lunedì 8 febbraio 2010

A proposito di ripresa



(cliccare sul grafico per ingrandire)

La famosa ripresa dell'economia..senza posti di lavoro.

Per la prima volta dalla Grande Depressione, nessuna crescita dei posti di lavoro (non farm payrolls) negli USA su un periodo lungo 10 anni.

In pratica, il totale occupati NFP è tornato ai valori del Giugno 1999.

Interessanti in particolare gli ultimi 6 anni, con il classico andamento delle bolle speculative.

A ben guardare, ci sarebbe lì in basso a destra, in fondo, un timido accenno di rallentamento della caduta...vedremo.

Saluti felici

Felice Capretta

41 commenti:

Anonimo ha detto...

Giochi pericolosi
http://economiaincrisi.blogspot.com/2010/02/giochi-pericolosi.html

La Natura "rischia" di riprendere il sopravvento
http://lagrandecrisi2009.blogspot.com/2010/02/la-natura-rischia-di-riprendere-il.html

guru2012 ha detto...

Ecco appunto, continuo a ripeterlo, non ci sarà più lavoro nel nostro futuro, non per tutti.

Non qui in occidente.

Quindi urge regolamentare diversamente il rapporto tra la capacità produttiva dell'individuo e la sua possibilità di accesso alle risorse.

Lo so che questa cosa non va giù a chi mastica di economia, ma se vorremo vivere in pace, dovremo studiarci qualcosa per far sì che TUTTI abbiano garantito il necessario per soddifare i propri bisogni primari.

Possibilmente evitando di sprofondare in una dittatura di stampo nazional-socialista. :D

Anonimo ha detto...

economia, politica, inflazione, deflazione.....

sono tutte parole inventate dall'uomo per prendere in giro altri uomini.

alla natura pero' non servono, quella segue le proprie leggi alle quali anche doi dobbiamo sottostare.
quali sono queste leggi?
ecco, e' meglio che cominciamo a pensarci se vogliamo sistemare la nostra situazione di uomini perche' nell'equilibrio con il mondo, oltre che con gli altri uomini, dipende il nostro futuro.

RESET, avete la testa piena di parole inutili che a niente servono nella vita, abbiamo preso una strada completamente sbagliata e prima ce ne accorgiamo meglio e'.
o pensate che a risolvere lo sfruttamento delle risorse, la sovrappopolazione, l'inquinamento, sia sufficiente continuare a parlare se e' meglio investire in oro o in valuta svedese?

stiamo andando fuori dalla vita del pianeta e se non rientriamo in tempo allora la vita fara' senza di noi.

indopama

Anonimo ha detto...

e' di moda parlare di bolle, bolla immobiliare, dei derivati, ecc..

io vedo solo UNA IMMENSA BOLLA, quella degli uomini che pensano che nella vita ci siano solo loro, dentro la loro bolla creata ad arte dai media, una splendida (ora non piu') vita virtuale.

invece c'e' anche tutto il resto del pianeta + quello fuori dal pianeta stesso. per non parlare di quello che abbiamo dentro di noi...

accorgerci che viviamo in un pianeta e non dentro ad un ufficio o un appartamento farebbe progredire parecchio la situazione di crisi.
ma abbiamo voglia di guardarci? o ci spaventa forse conoscere la vita vera?

eppure non dovrebbe spaventarci di piu' delle illusioni che stanno via via crollando davanti ai nostri occhi... certo si puo' ancora fare finta di niente come abbiamo sempre fatto finora ma non bisogna poi lamentarsi del ruolo che la vita ci riserba.

indopama

jjletho ha detto...

A proposito di lavoro:


San Paolo: Riduzione del 20% stipendio durante il quadriennio per i neoassunti ed i cassaintegrati


Il tutto anche con l'accordo di Fabi, Fiba-Cisl, Silca, Sinfub, Ugl e Uilca!
EVVAI! Meno male che ci sono i sindacati: una volta dovevano migliorare le condizioni di lavoro; oggi invece ci pensano direttamente loro a fare accordi per abbassare gli stipendi!

