domenica 21 agosto 2011

Eccoci tornati, per una nuova calda settimana

Stimatissimi,
Durante il nostro periodo lontano dal blog abbiamo seguito un po' i media classici, ed abbiamo scoperto che:

- il paese va a rotoli, ma la prossima manovra economica risollevera' il paese

- se qualcosa non funziona, e' sempre colpa di berlusconi

- i mercati si comportano come i lemmings, e l'oro sale perche' chavez sposta qualche tonnellata d'oro da un caveau estero ad un caveau venezuelano

- in genere, nelle guerre vincono i buoni e perdono i cattivi(forse perche' poila storia la scrive chi ha vinto, e non chi ha perso)

- in genere, se mitragliano un autobus a venezia persone vestite da vigili veneziani, si bombarda torino per sicurezza

- le infermiere possono attaccare la tbc fulminante a migliaia di neonati con la sola imposizione delle mani e si mena il torrone per una settimana con 'sta storia

- mai andare in gommone! Come ti metti in acqua ci sono almeno 15/20 motonavi che sono li' pronte a speronarvi

- infine, per difendersi da caldo e' bene mangiare frutta e verdura e bere acqua, e se siete anziani e' bene evitare di correre i 100 metri sotto il sole della una, meglio ancora nascondervi sotto al letto nelle ore piu' calde della giornata.

Ah! Che fatica informarsi tramite la tivu'.

Per fortuna ho letto tutti i vostri commenti e sono riuscito ad essere presente nella pubblicazione veloce.

Ho seguito il tema dell'alimentazione. Una mattina e cri, se sapeste cos'ho fatto questa settimana....ma non si puo', magari piu' tardi nei commenti.

Mi e' piaciuta la deriva sul tema dei pomodori. La famiglia capretta ne ha 47 piante quest'anno e l'eccedenza noi la facciamo essiccare, anche perche' preferiamo evitare i cibi cotti. Vengono bene e si conservano, ne abbiamo gia' un sacchettone!

Ho seguito l'outing di torn (si puo' dire?) e l'interessante piega spirituale che hapreso la discussione. Molto interessante ma soprattutto buon equilibrio da parte di tutti. Torn, non hai mai abusato dello spazio, stai sereno :-)

Per il resto, dicevo, si apre una lunga settimana calda.

Occhi aperti, una mano sul pc e l'altra sulla zappa, che con questo caldo mi son venuti dei rapanelli grossi come pomodori!

Saluti felici

Felice Capretta


Published with Blogger-droid v1.6.8

19 commenti:

Anonimo ha detto...

Giusto.

cri ha detto...

Bentornato!

uzzo ha detto...

bentornato!

Anonimo ha detto...

Ciao Felice, bentornato!!! allora la cloaca nigeriana frammista al WC di New Dehli ha funzionato... oppure ti sei messo anche tu a fare esperimenti di genetica sui ravanelli e non ci confessi che al momento del crossingover avevi vicino semi da anguria ed hai fatto un pout-pourri eh?????

in ogni caso buon lavoro coi pomodori ed i ravanelli... mica hai anche una vigna??? chissà che acini :-)

FEDRO 55

Anonimo ha detto...

"Gheddafi, il potere è intatto come prima, l'intervento Nato è ogni giorno di più un fallimento."

"Gheddafi, crollato il regime, Tripoli in mano agli insorti."

Felice, io sono d'accordo con la controinformazione, ma bisogna sapersi dare una regolata... sui siti tipo donchisciotte fino a ieri era tutto un peana al valoroso colonnello che tiene in pugno la situazione. Quello che è successo in questi due giorni in Libia è una figura di cioccolata per tanta, troppa gente.

Anonimo ha detto...

i pomodori secchi autoprodotti voglio proprio assaggiarli... li ho fatti anch'io e risultano dolcissimi!!!! a presto
ste

Anonimo ha detto...

Outing?! Ha!ha!ha! Bellissimo!
Certo che si può dire! Non mi era mai capitato di sentirlo definire così ma ... sto ancora sorridendo!!

Sai una cosa? Credo di sapere come veniamo visti in generale e, dopo che fai 'outing', la gente crede di aver capito tutto di te. Qualcuno ti bolla, ti guarda in maniera diversa e ti mette lì nel suo bel catalogo mentale. Non è bello.

Di informazione davvero scorretta ne riceviamo tanta, ma ci difendiamo bene. Faccia a faccia, senza paura e con tanto amore.

Per questo mi piace leggere e scrivere qui su Informazione Scorretta dove si legge quello che gli 'altri' non dicono e/o non vogliono dire.

Mi piace avere a che fare con persone dalla mente aperta che si interroga, cerca, ascolta, magari non condivide - leggittimissimo - ma almeno riflette, diventa consapevole e fa scelte consapevoli.

