mercoledì 2 giugno 2010

Freedom flotilla e le riserve in euro di Teheran


Geniali i titoli del brillante Tgcom online mentre scriviamo.

Partiamo dal caso BP, con la fuoriuscita di petrolio che sta compromettendo l'intero ecosistema del golfo del messico. La nuova operazione-sòla di BP prevede il taglio (cut) del tubo ed il posizoinamento di un tappo (cap) a cupola. Da cui: operazione "cut & cap".

Che diventa, nel peggior incubo di Shakespeare, "cup and cut", ovvero "tazza e taglio".

Già.

Stendiamo poi l'opportuno silenzio caprino sul titolo sempre del medesimo "giornale" online, letto da centinaia di migliaia di utenti unici giornalieri, che riportiamo qui di seguito.




Sul fronte Freedom Flottilla, buona parte dei media compatti ed allineati stanno (poco) pudicamente cercando di tenere nascosta la seguente infamante notizia che è apparsa su ANSA.it, anche se non con il peso e la dimensione che avrebbe dovuto avere.


Italia vota contro il Consiglio dei Diritti Dell'Uomo


L'Onu chiede una missione di inchiesta internazionale per fare luce sul blitz delle forze israeliane contro la flottiglia di attivisti diretta a Gaza.

In particolare, è stato il Consiglio dei diritti dell'uomo dell'Onu che ha proposto di "inviare una missione internazionale per indagare su violazioni delle leggi internazionali".

La decisione è passata con 32 voti favorevoli.

Hanno votato contro: Stati Uniti, Olanda e Italia.


E mentre qualche giorno fa Parigi esigeva l'immediato rilascio di tutti i francesi imprigionati in israele, Roma, nella persona di Stefania Craxi, assicurava che gli israeliani avrebbero rilasciato gli italiani entro il tempo tecnico di 3 giorni.

E' la fine che fanno i servi sciocchi.

Almeno una volta gli italiani erano eterni secondi.

Chiudiamo con una notiziola appena passata sotto il naso caprino:


Iran, vendita riserve in Euro

PECHINO (Reuters) - La banca centrale iraniana ha annunciato che venderà 45 miliardi di euro delle sue riserve per acquistare dollari e oro, riporta l'agenzia di stampa cinese Xinhua, citando notizie media iraniane.

Xinhua ha detto che le vendite sarebbero state condotte in tre fasi e che sono già cominciate, citando fonti anonime.

Altri paesi del Golfo hanno cominciato a ridurre le loro riserve di euro, secondo l'agenzia.

(fine)

Ed è forse in questa notizia che sta la chiave di lettura di buona parte dell'affaire speculativo al ribasso sull'euro.

Fermo restando che non sappiamo qual è la ripartizione tra dollari e oro, resta il fatto che la caduta dell'euro innesca (ed è alimentata da) una fuga dall'euro sul mercato delle valute.

Le nazioni che hanno riserve in euro le vedono impoverirsi sempre di più. Cosa sceglieranno? Cosa scegliereste, se in tasca avete monete che perdono valore ogni ora? Ve ne liberereste, e le convertireste in qualche altra moneta o bene che ha un valore più stabile.

Perfino un paese come l'Iran sceglie di disfarsi di Euro in favore di oro e, udite udite, dollari. Il che contribuisce a sostenere il dollaro come valuta di riserva mondiale e rimandare in là di qualche altra ora l'inevitabile caduta della divisa nordamericana.


Saluti felici

Felice Capretta

94 commenti:

Mario B. ha detto...

finchè uno scava pozzi a bassa profondità, a terra, può succedere di tutto ma anche i peggiori disastri sono stati rimediati in pochi giorni ... ma di pozzi "facili" ormai ne sono rimasti ben pochi. E allora, la gente si mette a cercare il petrolio nei posti e nei modi più impensati. Un modo è il cosiddetto "deepwater" che è un impresa molto difficile. Già dovete andare giù a chilometri sotto il mare, e poi giù ancora, trivellare per altri chilometri. Immaginatevi una zanzara che trivella il vostro lavandino pieno d'acqua con l'idea di arrivare fino al pavimento, insomma credo che siano quelle le proporzioni.

Tirar fuori questo petrolio è un'impresa molto difficile; poi, siccome costa caro, è abbastanza probabile che qualcuno pensi a fare un po' di cresta per risparmiare su questo e su quello. Alla fine, va sempre a finire che si tende a risparmiare sulla sicurezza. Ed è così che succedono i disastri. Non si può esattamente prevedere quando si verificheranno, ma ci si può immaginare che ce ne saranno. Probabilmente, questo qui del golfo del Messico non sarà l'ultimo.

"... notare che tappare una perdita di petrolio è - di solito - molto più facile che tappare una perdita di gas. Siamo fortunati!"
Ugo Bardi su aspoitalia

Anonimo ha detto...

caro felice
e' la naturale conclusione dell' affaire " grecia" . gli USA hanno bisogno di 1000 milardi annui di " carne fresca" e visto che cinesi e giapponesi non avevano piu gli ardori di un tempo l' europa , questa amorevole colonia , glieli sta provvedendo nella misura " programmatica" di 700 che saranno spremuti dalle tasche di tutti noi .
perche' dicono che "vanno in grecia" ma dopo 24 ore sono gia' nei conti della goldman$sach ..:-)

e la " manovra" del direttore dell' aspen istitute serve appunto a provvedere la prima tranche a nostro carico ...

seguiranno quindi altre " manovre" , adesso che nel pubblico entusiasmo sono stati adeguatamente fottuti statali e pensionandi seguiranno altre " fregature" per tutti ..

perche' e' una questione di " solidarieta'" come dice sempre il "promogenito di re umberto" ..:-)
ws

Anonimo ha detto...