Invece di dire: tu non deregionalizzi perchè se no gli aiuti te li fai dare dalla nazione in cui stai deregionalizzando e ti becchi una multa milionaria nel farlo (per ciò che già ti ho erogato), dicono: avviciniamo lo stipendio qui a quello delle regioni del terzo mondo, così tu non porti più il lavoro lì ma puoi avere gli schiavi direttamente in Italia.

Caxxo, mi paio mi padre quando dico: non ci sono più i sindacati di una volta!

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti.
ripresa.
la ripresa c'è; ma è in discesa.
anche se i quotidiani non ne parlono, anche ieri il gruppo merloni, ha annunciato la chiusura di alcuni impianti, ubicati i umbria, marche e romagna.
rimangono a casa 3200 lavoratori.
nel frattempo il numero dei senza lavoro , in italia, è superiore a due milioni.
circa 600.000 sono in cassa integrazione.
entro due mesi, questi numeri subiranno un aumento del 30%.
i ns governanti conoscono questi dati; non fanno niente.
non sono loro a decidere, sono solo burattini; sono solo degli esecutori.
la politica è marcia, come lo sono la maggior parte dei politici.
negli ultimi 15 anni, hanno svenduto la ns italia e la ns sovranità.
hanno permesso ad un gruppo di "barbari" avidi ed assetati di potere di controllare le ns vite.
d' altra parte, la maggior parte di noi, vuoi per comodità, vuoi per ignoranza, ha acconsentito alla realizzazione di questo sistema.
tutto ciò si è tramutato in una esperienza.
questa esperienza sta costrigendo tutti noi, a cambiare, a farci tornare a valori più umani.
contemporanemante ci troviamo in un cambiamento che coinvolge anche la terra e il ns sistema solare.
( non siamo soli, e non siamo gli unici esseri).
tutto ciò farà emergere una nuova consapevolezza, che porterà tutti noi ( ma non tutti), a formare una nuova umanità.
con affetto
franco

Felice Capretta ha detto...

@indo

precisamente. trattasi di bolla millenaria.
sto ruminando qualcosa sulla transizione in corso, a proposito.

@jjletho

ma che dici, è una misura per contenere l'inflazione, che, secondo la nota Legge di Goldstein, è provocata dai salari troppo alti.

(ehi guarda, una capretta)

;-)

felice

alina ha detto...

E più che bolla, Indo, direi Balla !
Anche i concetti, santa pazienza!, una ripresa in discesa, cosa vuole dire? Ma per favore!
Ci si infarcisce di fandonie che non servono se non ad un perverso gioco che ci porterà tutti al massacro.
E' tutto da rifare , tutto da rifondare. Anche le università creano mostri in ogni settore perchè mostri sono le forze che li governano e pretendono di aver la ragione suprema sull'ordine delle cose. Non si può continuare su questa strada, bisogna cambiare il paradigma, dirci la verità, finalmente, solo la verità.
Potrebbe non essere così difficile...
Ciao ciao

Anonimo ha detto...

Scusate ma la nuova analisi di Europe2020 quando verrà pubblicata? è passato parecchio tempo

Grazie

Anonimo ha detto...

@ guru
Lo so che questa cosa non va giù a chi mastica di economia, ma se vorremo vivere in pace, dovremo studiarci qualcosa per far sì che TUTTI abbiano garantito il necessario per soddifare i propri bisogni primari.

....chissa' perche' continuo a pensare che uno degli obbiettivi principali di chi ha tirato in piedi 'sto casino sia lo sfoltimento massivo....

katanga

Infettato ha detto...

C'è poco da studiare, se la maggior parte delle persone si aspetta che lo stato gli trovi un posto di lavoro, che lo stato sostenga le difficoltà di tutti, è semplicemente il modo migliore per ampliare le stesse difficoltà ad un numero maggiore di persone.

C'è poco da fare, anzi, volendo ci sarebbe se la gggente capisse quanto danno fa quando delega qualcuno a spendere soldi che non si anno.

Sono dati di fatto, se uno fa un debito, lo fa perchè è in grado di pagarlo, lo stato no, continua ad indebitarsi fino al tracollo finale.

