martedì 16 febbraio 2010

E' molto difficile fare un attentato in Italia

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

"E' molto difficile fare un attentato in Italia"

Bin Laden ha dichiarato: "E' molto difficile fare un attentato in Italia".

In realtà alcuni documenti del SISDE rivelati recentemente, affermano che Bin Laden ci abbia provato.

Tempo fa diede ordine di organizzare un attentato aereo in Italia. Due terroristi, provenienti da un Paese del Medio Oriente, arrivarono a Napoli con la ferma determinazione di eseguire il "castigo di Allah per gli infedeli italiani".


Ecco com'è andata.


Domenica, ore 23.47

Arrivano all'aeroporto internazionale di Napoli, via aerea dalla Turchia; escono dall'aeroporto dopo otto ore perché gli hanno perso le valigie.
La società di gestione dell'aeroporto non si assume la responsabilità della perdita e un impiegato consiglia ai terroristi di provare a ripassare il giorno dopo: "chissà, con un pò di fortuna..."
Prendono il taxi: il taxista (abusivo) li guarda dallo specchietto retrovisore e, vedendo che sono stranieri, li passeggia per tutta la città per un'ora e mezza.

Dal momento che non proferiscono lamentela, neanche dopo che il tassametro raggiunge i 200 Euro, decide di fare il colpo gobbo: arrivato alla rotonda di Villaricca, si ferma e fa salire un complice.

Dopo averli derubati e ricoperti di mazzate li abbandonano esamini al Rione 167.


Lunedì, ore 4.30

Al risveglio, dopo la mazziata, ambedue i terroristi riescono a raggiungere l'albergo sito in zona piazza Borsa.

Decidono quindi di affittare un'auto presso la Hertz di piazza Municipio. Quindi si avviano in direzione aeroporto, ma giusto prima di arrivare a piazza Mazzini, rimangono bloccati da una manifestazione di studenti uniti alle tute bianche anti-global e ai disoccupati napoletani che non li lasciano passare.


Lunedì, ore 12.30

Arrivano finalmente in piazza Garibaldi, decidono di cambiare dei soldi per muoversi più liberamente: i loro dollari vengono cambiati in biglietti da 100 Euro.

Falsi.


Lunedì, ore 15.45

Arrivano all'aeroporto di Capodichino con la ferma intenzione di dirottare un aereo per farlo cadere sulle torri dell'Enel del centro direzionale.

I piloti Alitalia sono in sciopero perché chiedono la quadruplicazione del salario e vogliono lavorare meno ore. Stessa cosa per i controllori di volo che pretendono anche la pinza obliteratrice per tutti ("altrimenti che controllori saremmo" hanno dichiarato).

L'unico aereo disponibile che c'é in pista è uno della Maradona Air con destinazione Alghero e ha 18 ore di ritardo... gli impiegati ed ipasseggeri sono accampati nelle sale d'attesa, intonano canti popolari, gridano slogan contro il governo e i piloti!

Arrivano i celerini, cominciano a dare manganellate a destra e a manca, contro tutti, si accaniscono in particolar modo sui due arabi.


Lunedì, ore 19.05

Finalmente si calmano un pò gli animi. I due figli di Allah, coperti di sangue, si avvicinano al banco della Maradona Air per acquistare i biglietti per l'aereo con destinazione Sassari, dirottarlo e farlo schiantare contro la torre Enel.

Il responsabile della Maradona Air che gli vende i biglietti tace il fatto che il volo, in realtà, è già stato cancellato.


Lunedì, ore 22.07

A questo punto i terroristi discutono se continuare oppure no.



Lunedì, ore 23.30

Morti di fame decidono di mangiare qualcosa al ristorante dell'aeroporto: ordinano panino con la frittata e impepata di cozze.


Martedì, ore 4.35

In preda a una salmonellosi fulminante causata dalla frittata finiscono all'ospedale Cardarelli, dopo aver aspettato tutta la notte nel corridoio del pronto soccorso.

La cosa non sarebbe durata più di due giorni se nel frattempo non fosse subentrato un sospetto di colera dovuto alle cozze.

Successivamente, a causa di un banale scambio di cartelle cliniche ad uno dei terroristi viene asportato un rene sano, all'altro viene applicato un doppio pacemaker di fabbricazione cinese acquistato sul mercato nero.


