sabato 23 luglio 2011

Default USA 2 agosto, trattative fallite stanotte, che sia la volta buona?

Apocalisse economica, fine dell'economia, scenari alla orwell o alla mad max (o da Pianeta Verde), il default USA o il fallimento degli Stati Uniti e' un po' lo spauracchio degli ultimi 3 anni, da quando la bolla subprime e' esplosa ed ha innescato la Grande Crisi.

Default USA, trattative fallite stanotte

Negli USA il debito ha un limite definito per legge, e lo stato federale non puo' indebitarsi piu' di quel limite.

Se lo deve fare ad ogni costo, perche' ha finito i soldi e se non si indebita ulteriormente fa default, deve cambiare la legge.

Ora il punto e' che per cambiare la legge ci vuole la maggioranza in parlamento, e Barack Obama la maggioranza non ce l'ha piu' da qualche tempo.


Trattative con l'opposizione

Questo e' cio' che e' successo: i soldi sono finiti (ancora) e washington deve emettere altri titoli di debito entro il 2 agosto, o non riuscira' a ripagare il debito esistente e fara' default.

In parlamento, i democratici hanno trattato con i repubblicani per ottenere gli indispensabili voti fino all'ultimo (immaginiamo che prezzo sarebbero stati disposti a pagare i democratici, pur di evitare il default), ma la notizia che e' arrivata questa notte e' che i repubblicani hanno abbandonato il tavolo delle trattative.

Francamente, non si capisce se sia il solito teatrino, con i repubblicani che cercano solo di alzare il prezzo, o se invece sia veramente la volta buona e il default degli USA, inevitabile e solo questione di tempo, arrivi cosi', improvvisamente, in un caldo 2 agosto.

Dopotutto non dovremo attendere molto per scoprire se era un bluff o cosa.

Saluti felici

Felice Capretta
Published with Blogger-droid v1.6.8

29 commenti:

Anonimo ha detto...

felice ma in tal caso se gli usa andasero in default, prevedi che vi saranno ripercursioni solo negative oppure tra tutto il marciume ci sarà la volta buona che qualcosa cambi in meglio?


Silvano Mantide

Mario Barbiero ha detto...

PORTAEREI CLASSE NIMITZ
100.000 tonnellate
332 metri di lunghezza
propulsione nucleare
80 caccia
6.000 uomini
raggio di azione 500 miglia
GRUPPO DA BATTAGLIA
portaerei
portaelicotteri (facoltativa)
incrociatori lanciamissile AEGIS
cacciatorpediniere
fregate
sottomarini nucleari
navi trasporto truppe (facoltativa)
Di robette del genere ne hanno dieci o dodici.
Nessun altro paese al mondo ha nulla che si avvicini anche solo lontanamente ad un gruppo navale da battaglia.
Tenuto conto che il 95% della popolazione mondiale vive abbondantemente entro le 500 miglia dalla costa gli Stati Uniti sono l'unico paese al mondo che non ha bisogno dei soldi per approvigionarsi di risorse e materie prime, se non da un punto di vista formale.
Tutti gli altri invece sì e puta caso quei soldi sono i dollari.

ps Gli Stati Uniti sono come il re, fanno le leggi, battono moneta e comandano l'esercito.
Il 99,99% dei ragionamenti che si leggono in giro fanno finta di non tenere conto di questo trascurabile particolare.
Il rimanente 0,01% invece sa che oltre a questo gli Stati Uniti sono qualcosa di più, anzi molto di più ... perchè la loro leadership (quella vera) sa qualche cosa di più, anzi molto di più degli altri.

ps se fanno default voglio vedere chi glieli va a chiedere, io no di certo e se dovesse farlo l'Italia (ah ah ah) è la volta buona che emigro.

Anonimo ha detto...

"Nessun altro paese al mondo ha nulla che si avvicini anche solo lontanamente ad un gruppo navale da battaglia."

Missili SunBurn cinesi, accreditati di velocità Mach 5/6, sistema di guida in gradio di effettuare manovre evasice in approccio al bersaglio, non intercettabili e si valuta uno o due di essi siano in grado di affondare una portaerei USA.

