sabato 6 agosto 2011

Taglio rating USA, la voce grossa di pechino e lo strano caso dei navy seals





Gli USA hanno perso il rating AAA

E così, S&P ha declassato il rating del debito USA per la prima volta nella storia degli Stati Uniti. Da AAA ad AA+ , con outlook negativo. L’agenzia ha criticato "l’efficacia stabilità e prevedibilità della politica economica e fiscale delle istituzioni americane in un momento di crescenti sfide globali".

Anche se per il momento moody's e jp o shock è stato forte. La borsa di Ryad, aperta di sabato, ha accusato un clamoroso 5% in meno.

Il downgrade di S&P, annunciato da rumors qualche ora prima, viene dopo il declassamento del rating USA effettuato dall'agenzia di rating cinese.

A questo proposito, ieri un anonimo affezionatissimo ha postato questo stralcio di intervista al chairman della agenzia di rating cinese, Jianzhong.

"Queste misure sono soltanto una toppa che non risolve nulla; rimanda di sei mesi, massimo un anno, la resa dei conti: voi non crescete economicamente, siete avviluppati in una spirale di debiti incrociati e vi prestate soldi tra di voi facendone pagare il conto ai popoli che non possono nè dire nè fare nulla.

Prima o poi, il tappo salta.

Quindi, noi ci assumiamo la responsabilità storica, finanziaria e politica della nostra scelta e annunciamo ufficialmente che declassiamo gli Usa non considerandola più "attendibile finanziariamente".

E' la realtà economica.

L'abbiamo imparato dagli americani: le chiacchiere stanno a zero, che parlino le cifre.

E le cifre stanno parlando: siete in declino, non avete più sviluppo, non avete futuro".

La giornalista di CNN ha usato la sua arma migliore, la cosiddetta "golden share" in tasca a tutto l'occidente: "Ma se le borse crollano e la crisi finanziaria peggiora e l'economia americna arretra e il dollaro si abbassa e poi anche l'euro va in sofferenza e l'Europa va in tilt, voi cinesi ne pagate le conseguenze per primi dato che siete pieni di bot americani, bot italiani, bot spagnoli, bot inglesi".

E Jiangzhong ha risposto: "Abbiamo 1.236 miliardi di dollari di bot statunitensi, e abbiamo 976 miliardi di euro in bot europei. Noi possiamo anche vederli che si trasformano in carta straccia e buttarli nel secchio. Ce lo possiamo permettere. I conti al 30 marzo 2011 indicano che la Cina ha un surplus finanziario statale di 4.786 miliardi di euro. Cash.

Noi siamo un paese ricco.

Voi no.

Qui l'articolo completo.



Insomma, non c'e' male come chiarezza, e anche come arroganza, anche se c'e' da chiedersi a chi venderebbero poi le loro merci, se per caso l'onnivoro consumatore occidentale non dovesse avere più soldi per comprare i prodotti made in china (dagli iphone alle televisioni e così via fino alle carabattole).

Comunque, ringhia e fa la voce grossa Pechino, ormai lo sappiamo.


Pechino, nuova valuta di riserva mondiale

A proposito, a poche ore dal downgrade, l'agenzia Nuova Cina ha battuto questo lancio (non siamo in grado di risalire al nome dell'autore):

dovrebbe essere introdotta e una nuova moneta, stabile e sicura come riserva globale e può anche essere un'opzione per evitare una catastrofe causata da ogni singolo paese


Catturarono Bin Laden, uccisi 


La televisione ci ha detto che hanno catturato Bin Laden (grasse risate). La televisione ne ha cantato le gesta e ne ha tessuto le lodi. E' il team six dei supersoldati Navy SEALs, ed  era impegnato in missione in Afghanistan (ehi, sono 10 anni che sono là, se qualcuno se ne fosse dimenticato). Un razzo ha colpito l'elicottero su cui si trovavano 20 membri del team six e purtroppo nessuno si è salvato. Non è chiaro se tutti i membri del team six fossero a bordo o se fosse solo una parte.

Non ci hanno mai raccontato la loro versione della storia ma di sicuro quelli che erano sull'elicottero taceranno per sempre.

Che strano, che strano, che curiosa coincidenza.

O forse è stato un guasto tecnico.

saluti felici

Felice Capretta

16 commenti:

Luka78 ha detto...

