giovedì 29 aprile 2010

infine l'assalto partì

Ben ritrovati agli affezionati lettori, eccoci di nuovo in postazione caprina per continuare a raccontare l'informazione scorretta di questi strani tempi che corrono.

Due le notizie che campeggiano nelle prime pagine dei giornali di oggi:

- Eroici nerazzurri vanno in finale di champions league
- Grecia, Spagna e Portogallo sotto attacchi speculativi

Quale scegliere tra le due? La prima?

Scegliamo la seconda e riassumiamo in breve alcuni punti:

Atene, checchè ne dicano la politica ed i media, è praticamente in default. In mancanza di un aiuto concreto dall'esterno, non riuscirà a rifinanziare il suo debito pubblico già dalla prossima tranche del 19 maggio, a meno che non offrano rendimenti talmente alti da non avere comunque senso.

Si, perchè come ricorderà l'affezionato lettore, rischio e rendimento di un titolo devono essere correlati. Rischio molto=voglio molti soldi. Investire nel debito greco oggi é molto rischioso (lo é sempre stato ed in misura crescente negli ultimi anni, ma tutti hanno fatto finta di niente) e quindi il governo greco deve assicurare un forte rendimento.

Il downgrade recente a Junk riflette questa condizione.

Attenzione poi: il governo greco non riuscirà a rifinanziare. Non vuol dire rimborsare, ma rifinanziare, vale a dire emettere altro debito per coprire il debtio in scadenza. Di rimborsare non se ne parla nemmeno.

Vediamo quanto sarà disposta a pagare Berlino per il salvataggio, fermo restando - e questo è il noocciolo della questione - che un'economia andata in vacca per aver campato di debito non può essere salvata se non con altro debito.

La cosa in sè è già paradossale, come curare un paziente raffreddato con bagni di acqua ghiacciata.

Tutto questo debito non basterà: se anche si metterà una costosa pezza alle finanze grreche, servirà un'altra pezza più grande per le finanze portoghesi, poi spagnole e forse italiane, e sempre più su fino a quando questo debito sarà troppo grande per qualunque altra azione, e lì ci sarà veramente da ridere.

Downgrade anche per Spagna e Portogallo, che non se la passano affatto bene.

A proposito di raffreddore, segniliamo la comparsa in canada si un misteriosovirus influenzale non ancora ben identificato.

Uhm.

Saluti felici

Felice Capretta

80 commenti:

controcorrente83 ha detto...

quand'e' che tocca a noi?

Anonimo ha detto...

Virus influenzale?
Fonti?

Hiei

Anonimo ha detto...

L'unica cura che abbiamo per la nostra economia è svalutare, così salveremo le nostre imrpese in crisi.
Prima usciamo dall'euro meglio è.
Ne hanno da perdere solo i banchieri e questo già di per sè dovrebbe essere sufficiente a rassicurare sul fato che la cosa è buona per la popolazione.
Solo chi uscirà da questa crisi con un tessuto industriale potrà ripartire, perchè non vedo una nuova generazione di imprenditori ingrado di aprire nuove aziende, dietro a quella attuale.
Fra

Anonimo ha detto...

per heie
poi se cerchi in rete trovi altro...

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=99740

http://www.mister-x.it/notizie/ultime_oggi.asp?id=118484&ultime_notizie=%20Nuovo%20virus%20influenzale%20uccide%209%20persone%20in%20un%20ospedale%20canadese%20&category=Dal%20Mondo

Mario B. ha detto...

dopo il picco del petrolio e il picco in agricoltura ...

http://www.repubblica.it/esteri/2010/04/29/news/i_diamanti_non_sono_pi_per_sempre_giacimenti_a_secco_prezzi_alle_stelle-3696929/

Anonimo ha detto...

Un influenza ... ma dai scontato ... un bel funghetto?
Medicina: 'fungo killer' in Oregon

Due funghetti trallalà ....
Misteriosa infezione micotica
si diffonde nel nord-ovest degli Usa


B!

Anonimo ha detto...

si, si, lo voglio anch'io il funghetto...basta che sia allucinoGGGGGGGGeno!
:-)))

Anonimo ha detto...

Oh ma com'è che l'ALLINEATO Geab le aveva sparate grosse su Usa e Inghilterra, e ora ci troviamo di fronte al default.. della Grecia?

Corsa alle armi
Corsa al cibo
Stati Uniti disgregati in guerra civile
Inghilterra ricorsa all'FMI da settembre 2009 (NOVE NOVE NOVE)
Americani in fuga

E ora ecco com'è invece la realtà.
Tutto ciò dimostra come questi siti si affidino a fonti di valore invidiabile.

Il Bagatto ha detto...

Per quanto riguarda l'infezione in Canada nulla di speciale, per ora. Una delle tante epidemie locali che ci sono in continuazione. Per questo c'è una epidemia di polio in centro Asia (volenti o nolenti i dati, per lo meno all'inizio, bisogna cercarli sul sito della organizzazione mondiale della sanità e per il Canada sul sito del loro ministero della salute). Ma illustre Capretta, onde evitare eccessivo stress, non credi ci si debba preoccupare di una ctastrofe alla volta? La crisi finanziaria in Europa non basta? Pure i virus e i funghi? Per chi vuole provare altri brividi faccia una capatina dal Corvo ove, se tutto va bene, siamo già rovinati!

Anonimo ha detto...

Thanks for the links.

Hiei

Anonimo ha detto...

O.T.
Non sono Hiei, non sono Flaubert, sono Astore. Sono stato censurato dal Corvo causa a suo dire di provocazioni con falsa identità.

Scrivevo dell'incongruenza che ha il Corvo quando dice di voler Ampliare la coscienza degli individui mentre invece continua a postare immagini per i suoi articoli che hanno vibrazioni sulla scala Bovis ben al di sotto della soglia della salute degli umani.
Per questo sono stato censurato.

A questo punto devo pensare che il Corvo è in malafede?

Scuse a Felice e agli affezionati lettori per l'intromissione ma credo sia bene sapere queste cose.

Anonimo ha detto...

[OT]

Visto che ci siamo, se è per quello ha censurato anche me (e anche l'altro utente che si firmava Flaubert sul quale non posso tuttavia pronunciarmi) con motivazione del tutto pretestuosa...

(...ma chi se ne frega?)

Hiei

Il Bagatto ha detto...

Per chi ancora non lo conoscesse.
Se andate su: www.internazionale.it a destra vi è un sipario con i vari continenti, lo aprite, trovate il paese di vostro interesse, cliccate e si apre una pagina con i siti internet dei più importanto giornali -quotidiani e periodici- di quella nazione. In questo modo se si vuole si può leggere (grazie anche ai traduttori automatici) le notizie dei paesi più lontani e sperduti. Ad Asrore: grazie per la notizia!

Goodlights ha detto...

@bagatto
"si può leggere (grazie anche ai traduttori automatici) le notizie dei paesi più lontani e sperduti"

ciao!

caspita, non ti bastano le disastrose notizie vicine?
vuoi andare a scovare anche quelle "in culo ai lupi"?
:-))))

sara

alina ha detto...