Il Sottosegretario agli Esteri Alfredo Mantica:

"Non ho ancora elementi sufficienti per capire cosa sia successo ma la questione era nota da giorni. Questa vicenda si può classificare come una voluta provocazione: aveva un fine preciso, politico. Possiamo discutere sulla reazione israeliana, ma pensare che tutto avvenisse senza una reazione di una qualche natura era una dilettantesca interpretazione di chi ha provocato questa vicenda. Credo che in operazioni di guerra così delicate queste azioni spettacolari servano solo a peggiorare la situazione e a rendere ancora più impraticabile la strada del dialogo. Mi pare che sia in atto una voluta provocazione per vedere fino a che punto Israele reagisce. Poi, sul merito della reazione israeliana, non do giudizi perché ancora non conosco bene i fatti ma sperare che Israele non reagisse era un'illusione. Il principio della rappresaglia israeliana è un principio conosciuto nel mondo".


e questo, secondo il nostro deme.... hemmm... eminente, volevo dire eminente sottosegretario, giustifica ogni cosa.

comunque, anche il principio della rappresaglia nazista era conosciuto nel mondo.

spero vivamente che gli israeliani verranno trattati come lo furono i nazisti.....

castigo

Anonimo ha detto...

Grazie a Felice

Grazie a Mario per la segnalaz sul cropcircle di padova

:-)

fiore

Anonimo ha detto...

Il giorno dopo l'accaduto, Il Giornale di Feltri apriva con "HANNO FATTO BENE A SPARARE".

Il partito dell'amore insomma, plaude alle morti civili in prima pagina, a caratteri cubitali.

Sembra fatto apposta per surriscaldare gli animi...

Qui apprendo che i soli Stati Uniti, Olanda e Italia hanno votato contro la missione d'inchiesta.

Sembra che il Berlusca abbia ritrovato il feeling con l'abbronzato per l'occasione, ma forse l'ha fatto per ingraziarsi Michelle, vai a capire.

Ho letto fiumi di parole su questo complotto del NWO, congetture, previsioni, profezie..., ma comincia a venirmi un sospetto: non sarà mica che questi dell'élite vanno avanti a casaccio?

guru_reloaded

Anonimo ha detto...

Dimenticavo, la marea nera, anche in questo caso qualcuno arriva a dire che l'han fatto apposta, ma io credo che abbiano solo fatto casino.

Anonimo ha detto...

per conoscerci un po' meglio, questo e' l'ordine delle sezioni nel sito dell'ANSA:

* home
* calcio
* economia
* cinema
* foto
* video
* newsmap
* ansaspecializzati
* ansainternational
* meteo

e se le hanno messe in questo ordine e' perche' la gente le vuole leggere in questo ordine.
chiarito quindi il mistero della crisi...

indopama

Anonimo ha detto...

l'intervento di israele è sicuramente inesplicabile in quanto non sortisce alcun effetto pratico positivo, ma ne sortisce di moltissimi negativi soprattutto a livello di immagine per lo stato ebraico. C'è quindi da chiedersi perchè lo abbiano fatto. L'opinione dei media non main stream è quella che in questo modo Israele vorrebbe acuire la spaccatura che c'è in Turchia tra il potere esecutivo (filo islamico) e la casta militare turca formata (come dicono) da ebrei convertiti falsamente all'islam e storicamente alleata ad israele. Puntiamo quindi i nostri sguardi caprini in Turchia per vedere se la mossa israeliana avrà effetto.
Per quanto riguarda la vendita delle riserve iraniane in euro l'esperienza mi insegna che quando escono queste notizie si è alla fine di un ciclo (comprare sulle indiscrezioni vendere sulle notizie), e serve giusto l'ultima spinta in una direzione per chiudere le ultime posizioni. Quindi probabilmente la discesa dell'euro è finita..
Per quanto riguarda la votazione in sede Onu del governo italiano che si è distinto per essere stato uno dei pochi a non condannare israele è evidente il tentativo di berlusconi di farsi amica l'ala filoisraeliana dei suoi nemici. In Italia tutto ciò ha come cartina tornasole l'atteggiamento più possibilista di debenedetti riguardo al cavaliere (il che si porta di conseguenza veltroni). Stiamo a vedere anche qui se questa svolta porterà ad un nuovo governo di centrodestra con l'appoggio dei veltroniani (e di repubblica).

Arsan

Anonimo ha detto...

Mario,

trivellano a profondità per poi risparmiare sulle spese di estrazione: da quei giacimenti il petrolio viene su da solo con pressioni enormi, che superano le 150 atm del tappo naturale "marino".

Sarebbe molto più costoso un giacimento "Normale" senza parlare delle sabbie del Canada.

Basta comprendere al contrario...Orwell insegna.

Ma come al solito quelli dell'ASPO ci vogliono far capire il contrario!

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Un pò come quelli che ci dicono che c'è un Iceberg gigante che vaga nei mari, e considerandoci tutti ignoranti di idrostatica e del principio di Archimede, ci spaventano affermando che se si scioglie si inonda Venezia, ecc.
Poco tempo fa un industriale del settore "vento" mi voleva convincere del fatto parlandomi anche di leggi fisiche: non capiva proprio un'emerita sega (quella della BP).

A proposito ricordatevi che l'azionista di controllo della BP è Nathan Rotschild....

Il Folletto

cardinale ha detto...

SE volete comprare ORO vero sicuro NON sequestrabile, cercate il blog del Cardinale Gardel, che ha chiamato il bull dell'oro nel 2002. Praticabile per chi vive o può venire in Toscana: necessita contatto diretto

Anonimo ha detto...

@ Cardinale

Hai un riferimento dove trovarti?

Anonimo ha detto...

mmmhhhh, dubito sia il vero Cardinale, lasciate stare fino a nuova comunicazione!

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Ok, è il vero Cardinale

Il Folletto

Anonimo ha detto...

@ Folletto
OK è il vero Cardinale ma come trovarlo, senza dover mettere dati personali sul suo blog?
Ha un indirizzo o è un fantasma?

Anonimo ha detto...

"SE volete comprare ORO vero sicuro NON sequestrabile, cercate il blog del Cardinale Gardel, che ha chiamato il bull dell'oro nel 2002. Praticabile per chi vive o può venire in Toscana: necessita contatto diretto"

Mmm... interessante, siamo ai consigli per gli acquisti.

Quanto lo fa al chilo?

golden_guru

Anonimo ha detto...

una domanda al cardinale:
in che senso "non sequestrabile"?

se te lo vogliono portar via lo fanno e basta...no?

maurizio ha detto...