Ciao Felice, anche tu hai notato questa coincidenza...veramente incredibile?
Io, nel mio piccolo, appena saputa la notizia, ho fatto un articolo, eccolo:

Precipita elicottero U.S.A. in Afghanistan, fra le vittime alcuni Navy Seals che...

Un saluto e a presto.

Luca

Anonimo ha detto...

beh l' ipotesi che con un " inside job " abbiano "sigillato " le bocche ai dichiarati terminatori dell' ectoplasma terrista e' suggestiva.
In ogni caso la coincidenza e' strana ma e' da molti anni che siamo abituati a queste " strane coincidenze" amerikane.

Cmq la controprova sara' facile da vedere .. se i talebani hanno finalmente i missilini (e chi glieli avra' dati ? )da adesso dovrebbero cadere altri elicotteri.
O no ? ..:-)
ws

Renèe ha detto...

Da qualche giorno mi faccio una domanda e ora la vorrei girare a Te Felice per sapere la tua opinione.

Mi chiedo la gente in gamba dov'è?

Mi spiego meglio: nella mia carriera lavorativa ho cambiato 6 aziende in più di 20 anni e ho avuto la possibilità di vedere all'opera manager in gamba, magari disumani da certi lati, ma sicuramente gente non stupida, che sa il fatto suo, sa fare scelte occulate ma anche coraggiose, investire e proporre, insomma fare azienda.
Ora questa gente qui dov'è? Dov'è nel panorama sociale? Cosa sta facendo? O meglio avranno capito il momento storico-politico-economico? E non si fanno sentire? Si stanno rendendo conto del collasso-baratro?
Sono scappati all'estero con i soldi? E dove? A casa di Tremonti che non gli rilascia neppure la ricevuta? Alle Isole "Caimano"?
Se per la Tav si muovono famiglie, bella gente, ora per l'economia ci dovrebbero essere manager non-ammanicati e non-corrotti che propongono soluzioni etiche e nuove per uscire il meno ammaccati dalla situazione attuale.
Ho apprezzato molto l'articolo proposta di Cobraf, anche se non sono una grande esperta di politica e meno che meno di economia, almeno qualcuno propone.
Sono molto perplessa in quanto sembra davvero di essere al: OGNUN PER SE !
Tutti zitti a nascondere i propri bottini sotto la cuccia del rottweiler e stop!
E allora mi vien pure da dire che ce li meritiamo i "pirlastri".
Forse le buone menti, i manager ecc. pensano che ce la faremo comunque, e stanno a vedere....
non so....cosa aspettano di vedere...
In televisione dicono di stare sereni, alla Banca Intesa del Veneto dicono: colpa dei mercati ma noi siamo solidissimi, eppure è gente che ha famiglia, bimbi piccoli...
Vabbè ho detto la mia, grazie per la comprensione e la lettura,
grazie per l'esistenza di questo blog, ti invio un pò di carote e lattuga :))))

@ franco
Bello anche il tuo ultimo post nel precedente articolo
bye :)

una mattina ha detto...

Credo che la nuova moneta di scambi internazionali (o nuova valuta mondiale...) sia già pronta da un po , stanno solo aspettando il moneto giusto per tirarla fuori, il Bancor vedi Wikipedia, i cinesi lo sapevano già...

Tersite ha detto...

Credo che Pechino sia ben consapevole degli enormi margini di crescita del mercato interno. Se non avremo più soldi noi, le merci inizieranno a vendersele e comprarle tra di loro. Dovranno aumentare un po' gli stipendi, tutto qui.

Mario Barbiero (OH OH OH) ha detto...

@Tersite
"enormi margini di crescita del mercato interno"
Se a casa tua restate senza stipendio perchè perdete il lavoro cosa fate? iniziate a consumare di più?
I sistemi paese funzionano più o meno come le famiglie.
Un sistema paese esporta risorse energetiche (esempio petrolio Arabia Saudita), materie prime (esempio rame cileno) o beni finiti come nel caso della Cina come una famiglia esporta ad il proprio "tempo" attraverso il lavoro.
Perchè uno va a lavorare? per potersi comprare quello che gli manca per vivere.
La stessa cosa la fanno i sistemi paese, esportano per avere in cambio ciò che gli manca.
Se la Cina perde i clienti occidentali ha una sola strada: trovarne di nuovi.
Altrimenti sarà costretta a ridurre i consumi interni non potendo più disporre di tutte le risorse e materie prime che non ha e che oggi compra sui mercati esteri.

ps l'Occidente negli ultimi 20 anni ha esportato "soldi" creati a debito, non avendo quasi nulla di concreto da offrire.
Basti pensare che il 90% delle attività finanziare mondiali serve a coprire i debiti dell'Occidente.
Solo che il gioco è finito perchè il resto del mondo sta aprendo gli occhi e inizia a dire basta!
In Occidente la disponibilità di risorse e materie prime non sarà mai più come prima.
Prima ce ne si rende conto meglio è, in modo da poter mettere in atto gli opportuni cambiamenti.
Perchè l'alternativa invece è subirli quei cambiamenti!