Qualsiasi opera fatta dallo stato, costa molto ma molto di più, se vediamo il nostro paese, non ci sono grossi problemi, grazie al basso indebitamento dei cittadini privati, a squilibrare tutto ci pensa lo stato.

La ripresa per il momento è solo quella delle banche, o dei grossi investitori, il carry trade (visto i differenti costi dollaro/euro) aumentano i problemi per alcuni stati...

Se qualche stato cade, questa volta potrebbe essere l'inizio...

Infettato ha detto...

@ Felice non dovevi postare qualche cosa riguardo l'incontro di Cagliari?
Aspetto fiducioso. :-)

Anonimo ha detto...

Aho io do raggione a Indopama, la Natura se ne frega delle nostre terminologie...

Spero in un futuro che torni al passoto, ma non ar passato recente... intendo a quello quando l'omo usciva e faceva il raccoglitore (purtroppo oggi che te raccoji?), sulla farsariga del primitivismo stile John Zerzan, un ritorno alla vita scandita dalla natura, il sole sorge ce se sveja, il sole tramonta, a nanna. D'estate se magneno li pomidori, d'inverno no, d'inverno c estanno l'agrumi... chi vuole capire ha capito il senso tra le righe.

Er Pantera

Anonimo ha detto...

LI SINDACATI

che credevamo fossero al servizio dei lavoratori, e per definizione dovrebebro, invece erano al servizio del sisttema: con contentini hanno indottrinato e contenuto scioperi e rivolte, hanno abituato la gente al compromesso a perdere, l'hanno messa su binari desiderati dal sistema, hanno creato fasce di poveracci, il poveraccio che però guadagna 10 euri in più s'accontenta alla faccia del precario... dice il primo che almeno lui è schiavo a tempo indeterminato e che voi de ppiù daa vita...
Hanno concorso di colpa nell'aver disumanizzato sta società, li sindacati.

Er Pantera

Anonimo ha detto...

"Non si può continuare su questa strada, bisogna cambiare il paradigma, dirci la verità, finalmente, solo la verità."

...come dice alina.

sulla carta e' semplice, nella pratica pero' manca il coraggio di mostrarci per quel che siamo, manca il coraggio di toglierci la maschera perche' senza di essa abbiamo paura di non venire accettati dal branco che ora si chiama nazione.

conosco una persona che si e' rotta i c.....i e ha cambiato nazione, da quel punto ha cominciato veramente a dialogare con le persone e la sua vita e' rinata, prima in italia RECITAVA e se non lo faceva veniva espulsa dal branco, destinata a parlare da sola.

tra di voi non c'e' nessuno che si e' mai sentito di recitare la vita?

indopama

vigna ha detto...

Già nel 1970, quando frequentai una scuola professionale/commerciale in Germania, l'allora Professore, durante una lezione, sostenne che nel prossimo futuro la tecnologia avrebbe avuto sviluppi tali, fino a sottrarre il lavoro all'uomo.
Effettivamente, questo sta accadendo! Che lavoro ci sarà per il futuro salvo qualche lavoro di servizio nel terziario, cioè burocrazia, praticamente niente di valore aggiunto, ma solo appesantimenti per chi (quei pochi) che ancora avrà un lavoro?
Faccio solo un piccolo esempio, qui da noi una volta, durante la stagione, si andava a raccogliere l'uva nei vignetti della grande aziende e ci si poteva guadagnare abbastanza bene, oggi queste aziende hanno sostituito la manodopera con una macchina, la quale, salvo 1 operatore, fa tutto da sola.
Possiamo solo immaginarsi lo scenario che si presenterà fra non molto. L'età pensionabile viene continuamente prolungata, mentre i posti di lavoro vengono a mancare, inoltre, già per sostituire il postino o entrare in un call center Ti chiedono una laurea. Ma sti Guru della economy o della politica, dove cazzo si sono formati, nel microonde?
Att. l'ultima battuta non è rivolta a Guru2012 che personalmente stimo e apprezzo.
cordiali saluti
vigna

PS.: sono ansioso per la sorpresa annunciata dall'Iran per .'11 febbraio, qualcuno sa cosa bolle in pentola?

vigna ha detto...