A proposito di pacifisti, se fossero stati a casa loro ed avessero usato le vie legali per far arrivare gli aiuti umanitari, tutto ciò non sarebbe accaduto.
Ma vi siete mai chiesti come mai ai palestinesi manca tutto mentre hamas ha un sacco di soldi per comprare armi ?
Come mai non usa quei soldi per sfamare i suoi concittadini? Ricordatevi che a suo tempo era stato deciso che nascessero due stati, uno Israele e l'aktro la Palestina. Vi siete mai chiesti o informati perchè lo stato palestinese non è mai nato? Non ripondetemi che è stato Israele a non volerlo, perchè solo in malafede o per mancate conoscenze sll'argomento di può dare una risposta così.
Ciao

astabada ha detto...

@ Il Folletto

"trivellano a profondità per poi risparmiare sulle spese di estrazione: da quei giacimenti il petrolio viene su da solo con pressioni enormi, che superano le 150 atm del tappo naturale "marino".

Sarebbe molto più costoso un giacimento "Normale" senza parlare delle sabbie del Canada."

Nota che oggi il petrolio sulla terraferma non esce a 150 atmosfere perche' quello che lo faceva e' gia' finito. Oggi ci ritroviamo a usare risorse piu' "difficili" e per capirlo basta un minimo di logica - non servono nemmeno i dati a questo livello!

Su TOD ci sono molti articoli che valutano i costi delle diverse sorgenti di estrazione.

Cheers,
astabada

Anonimo ha detto...

@Non ripondetemi che è stato Israele a non volerlo, perchè solo in malafede o per mancate conoscenze sll'argomento di può dare una risposta così.

dunque perchè?
tu che sei in buonafede e hai le conoscenze illuminaci...

Anonimo ha detto...

@ Maurizio

È vero che molte volte i palestinesi hanno fatto saltare il tavolo delle trattative, ma bisogna anche ammettere che c'è ben poco da trattare quando da una parte siedono i vinti e dall'altra i vincitori.

Quando l'uomo bianco è sbarcato nelle americhe, ha usato le stesse tecniche e ha messo gli indiani nelle riserve.

Tu vorresti viverci in una riserva?

guru_reloaded

Anonimo ha detto...

Il Grande Frattini ha addirittura ringraziato di cuore israele per averci restituito i connazionali ancora vivi.
La prossima volta che la camorra o simili rapiscono qualcuno ricordiamoci:
1) prodenza nei giudizi negativi
2) diciamo NO a chi vuole indagare
3) ringraziare se, bontà loro, ci restituicono vivi i sequestrati.

Mario B. ha detto...

@Il Folletto
Mannaggia mi demolisci Aspo ...
Ma d'altra parte ho troppa stima nei tuoi confronti per non tener conto di quello che dici.

Mario B. ha detto...

"Ma vi siete mai chiesti come mai ai palestinesi manca tutto mentre hamas ha un sacco di soldi per comprare armi?"

Lungi da me l'idea di difendere Hamas, ma se fossi un palestinese che vive nelle condizioni in cui vivono a Gaza e pensa che Israele sia il responsabile e voglia la mia morte forse un po' di pane dalla bocca me lo toglierei per darlo a chi prova a difendermi.

D'altra parte se non ci fosse Hamas Israele permetterebbe la nascita di uno Stato Palestinese?
La risposta è no e non lo dice il povero Mario B., ma tutte le dirigenze israeliane ad eccezione di quel primo ministro che infatti non è morto di morte naturale.

Il dramma di quella situazione è che in termini di risorse disponibili non c'è posto per entrambi i paesi, a meno che la comunità internazionale che qulla situazione l'ha creata, non si faccia carico di un piano di aiuti e interventi.

La realtà è che quella situazione fa comodo a tutte le dirigenze, israeliana e palestinese in primis, tanto a pagarne il prezzo sono i i cittadini palestinesi e quelli israeliani.
La differenza tra i primi e i secondi sta solo nella disponibilità di mezzi, che è in rapporto 1 a 500 così per 2/3 morti israeliani hai poi 1.000/1.500 morti palestinesi.

Anonimo ha detto...

IL PRESIDENTE TEDESCO KOEHLER SI DIMETTE

Anonimo ha detto...

"Nota che oggi il petrolio sulla terraferma non esce a 150 atmosfere perche' quello che lo faceva e' gia' finito"

quando mai è uscito a 150 atm, semmai c'erano dei laghi in superficie ai tempi di Alessandro Magno.

Ma sto astabada cosa cavolo scrive??

Il Folletto

Anonimo ha detto...

"Nota che oggi il petrolio sulla terraferma non esce a 150 atmosfere perche' quello che lo faceva e' gia' finito"

quando mai è uscito a 150 atm, semmai c'erano dei laghi in superficie ai tempi di Alessandro Magno.

Ma sto astabada cosa cavolo scrive??

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Iran vende Euro per comprare Dollari ?
Contenti loro...
Alle nostre imprese fa soltanto bene, scenda anche alla parità e va ancora meglio.
Sale il petrolio? Poi ci pensiamo, ma meglio che così.
Intanto si prendano in casa la carta straccia, poi faremo i conti.

Fantomas

Daniele ha detto...

@Folletto
Perdonami nel caso ti abbia frainteso, ma il fatto che il petrolio che esce sia spinto da una pressione di 150 atm (e atm più o meno è vero) rende solo il problema molto più grave.
Personalmente se il prezzo da pagare per muoversi velocemente, avere elettricità e qualsiasi altra comodità, è crepare tra miasmi di oceani neri, affanculo l'economia, il progresso e tutto ciò che possa venire in mente.
No?

fuocopuro ha detto...

@ Maurizio

Non scrivo poesie, ma, ad ogni modo, le poesie non sono poesie.

Molto tempo fa, mi è stato fatto capire che la Palestina non era la Palestina.

Sono stato anche informato che i Palestinesi non erano Palestinesi.
Mi hanno anche spiegato che la pulizia etnica non era pulizia etnica.

E dove il mio vecchio io ingenuo vedeva dei combattenti per la libertà,

mi fecero pazientemente capire che costoro non erano combattenti per la libertà,
e che la resistenza non era resistenza.



E quando stupidamente notavo l'arroganza, l'oppressione e l'umiliazione,

loro mi illuminarono benevolmente, in modo che potessi capire
che l'arroganza non era arroganza,
l'oppressione non era oppressione,
e l'umiliazione non era umiliazione.

