagare un tot di commissioni per l'operazione. Se va male cazzi tuoi.
Alla gggente fesscahiotta evidentemente non è bastato neppure la lettura dell'intero contratto. Ma non l'ha fragata nessuno perchè nessuno li obbligava a firmare.
luigiza

Anonimo ha detto...

Oppure ci sono un po' di bond, magari di provenienza non troppo chiara, su cui è calato il silenzio in questi mesi, che bisogna bilanciare con un adeguato ricorso al mercato... per poterli così restituire al governo USA. insomma, uno swap scontato per non far collassare il mercato del dollaro, concordato con Washington...

guru2012 ha detto...

@ Luigiza

Che dire... le tue affermazioni sulla globalizzazione dallo spirito cristiano e sul caritatevole piano di Bush per far sedere gli "islamici" al tavolo degli umani... mi lasciano... senza parole.

luigiza ha detto...

@Guru addendum

Per quanto riguarda il mio accenno a Tremonti che disse: 'La globalizzazione non poteva certo essere fermata ed è stata – è – oltre ogni dubbio fondamentalmente positiva.
Ma tempo e metodo della globalizzazione potevano forse essere un po' più saggi, un po' più lunghi.'

Il resto del pensiero Tremontiano si trova in http://www.effedieffe.com/content/view/9370/183/

Anonimo ha detto...

Me pare, ma me posso sbaja, che l'editore caro de Effedieffe èsta ar dipartimento curturale de forza nova... tal efabbio de fina... aho bel curriculumme... poi i gusti so' gusti eh, tanto pe' dì con chi avemo a che ffà...

Er Pantera

luigiza ha detto...

@Er Pantera

Interventi micidiali, dopo averli letti rido per un minuto buono.
Complimenti per il talento e grazie.
Sono utili a sdrammatizzare.
luigiza

Anonimo ha detto...

"non è né il vento né la bandiera che se move, ma solo le vostre menti".
Er Pantera

mi sembra che nessuno sia arrivato a leggere fino in fondo il tuo commento, peccato. forse pensavano che tu scherzassi. :-)

indopamascang

guru2012 ha detto...

"non è né il vento né la bandiera che se move, ma solo le vostre menti".

Er Pantera


Io il commento l'ho letto, ma il significato della frase, francamente, continua a sfuggirmi.

Anonimo ha detto...

Vabbé scrivo in italiano...

@luigiza
Fabio De fina è l'editore di FDF ed è, mi pare, nel dipartimento culturale di FN

@guru
il senso è che il movimento è sito nella mente, è nella tua mente che avviene il movimento, che il mondo si muove... nulla si muove se la tua mente è ferma... prova un po' a chiudere gli occhi e decidere di non pensare, e non devi nemmeno pensare "non devo pensare", provaci, ti troverai forse sorpreso nell'accorgerti di quanti pensieri involontari inonderanno la tua mente...

@indopama
il linguaggio era naturale, per me, ma il senso era serio... tu hai ragione, la battaglia è da combattere dentro di noi, contro il nostro condizionamento... noi non siamo quello che siamo convinti di essere, siamo molto di più che questo corpo... che è solo un veicolo, nemmeno troppo comodo.
Poi si potranno combattere pure i mulini a vento, ma prima "l'avversario" che è in noi, che siamo noi, o meglio che quel che noi crediamo di essere e non siamo.

Er Pantera

Anonimo ha detto...

@guru
il significato e' che la bandiera e il vento esistono nel momento in cui vengono pensate dalla mente.

senza pensiero niente vita.

la vita che vediamo attorno e' solo un continuo crearsi di pensieri dentro la nostra mente. non c'e' niente fuori di noi, e' tutto dentro di noi, creato continuamente istante per istante da noi.

penso di vedere
penso di sentire
penso di toccare
ecc...

di sicuro esiste solo il pensiero, se cosi' non e' allora e' facile dimostrare che questa vita esiste anche senza pensiero.

c'e' qualcuno che riesce a percepire questa vita senza pensarla?

c'e' qualcuno che vuole cimentarsi?


indopama

luigiza ha detto...

@Er Pantera

Fabio De fina è l'editore di FDF ed è, mi pare, nel dipartimento culturale di FN.

Lo so bene ed é per questo che non ho rinnovato l'abbonamento ad FdF. Poi ciascuno é libero di pensare e scrivere quello che vuole.
Io ai complotti pluto-giudaici massonici NON credo. Alla stupidità umana, alla malafede, alla furberia camuffata invece sì.
luigiza

Anonimo ha detto...

mannaggia alli complotti pippoplutogiudaichi eheh

Er Pantera

guru2012 ha detto...