"tra di Voi non c'è nessuno che si è mai sentito di recitare la vita"?

Io la sto recitando tutt'ora e, quando lo fai bene per quasi 50anni (escluso il periodo dell'infanzia) non è facile cambiare.
Sono però convinto che Indopama abbia ragione, bisogna avere il coraggio di gettare la maschera, il tempi sono maturi.
cari saluti
vigna

fabio ha detto...

http://www.guardian.co.uk/business/2010/feb/07/branson-warns-peak-oil-close

5 anni non sono tanti per impostare la transizione

Anonimo ha detto...

Avevo questa lettera conservata in un cassetto, pubblicata nel 2002 dal Mattino di Napoli e che ho conservato.
Credo che sia quantomai attuale in questi tempi di crisi...


Salerno 26/03/2002

Faccio riferimento alla Vs. del 01/02/2002 per contestarne il contenuto.

La mia posizione debitoria trae origine da un vecchio c/c da voi mantenuto in vita solo per lucrarne esosi interessi e spese.

Comunque mi corre l'obbligo di comunicarVi che pur volendo far fronte ai miei debiti, non sono in condizioni economiche tali da poter soddisfare le richieste di pagamento di tutti i miei creditori.

Pertanto, essendo oberata di debiti, ogni fine mese metto nei bussolotti le richieste di pagamento dei vari creditori ed estraggo a sorte; il fortunato sarà pagato.

Vi avverto pertanto che se insistete nelle Vs. richieste, non parteciperete alle prossime estrazioni.


Jobogan

guru2012 ha detto...

@ infettato

Io non ho parlato di Stato vista la valenza negativa che questa parola ha ormai assunto.

Mi sembra, però, superficiale invocare la fine dello Stato, senza avere in mente un'alternativa di organizzazione sociale.

In quanto a "spendere i soldi che non si hanno", voglio ricordarti che l'economia del consumo ha bisogno di consumatori, a qualsiasi COSTO.

Secondo me, il tuo ragionamento, risponde a una scuola di pensiero che non è più attuale, né praticabile.

Magari mi sbaglio.

La gratificazione economica del lavoro dell'uomo, quale esso sia, ne ha snaturato l'essenza: il lavoro è il valore, non i soldi che se ne possono ricavare.

I migliori medici sono quelli squattrinati.

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti,
sto iniziando a vedere, intorno a me, persone che sono in difficoltà.
settimana scorsa ho toccato a situazione di due fratlli, titolari di una azienda.
poi titolari che mettono soldi in azienda, per non licenziare.
ho incontrato uomini,genitori, che non riescono a pagare le bollette, e fanno fatica a fare la spesa.
aziende che a fine mese chiudono,in quanto non hanno lavoro.
franco

Anonimo ha detto...

nei commenti dell'articolo precedente ho sentito in alcuni la voglia di aggregarsi per sostenersi a vicenda.

la mia esperienza diretta mi ha portato a vederla cosi':

siccome la divisione e' frutto di un erroneo punto di vista, nel momento in cui mi accorgo che siamo tutti Uno allora non c'e' bisogno di scegliere con chi aggregarsi per avere da queste persone un aiuto nel momento del bisogno, io aiuto chiunque necessiti nel momento in cui me lo sento, poi, essendo in realta' tutti noi una cosa sola, una qualsiasi altra persona o cosa mi aiutera' nel momento in cui io ne ho bisogno.

provare per credere... e senza il freno della paura che ci manchi cio' che doniamo perche' la vita ci dara' quello di cui abbiamo bisogno nel momento in cui ne avremo bisogno, non prima.

indopama

Anonimo ha detto...

detta meglio:

io do' amore ogni volta che mi sento di darlo, senza farmi guidare dai pregiudizi della mente, semplicemente seguendo il cuore.
non lo faccio aspettandomi un tornaconto.
la vita ricambia sempre con piu' amore nel momento in cui ne ho bisogno.

non bisogna vergognarsi di parlare di amore perche' e' l'energia che ci guida nella vita, mangiamo una cosa piuttosto che un'altra perche' questa ci da' piu' amore, leggo questo piuttosto che quello perche' mi da' piu' amore, anche il denaro da' amore.
tutto gira intorno all'amore e piu' lo seguiamo e piu' ne abbiamo.
la guida col migliore fiuto per l'amore e' il cuore... quello che ci mette in contatto gli uni con gli altri.

indopama

Infettato ha detto...