La sapete quella di Obama che telefona alla Merkel per dirle di spicciarsi ad accattà il pacchetto di salvataggio per Atene ?
..... scusate....
non mi ricordo più come va a finire :)

Il Bagatto ha detto...

@ Sara
primo: non è detto che ci siano sempre notizie cattive in giro per il mondo e poi, secondo: vuoi mettere il gusto di andare a tavola a mangiare qualcosa di buono pensando che dopotutto anche per oggi non è poi così male? (chissà perchè l'uomo è attratto più dalle disgrazie -altrui, ovviamente- che dalle cose meravigliose che abbiamo sotto il naso...)

Goodlights ha detto...

@bagatto

ho dato per scontato che anche sui quotidiani allineati di altri paesi, le notizie siano simili a quelle che si leggono su quelli di casa nostra.

quindi cronaca nera con dovizia di particolari in primis, con contorno di gossip sui "vip", il tutto condito con una buona dose di false news economiche per convincere i lettori che la crisi non esiste!
:-)))

ma forse mi sbaglio e in altri luoghi ameni e lontani le cose vanno diversamente...

speriamo!

sara

Rossi Marco ha detto...

Articolo Interessante:

L'inferno della Grecia

http://www.centrofondi.it/content/linferno-della-grecia

Anonimo ha detto...

Un saluto a tutti,

è da un po che ci scambiamo pensieri su questo blog.
Parlando con il senno del poi, possiamo dire che tanti ns discorsi, non erano poi tanto fuori dal mondo.
Mentre la natura continua la sua opera, noi stiamo facendo altrettanto.
La natura è costruttiva, sta facendo il tutto per salvaguardare se stessa, e credete è in grado di farlo.
Noi, esseri umani, invece siamo distruttori, modifichiamo ed alteriamo ogni cosa.
Stiamo sgretolando la società, e noi stessi.
Non ha importanza se siamo consapevoli di essere o meno i creatori della ns realtà, ma sta il fatto che siamo il risultato dei ns pensieri, o meglio dei pensieri di chi comanda.
In questi periodi, grazie ad internet, le notizie sono a conoscenza di tutti, di chi cerca.
Cosa , impossibile qualche decennio fa.
Possiamo osservare, e verificare i risultati dei ns pensieri.
Possiamo fare altrettanto con l’ operato dei politici.
Sono li, per il fatto che la maggior parte di noi li ha votati.
Sono li, per amministrare la cosa publica e fare gli interessi di tutti noi.
Cosa fanno?
Fanno tanto, ma non certo gli interessi della collettività.
per sete di potere e per avidità, sperperano le ns tasse, quale frutto del ns lavoro.
In questi anni, abbiamo permesso che iniziassero tanti lavori, mai portati a termine.
Abbiamo permesso che opere , tipo centrale nucleare di caorso o montalto di castro, venissero iniziate, poi riconvertite per essere “monumenti” nel deserto.
Essendo eletti da noi, popolo, dovrebbero rispondere a noi , invece hanno calpestato la ns costituzione, creando leggi personali, che li tutelano al di sopra di ogni cosa.
Quanti sono a conoscenza che ogni gruppo politico è proprietario di immobili, tenute, banche e tanti soldi , (la maggior parte versata nelle banche vaticane).
Ogni occasione è motivo di guadagno; vedi anche i casi del terremoto in Abruzzo.
Quante finanziarie abbiamo pagato?
Cosa hanno prodotto?
Il debito publico è sempre in salita; avrà mai una fine?
Non penso.
Quanti sono a conoscenza, che il governatore della lombardia, ha voluto a tutti i costi, un eliporto sul tetto della nuova sede della regione.
Tanto , non paga con i suoi soldi.
Le tasse, sono il frutto del ns lavoro; costano fatica a noi che lavoriamo.
Quando faremo in modo che vengano spesi bene, con criterio e rispetto?
Quando inizieremo ad usare la ns testa?
franco

Il Bagatto ha detto...

@ Sara
se vai su: http://www.samoanews.com/ vedrai che oggi nelle isole Samoa si svolge un interessante campionato di acrobazie e magie con il fuoco, polinesiane... (per inciso le tradizioni ancestrali più belle e ricche sono di quei popoli che hanno, nella loro tradizione, un grande diluvio da cui si salvò un solo uomo di nome Nuà -questo nome non mi è nuovo, perbacco...). Qualche volta, guadandomi in giro penso ai dinosauri che se ne stavano tranquilli senza fare danni e poi venne il famigerato asteroide...e noi, che abbiamo fatto danni incredibili? quando arriverà un santo asteroide che libererà la terra dala nostra ingombrante presenza? Io, come puoi immaginare, tifo per l'avvento delle formiche e degli scarafaggi, molto più saggi ed organizzati socialmente...e non credo che si inventeranno mai una finanza "creativa" :)

Anonimo ha detto...

@franco
La testa non basta!!!!
La testa + un cal.12 sarebbe gia maglio.
Tanti cal.12 fanno miracoli(vedi ridente sud tirol)
anonimo (non si sa mai)

vigna ha detto...

Si Franco hai ragione da vendere.

Aggiungiamo anche, che ci hanno svuotato la casa completamente, una gestione/amministrazione da "buon padre di famiglia", come previsto dal codice civile.
Oltre ad aver indebitato il popolo italiano (1.800 miliardi) hanno svenduto ad amici e parenti una gran parte del nostro patrimonio e ancora hanno corragggio di chiedere sacrifici al popolino per aggiustare i conti in rosso,causati dalla loro mala gestio. Ma quando si sveglierrà il popolino italico dal questo brutto sogno?
Già è troppo tardi secondo me.
Auguro al popolo Greco di resistere alle cure draconiane imposte da BCE, FMI GS and company.
vigna

Anonimo ha detto...

Signore e Signori
La grande tribolazione è ormai cominciata...consiglio vivamente di iniziare la costruzione dell'arca simile a quella di NOE'..siam tutti nella merda.

luigiza ha detto...

@Anonimo del 29 aprile 2010 09.46

Caro Anonimo devo correggerti.
La purificazione si fa o con l'acqua o col fuoco.
Ora tocca al fuoco, quindi l'arca NON va bene.
Sul resto concordo con la tua analisi.
luigiza

Anonimo ha detto...

Satana è all’inferno per te.
Ed è più moderno di te
Avremo divani fondi come tombe
Stando a quanto dice Baudelaire
Cristo muore in croce per me
Pietro brucia in croce per te
Santa è la bellezza
Tanta è la paura
Fai come faceva Baudelaire
Pasolini è morto per te
Morto a bastonate per te
Nello stesso istante
In qualche altra spiaggia
Si è fatto l’amore
Uniti contro il mondo
E’ necessario credere
Bisogna scrivere
Verso l’ignoto tendere
Ricordati Baudelaire
Caravaggio è morto per te
Luigi Tenco è morto per te
Nei fiori dei campi
Vive Piero Ciampi
Bisogna studiare Baudelaire
Saffo s’è ammazzata per noi
Socrate suicida per noi
Vivere per sempre
Ci vuole coraggio
Datti al giardinaggio dei fiori del male
E’ necessario vivere
Bisogna scrivere
All’infinito tendere
Ricordati Baudelaire. Baudelaire. Yeah

Baustellone

Anonimo ha detto...