Vidi miseria, razzismo, disumanità, e un campo di concentramento.

Ma loro mi dissero che loro erano esperti in miseria, razzismo, disumanità e campi di concentramento,
e io mi sono fidato della loro parola:
questa non era miseria, questo non era razzismo, non era disumanità, e non erano campi di concentramento.


Con il passare degli anni mi hanno insegnato così tante cose!

L'invasione non era un'invasione,

l'occupazione non era occupazione,

il colonialismo non era colonialismo,

e l'apartheid non era apartheid!


Hanno aperto la mia mente semplice a verità ancora più difficili e complesse,
che il mio povero cervello, da solo,
non avrebbe potuto elaborare, come per esempio:

"avere armi atomiche" non significava "avere armi atomiche",

e invece

"non possedere armi di distruzione di massa" significava "possedere armi di distruzione di massa".




E, la democrazia, nella Striscia di Gaza,
non era democrazia.
Invece avere cittadini di serie B (in Israele),
era democrazia.

Perciò,
mi scuserete se non mi sorprendo ad imparare, oggi,

che c'erano ancora altre cose che io pensavo fossero evidenti,
e che invece non lo sono:



I pacifisti non sono pacifisti,

la pirateria non è pirateria,

e il massacro di gente disarmata

non è il massacro di gente disarmata.

Ho un cervello così limitato, e la mia ignoranza è infinita.

E loro, cazzo, sono così intelligenti! Davvero.

http://fuocopuro.blogspot.com

Anonimo ha detto...

http://www.unita.it/news/moni_ovadia/99444/verso_la_catastrofe

Anonimo ha detto...

"Perdonami nel caso ti abbia frainteso, ma il fatto che il petrolio che esce sia spinto da una pressione di 150 atm (e atm più o meno è vero) rende solo il problema molto più grave."

Daniele non fraintendermi: anche per me è un disastro, ma nel disastro leggiamo comunque l'inappropriatezza delle fanfarate sulla fine del petrolio.

Non proteggo BP (di cui l'azionista di riferimento è Nathan Rotschild, di fatto uno degli azionisti di riferimento del 33 di Liberty Street), ma non sopporto più le bojate del riscaldamento globale o del picco del petrolio: quando al primo incidente ne viene fuori a quintalate avallando le mie "teorie"...

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Fantomas,

l'Iran vende euro e copmpra oro, non dollari


http://italian.irib.ir/notizie/economia/item/77253-iran-prezzo-moneta-d%E2%80%99oro-sceso-al-4

Un pò come in tutto il mondo

http://nsdottorx.blogspot.com/2010/05/dopo-linsostenibile-bolla-immobiliare-i.html

http://www.zerohedge.com/article/us-mint-out-not-only-silver-gold-american-eagles-well

Il Folletto

Anonimo ha detto...

a mio parere tappare la falla non e' cosi' difficile se di una semplice falla si tratta, se invece dentro al giacimento (che e' sempre misto gas/petrolio) accadono altre cose allora potrebbe essere piu difficile.

dalle immagini che ho visto 2 minuti fa in tv mi sembra che il petrolio/gas escano si' sotto pressione ma appare normale.

le 150 atmosfere citate da qualcuno si riferiscono alla DIFFERENZA di pressione del fondo marino in quel punto RISPETTO alla pressione sul livello del mare.

ma la falla e' sul fondo marino e non sul livello del mare per cui si trova in equilibrio di pressione, il petrolio/gas escono dalla falla per 2 motivi:
1- il petrolio e' meno denso dell'acqua per cui tende verso l'alto.
2- nel giacimento e' intrappolato del gas sotto pressione che uscendo si porta con se' il petrolio.

la differenza di pressione tra il gas dentro il giacimento e il fondo del mare (150 atm) fanno uscire quello che vediamo. solo BP puo' sapere quant'e' questa differenza di pressione, occorre una sonda dentro il giacimento per saperlo per cui ogni altro dato e' pura supposizione ma niente di reale.

quindi se e' veramente difficile tappare la falla o se lo fanno apposta di lasciar uscire il petrolio non possiamo saperlo con certezza.

indopama

Anonimo ha detto...

@indopama
"quindi se e' veramente difficile tappare la falla o se lo fanno apposta di lasciar uscire il petrolio non possiamo saperlo con certezza."

posso chiederti perchè farebbero apposta a lasciar uscire il petrolio?

forse per distrarci da qualcosa di più "grosso"?

hai qualche ipotesi in merito?

grazie.

Anonimo ha detto...

non lo so.

indopama

fuocopuro ha detto...

Questo sito ci dà il senso dell'estensione del disastro petrolifero del Golfo.

Permette di visualizzare l'estensione del disastro, e di spostarla sulla località desiderata.

E' impressionante.

http://www.ifitwasmyhome.com/


Provate a digitare "MANTOVA"....

Anonimo ha detto...

@ indopama
"la differenza di pressione tra il gas dentro il giacimento e il fondo del mare (150 atm) fanno uscire quello che vediamo. solo BP puo' sapere quant'e' questa differenza di pressione, occorre una sonda dentro il giacimento per saperlo per cui ogni altro dato e' pura supposizione ma niente di reale."

Se può interessare, un conto molto all'ingrosso si potrebbe fare conoscendo il diametro del tubo e la quantità stimata di petrolio uscita in un certo tempo.

Saluti:
guido

Anonimo ha detto...

@guido
il calcolo si puo' fare ma non e' facile perche' assieme al petrolio esce anche gas e poi la misura di quanto petrolio e gas esce chi la fa?
e' tutto un pressapoco, in ogni caso quando fanno un pozzo, prima di bucare ci mettono attorno una struttura che poi, una volta bucato, sta li' dove deve stare vincendo le varie pressioni. io credo che la stessa cosa, magari un po' piu' in grande, si possa fare anche dopo.
poco fa ho visto la tv americana dare delle spiegazioni sulla falla e possibili soluzioni, mi sembrava che parlassero ai bambini dell'asilo...

io ho dei dubbi sulla cosa, vedrai che quando vorranno la chiuderanno e in quel momento, chi avra' le necessarie conoscenze, capira' se era facile o difficile e se poteva essere fatto prima.
al popolo invece daranno da intendere quello che vogliono come sempre, magari che avranno fatto un mezzo miracolo.

indopama

Anonimo ha detto...

quando alle cose danno cosi' tanto risalto in tv un motivo c'e' e il motivo sta in chi si trova a ricevere l'informazione.

astabada ha detto...