Domenica, 17.20

Dopo dodici giorni escono dall'ospedale e si trovano nelle vicinanze dello stadio San Paolo.

Il Napoli ha perso in casa con il neopromosso Palermo per 3-0, con due rigori assegnati alla squadra siciliana dall'arbitro Concettino Riina da Corleone. Una banda di ultrà della "Masseria Cardone", vedendo i due scuri di carnagione, li scambiano per tifosi del Palermo e gli rifilano un'altra caterva di legnate.

Per di più il capo degli ultrà, un tale detto "Peppo o Ricchione", abusa sessualmente di loro.


Domenica, 19.45

Finalmente gli ultrà se ne vanno. I due terroristi decidono di ubriacarsi per la prima volta nella loro vita (anche se è peccato!).

In una bettola della zona portuale gli rifilano del vino adulterato con metanolo e i due rientrano al Caldarelli per l'intossicazione.

Gli viene anche riscontrata la sieropositività all'HIV (Peppo non perdona).


Martedì, 23.42

I due terroristi fuggono dall'Italia in zattera in direzione Libia, semiorbi per il metanolo ingerito e con una dozzina di infezioni a causa del virus HIV. Giurano ad Allah che non tenteranno mai più nulla contro il paese."


Saluti felici

Felice Capretta


PS: traduttori dall'inglese cercasi per il prossimo GEAB. Citofonare Capretta con una email entro la mezzanotte di domani a questo indirizzo: 30a8d9k6f7q8wou@jetable.org

34 commenti:

Anonimo ha detto...

A Caprè! Lo hanno già tradotto nella forma gratuita!

Felice Capretta ha detto...

A Nonimo! qua si traducono e si pubblicano pezzi di quello completo, prova a cliccare su quelli vecchi e dimmi se ti sembrano quelli gratuiti ;-)

saluti felici

felice

Anonimo ha detto...

Sto continuando a ridere!!!!!!!!!!!!
..peppo o ricchione poi... :-)))))))

Davvero grazie Felice, sei un MITO e complimenti all'autore!!!!!
:-))))

fiore

:-))))))))))

Anonimo ha detto...

Troppo forte!!!! :-))))
A pensarci però....potrebbe veramente capitargli tutto questo..

Anonimo ha detto...

OHOHOH
T'ACCI TUA!!
M'HAI FATTO SORTI' FORI L'ERNIA!!
AHAHAHAHAHAH

Anonimo ha detto...

ahahahaha!!! bella zio!

Anonimo ha detto...

quando sono arrivato a PEPPO 'o RICCHIONE mi e' scoppiata 'na vena!!!

katanga

marvek58 ha detto...

...Troppo forte... me lo so' stampato e stasera faccio sganasciare i miei... GRAZIE ALLA CAPRETTA!!!

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti.
@ felice
ho inziato a leggere con attenzione.
non sono riuscito a finire la lettura, ho iniziato a ridere, di gusto.
bello, complimenti per come sei riuscito a scrivere.
davvero complimenti.
franco

Mario B. ha detto...

Mille grazie per il momento simpatia Felice!!!!

Però sai che in un primo momento avevo pensato che avessi voluto vedere se qualunque cosa scrivevi la gente ti "applaudiva" lo stesso?

Perchè nel dubbio che fosse la tua vera intenzione mi sarei chiesto come ti sentivi nei panni di Emilio Fede, uno che qualunque cosa spara il suo pubblico di fedelissimi lo segue comunque.

Solo che mentre ad Emilio Fede una cosa del genere fa piacere, a te non credo ...

Felice Capretta ha detto...

@ mario

me l'ha mandato per email un amico (che peraltro non sa nemmeno di IS) questa domenica.

quando mi sono trovato seduto con le lacrime agli occhi che non riuscivo più a leggere dal tanto che ridevo ho deciso che dovevo condividerlo...!

:-)

saluti felici

felice

ps: poi mi pare che il pubblico di IS è sempre molto critico...per fortuna ;-)

Luca San. ha detto...

Grandissimo! mi sono sbellicato dalle risate.....
Mitico Capretta!
Saluti felici anche a te
Luca S. :-)

fabio ha detto...

Sto ancora a ride.

GRANDISSIMO

Mario B. ha detto...

@Felice
ogni tanto staccare fa bene ...
a tutti, anche a me!