@Baustellone

mangiato pesante? Rave partY con sniffo di intonaci?

Anonimo ha detto...

Baustellone ha magnato la psilocibina...
ma non è fuori stagione?
ah siii,
intonaco.

Anonimo ha detto...

Amore di povertà non conosce guerra
ne ladri, assassini, fulmini e siccità
e altri serpenti di questa terra non li temerai
amore di povertà non conosce re

cos'altro ti può servire se vai nel bosco
cos'altro ti può aiutare laggiù in città
tuo padre consiglierà il coltello contro tutti i guai
cos'altro se non il ferro ti salverà

no ci salveremo disprezzando la realtà
e questo mucchio di coglioni sparirà
e ne denaro e ne passione servirà
gentili ascoltatori siamo nullità

equipaggi persi in alto mare
forse il presidente non lo sa

che cosa ti porti dietro di questi tempi
e per il viaggio marta che indosserà
sua madre le comprerà il cappotto contro venti e neve
e quel cappellino della pubblicità

no ci salveremo disprezzano la realtà
e questo branco di coglioni sparirà
sarà dolcissimo distruggerci vedrai
e come i cieli amore nitido sarà

saremo santi disprezzando la realtà
e questo mucchio di coglioni sparirà
e ne bellezza o copertina servirà
e siamo niente siamo solo cecità

pesci avvelenati in mezzo al mare
questo il presidente non lo sa

Baustellone

Anonimo ha detto...

non succederà niente neanche questa volta...purtroppo.
niente fuoco ne acqua.
Nic.

Mario B. ha detto...

@anonimo 29 aprile 2010 02.49
L'anno è ancora lungo e i problemi dei paesi anglosassoni sono ancora tutti sul tavolo.
Il limite che il Geab ha avuto fino ad ora è stato nel non tener conto che il gioco lo hanno inventato proprio quei paesi così come le regole che lo caratterizzano.
Basti pensare che la BCE basa l'erogazione di risorse in base al rating di agenzie che sono controllate proprio da Usa e GB.
Se non fosse per le gravi implicazioni che ciò comporta verrebbe da dire che è una barzelletta.

blackskull ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Eppure tutto va avanti, come sempre e meglio di prima. E così continuerà, in questo mondo senza senso ..

Mario B. ha detto...

@anonimo 29 aprile 2010 20.18

Descrizione pienamente condivisibile di quello che sta accadendo!

Mario B. ha detto...

Anche se "come prima e più di prima" è più illusorio che altro.
Il decadimento c'è e inizia ad essere subito e percepito da sempre più larghe fette di popolazione.
I nostri governanti stanno facendo di tutto perchè la cosa avvenga per gradi.
Così sperano che la gente si abitui un poco per volta a stare peggio ...

Anonimo ha detto...

la gente ha ancora di piu' di quello che si merita, a preoccuparsi solo dei gol, delle telenovelas, del lotto, purtroppo succede cosi'...

sarebbe bello un mondo in cui quasi tutta la gente si preoccupa solo di divertirsi mentre pochi (i politici) lavorano e si preoccupano tutti i giorni per farli stare in quello stato.

invece la gente faceva i fatti suoi (divertimento) e i politici pure (soldi e potere).

in definitiva ognuno ha fatto quello che voleva, senza pero' pensare che si vive anche in un ambiente che e' tutto il resto che hai attorno (oltre la tv).

quindi?

riprendersi la percezione della vita che non e' solo il nostro salotto di casa, interessarsi al resto, agli altri, all'ambiente perche', pur se continuiamo a fare finta di niente, esistono anche loro nella nostra vita.

per esempio in un altro blog ho letto di uno che si lamentava che i poveri pensionati sono sempre quelli che ci rimettono. ed un altro che pero' gli rispondeva che anche i pensionati hanno un cervello che funziona e hanno pure tutto il tempo ad informarsi su quello che gli accade attorno anziche' guardarsi 12 ore di tv al giorno. quindi niente scuse se si viene fregati, forse e' venuto il tempo di dire "che pirla che sono stato" anziche' dire" in galera i farabutti".

ormai e' l'ora della sveglia, chi vuole svegliarsi si svegliera', gli altri continueranno a dormire se e' cosi' che gli va, tanto, oltre che lamentarsi un po', tanto danno poi non fanno.

indopama

Mario B. ha detto...

@indopama
Purtroppo ci credono per davvero che saranno salvati da Trecondoni e gli uomini con il fazzoletto verde.
Invece basterebbe seguire i proverbi, fonte di antica saggezza.

AIUTATI CHE DIO TI AIUTA ma ricorda anche che L'UNIONE FA LA FORZA

Mario B. ha detto...

"l'operazione di salvataggio è conveniente,l'unico rischio è che la Grecia non riesca a ripagare il debito ... Ennio Doris a Mattino 5.

Ormai agli italionti si può raccontare qualunque balla, tanto se la bevono come una bibita fresca d'estate.

Anonimo ha detto...

Non bisogna preoccuparsi, il nostro è un paese ricco. Quando mancherà il pane sono sicuro che ce lo divideremo tra tutti come fratelli, spontaneamente, senza la minaccia delle armi.

Fede




Solo 2 milioni 380 mila famiglie italiane (il 10% del totale), infatti, posseggono il 44,5% della ricchezza netta complessiva nazionale, che ammonta a 3 mila 686 miliardi di euro (su un totale di 8 mila 284 miliardi), e che vuol dire mediamente 1 milione 547 mila 750 euro per ogni famiglia di quel 10% piu' ricche. Di contro, il 50% delle famiglie italiane (le piu' povere della distribuzione) che, sempre secondo la Banca d'Italia, detengono appena il 9,8% della ricchezza netta complessiva, sono 11 milioni 908 mila famiglie e posseggono mediamente 68 mila 171 euro. La distanza tra le famiglie più ricche e quelle più povere perciò è pari a circa un milione e 480 mila euro. Questa distanza paradossalmente contribuisce ad alzare la "media", che si attesta a 137 mila 956 euro di ricchezza netta familiare. La distanza tra questa "media" e la ricchezza detenuta dalle famiglie piu' ricche (10%) e' di circa 1 milione e 200 mila euro, mentre la forbice con le famiglie piu' povere (sempre il 50%) e' di quasi 280 mila euro.
Quello che e' grave e' che risulta di fatto assente nella distribuzione della ricchezza qualsiasi elemento di progressivita'. Non a caso il 40% di famiglie ricche (cioe' prima del 10% piu' ricche e dopo il 50% piu' povere) detengono mediamente una ricchezza di oltre 397 mila euro; questo dato e' molto vicino alla ricchezza media per famiglia, la media "Trilussa" di cui sopra i 347 mila euro.