E' un piacere rileggerti, e sapere dei tuoi ravanelli fuxia! Grazie ancora

Torn.

giak ha detto...

Bentornato!

una ex pecora (oh oh oh) ha detto...

@anonimo 22 agosto 2011 08:42
raccontare ciò che si fa è una cosa;
raccontare ciò che si vede è un'altra cosa;
raccontare ciò che fanno altri è altra cosa ancora.
Nel primo caso chi narra non corre pericolo di sbagliare; nel terzo caso chi narra ha il 99,99% di possibilità di sbagliare.
Il secondo caso è una via di mezzo.

L'informazione cosidetta corretta si differenzia da quella cosidetta scorretta solo per il fatto che la prima è sicuramente funzionale al sistema, la seconda potrebbe non esserlo.
Ma è una solo questione di buona fede, la veridicità delle informazioni è un'altra questione.
Perchè la verità di una data azione la conosce solo colui il quale l'ha messa in atto.
Mentre un osservatore diretto già percepisce solo parte di questa verità, vede qualche cosa che sta accadendo ma ignora le motivazioni perchè quelle le conosce solo chi sta agendo in quel momento.
Colui che osserva direttamente l'azione può solo speculare sulle reali intenzioni dell'attore.
Quindi già per il diretto osservatore niente verità completa.
Figuriamoci chi non è nemmeno presente rispetto all'azione, pensare di raccontare la verità è semplicemente come vincere un terno al lotto.
Ul naratore non può nemmeno essere certo che quella data azione sia mai accaduta o sia accaduta secondo certe dinamiche.
E quindi si può tranquillamente mettere una pietra sopra sulle motivazioni, come si fa a sapere cosa c'è dietro una certa azione se non hai certezza sull'azione stessa.
Ma il problema non è tanto di chi pretenderebbe di raccontare verità non sue (se non altro è da lodare l'impegno e la volontà di esporsi al confronto e al giudizio altrui).
Il problema è del pecorame che crede di trarre informazioni utili ad agire correttamente da queste informazioni, cullandosi nell'illusione che siccome è informazione non allineata (al sistema) allora è vera!

Le risposte sono solo dentro ognuno di noi, quello che c'è fuori al massimo può aiutare a porvi le domande.
Se volete fare qualche cosa trovate il coraggio di farlo seguendo quello che sentite dentro di voi.
Lasciate perdere la ricerca della verità, quella non c'è né al TG1 (per malafede accertata) né qui su IS (anche se in buona fede) e nemmeno nelle mie parole ...

Anonimo ha detto...

"Quello che è successo in questi due giorni in Libia è una figura di cioccolata per tanta, troppa gente."

si.

pero' da questo possiamo imparare che la verita' che non sperimentiamo non e' verita' ma serve per fare del gossip, una notizia vale l'altra.

quindi si puo' leggere qualsivoglia informazione sui giornali o su internet ma senza la possibilita' di sperimentarla e' come avere in mano il niente.

oggi credo abbiamo avuto una lezione importante, spero riusciamo a farne buon uso.

Anonimo ha detto...

sulla Libia,
il popolo pecorone da una dittatura in casa si e' spostato ad una dittatura extranazionale, adesso ci pensano i banchieri a farli stare bene.
che furbi... e siamo nel 2011.

Anonimo ha detto...

Crisi, Manovra, argomenti in voga in questi giorni.
Parlamentari belli abbronzati intervistati dopo un lauto pranzo al ristorante che ci spiegano quale sia la loro "ricetta" per il "pareggio di bilancio".
Ciascuno con un solo unico obbiettivo: mantenere la poltrona e la benevolenza di chi li ha messi al potere.
Nessun criterio di merito, non la intelligenza, non il senso dello stato nè l'onestà.
Solo la necessità di rimanere aggrappati a quella elite di leccaculo aggrovigliati tra loro in una rete di amicizie, interessi personali e trombate a volontà.
P2, P3, P4 non sono la fantasia di magistrati "rossi" ma l'evidenza della squallida e triste decadenza della classe dirigente che ci rappresenta.
In questo clima vizioso e mafioso di omertà e corruzione si continua a cercare la soluzione alla crisi scansando omertosamente le cause che l'hanno crata: LE BANCHE.
Siamo schiavi del debito ed i creditori comandano il mondo.
Si tacciono i massacri Cinesi in Tibet, le esecuzioni capitali, la mancanza di diritti, la censura e la repressione politica e ci si prostra in modo inverecondo in occasione di incontri ufficiali con i loro rappresententi di governo.
Un noto architetto Italiano ha recentemente affermato di lavorare esclusivamente in Cina perchè loro pagano.
Bravo, vai e restaci.
In Italia il potere è dei banchieri che fanno quello che vogliono, nessuno mette in dubbio le balle che ci raccontano e nessuno chiede loro spiegazioni sul tracollo cqatastrofico delle loro azioni in borsa.
Intanto sostituiscono la commissione di massimo scoperto con il fanmigerato CAF (commissione sull'affidamento mediamente lo 0,5% sugli affidamenti concessi SBF compreso).
Dato che la commissione di massimo scoperto se l'erano già abolita da soli impedendo ogni sconfinamento rispetto agli affidamenti concessi, hanno trovato il modo di tartassare le PMI con questa bella trovata passata completamente sotto silenzio.
Interessi passivi a tassi vergognosi che stanno letteralmete strozzando le PMI e condizioni di utilizzo del credito e spese stratosferiche.
Allego estratto di una lettera di una banca con cui lavoravo, la quale dopo aver revocato gli affidamenti, mi ha concesso un fido a scadenza alle seguenti condizioni:

"Riconosco/Riconosciamo che sul suddetto debito matureranno – per effetto della dilazione, interessi corrispettivi al tasso del 12,25% nominale annuo, a far tempo dalla data odierna e sino alla estinzione del mio/nostro debito."

Questo è un blog di economia o di che cazzo si deve parlare?

PS
dieta pranica...
Andate a raccontarlo ai bambini in Africa

Jobogan

una mattina ha detto...

Volevo dire bentornato anche da parte mia,

e per uscire dalla crisi più pomodori per tutti (che col caprino son la morte sua!)

una mattina ha detto...

"Questo è un blog di economia o di che cazzo si deve parlare?

dieta pranica...
Andate a raccontarlo ai bambini in Africa"

Jobogan


Ecco un'altro limitato che guarda solo dentro al tubo...

Anonimo ha detto...

Il "Tizio" che non sa più che "tubi" pigliare pensa al concreto ciccio.
Chi ha la pancia piena e il SUV sotto il sedere si può permettere anche di filosofeggiare a vanvera.
L'aria fritta non si mangia e la "dieta pranica" mi pare abbia proprio lo stesso sapore...

Jobogan

Anonimo ha detto...

jobogan
questo e' quello che vedi tu dal tuo punto di vista, forse tra i commentatori che parlano di altro c'e' qualcuno che ha un punto di vista diverso e magari dato pure dall'esperienza.
dipende solo se si desidera imparare gli uni dagli altri o ci si vuole schierare in un tifo da stadio buoni contro cattivi. dipende....

Anonimo ha detto...

"Questo è un blog di economia o di che cazzo si deve parlare?

mi sapresti dire dove comincia e dove finisce l'economia?

io saro' un somaro ma la vita a compartimenti stagni non la vedo proprio. anzi vedo un branco di somari che pensano di dividere la vita in compartimenti stagni quando invece e' solo una.

Anonimo ha detto...

Ciao Felice
e ben tornato...
un cordiale saluto a tutti gli amici del blog..
ACETOSELLA

Mario Barbiero (OH OH OH) ha detto...

@jobogan
Anche io ho detto quasi la stessa cosa a franco, basta andare a rileggersi uno dei 100.000 commenti che ho fatto, gli dissi più o meno "facile per te parlare che hai la pancia piena" inteso che stai bene economicamente(a indo invece diedi dell'eremita che vive in una caverna dotata di connessione wireless).
Mi sembra passata una vita da allora, invece saranno più o meno 12/14 mesi.
Oggi rido al pensiero di cosa pensavo una volta.
Rido per tutto il tempo che ho perso cercando in giro per i blog risposte e soluzioni per prendere decisioni nel mio quotidiano.
La scintilla che mi ha fatto cambiare è stato incontrare franco di persona; mi ha colpito la serenità che trasmetteva e una certa luce nei suoi occhi.
E' la stessa che vedo negli occhi di mia figlia e di tutti i bambini che sono felici.
mi sono detto: anche io voglio essere così.
Di mio avevo già una certa idea che la vita così come l'avevo imparata avesse qualche cosa per cui i conti in realtà non tornavamo.
Indo e franco hanno offerto un'alternativa di visione del mondo talmente assurda, quasi l'opposto di quello che crediamo che mi è venuta voglia di andare a vedere se quello che dicevano avevano un fondamento oppure no.
Gli scienziati la chiamano sperimentazione o ricerca sul campo.
Ho scoperto che l'affermazione "noi siamo ciò che pensiamo" è vera; ATTENZIONE per pensiero non intendo i processi razionali ovvero il confronto della realtà con ciò che abbiamo imparato magari da un libro o su di un blog).
segue