Anonimo ha detto...

Ah...Sempre sui CDS mi sono ricordato di alcuni articoli e ricerche a riguardo, se a qualcuno piace (tanto) l'argomento e la matematica, i link sono qui di seguito:

Overexposure to credit default swaps contributed to financial meltdown, study finds


PRICING AND TRADING CREDIT DEFAULT SWAPS


The Impact of Earnings on the Pricing of Credit Default Swaps



Financial instruments could be spiked with unfindable risks


Computational Complexity and Information Asymmetry in Financial Products



DAZ

giak ha detto...

Grandioso! Bellissimo!
E non solo divertente. E' anche un modo importante di aiutare ad affrontare la realtà contro la filosofia del terrore!
Grazie!
Giacomo

luigiza ha detto...

Per restare in allegria

FLASH delle 09:28 su www.corriere.it:
Auto, non saranno rinnovati gli incidenti

L'ha detto il ministro Scajola e sembra che anche i vigili e polizia locale saranno in merito intransigenti. BASTA INCIDENTI
luigiza

luigiza ha detto...

Ore 9:30 si corregge:
Auto, non saranno rinnovati gli incentivi

Peccato !
luigiza

Anonimo ha detto...

Questa sarebbe un'ottima sceneggiatura per un film italiano vecchia scuola!

Speriamo che qualcuno raccolga l'idea ... altro che avatar!

QUA SE SBANCA ER BOTTEGHINO!!!

sR ha detto...

girano tante storielle simili...
una più divertente dell'altra

Anonimo ha detto...

Grande! Oggi ci voleva proprio...

Felicidad y
Suerte!

giuditta ha detto...

Troppo divertente! Grazie mille per salutari risate!

Anonimo ha detto...

Mi sono sbellicato dalle risate. W l'Italia.

blackskull ha detto...

Se fosse stato vero l'avrei pubblicato sul mio blog "Storiediordinariasfortuna",
cmq spassosissimo!!!

Anonimo ha detto...

Ci siamo: tocca a noi

http://www.youtube.com/watch?v=00VWWb9NNhw&feature=youtu.be

Il Folletto

ivan ha detto...

Ciao Felice,

con il tuo permesso vorrei stampare una copia dell'articolo e metterlo in bacheca al lavoro.Ho il tuo benestare?

Saluti felici.

Ivan.

Felice Capretta ha detto...

@ ivan

prego!


@ il folletto

finora si era fischiettato facendo finta di niente, un po' sorridendo di essere quelli messi meglio tra quelli messi peggio, ma non poteva durare...

saluti felici

Felice

Anonimo ha detto...

Aahhaahh...EEhhohhooo!Ci sono cascato in pieno! Non vi avevo mai letto prima e dopo aver linkato agli amici pensando a uno scoop, mi sono accorto del mio errore. Siete forti, ancora mi duole la pancia. Inutile dire che vi ho inserito nei preferiti. Forza così, c'è bisogno di ridere per non piangere!!IIhhIIhhhh!

paso ha detto...

Il racconto è molto divertente e descrive bene la realtà napoletana.

Dove non è realistico è nella premessa, infatti è difficile che Bin Laden abbia provato - almeno di recente - ad organizzare attentati visto che è morto nel 2007.

Anonimo ha detto...

Storiella vecchissima che circola in rete da molti anni. Con i soliti luoghi comuni su Napoli e i napoletani. Capretta, sia fare di meglio.

T.point ha detto...

ciao ?Felice Capretta',

ti segnalo questo documento 8 nemmeno troppo OT, visto che è sul 9/11 )

http://info911insidejob.blogspot.com/2010/02/lanalisi-completa-degli-acars-di-ua-93.html

Bambooboy

Anonimo ha detto...

mi farebbe molto piacere sapere chi e' l'artefice di questa splendida storiella . qualcuno sa dirmi chi e 'l'autore ? grazie
B

Anonimo ha detto...

ah ah ah vedi che c'è sempre il risvolto positivo!!!

Fabrizio Palma ha detto...

Non ti rendi conto di quanto sia razzista e stereotipato questo brano? Se sei napoletano allora sei un cretino che non fa altro che sputtanare la sua città con stereotipi e leggende metropolitane. Se non sei napoletano allora sei semplicemente razzista...