Anonimo ha detto...

Mario B. :"sperano che la gente si abitui un poco per volta a stare peggio ..."

PAROLE SANTE!

tra tutte le analisi che proliferano come funghi dei tanti che si arrovellano a fare ipotesi leggendo fondi di caffè vari (grafici tabelle proiezioni....) questa è la più concisa, chiara semplice e soprattutto VERA!

bit

Anonimo ha detto...

Lasciamo stare i CDS ed i cosidetti speculatori.

Il più grande detentore di CDS contro il fallimento greco, con il 15% del totale dei CDS, è un ente a due isolati dalla sede del parlameto greco, l'Ente Poste Ellenico, ovviamente Statale.

I governi, trattandovi come prolet, agitano sempre lo spettro degli speculatori maligni, quando in realtà i primi cospiratori sono i governi stessi.

Provate solo ad immaginare che i primi a deprimere la Grecia sono LE POSTE GRECHE, che non mi sembrano mica degli speculatori stranieri.

I governi agitano il nazionalismo e l'odio verso gli stranieri per distrarre il popolino dalle proprie colpe.

Ma quando lo capirete sia voi che Mazzalai, sarà troppo tardi.

Il Folletto

Anonimo ha detto...

http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=140456

Mario B. ha detto...

@Il Folletto
In Italia l'inflazione reale in questo momento è sopra ai 4 punti percentuali, mentre i titoli di stato e i conti correnti rendono "niente" o quasi.
Per non parlare di altre forme d'investimento o dei fondi pensione con rendimenti degni delle temperature polari.
Stanno fregando alla grande e da tutte le direzioni.
Il punto è che se lo fai gradualmente la gente non se ne accorge.
Quando io ero studente negli anni 90 per i "lavoretti" tipo il volantinaggio prendevi 8/10.000 lire all'ora e con quei soldi potevi prenderti una pizza, una birra e un caffè al tavolo (per chi è di Padova in locali tipo La Piave, se poi eri un "figo del centro" allora ti ci voleva il doppio per andare alla Vecchia Padova).
Oggi uno studente può sperare in circa € 5,00 all'ora.
Con quei soldi hai paura persino ad entrare in un bar.
Questo esempio può essere applicato a tanti altri settori.
Quando ne parlo con gli studenti miei collaboratori la loro reazione è quella di uno a cui stai narrando eventi accaduti in epoca romana.
Chi ci governa sa bene come funzionano questi meccanismi, l'espressione "paga sempre pantalone" nella sua semplicità dice tutto.

Mario B. ha detto...

@Il Folletto (2)

Che dici dell'oro che adesso sale anche in $?

Giovanni Battista ha detto...

@ Mario B.

Sei un grande, come sempre.... ^___^

Esiste comunque un esempio lampante di quello che ci stanno facendo.
Mai sentito parlare de....

LA RANA BOLLITA VIVA...?

(maiuscolo non diretto ad urlare, ma ad evidenziare)

Bene, questa la ricetta...

Prendere una rana, metterla in una pentola di acqua fredda.
La rana ringrazierà... è il suo elemento.
Iniziare a fare fuoco sotto la pentola ed aumentarlo gradatamente.
La rana, si crogiolerà dapprima nel tepore, quindi inizierà a sentire aumentare la temperatura comunque sopportandola... sino a rimanerne uccisa, quasi senza accorgersene...

E faranno di tutto perché, noi (la rana) non ci accorgiamo e non reagiamo.
Ed in effetti ci stanno riuscendo perfettamente. E noi, a parte parlarne, non abbiamo il coraggio, la fermezza e i mezzi per opporci.

Pace e bene.

GiBi

Anonimo ha detto...

gibi,
tutto corretto e al posto del fornello usano la tv.

Goodlights ha detto...

ciao a tutti!

voglio condividere con voi questo articolo di santaruina che cade a fagiolo con la storia della rana fritta
:-)

http://santaruina.splinder.com/post/22603707/aquile-e-formiche

serata bella!
sara

uzzo ha detto...

pensavo che questo dolce tepore fosse il sole primaverile...
volevo aggiungere che...
che caldino...
dicevo che...
mmmmm...

Anonimo ha detto...

bellissimo l'articolo di santaurina.

indopama

Anonimo ha detto...

@Mario B.

Io c'ho la tesi dell'Ovetto Kinder della quale detengo il copyright.

Prima dell'entrata dell'euro dal tabaccaio l'ovetto kinder stava 7/800 Lire. Che già era una rapina. Se lo mettevi L.2000 i vigili ti avrebbero fatto chiudere davanti al pubblico ludibrio dei passanti.

Una Chupa-Chups costava 150/250 lire.

Dopo un anno l'ovetto kinder costava 1 Euro e la Chupa-Chups 50 centesimi.

Peggio per chi doveva comprare casa. La stessa che nel 2001 costava L.500.0000.000 dopo un anno costava 350.000 Euros.

Questo per dire che la mazzata l'abbiamo già presa, l'inflazione che c'è adesso è una passeggiata, viaggia su punti percentuale.

Fede

Anonimo ha detto...

The latest Consumer Price Index data tells us that prices (according to the BLS) are up only 0.1% from February to March. Bernanke and pals asserted this is a sign that inflation is under control. I wonder how this is possible given that:

1. Rents (which comprise 25% of the CPI) are up 0.3%
2. Cattle futures are up 20% since December(the BLS has food prices up only 4.5%)
3. Gas prices are up 4.6% according to the Department of Energy (the CPI claims gas prices fell (0.8%

India’s food inflation accelerated ahead of a report tomorrow that may show monsoon rains this year will be sufficient to cool farm prices.

An index measuring wholesale prices of agriculture products including lentils, rice and vegetables compiled by the commerce ministry rose 17.65 percent in the week ended April 10 from a year earlier. It gained 17.22 percent the previous week, according to a statement in New Delhi today.

http://www.bloomberg.com/apps/news?pid=20601091&sid=aYoP6GDD.F8I

With that in mind, I find Bernanke’s claims that inflation is under control somewhat difficult to digest given that:

1. Oil has gone from $40 to $90 since the start of 2009
2. Gold has gone from $850 to $1,150 since the start of 2009
3. The S&P 500 has gone from 950 to 1,212 since the start of 2009


The cost for a Greek bailout to the citizens of the US via the IMF will be $100 billion.

Now there is a nice addition to the Federal Budget Deficit.

POI ANDATE SU http://www.shadowstats.com/ e vediamo l'inflazione reale

Scusate ma ho una fretta enorme.

@Mario

Si comporta come una "vera" valuta. semplicemente

Per quelli che inflazione l'hanno già vista con il passaggio all'euro segnalo che allora erano stati immessi nel mercato circa 160 miliardi di euro dalla bce e oltre 400 miliardi dalla FED dopo 11/09.
Negli ultimi due anni sono stati immessi sicuramente oltre 30000 miliardi per anno nella finanza e non solo per tenere su la baracca,
chissà cosa accade adesso?