@ Indopama

"la vita che vediamo attorno e' solo un continuo crearsi di pensieri dentro la nostra mente. non c'e' niente fuori di noi, e' tutto dentro di noi, creato continuamente istante per istante da noi."


intendevi dire una cosa del genere?

@ er pantera

Se vuoi fare 'sti discorsi metafisici, devi cambiare nick, magari ti presto il mio... :D

Anonimo ha detto...

@ luigiza
"Io ai complotti pluto-giudaici massonici NON credo."

che dire...

apri il c... e stringi i denti!!

rumenta ha detto...

Quanto ai dipendenti di Eutelia, conosco la storia, le commesse ci sono, è la forza lavoro che non serve più.

senza forza lavoro le commesse si evadono da sole o le evade lo spirito santo??

È la legge di mercato, bisogna ottimizzare i profitti...

vero.
il problema è che la legge di mercato funziona solo per alcuni, con questo pseudo-capitalismo drogato.
quindi è necessario..... come dire..... ristabilire gli equilibri??? ;-)

Anonimo ha detto...

@guru
nella mia vita e' importante quello che intendo io e nella tua e' importante quello che intendi tu, quello che vuoi intendere tu.

io non ho pregiudizi, mi piace esplorare per aumentare la mia conoscenza e la nuova conoscenza per essere nuova non puo' venire da quello che conosco gia'. non posso imparare usando gli strumenti vecchi,
piu' mi libero dal conosciuto e piu' la nuova conoscenza arriva. questa la mia esperienza.

nel momento in cui etichetti er pantera lo fai invece usando quello che gia' conosci, hai osservato il suo nick e hai usato la parola metafisica, hai giudicato il suo esterno attraverso il nome e come giudizio gli hai dato la parola metafisica.
e se invece lui fosse qualcosa di nuovo che non hai ancora scoperto e che non conosci?
come fai a scoprirlo usando il vecchio metro, usando le vecchie parole i vecchi schemi id pensiero? e se fosse cosi' nuovo che ogni vecchia parola e' insufficiente per descriverlo? ne devi inventare una nuova...

se questo e' il tuo normale approccio alla vita rimescoli sempre nelle cose gia' fatte, non ci puo' essere evoluzione, non ci puo' essere quel cambiamento che ti auspichi e che speri ti faccia migliorare la vita (per migliorare io intendo avere piu' amore).
la vita si evolve, cambia in continuazione, pensa ad un cavernicolo, secondo te usava gia' la parola grattacielo? no perche' non c'era ancora.
la vita e' da costruire, il nuovo e' da inventare, se continuiamo a rimescolare nel vecchio raccontandoci sempre le stesse storie prima o poi moriremo con lui perche', che lo vogliamo o no, la vita cambia, a volte lentamente e a volte velocemente.

e poi, fino ad ora abbiamo veramente vissuto una vita al meglio delle nostre possibilita' o abbiamo vissuto col freno a mano tirato?

pongo questa domanda perche' io le ho vissute entrambe, in ordine inverso.

per finire, quando hai scritto la parola metafisica, cosa intendevi?

vuoi forse dire che i tuoi pensieri non sono reali? cosa c'e' di piu' reale dei tuoi pensieri?
riesci a vedere qualcosa che non siano solo i tuoi pensieri? puoi provare a spiegare cosa per te e' la realta'?

io vedo solo pensieri per cui questi per me sono la mia unica realta' e per cercare di comprenderla cerco di andare alla fonte degli stessi per vedere come si formano.
metafisica? o me stesso, la mia vita reale?

indopama

guru2012 ha detto...

@ Indo

Veramente il mio commento voleva essere scherzoso e ho usato le parole con leggerezza.

La parola "metafisica" non sono sicuro di sapere realmente cosa significa.

Per quanto riguarda i concetti da te espressi, avrai capito che non mi appartengono.

Sono un guru all'amatriciana io, materia e spirito, per me, pari sono.

Anonimo ha detto...

:-)))

Anonimo ha detto...

@guru
:-))))))))))))))
rido perche anche per me e' esattamente come pensi tu, materia e spirito pari sono!!!!!!

e anche a me piace l'amatriciana... c'e' stato qualche mese fa che la mangiavo un giorno si e uno no, andava cosi'.

secondo me tra poco ci renderemo tutti conto che le distanze che ci separano gli uni dagli altri non sono poi cosi' grandi.

indopama

Anonimo ha detto...

Beh, se i titoli li acquistassero gli usa...che succederebbe?