Erik Artaz ha detto...

Ciao Felice,
A proposito dei navy seals. A quanto si legge in rete sembra che nessun componente del team six responsabile della (ridicola) uccisione di Bin Laden sia stato ucciso nell' incidente dell' elicottero.

Riporto da Associated Press
"U.S. officials tell The Associated Press that they believe that none of the Navy SEALs who died in a helicopter crash in Afghanistan had participated in the raid that killed Osama bin Laden, although they were from the same unit that carried out the bin Laden mission."

...certo quel "they believe" lascia molti spazi aperti all' immaginazione :-)

Un salutone
Erik

alboino ha detto...

Il gioco è finito non solo per l'enorme quantità di debito cartaceo, ma per un innesco naturale: la fine delle risorse abbondanti ed a buon mercato, primo fra tutti il petrolio.
La Cina non si trova nelle stesse condizioni dell'occidente post seconda guerra mondiale, dato che ha distrutto l'ambiente e non avrà a disposizione risorse naturali abbondanti.
E' il sistema che è finito, Cina o non Cina.

Tersite ha detto...

Mario, ma di cosa stai parlando? Ti risulta che ci siano "cinesi che perdono il lavoro"? O che tu occidente oggi abbia "qualcosa che manca" alla Cina? Le materie prime? Hai un pozzo di petrolio in cortile?

Anonimo ha detto...

Un saluto a tutti.
@rene'
Dove e' la gente. In gamba?
La domanda e' già la risposta.
Quando scrivo, parlo, parte sempre da ciò che io sono.
In questi mesi, abbiamo potuto vivere i cambiamenti.
Abbiamo assistito a situazioni che tanti pensavano impossibili.
Vedi il declassamento degli usa, vedi l'illusione della guerra in afganistan ecc.
Abbiamo avuto la possibilità di capire cosa e' la politica, e cosa sono i politici.
Abbiamo potuto vedere perché l' umanità non e' riuscita a cambiare.
Nonostante tutto ciò ,ancora non si e'sentita una voce, tante voci, che invocano i veri cambiamenti.
Quando riusciamo a capire e vedere la vera realtà , iniziamo un cammino solitario.
Si diventa solitari per il fatto che capisci che ognuno di noi e' un dio.
Lo e' poche' ha il potere di scegliere e creare la propria realtà.
In quello stato di essere non vedi problemi, non vedi difficoltà , ma solo uno stato di essere .
Vedi tutti gli esseri in una fase di evoluzione.
Vedi gli esseri che lottano per capire, per realizzare se stessi.
Per tutti, arriverà il momento in cui inizieranno a porsi domande .
Quello e' l' inizio in cui si può cambiare ,iniziare un nuovo percorso.
Franco

Mario Barbiero (OH OH OH) ha detto...

@Tersite
Sono circa 100 milioni i cinesi che hanno perso il posto di lavoro (i dati ufficiali parlano di soli 20 milioni di disoccupati, ma sono falsati).

Ci sono due modi per consumare una cosa:
ce l'hai nel giardino di casa e la usi, un po' come l'orto, se hai piante di pomodoro non vai a comprarli al supermercato;
due vai da qualcuno che ce l'ha nel suo di giardino e gli offri qualche cosa in cambio, tipo gli Usa che riempiono di dollari e armi i sauditi e questi gli danno il petrolio in cambio a prezzi più bassi di quelli di mercato.
Oppure se non hai niente da offrire usi la forza, come hanno provato a fare i francesi con la Libia, perchè se non lo avete ancora capito è partito tutto da Parigi e poi lo zio Sam è intervenuto per salvare le chiappe a Mister Bruni!

Comunque una volta l'Occidente invedeva militarmente i paesi, mentre oggi lo fa finanziariamente.
Anche se la forza militare resta a disposizione laddove corruzione e omicidi di stato non bastano.