@Il Folletto

quando mai è uscito a 150 atm, semmai c'erano dei laghi in superficie ai tempi di Alessandro Magno.

Ti faccio presente che il petrolio lo si trova trivellando e alle profondita' cui si trova il petrolio esso raggiunge pressioni anche superiori. Il punto e' che la maggior parte dei grandi giacimenti e' gia' in produzione da tempo e la pressione e' diminuita a tal punto che e' necessario - in alcuni ben noti casi - pompare giu' acqua marina.

Ora sostenere che il costo di estrazione di un pozzo a circa 8km di profondita' (se non ricordo male) sia minore di quello - che so - di uno a 5km sulla terraferma mi sembra questo si' una cavolata.

Fa sempre piacere sentirsi appellare come:

Ma sto astabada cosa cavolo scrive??

Mi fa sentire a casa. Ora capisco che tu abbia liberta' di espressione ma a me il tono non e' piaciuto. Io non ti conosco di certo, ma non mi riferisco a te con "sto Folletto".

Cheers, come sempre and respect.
astabada

astabada ha detto...

@guido

Siccome la BP non da' i dati sul flusso, ci sono persone che - conoscendo il diametro del tubo - lo hanno stimato dalla velocita' di uscita (contando i pixel di cui si sposta una porzione prescelta di liquido).

Per arrivare dalla velocita' di uscita alla differenza di pressione bisogna conoscere il peso specifico del liquido (in realta' una miscela di liquido e gas) e poi fai il conto che dici tu con l'equazione di Eulero (immagino ti riferissi a quella)

Cheers,
astabada

Anonimo ha detto...

@astabada
vero quello che dici, se fori a 3km di profondita' ed il petrolio esce spontaneo vuole dire che vince la pressione dovuta alla colonna di petrolio dentro al tubo e alta 3km.
siccome la densita' del petrolio e' circa 0.8 volte quella dell'acqua e 10m di acqua sono 1atm, quando fori a 3000m di profondita' e il petrolio esce spontaneo vuole dire che la pressione e' almeno 3000/10*0.8= 240 atm ed e' dovuta al gas che e' insieme al petrolio.
l'acqua va messa man mano che si estrae il petrolio perche' non collassi il giacimento e non provochi effetti dannosi al terreno soprastante.

indopama

Anonimo ha detto...

intanto che si chiacchera...

astropedro ha detto...

sul sito del corriere nelle ultim'ora che scorrono a fianco a destra, in effetti appare ora:
"ungheria a rischio deafault"

astropedro ha detto...

http://www.repubblica.it/economia/2010/06/04/news/il_portavoce_ungherese_crisi_alla_greca_non_un_esagerazione-4574985/

Mario B. ha detto...

a proposito di piccole libertà individuali...

Ieri il Senato ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (D.d..L. 733) tra gli altri con un emendamento del senatore Gianpiero D’Alia (UDC) identificato dall’articolo 50-bis: /Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet;

la prossima settimana Il testo approderà alla Camera diventando l’articolo nr. 60.

Il senatore Gianpiero D’Alia (UDC) non fa parte della maggioranza al Governo e ciò la dice lunga sulla trasversalità del disegno liberticida della”Casta”.

In pratica in base a questo emendamento se un qualunque cittadino dovesse invitare attraverso un blog a disobbedire (o a criticare?) ad una legge che ritiene ingiusta, i /providers/ dovranno bloccare il blog.

Questo provvedimento può far oscurare un sito ovunque si trovi, anche se all’estero; il Ministro dell’Interno, in seguito a comunicazione dell’autorità giudiziaria, può infatti disporre con proprio decreto l’interruzione della attività del blogger, ordinando ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine

L’attività di filtraggio imposta dovrebbe avvenire entro il termine di 24 ore; la violazione di tale obbligo comporta per i provider una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000.

Per i blogger è invece previsto il carcere da 1 a 5 anni per l’istigazione a delinquere e per l’apologia di reato oltre ad una pena ulteriore da 6 mesi a 5 anni perl’istigazione alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all’odio fra le classi sociali.

Con questa legge verrebbero immediatamente ripuliti i motori di ricerca da tutti i link scomodi per la Casta !

In pratica il potere si sta dotando delle armi necessarie per bloccare in Italia Facebook, Youtube e *tutti i blog* che al momento rappresentano in Italia l’unica informazione non condizionata e/o censurata.

Vi ricordo che il nostro è l’unico Paese al mondo dove una /media company/ ha citato YouTube per danni chiedendo 500 milioni euro di risarcimento.

Il nome di questa /media company/, guarda caso, è Mediaset.

Quindi il Governo interviene per l’ennesima volta, in una materia che, del tutto incidentalmente, vede coinvolta un’impresa del Presidente del Consiglio in un conflitto giudiziario e d’interessi.

Dopo la proposta di legge Cassinelli e l’istituzione di una commissione contro la pirateria digitale e multimediale che tra poco meno di 60 giorni dovrà presentare al Parlamento un testo di legge su questa materia, questo emendamento al “pacchetto sicurezza” di fatto rende esplicito il progetto del Governo di /normalizzare/ con leggi di repressione internet e tutto il istema di relazioni e informazioni sempre più capillari che non si riesce a dominare.

Tra breve non dovremmo stupirci se la delazione verrà premiata con buoni spesa!

Mentre negli USA Obama ha vinto le elezioni grazie ad internet in Italia il governo si ispira per quanto riguarda la libertà di stampa alla Cina e alla Birmania.

Oggi gli unici media che hanno fatto rimbalzare questa notizia sono stati il blog Beppe Grillo e la rivista specializzata Punto Informatico.

ps un grazie a yuma (sì la famosa portinaia) che mi ha girato la notizia.

ps 2 Felice, stai mettendo da parte gli euro per le multe?

Goodlights ha detto...

@mario

ciao!

anche a me è arrivata tempo fa per email la notizia che riporti, ma in un secondo tempo la persona che me l'aveva inviata, mi ha scritto che c'era stato un errore e che il progetto di legge in questione non era poi passato.

hai modo di verificare?

yuma se ci sei batti un colpo?
hai la fonte precisa?

abbraz a tutti!
sara

Anonimo ha detto...

quello che la gente NON deve sapere, per cui è meglio tenerla impegnata di fronte alla tv a vedere l'inchiostro che si sparge...