Worth as a continental.

il Folletto

Anonimo ha detto...

nessuno aiuterà nessuno, la Grecia è già fallita e nessuno può farci nulla, e a breve la seguiranno Portogallo e Spagna, paesi che hanno tutti un troppo elevato debito privato. Quello dei debiti pubblici è una bufala, il problema sono il CUMULO tra debito pubblico e debito privato, che diventa esplosivo se non s'è la possibilità di svalutare (come hanno USA e UK). Tagliare la spesa pubblica non risolve niente, perchè sposta il problema dal debito pubblico a quello privato, pensate che i greci potranno pagare le tasse e che la loro economia potrà riprendersi se per i prossimi 10 anni gli faranno delle manovrine annue pari al 10% del PIL? (per la cronaca per l'Italia sarebbe di 150 miliardi di € all'anno) Non facciamo ridere, e prepariamoci all'idea di un'Euro a due velocità, cioè a due euro diversi, uno per i "virtuosi" ed uno per i PIGS.
Il caso dell'Italia è particolare in quanto non può essere presa di mira dalla speculazione essendo governata da Berlusconi che non è considerato affidabile dai poteri forti angloamericani (che sono quelli che in definitiva detengono gran parte dei nostri bond) che hanno troppa paura che il Berlusca dichiari un default o una ristrutturazione del debito. Per questi squali sarebbe stato molto meglio un bel governo Draghi, ma l'attacco destabilizzante a Berlusconi dei mesi scorsi non ha prodotto i risultati sperati, quindi grazie al cielo siamo per ora fuori dai loro attacchi perchè hanno paura di scottarsi col fuoco. Quindi nel frattempo il nostro destino è stato deciso dai tedeschi che hanno in mente una Europa a due velocità e per noi che ospitiamo al nostro interno l'area più produttiva d'Europa (la Padania) e l'area più povera d'Europa e più criminalizzata al mondo (il Mezzogiorno) la soluzione migliore sarebbe la secessione. Per chi crede che la discussione adesso in Italia sia tra il non fare niente e fare il federalismo tra poco dovrà ricredersi, la discussione vera, (fatta in salotti a Roma e Francoforte) è tra la secessione alla jugoslava ed un federalismo "forte". Quest'ultimo è ormai l'unico compromesso perseguibile dall'aristocrazia papalina (e quindi vedrete che tra poco Casini si dichiarerà stranamente disponibile alle riforme), visto che il tentativo di Fini di fermare il treno in corsa è miseramente fallito ed ora tutti i capetti meridionali nel parlamento sono sotto attacco (Lombardo, Bocchino, Scaiola) ed il Papa è probabilmente sotto ricatto tedesco. Ma se il federalismo non passa con le buone il Veneto presto dichiarerà l'indipendenza, ed a seguire il Piemonte, la Lombardia e tutta la Padania, inclusa l'Emilia che nel frattempo si sarà staccata dalla Romagna, e tutto questo nel giro di pochi mesi..

Arsan

Anonimo ha detto...

@ Arsan

sono completamente daccordo. Sottoscrivo parola per parola, secondo me siamo proprio li e se a roma non lo capiscono provocheranno un gran casino. Le germania è interessata al nord italia e non lo lascierà andare.
la prossima fase è quella della dislocazione, con consegenti casini sociali.
Sole di oggi 1.5.10 pag.21: nel veneto si sono persi 33000 posti di lavoro nel 2009, nei primi 3 mesi del 2010 se ne sono persi già 10.000 e siamo a circa 60-70 mila disoccupati. Qui la gente non è abituata a vivere di espedienti o di carità...
Fra

Daniele ha detto...

Stavo vedendo le foto del disastro causato dalla piattaforma nel Golfo del Massico.
Presto ci autoelimineremo dal pianeta, e dai batteri e le poche specie sopravvissute rinascerà tra milioni di anni un nuovo equilibrio.

Noi non ci saremo più ed ogni giorno mi convinco che per la Vita questo sia un bene.

L'homo sapiens non è una specie intellgente, affatto.
Chi consuma e devasta il suo habitat senza possibilità di recupero è idiota!
Ergo...
L'umanità è idiota!!!

Anonimo ha detto...

@daniele
l'umanità non è idiota.

Dal forum di LC:

"Marea nera, la Halliburton e le altre aziende coivolte

La Halliburton che fù dell’ex vicepresidente Dick Cheney. Ma non solo. Ecco l’elenco delle aziende coinvolte nell’esplosione della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon da cui ha avuto origine il disastro ambientale che sta mettendo in ginocchio la costa meridionale degli Stati Uniti.

- Transocean Ltd – the Zug: si tratta di un’azienda che ha sede a Zurigo, in Svizzera, che aveva la proprietà e la gestione della piattaforma Deepwater Horizon, entrata in funzione nel 2001.

- Bp Plc – È la compagnia petrolifera britannica che ha affittato la piattaforma al prezzo di mezzo milione di dollari al giorno.

- Anadarko Petroleum Corp – Si tratta di un altra azienda petrolifera con sede a Houston, Texas, a cui apparteneva il 25 per cento della produzione del pozzo, senza però aver ruoli operativi.

- Cameron International Corp – Un’altra azienda di Houston che forniva i pezzi di ricambio alla piattaforma e soprattutto i macchinari in grado di prevenire gli scoppi e le fughe incontrollate di gas o di petrolio. Appartengono proprio a questa compagnia le strutture che avrebbero dovuto evitare l’incidente chiudendo il pozzo e evitando così l’esplosione e la conseguente fuoriuscita di petrolio in mare.

- Halliburton Co – È la compagnia americana più conosciuta al mondo nel settore dei servizi al settore petrolifero. Il suo quartier generale è a Dubai e a Houston. È famosa perché il suo amministratore delegato, negli anni ‘90, era Dick Cheney, diventato poi vicepresidente degli Stati Uniti con George W. Bush. Ha curato i lavori di cementificazione della piattaforma, un processo che serviva a impedire perdite di greggio e gas naturale attraverso il riempimento dell’intercapedine tra l’esterno del tubo di trivellazione del pozzo e l’interno del buco scavato nel fondo dell’oceano. Nel caso della Deepwater il personale della Halliburton aveva finito di pompare il cemento nel pozzo poco prima dell’esplosione.

Le agenzie di vigilanza sull’industria estrattiva hanno da tempo identificato la cementificazione come un processo pericoloso perché in grado di provocare uno scoppio nel caso in cui petrolio e gas naturale risalgano sul pozzo con potenza esplosiva.

Se nel cemento si producono crepe, o se il lavoro di cementificazione non è ben fatto, petrolio e gas possono sfuggire di controllo ed, essendo altamente infiammabili, possono prendere fuoco. Potrebbe essere successo proprio questo sulla Deepwater. Lo stabilirà l’indagine governativa annunciata da Barack Obama alla Casa Bianca.

Da: http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-mondo/marea-nera-halliburton-aziende-coinvolte-354057/

Sentita la notizia al TG3 mi sono prodigato nel trovare un articolo che ne parlasse, questo e' il risultato al volo cui manca un bel particolare dato su Rai3, i lavori della Halliburton Co sono finiti nel pomeriggio stesso dell'esplosione se non ho capito male, e non avevano alcun tipo di autorizzazione per eseguirli.