@guru Parlano dello stato, ho cercato, senza dannarmi troppo, uno dei maggiori colpevoli.

L'alternativa è conta su te stesso, poi se trovi aiuti è tutto di guadagnato:-)

Nella mentalità acquisita un po' da tutti, dobbiamo necessariamente trovare un qualcuno un qualcosa che decida per noi, che assolva alcuni compiti per noi.

Lo stato sta "gestendo" i soldi dei figli dei nostri figli.

Ci sarebbe da dire tanto ma devo scappare.

uzzo ha detto...

indopama, forse non lo sai, ma sei mio Amico

Shia ha detto...

@ felice

Questi rumors di bailout della Grecia sono qualcosa da prendere sul serio?

ossia, sta davvero per scatenarsi una carneficina speculatica sui PIIGS, oppure è siamo ancora nella norma?

Grazie anche solo per dedicare parte del tuo tempo a leggere i post

Anonimo ha detto...

UR ALL PIGS FROM HELL

Ukraine, Romanie, Portugal,(italy), Ireland, Greece, Spain FROM Hungaria, Estonia, Latvia, Lithuania

Il Folletto

Anonimo ha detto...

leggi qui Felice

http://www.zerohedge.com/article/otc-derivatives-dtcc-too-big-fail

sono il Cardinale Gardel

Anonimo ha detto...

Nonostante l'ottimistico Leap... Creado che fra meno di un anno l'accostamento che ci verrà in mente alla parola europa sarà: "è un caos..."


DAZ

Anonimo ha detto...

Deconstructing Europe: How A €20 Billion Liquidity Crisis Is Set To Become A €1.6 Trillion Funding Crisis


DAZ

Anonimo ha detto...

Tra un anno sarà tutto esattamente come ora ... ricchi + ricchi, poveri +poveri. amen

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti, volevo mettere in guardia Felice dalle speculazioni circa il cambio di pendenza della curva, interpretato come segno di rallentamento: ignorando completamente la dinamica del sistema, non si evince nulla dalla conoscenza della derivata prima in un punto...

Ad esempio se andiamo al Maggio 2006 si vede un "rallentamento" della caduta, ma tale rallentamento e' irrilevante su scala semestrale... Cosi' adesso questo cambio di pendenza puo' essere il preludio di... qualsiasi cosa!

E' molto piu' interessante pensare a come il sistema reagira' osservando i dati su di se. In altre parole dira': la malattia sta reintrando percio' ricomincio a fumare, oppure la malattia rientra, meno male, e' ora che la smetta con le sigarette?

A dire il vero, stando alle dinamiche del capitalismo finanziario moderno, sarei pronto a scommettere che a ogni ripresina i piu' spregiudicati ricominceranno a speculare, per garantirsi un vantaggio su quelli piu' prudenti - che ci volete fare, sono stati selezionati cosi' dal mercato!

In realta' lo so benissimo che lo sai meglio di me, era solo per mettere in evidenza.

Un saluto a tutti,
astabada

Anonimo ha detto...

non capisco se andare in giro per internet alla ricerca di quante piu' informazioni possibile rende la vita migliore.

non capisco il perche' di tanto sforzo, tanto le decisioni dei potenti non le troviamo su internet... e nemmeno il pianeta ci scrive su internet quando ci sara' il prossimo terremoto o vulcano in eruzione.

non capisco soprattutto chi va in cerca di soluzioni ai propri personali problemi, chissa' chi e' quel mago che riesce ad entrare nella testa degli altri e trovarci una soluzione ai problemi.

non capisco cosa la gente si aspetta da internet... anzi io una mia visione della cosa ce l'ho, mi piacerebbe sentirne altre, cosi' solo per curiosita'...

indopama

Anonimo ha detto...