Mario Barbiero (OH OH OH) ha detto...

@Tersite (2)
Cosa usano i cinesi per comprare materie prime e risorse energetiche?
conchiglie? biscotti della felicità? dollari dello Zimbabwe?
No dollari americani e come mai?
Te lo sei mai chiesto perchè proprio i dollari dello zio Sam?
Tu poni una giusta domanda:cosa ha l'Occidente che la Cina non ha.
Te lo dico io, due cose:
credibilità che è quella che la Ue sta cercando di dare all'euro che poi è la credibilità dei tedeschi e del vecchio marco;
forza militare che è quella che hanno ancora gli amerciani ragion per cui oggi il dollaro è ancora la valuta internazionale e lo sarà anche nell'immediato futuro.
Credibilità e forza militare sono gli unici due elementi che oggi rendono credibile nel senso di funzionale una valuta cartacea.
Lo yuan non lo vuole nessuno, nessun paese al mondo sta comprando yuan da usare come bene rifugio.
Perchè al di fuori della Cina con gli yuan ci puoi arredare la casa.
E lo sanno molto bene anche i cinesi, dispetto dei proclami roboanti.

Anonimo ha detto...

se osserviamo la situazione ci accorgiamo che siamo arrivati ad un plateau.
da alcuni anni ormai la tecnologia (che e' venuta tutta dall'occidente) si e' fermata e cosi' facendo ha dato il tempo ad ormai tutti i paesi del mondo di raggiungere lo stesso livello.
ovunque si fanno le stesse cose, tutti hanno grosso modo le stesse capacita'.
questa e' una situazione nuova, tempo fa le auto le avevano solo gli occidentali, idem per le case, il forno, la stufa, la tv le abbiamo inventate noi. c'era la maggior parte del mondo che queste cose non le aveva, lo chiamavano terzo mondo, la loro vita era misera (di tecnologia) e a noi ci sembrava di essere degli Dei.
poi ci siamo fermati e il terzo mondo ci ha raggiunto. adesso lo stile di vita si sta livellando, noi in giu' e loro in su.
possiamo fermare questa cosa? non certo con leggi, proposte varie o con la finanza.
abbiamo due possibilita' per rimanere privilegiati e fare lavorare gli altri al posto nostro:
1- con la forza
2- con l'intelligenza

oppure accettiamo di andare giu' e vivere un po pegggio.

guardiamoci attorno e vedremo la strada che stiamo percorrendo, il futuro non e' cosi' difficile da prevedere.

Anonimo ha detto...

Bce compra Btp, Trichet vuole che accada prima dell'apertura dei mercati

carta contro carta, e' un po come se la stampassero gli stati da soli con la differenza degli interessi ma basta non pagarli....
eheheheh

forse dopo questo passo potrebbe anche accadere che l'euro diventi dei popoli e non dei banchieri, il cigno bianco?

Felice Capretta ha detto...

@renee


buona domanda.

alcuni pensano che le crisi vanno e vengono: prima o poi ci si riprende

altri continuano come se nulla fosse, perchè se crisi globale deve essere tanto vale tirare avanti finchè si puo': finchè la barca va, lasciala andare.

onestamente credo che siano la maggior parte.

magari altri ancora scrivono blog sotto nickname : )

saluti felici

felice

Mario Barbiero (OH OH OH) ha detto...

E' una partita di poker e siamo alle battute finali, tre giocatori al tavolo:
silviuccio (Berlusconi)
le elites del Nord Europa
le elites anglosassoni.
Tutti e tre i giocatori sembrano avere ottime carte oppure stanno bluffando alla grande e sono pronti a giocarsi il tutto per tutto.
Silviuccio fa credere che porterà l'Italia al default; le elites del Nord Europa sembrerebbero pronte a vedere il bluff, quelle anglosassoni un po' meno.
Ormai la partita è alle battute finali, può succedere di tutto, sicuramente vincerà non solo chi ha le carte migliori, ma anche maggiore determinazione.

Se silviuccio non fa un infarto nei prossimi mesi vincerà lui la partita e l'Italia farà default, i diritti/privilegi di molta GGGGGente si azzereranno e forse i nostri figli e nipoti potranno provare a costruirsi un futuro migliore liberati dalle colpe/debiti dei loro genitori (i cosidetti babyboomers).

GO SILVIUCCIO GO!!!

lo sapevo, troppa birra con la grigliata!