La Halliburton di Dick Cheney! Quella degli appalti alla ricostruzione in Iraq e della costruzione dei campi di internamento FEMA negli USA!

l'umanità non è idiota, e non soffre di autolesionismo.
come certi avvenimenti non sono "incidenti" e il co2 "prodotto dall'uomo" non sta soffocando la terra.

Anonimo ha detto...

> arsan

è sicuro di quello che afferma?

la Grecia .... Portogallo e Spagna, paesi che hanno tutti un troppo elevato debito privato.

è sicuro? a me risulta, ad esempio, che per la Spagna è così, ma non per la Grecia.

Quello dei debiti pubblici è una bufala, ...

è sicuro che non lo sia la Sua affermazione?

... il problema sono il CUMULO tra debito pubblico e debito privato,

è sicuro? ha pensato al fatto che il debito pubblico è 'stanziale', mentre i risparmi privati, componente essenziale del debito privato, sono 'migratori'?

... che diventa esplosivo se non s'è la possibilità di svalutare (come hanno USA e UK).

è sicuro?
ci dica a quanto le serve l'euro e la accontentiamo subito.

Tagliare la spesa pubblica non risolve niente, perchè sposta il problema dal debito pubblico a quello privato,...

è sicuro?

ecc. ecc. una trotata dopo l'altra, a crescere, passando anche da quella di Berlusconi, baluardo dell'Italia!

(deve far riflettere se alla fine il complottismo porta a conclusioni come questa)


> Fra

'@ arsan

sono completamente d'accordo ... Sottoscrivo parola per parola ...

Qui la gente non è abituata a vivere di espedienti e carità...'

Finisca pure il pensiero; dica pure.
Chiarisca anche il 'qui' dove è, e dove al contrario amano vivere di espedienti e carità.

Una trotata dopo l'altra!


Sbigottito

Daniele ha detto...

Quando l'ultimo albero sara abbattuto,
quando l'ultimo animale ucciso,
quando l'utlimo fiume sarà inquinato,
allora l'uomo si renderà canto che il denaro non si può mangiare!!!
L'umanità è idiota!!!

Anonimo ha detto...

"Quando l'ultimo albero sara abbattuto,
quando l'ultimo animale ucciso,
quando l'utlimo fiume sarà inquinato,
allora l'uomo si renderà canto che il denaro non si può mangiare!!!
L'umanità è idiota!!!"

bravo!
questa sì che è una risposta!
continua con i mantra, tralasciando i fatti, vedrai come ti serviranno!

Mario B. ha detto...

Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio però ...
Certo che dà da pensare che in Sicilia vivano ancora persone nelle baracche dal terremoto di inizio secolo.
In Friuli quando c'è stato il terremoto governava la DC.
In Irpinia quando c'è stato il terremoto governava la DC.
Com'è che da una parte hanno ricostruito e dall'altra no?
Non è razzismo dire che a Padova negli ultimi 30 anni due terzi degli alloggi popolari sono stati assegnati a persone di origine meridionale.
La ragione?
Semplice, un padovano ma il discorso vale anche per gli altri veneti avrebbe provato vergogna e senso di sconfitta personale solo a chiedere l'assegnazione.
Eravamo una delle regioni più povere dell'Italia, oggi aiutiamo il resto del paese, miliardi di trasferimenti a Roma, briciole quello che torna indietro.
E' vero in valore assoluto evadiamo molto di più delle regioni meridionali, ma solo perchè lavoriamo infinitamente di più perchè in percentuale rispetto al PIL locale il Veneto è al di sotto di Germania e Francia, intorno al 12/15% mentre in Calabria l'evasione in percentuale supera l'80% del PIL locale.
La Sicilia non versa un euro delle sue tasse (ahahahahah) allo Stato ed è sempre là con il cappello in mano.
Potrei andare avanti per ore, però il primo che mi da dello sventolatore di fazzoletti verdi lo rompo in due con la scure.

Anonimo ha detto...

@ Sbigottito

forse hai ragione e la situazione non è come la descrivo io, ed il puzzle che ho composto prendendo pezzi di qua e di là non rappresenta la realtà. Ma purtroppo in passato mi è capitato molto più spesso di "prenderci" che di sbagliarmi, quindi per farti un'opinione della probabilità che anche queste mie ultime considerazioni siano attinenti alla realtà in cui viviamo ti invito a leggerti qualcuna delle mie passate considerazioni (fatte quando il pensiero mainstream complottista "prevedeva" il collasso del dollaro, della Cina e di chi più ne ha più ne metta)

http://informazionescorretta.blogspot.com/2009/11/chapter-11-per-cit-group.html

http://informazionescorretta.blogspot.com/2009/10/crisi-del-29-crisi-attuale-il-rally-e.html

http://informazionescorretta.blogspot.com/2009/10/100-banche-fallite-nel-2009-fdic.html

http://informazionescorretta.blogspot.com/2009/10/rischio-paese-2009-2014-lincrocio-tra.html

http://informazionescorretta.blogspot.com/2009/09/crolla-o-non-crolla.html

Saluti troteschi.

Arsan

Mario B. ha detto...

E pensare che la prima ferrovia, il primo ospedale e non so quante altre cose le abbiamo avute proprio nel sud Italia.
Penso che il saccheggio da parte dei Savoia delle ricchezze borboniche non sia sufficiente a giustificare il lassismo che regna oggi.

Mario B. ha detto...

Tanto per ricordare alcuni famosi espedienti:
il videoregistratore con il mattone, il gioco delle tre carte, la vendita da parte dei conto terzisti di abbigliamento griffato (lo scorso anno maxi sequestro ad Abano Terme, indovinate di dove era il proprietario?), il presidente del consorzio tutela mozzarella di bufala campana trovato ad allungare il latte ...
Non siamo certo dei santi, ma tanto per dare un'idea di cosa voglia dire "veneti" nei giorni scorsi a Padova si è dibattutto sull'opportunità o meno che i negozi restassero aperti il I° maggio.
Mentre andavo in pizzeria stasera ho visto gente che stava dando il colore ad una palazzina di fronte.
Un primo maggio di lavoro ... ma essere veneti è anche questo.

Anonimo ha detto...

Leggete il commento due

http://aspoitalia.blogspot.com/2010/05/mindebito-dimmenso.html

Sta crescendo l'INDOPAMA PENSIERO
o sbaglio?

Fabio

Mario B. ha detto...