La Consob avvia il controllo della blogosfera

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2010/02/blogger_finanza-internet-blogosfera-wall_street-Usa-Italia.shtml?uuid=f33714c0-14dd-11df-949a-6432fdfe4ee9&DocRulesView=Libero

Altra commissione inutile pagata con i nostri soldi.

Complimenti alla Consob.

Il Folletto

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti.
@indopama
"non capisco cosa la gente si aspetta da internet... anzi io una mia visione della cosa ce l'ho, mi piacerebbe sentirne altre, cosi' solo per curiosita'..."

cosa cerca?
cerca risposte.
ma , all' esterno si trovano pensieri di altri.
tutti noi ,per il ns modo di essere, cerchiamo le risposte all' esterno.
ci rivolgiamoa un apersona, leggiamo i giornali, spaziamo su internet.
ma , realmente, abbiamo mai trovato la risposta a cosa cerchiamo?
non penso.
le risposte sono dentro noi.
noi siamo la domanda e noi siamo la risposta.
franco

Infettato ha detto...

@indopada Posso dirti quello che cerco io: Cerco informazioni, cerco di capire il funzionamento, è vero che i potenti non ti diranno mai cosa hanno in mente, ma è altrettanto vero che i fatti della storia passata, le azioni dei big sono almeno in parte riscontrabili.

Tutto questo nella vita reale non mi aiuta più di tanto, è una passione nata poco prima della crisi, leggendo alcune cose "austriache".

@Franco "noi siamo la domanda e noi siamo la risposta"

Ed è giusto che sia così, l'unica cosa che voglio aggiungere è che siamo leggermente condizionati in maniera diversa a prescindere da cosa vogliamo, i fattori di condizionamento sono tanti, il periodo storico, il nostro quotidiano, la nostra condizione, la nostra voglia di...

Quello di cui si discute anche su questo blog, è un fatto storico mondiale, non può lasciarci indifferenti, a prescindere dalle soluzioni individuali che si vogliono intraprendere, sempre ammesso e non concesso che si stia cercando una soluzione.

Ultima considerazione, capire cosa sta succedendo non significa automaticamente trovare una soluzione, in poche parole se nel futuro ci sarà il botto oppure ci sarà benessere, credo che individualmente ben poco possiamo fare.

Felice Capretta ha detto...

@DAZ, cardinale gardel

grazie, molto interessante...!


@ shia

secondo me il 2010 sarà ricordato come l'anno del default degli stati

saluti felici

Felice

Anonimo ha detto...

@infettato

anche internet ti condiziona, non c'e' differenza tra questo e la tv o i giornali, tutti ti danno una loro soluzione che non e' quella adatta ai tuoi personali problemi. pensi di informarti ma invece vieni condizionato a non fare perche' invece il cuore ti dice ogni momento cosa fare.
ma stiamo fermi, aspettiamo l'informazione da fuori, abbiamo paura... ci fidiamo piu' degli altri che del nostro cuore e quando perdiamo la fiducia in noi stessi muoriamo vivendo da zombie.


indopama

Anonimo ha detto...

MITICO CARDINALE GARDEL alias Fabio Gallazzi!!!!!!!!!!!!!!!!!

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Ragazzi, con la mossa della FED con la clearing house, qualsiasi rischio di controparte da oggi è annullato.
Oggi è nato il socialismo mondiale e quindi Moral Hazard su tutto.

Grazie al Cardinal Gardel per la segnalazione.

Il Folletto

amaryllide ha detto...

c'è un piccolo particolare che viene dimenticato nel post, ovvero che i posti di lavoro sono gli stessi di 10 anni fa, ma in USA oggi vivono 30 milioni di persone in più di 10 anni fa, quindi sono aumentati verticalmente disoccupati e inoccupati (ovvero quelli che non hanno mai lavorato), ergo oggi ci sono molti meno lavoratori in proporzione di 10 anni fa.