:-)))

Felice Capretta ha detto...

@ mario b.

tranquillo, nel caso pagherò in dollari, che comunque raccoglierò emettendo titoli di debito delle Felici Fattorie dopo avere proclamato il parco vicino enclave caprina indipendente in territorio italiano.

ehi, guarda, una capretta

:-))

Felice

fuocopuro ha detto...

Mano mano che emergono i primi resoconti dei volontari della Flottiglia (questi sì, CREDIBILI), è sempre più evidente che le informazioni che sono state fornite fin dalle prime ore sono quelle che l'esercito Israeliano e il Mossad hanno voluto farci vedere.

Ci si chiede ormai apertamente se le immagini sfocate e in bianco e nero, fornite dagli israeliani, che mostravano dei PRESUNTI volontari picchiare dei PRESUNTI soldati con delle PRESUNTE sbarre di ferro, non siano state manipolate, se non addirittura pre-registrate.
Al confronto, gli scampoli di video che sono riusciti a filtrare da Al Jazeera e da pochi altri volontari, prima del black out totale dell'informazione, presentano immagini a colori e di buona risoluzione.

Dal momento che è ormai palese che Israele aveva preparato questo attacco da tempo, e ha anche ammesso di aver sabotato le navi nei giorni precedenti, non è da escludere che abbiano preparato anche nei minimi particolari la "versione" da dare in pasto ai media.

Si ripete lo scenario inaugurato con l'11 Settembre e già ripetuto tante volte: intorno al luogo del conflitto si crea immediatamente un black out di informazioni da parte delle persone interessate, e contemporaneamente si invadono i media con informazioni "ufficiali" e ripetitive, fino a costruire una "narrativa" che diventa quella "standard", quella "condivisa da tutti", e che successivamente diventa ancora più difficile da smentire e da criticare.

Diverse testimonianze danno per CERTO che il numero dei morti fosse superiore ai 10 attualmente dichiarati ufficialmente, dal momento che nell'infermeria/obitorio della nave erano stati contati almeno 19 cadaveri.

Esistono anche testimonianze credibili di persone che dicono di aver visto i soldati di Tsahal (l'esercito sionista) GETTARE IN MARE dei cadaveri.

Infatti adesso la "versione ufficiale" dice che i morti sono stati 10, PIU' UN NUMERO IMPRECISATO DI DISPERSI... (!)

Secondo molte altre testimonianze, i volontari sono stati assaliti con bombe soniche, bombe a concussione, lacrimogeni, proiettili pallets, sono stati picchiati, calpestati, con la testa schiacciata sul suolo, infine ammanettati e incappucciati in sacchetti fino all'arrivo al carcere.

Esiste anche il forte sospetto che durante il soggiorno in carcere i volontari per la pace siano stati avvelenati o intossicati.

Molte testimonianze stanno emergendo in queste ore, e. ancora non è stata fatta piena luce su quanto è realmente accaduto quella mattina all'alba, dall'infame esercito israeliano.

Naturalmente i nostri media hanno ormai "digerito" la notizia e ci hanno già ipnotizzato con le immagini cortesemente forniteci dagli aggressori, che, come ci viene ripetuto fino alla nausea sono l'esercito dell' "unica democrazia del medio oriente, minacciata nella sua stessa esistenza".

Davvero una gran bella democrazia, di cui ci si può fidare ciecamente.

Hanno ucciso persino un cittadino americano, ma gli USA rimangono zitti.

Immaginiamoci cosa sarebbe successo se la stessa cosa l'avesse fatta l'Iran.

Non c'è dimostrazione più evidente che Israele tiene in pugno gli Stati Uniti, e che la democrazia di cui parlano tanto è solo la libertà di rimanere ignoranti e stupidi.


http://fuocopuro.blogspot.com

luigiza ha detto...

@Fuocopuro
Il solito esagerato! Mi superi perfino il Blondet.
Leggi questo piuttosto:

"Every time we do something you tell me America will do this and will do that . . . I want to tell you something very clear: Don't worry about American pressure on Israel. We, the Jewish people, control America, and the Americans know it." - Israeli Prime Minister, Ariel Sharon, October 3, 2001

Lo si trova riportato nella Home page di http://www.rense.com
luigiza

Anonimo ha detto...

da notare che questo scienziato russo parlava gia' dell'instabilita' delle temperature e del cambiamento del nino, tutte cose avvenute.

un estratto:
"Nessuno di questi processi o delle loro cause, è stato spiegato in modo soddisfacente. E' stato già stabilito che l'aumento di evaporazione nelle regioni equatoriali, causa l'aumento di densità dell'acqua che risulta in un immediato affondamento a grande profondità. Infine questo potrebbe forzare il flusso del Golfo ad invertirsi. La probabilità del verificarsi di questo evento, è confermata da altri segni, come da modelli numerici a multiparametri (53). Comunque lo scenario più altamente probabile per il Continente Europeo è un improvviso raffreddamento. "

"CONCLUSIONI
La situazione che si è creata nella nostra Eliosfera è di origine esterna, interstellare, e dello spazio cosmico e sembra causata dagli evidenti processi fondamentali e auto-oscillatori, nello spazio fisico, di continua creazione che ha modellato e continua ad evolvere il nostro Universo....."
".....Tutto questo mette l'umanità e ognuno di noi, difronte ad un problema difficile e topico, la creazione di un avanzamento rivoluzionario nella conoscenza, che richiederà una trasformazione del nostro pensiero e una comprensione di questo fenomeno mai visto prima che ora si presenta nel nostro mondo. Non esiste altro percorso verso il futuro, che una profonda e interna percezione e conoscenza degli eventi in corso ora nell'ambiente naturale intorno a noi. Solo tramite questa comprensione l'umanità conseguirà l'equilibrio col rinnovato flusso degli Stati PianetoFisici e i Processi."

indopama

Anonimo ha detto...