Il caso - «La capitale ci schiaccia, nasca la Ventunesima regione»
«Secessione da Roma» Frosinone e Latina giurano a Fossanova
Referendum insieme con i «ribelli» di Rieti e Viterbo.

http://www.corriere.it/politica/10_maggio_01/Secessione-da-Roma-Frosinone-e-Latina-giurano-a-Fossanova-buccini_f1547122-54f5-11df-a414-00144f02aabe.shtml

Anonimo ha detto...

le ragioni della situazione del Sud Italia, con tre delle 5 più potenti organizzazioni criminali al mondo sul suo territorio, ed una crescita negativa che ha affossato tutto il resto d'italia negli anni d'oro dell'economia della crescita a debito (mentre tutti gli stati ex-sovietici e pure anche l'Albania crescevano), non possono essere addebitate solamente al suo popolo. Sicuramente c'è stato un interesse "storico" a far sì che il meridione rimanesse dipendente dal Nord d'Italia, inizialmente per sfruttarlo (ai tempi dei Savoia), poi in funzione "imperiale" (ai tempi di Mussolini), poi in funzione antisovietica (dal dopoguerra all'89), poi in qualità di consumatori (negli ultimi 20 anni di crescita a debito).
Ma da fine 2008 non c'è più alcun motivo logico che imponga al Sud di stare attaccato al Nord d'Italia. Ricordiamo che in tutti questi periodi che ho citato al meridione è stato impedito letteralmente di sviluppare una propria classe media imprenditoriale, cosa che dovrà fare necessariamente quando rimarrà da solo. Non a caso le disparità tra i ricchi e poveri nel meridione d'Italia sono più accentuate che nel resto d'Europa, in quanto è più facile comprare il voto di un povero rispetto a quello di un agiato borghese. A breve questa situazione cambierà (e parlo di pochi mesi), la storia in certi momenti impone il suo tributo e gli avvenimenti che contraddistinguono certi periodi subiscono delle accelerazioni improvvise, come se in pochi anni fossero condensati decenni di storia "normale", chi non lo capisce è destinato tra poco a svegliarsi.

Arsan

Anonimo ha detto...

> Arsan

Riguardo il Suo scritto che ho criticato, non contesto la visione di un potenziale scenario futuro di disgregazione dell'Italia.

Diverso è che, per arrivare alla 'visione', si spandano 'nozioni' assunte in modo acritico, mal digerite, luoghi comuni che rafforzano luoghi comuni.

Ad esempio, con Berlusconi bliblì, bliblà; mentre con Draghi (vedi Bildenberg ecc.) bliblò, bliblù...

Davvero Draghi (idem Prodi) è un 'venduto'?
(Il mio cenno al complottismo riguardava questo specifico pensiero).

Se così pensa, lo faccia sapere senza indugio a chi lo ha nominato (Berlusconi, Tremonti)!

Pazienza, Le è scappato uno scritto da fare sparire e da riscrivere.

E non se la prenda, perchè La sto ancora ritenendo in buona fede.


Sbigottito

PS - Secondo Lei il capetto Scajola è di qui, quo o qua?

Mario B. ha detto...

Arsan ha una sua posizione, ci costruisce un ragionamento e lo offre a tutti noi.
Se mi passate l'esempio ha preparato un vassoio con delle pietanze che ovviamente possono piacere o non piacere.
Sbigottito invece sul suo vassoio ci ha messo ... ci ha messo ... ehi! ma non c'è niente, solo aria fritta.
Ah però su di un bel vassoio d'argento!

Anonimo ha detto...

volevo chiarire alcune cose che possono rendere il quadro generale più preciso.

E' ovvio che da fine 2008 (l'elezione del presidente USA) abbiamo assistito ad un radicale cambio di schieramento internazionale da parte del nostro presidente del consiglio. Se prima il suo rapporto personale con Bush lo metteva al riparo da attacchi di matrice americana, dopo l'elezione dell'abbronzato questo idillio si è rotto e sono immediatamente partiti gli attacchi massmediatici contro il Cavaliere, volti a far passare il suo potere televisivo nelle mani di Murdoch e de Benedetti, e a preparare il campo all'attacco speculativo contro l'Italia con lo scopo ultimo di affossare l'Europa. Questo a meno che uno non voglia credere che un fotografo sardo se ne sia stato appostato per mesi di fronte alla ipersorvegliata villa in sardegna di Berlusconi a scattare migliaia di foto dei suoi ospiti mentre fanno il bagno nudi. La risposta di Berlusconi è stata chiaramente quella di andare a cercare alleati in Europa (accordi sul nucleare con la Francia) oltre che la protezione dell'amico Putin e dal neo-KGB anche a prezzo di firmare un accordo che ha fatto imbestialire ancora di più gli USA, quello del gasdotto Southstream, che fa arrivare il gas russo in europa bypassando tutti gli stati sotto controllo USA, (stati che peraltro oggi stanno ricadendo sotto controllo russo come l'Ucraina o il Kirgikistan). In questo contesto ovviamente anche Draghi è passato tra i "cattivi", essendo un ex dipendente di Goldman Sachs (che anche i meno informati identificano con la quintessenza della lobby finanziaria americana collegata come è noto al partito democratico USA) nominato a quel ruolo dalla grande finanza italiana, quella stessa grande finanza che ora Tremonti sta aspettando al varco sia per comprare a prezzo di saldo le quote di partecipazione alla Banca d'Italia e per rimetterla sotto il controllo pubblico.

p.s. grazie Mario B


Arsan

Anonimo ha detto...

Per quanto riguarda la Lega ed il suo probabile legame con la Germania basta andare indietro nel tempo al momento della sua creazione. Erano gli anni immediatamente successivi alla caduta del muro di Berlino, con la fine della contrapposizione in Europa tra USA e Russia la Germania ha capito che era giunto il suo momento per aumentare la sua influenza su aree produttive che prima le erano precluse, prime fra tutte quelle a nord dei due "gemelli diversi", Italia e Jugoslavia che state costrette a fronteggiarsi per tutto il dopoguerra e a svolgere il ruolo di bastione monolitico contro il nemico. Quindi mentre in Italia si vide la nascita della Lega e la fine della prima repubblica travolta dall'onda degli scandali (non più coperti come prima dai servizi segreti "amici"), in Jugoslavia la Slovenia attua la secessione per andare in orbita tedesca e la Croazia si appresta a fare altrettanto, il resto è storia. La parte a sud della federazione jugoslava, perso il nord produttivo, finisce in guerra civile, complice anche la presenza nel suo territorio di una folta minoranza mussulmana, guerra civile (e milioni di profughi mussulmani in fuga) sedata dall'intervento NATO invocato dalla Germania, la quale come contropartita ha dovuto soprassedere a dividere l'Italia. Poi a seguire c'è stato il ventennio di crescita "a debito" a matrice USA-UK che ha messo sotto il tappeto tutti i problemi e tutte le contraddizioni anche a casa nostra (tanto ci pensavano le formichine cinesi a far vivere tutti in Europa sopra le proprie possibilità).

Ora siamo arrivati al redde rationem.


Ma non voglio annoiarvi oltre, vado a farmi un bel giro in moto (sperando che non piova).

Arsan

Mario B. ha detto...

@Arsan
annoiarci? scherzi vero?
Interessante ciò che scrivi, spiega diverse cose ...
ps occhio che piove!

Anonimo ha detto...

@arsan
quindi secondo te a breve ci sara' la secessione di alcune regioni del nord mentre in centro sud potrebbe scoppiare una guerra civile?

indopama

Anonimo ha detto...

@indopama

di sicuro l'unica alternativa possibile al non fare niente (che porterebbe alla secessione), è varare un federalismo "vero". E' evidente che con lo sviluppo "europeo" della crisi le possibilità di arrivare ad un compromesso con l'élite papalina si è molto ridotto e con esso lo spazio di manovra di Bossi (ad esso propenso). Il motivo è presto detto, in caso di divisione dell'Euro in due, per l'Italia lo scenario greco sarebbe inevitabile nel caso pretendessimo di rimanere nel nucleo forte a causa della zavorra rappresentata dal Mezzogiorno. Al contrario se finiamo nell'Euro debole si aprirebbe un problema grosso con una casa per la Germania visto che un una valuta deprezzata del 30% la Padania potrebbe rappresentare un competitor formidabile per l'industria tedesca. L'unico modo perchè l'Europa che conta non abbia interesse a spezzare l'Italia sarebbe dimostrare che possiamo, tramite il federalismo, riportare ordine ai nostri conti ed ambire a stare nell'Euro di serie A. Chiaramente tra i più strenui oppositori al progetto sono le gerarchie ecclesiastiche, ecco perchè casualmente è stato eletto un papa tetesco, il quale ancora più casualmente ha cominciato a ricevereaccuse dirette o indirette relative alla pedofilia provenienti dalla Germania.
Quindi per rispondere alla tua domanda ti dirò che molto probabilmente fino a che ci sarà la possibilità di fare una riforma in senso federale non succederà niente, nel momento esatto in cui il cammino delle riforme troverà la strada sbarrata il veneto partirà con la richiesta di referendum che si richiamerà alla risoluzione ONU che ha sancito il principio di autodeterminazione per il Kosovo, sostenuto chiaramente dalla Germania che si affretterà a riconoscere il nuovo staterello. Da quel punto in avanti è solo questione di pochi mesi perchè gli si uniscano tutte le altre regioni del Nord.

Arsan

Anonimo ha detto...

e in mezzo a tutto questo c'e' l'euro... le regioni che si dichiareranno indipendenti che valuta useranno? e il mezzogiorno?

indopama

Anonimo ha detto...

LA GRECIA E' STATA SUICIDATA DALLA "MONETA DEBITO" - 28.04.2010

Con la garrota della "MONETA DEBITO" del signoraggio, la Banda Criminale Eurozona (bce) e la Filibusta Mafiosa Interzona (fmi) hanno finalmente SUICIDATO LA GRECIA ! Finalmente hanno raggiunto il loro obiettivo ! Questi GRANDI USURAI sono paonazzi perché sono imbrattati del sangue dei popoli che hanno sempre macellato ! Queste iene della "moneta debito" sbraneranno le ultime risorse di questa povera GRECIA che da molti giorni lancia il suo grido di aiuto nell'indifferenza e nell'ignoranza di tutti noi ! CHI SARA' IL PROSSIMO STATO VITTIMA DI QUESTA BANDA FEROCE DI PREDONI DEL SIGNORAGGIO CHE CI RUBANO LA VITA USURPANDO LA PROPRIETA' DELLA MONETA CHE INVECE E' DI TUTTI NOI CHE L'ACCETTIAMO !?

Anonimo ha detto...

la prossima vittima?
chi decidera' di esserlo...

indopama

Anonimo ha detto...

Nicolò Bellia - I media, il ..., le banche

Anonimo ha detto...

Chi è che stava facendo la manutenzione nella piattaforma BP nel Golfo del Messico?

Dai no, impossibile ! la Halliburton di Dick Cheney!

http://www.halliburton.com/
dopo un pò di compare la bella foto del deepwater nel Golfo del Messico.

Dai va bè sono buono: http://www.halliburton.com/ps/default.aspx?navid=1336&pageid=2721

Having produced over four billion barrels of oil in the past eight years, the deepwater US Gulf of Mexico remains one of the world's most prolific producing areas. Masked by huge sheets of subsurface salt, the Gulf's deepwater Miocene and Lower Tertiary trends place extreme requirements on all aspects of well operations.

Complex challenges exist, but tremendous opportunities and rewards make deepwater activity a driving force. Halliburton technologies have played a key role in the success of many deepwater Gulf of Mexico wells.

We have been involved in over 50 high-profile GOM deepwater drilling projects with over 100 wells drilled. As the market leader in deepwater completions, we have completed over 350 deepwater wells in the GOM.

The complexity of the challenges presented by Miocene and Lower Tertiary trends, coupled with the Salt Canopy in the deepwater Gulf of Mexico, are immense. Success in these deepwater environments calls for a service company with reliable and proven technology, along with the experience and customer commitment to achieve efficiencies through the entire process.


OUR EXPERIENCE SPEAKS FOR ITSELF

Il Folletto

Daniele ha detto...

bravo!
questa sì che è una risposta!
continua con i mantra, tralasciando i fatti, vedrai come ti serviranno!


Il peggio che mi possa accadere è morire, e questo succederà comunque, prima o poi...

Anonimo ha detto...

"Il peggio che mi possa accadere è morire, e questo succederà comunque, prima o poi..."

certo, succederà comunque, ma ragionando così a cosa serve vivere??
tanto vale stendersi a terra ed aspettare la morte....

Anonimo ha detto...

per Arsan
la tua analisi è perfetta.
Con 3 governatori leghisti o psudo tali, il nord d'Italia è di fatto balzato indietro di 150 anni.
Sembra che il Risorgimento non ci sia neanche stato.
Sono ormai molte le municipalizzate del nord d'Italia che si stanno fondendo con quelle tedesche. Di fatto è una secessione economica.
Piemonte, Lombardia e Veneto restano, nonostante i problemi, il sistema più produttivo d'Europa con percentuali di molto superiori ad analoghe regioni tedesche.
Guardate semplicemente cosa ha fatto Wolksvagen con il taxi elettrico? Lo ha ispirato e costruito sulla città di Milano.
Non crediate sia un caso, i tedeschi vogliono il nord d'Italia, a qualunque costo.
E lo avranno...
Capacità produttiva, stabilità politica (vedi Lega e Formigoni),
sono condizioni fondamentali per una crescita spaventosa. Sotto la Romagna è già tutto finito.
Chiedete poi a un bergamasco o un vicentino se preferisce lavorare con una azienda tedesca o del sud d'Italia...

Fantomas

Anonimo ha detto...

ahahah
vedo che la "cura greca" comincia terrorizzare le fondamenta "romano -terroniche" di questa "grande nazione "

Niente paura ragazzi !se i crucchi volevano la padania se la prendevano 15 anni fa....
adesso la vogliono semplicemente morta senza alcuna preferenza per chi e per come e per quando

la nostra " cura greca " ce la faremo tutti insieme come " un sol popolo "...:-)

e pensare che solo la lega ha combattuto l' euro.. il famoso " ombrello " di ciampi-prodi .... alias ....l' "ombrello di cipputi "...:-)

buona europa a tutti
ws