@Mario

generalmente basta cambiare il DNS ed impostare quello predefinito su uno degli open dns server:

208.67.222.222 e 208.67.220.220

qui le istruzioni per modificarli su XP

fatto questo bypassi le restrizioni imposte dai providers, i quali generalmente si limitano ad eliminare i siti "scomodi" dai loro server dns, impedendoti così di raggiungerli.
un po' come se una lettera da te inviata tornasse indietro perché l'indirizzo del destinatario è "sconosciuto", perché la destinazione è stata "cancellata" dallo stradario che usa il postino.
la via esiste, ma il postino non lo sa.....

castigo

Anonimo ha detto...

per ricordare che il momento e' speciale, anche se vedo che il gossip e' sempre al centro dell'attenzione.

indopama

Anonimo ha detto...

L'emendamento d'Alia mi sembra una cosa vecchia del 2009 non è stato stralciato?

AKKAD

Mario B. ha detto...

@Felice
Dai emetti dei bei Capretta Bond, con un sottostante in carote e erba medica; secondo me con tutta la confusione che regna sui mercati diventi ricco ... ah scusa ricco lo sei già, con tutte le ferie che ti fai ...

Mario B. ha detto...

povero Silvio B. non ti lasciano mai in pace
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2010/06/04/pop_crocerossina.shtml

Francesco ha detto...

AVETE NOTATO IL BALZO DEI CDS ITALIANI???

SIAMO A 290!!!

SOLO POCHI GIORNI FA ERAVO SUI 100 PUNTI!!!

Anonimo ha detto...

Pazzesco quello che fanno i politici Israeliani!
Deridono persone morte per loro mano.
Sono solo degli assassini e spero per il popolo Ebraico ( conosco molti ebrei che sono ottime persone,sono messi come noi con i nostri politici, poi ci sono personaggi come Fiamma Nirenstein che tentano in ogni modo di farli venire sui coglioni al mondo intero...) che riescano prima o poi a liberarsi di quegli assassini che hanno nel loro governo.
Questo è un altro bell'autogol di una certa frangia del sionismo, la cosa gli è sfuggita di mano...

Anonimo ha detto...

@Castigo

ma in pratica cosa fa questo cambio di dsn?
Non ne capisco molto..

grazie

Felice Capretta ha detto...

sequestrato a chiasso un assegno da 97 milioni di dollari

Saluti felici

Felice

luigiza ha detto...

@Anonimo del 04 giugno 2010 13.25 che chiede:
ma in pratica cosa fa questo cambio di dsn?

Utilizzando ancora l'immagine della lettera é come se per spedirne una tu dicessi: va bene il francobollo lo compro da te che sei il mio provider, ma la cassetta delle lettere dove imbucarla la scelgo io.
La nuova cassetta delle lettere é indicata dalle due coppie di quattro triplette indicata.
Se vuoi saperne un poco di più cerca su Google dns aperti
luigiza

Mario B. ha detto...

ERDOGAN VALUTA SE MANDARE MARINA A ROMPERE ASSEDIO
Tayyip Recep Erdogan sta valutando se usare la sua Marina per rompere l'assedio di Gaza. Lo scrive Debkafile, un sito considerato vicino all'intelligence israeliana, che cita i servizi segreti turchi. Il premier turco starebbe addirittura pensando di salire a bordo egli stesso di un futura nave di attivisti filo-palestinesi, convinto che Israele non avrebbe il coraggio di intervenire per bloccarlo.

Anonimo ha detto...

ma la notizia del default dell'ungheria??

chi mi aiuta a comprendere

gez

astabada ha detto...

Ciao, come promesso ecco il link alla notizia di Uncle Bill che si reca in quel del Cipango in merito alla questione dei bond sequestrati a chiasso lo scorso anno.

Cheers,
astabada

Anonimo ha detto...

@ tutti

se io fossi un Maurizio e volessi sapere quanti e chi qui sono contro un Maurizio, scriverei delle Mauriziate qualsiasi.

Ps a Capretta

Ma la faccia di quella marchetta ambulante che ci guarda sorridendo era proprio necessaria ?

luigiza ha detto...

@gez sull'Ungheria

Forse di può aiutare questo: http://rischiocalcolato.blogspot.com/

Ma a chi credere non saprei.
luigiza

Anonimo ha detto...

@05 giugno 2010 03.10

LA FACCIA ERA NECESSARIA ALTRIMENTI TU NON AVRESTI SAPUTO COSA SCRIVERE...

Mario B. ha detto...

OT OT OT

http://www.youtube.com/watch?v=LAN-ijmBNlA&feature=popular

lo voglio lo voglio!!!

Mario B. ha detto...

OT OT OT ma non troppo ...

Non sarebbe da mandare uno così alla prossima riunione del Gruppo Bilderberg? giusto per manifestare a quei signori tutto il nostro "apprezzamento" per il loro lavoro.

http://www.youtube.com/watch?v=J86uvsZgnro

Anonimo ha detto...

@Castigo

ma in pratica cosa fa questo cambio di dsn?
Non ne capisco molto..

grazie


internet funziona con i numeri.

ogni sito o computer connesso ad internet ha un indirizzo numerico, es. 223.15.168.24.

quando tu vuoi raggiungere un sito, dovresti scrivere questi numeri, ma in realtà scrivi il nome del sito.

il server DNS serve a convertire i nomi dei siti nei numeri (indirizzo) che li identificano (Domain Name Server - Server dei Nomi di Dominio), e ad inviare al sito la tua richiesta di dati.

quando il tuo provider "filtra" un sito, fa si che il suo DNS non contenga più il numero (indirizzo) che identifica quel sito particolare.

perciò se tu digiti
informazionescorretta.blogspot.com,
che sul DNS del tuo provider risulta sulla lista nera, questo non trasmette la tua richiesta al sito che vuoi raggiungere e ti invia un messaggio di errore (o uno con scritto che stai cercando di accedere ad un sito "proibito").

praticamente è come se avessero "cancellato" la strada che va dal tuo provider al sito in questione.

i server DNS alternativi servono appunto a sostituire il server DNS con i filtri, in modo da poter raggiungere lo stesso il sito che ti interessa.

spero di essere stato chiaro.

castigo

Mario B. ha detto...

"quel che è accaduto e accadrà in questi giorni e nei prossimi mesi in Medio Oriente ha un tale potenziale di cambiamento, una capacità tellurica in grado di innescare una “Sarajevo 1914 del Medio Oriente”

http://nigro.blogautore.repubblica.it/2010/06/05/sarajevo-1914-gaza-2010/

Anonimo ha detto...

@Mario

non preferiresti mostrarglielo di persona questo apprezzamento??
magari portandoli a fare un giro attaccati ad un pick-up.....

castigo

Mario B. ha detto...

@castigo

Ti dirò che non mi dispiacerebbe nemmeno assistere allo spettacolo con il classico cesto di popcorn in mano.
"Tu chi sei?" ehm io sono Draghi ...
"Mario B. dovrebbe dirti una cosa ..." BAAM CRASH

Anonimo ha detto...

@05 giugno 2010 03.10

non era necessario il maiuscolo per scrivere una stupidaggine. Tu capisci l'italiano?

Anonimo ha detto...

Già successo altre volte e nessuno ne ha parlato, perchè questa volta invece ha riempito le tv e i giornali?

Anonimo ha detto...

@ castigo

Grazie!

yuma ha detto...

@ Sara.

Ciao.

Purtroppo come ho già detto a Mario avendo attinto la notizia su Intermatket &More che di solito si occupa solo di economia, e non considerandolo a rischio ho preso tutto per buono.

In effetti la notizia è di un anno fa e successivamente la camera ha bocciato by partisan il tutto.

Mi scuso per non aver controllato.

Comunque approfitto del fatto per puntualizzare come uno dei problemi di internet è proprio che di fronte ad un allarme che attira l’attenzione, successivamente un eventuale cessato allarme non faccia più notizia.

Ed il ripescaggio di vecchie news può alimentare confusione e perdita di credibilità del mezzo.

Buon proseguimento a tutti.

Ps avevo letto delle tue “bolle”

Purtroppo se vorrai mangiare qualche pesca non potrai non fare trattamenti con dodina.

Altrimenti non c’è verso.

Stavolta dovrai fare uno strappo alla regola.

Ed il calendario va rispettato rigorosamente

Anonimo ha detto...

eco un citazione dal libro lo specchio nello specchio di Michael Ende :

“Il denaro può tutto!” urlò il predicatore. “Unisce gli uomini fra loro
attraverso il reciproco dare e avere, può tramutare tutto in tutto, lo spirito
in materia e la materia in spirito, fa delle pietre pane e crea valori dal nulla,
si rigenera in eterno, è onnipotente, è la forma che si è dato Dio per
scendere fra noi, è Dio! Là dove tutti si arricchiscono in virtù di tutti, tutti
saranno ricchi alla fine, e dove tutti diventano ricchi alle spese di tutti,
nessuno pagherà le spese! Prodigio infinito! E quando voi domandate, cari
fedeli, da dove venga tutta questa ricchezza, allora io vi dico: essa viene
dal futuro profitto di se stessa! Il suo futuro guadagno è ciò di cui ora noi
già godiamo. Quanto più denaro è qui, tanto più alto sarà il profitto futuro;
quanto più alto sarà il profitto futuro, tanto più è il denaro attuale. Così noi
stessi siamo nostri creditori e nostri debitori per l’eternità, e rimettiamo a
noi i nostri debiti, amen!”

Anonimo ha detto...

OT
Scusate, ma non saprei a chi altro chiedere! Qualcuno riesce ad accedere a ildirittodisapere.com? A me risulta inesistente (sarà un mesetto almeno che non ci andavo) e non trovo notizie a riguardo.

Simone

Anonimo ha detto...

probabilmente il blog è stato chiuso.
su google risultano ancora le copie cache del blog ma questo sembra non esistere più.
brutta cosa parlare di pedofilia e chiesa.....

castigo

Anonimo ha detto...

http://rawstory.com/rs/2010/0602/month-oil-spill-goldman-sachs-sold-250-million-bp-stock/

http://www.telegraph.co.uk/finance/newsbysector/energy/oilandgas/7804922/BP-chief-Tony-Hayward-sold-shares-weeks-before-oil-spill.html

iL fOLLETTO

Anonimo ha detto...

hai hai...

Anonimo ha detto...

diciamo che è gente fortunata.
:-D

Anonimo ha detto...

"Black and brown were also the colors in which Hitler and his National Socialist followers wrapped themselves. The SA's brown batallions, the black SS uniforms. It is quite fitting the BP oil rig blew out on April 20. Hitler's birthday"

http://english.pravda.ru/opinion/columnists/113659-1/

Mario B. ha detto...

VENDI TUTTO di Eugenio Benetazzo
Quello che sta accadendo il tutto il mondo è proprio una perdita di credibilità dell’euro in considerazione delle incapacità che avranno i paesi europei nel futuro per onorare questi debiti.

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7131

Mario B. ha detto...

per i fan del ritorno alle monete nazionali

http://cgi.ebay.it/Banconota-da-500-miliardi-di-Dinari-Jugoslavia-1993-/300424062796?cmd=ViewItem&pt=Banconote_Europee&hash=item45f2ab674c#ht_500wt_722

Si tratta della banconota con il più alto valore nominale mai stampata! 500 000 000 000 (cinquecento miliardi) di Dinari della Jugoslavia 1993.

DAI CHE POSSIAMO BATTERLI CON UNA BELLA BANCONOTA DA MILLE MILIARDI DI BERLUSCHINI!

Anonimo ha detto...

@Mario

per evitare questi problemi credo basterebbe tornare al gold standard, abolire la riserva frazionaria e la contabilità in partita doppia.
non è così difficile.

peccato che buona parte dell'oro di bankitalia sia custodito a NY.....

castigo

Anonimo ha detto...

Knowing (segnali dal futuro) un film sulle premonizioni che prevede il disastro nel golfo del Messico: come fare a credere alle coincidenze?

Anonimo ha detto...

L'esplosione della piattaforma petrolifera "prevista" nel film Knowing (2009)

Anonimo ha detto...

Monètizar la Plata

http://www.cobraf.com/forum/topic.php?topic_id=2441&reply_id=236238

http://www.youtube.com/watch?v=TOWkUZeswN8&feature=Pl

Il Folletto

Mario B. ha detto...

@Il Folletto
Anche la Francia sta valutando di mettere in circolazione monete d'argento del valore di 10 euro per uso quotidiano.

Anonimo ha detto...

???