E costano molto, ma molto meno.

Anonimo ha detto...

Per lo meno mettono per iscritto delle cose chiare.

Come piccolo imprenditore e padre di due figlie, lo speaker del Congresso degli USA John Boehner non può permettere che Obama alzi le tasse

http://www.scribd.com/doc/60673572/boehner-07-22-2011

It became evident that the White House is simply not serious about ending the spendig binge that is detroying jobs and endangering our children's future.


Il Folletto

Anonimo ha detto...

Capretta suvvia crede veramente che gli Usa dichiarino fallimento ???

non diciamo eresie

Mario Barbiero ha detto...

@anonimo 23 luglio 2011 18:02
OH OH OH come direbbe Babbo Natale
sapevi che il missile non è mai stato provato contro un obbiettivo in mare?
Ma i cinesi hanno in progetto entro i prossimi 5 anni di iniziare dei test in tal senso.
In questo momento forse se ne lanciano 50 o 100 assieme hanno qualche possibilità di centrare qualche cosa.
Il missile inoltre funziona grazie ai satelliti tecnologia nella quale gli Usa hanno molta più conoscenza e capacità dei colleghi cinesi.
Onestamente sono più pericolosi i sottomarini diesel elettrici che la Cina ha comprato negli anni 90 dai russi.
Molto silenziosi e letali, ma non con scadenti equipaggi cinesi.

Anonimo ha detto...

mario ha centrato il discorso ma ha usato i dettagli sbagliati, gli americani (assieme agli europei, sono una grande famiglia) hanno ben altre tecnologie, antigravita' ed energia che l'accompagna (idem per i russi), non so quanti velivoli abbiamo sulle nostre teste ed uno l'ho pure visto di persona.
il resto serve come propaganda per la massa che non e' ancora pronta per sapere certe cose.
la finanza si rifara' al momento opportuno e non sara' un problema, il grande cambiamento deve prima avvenire dentro ognuno di noi, deve cambiare lo scopo per cui si vive e di conseguenza cambiera' anche radicalmente le cose che faremo.

Tersite ha detto...

Buffo teatrino di mezza estate. "La legge non lo consente". Per cui, se "la legge non lo consente" non si fa? Sarebbe una novità, da qualche migliaio di anni a questa parte.

Mario Barbiero ha detto...

E comunque dadong bodong king kong ma chi se ne frega!
Debito Usa, Default, ciccio picchio là là là ...
Non è nel mio raggio d'azione né in quello di ognuno di voi quindi parlarne equivale ad ingannare il tempo niente di più niente di meno.

uff che sudata, c'è la sagra di San Giacomo e ho portato Giorgia a ballare.
Età media dei ballerini 75 anni, però ballerini da competizione e come si divertivano.
Tante persone che non sanno niente di Dadong e Bodong e si godevano la serata.
Così come la marea di bambini e genitori che riempiva gli stand e il parco.

tassokan ha detto...

l'unico problema che assilla veramente gli Stati Uniti e gli stati in generale è la mancanza di soldi.
Gli stati Uniti non sono in grado di mantenere il loro apparato militare ,pur pesantemente ridimensionato rispetto ai tempi della guerra fredda.
Le armi costano , e dovranno chiudere delle basi e ridurre ancora l'esercito.
è solo questione di tempo.
Già non basta dire "prendiamo le risorse , il petrolio ,facciamo lavorare gli stranieri per noi"
Purtroppo , come sei è visto con la Cina , la bilancia dei pagamenti è sempre un problema.
Poco , ma comunque i Cinesi devono pagarli , e volano via delle centinaia di miliardi di dollari , che gli USA NON HANNO.
Come andrà a finire , non lo so , ma immagino che scoppierà una guerra o una rivoluzione , anche negli USA , con magari al divisione in due o tre nazioni più piccole (che non pagheranno il debito pregresso).
Sarà tutto molto veloce , basti vedere come si è volatilizzato l'impero inglese , eppure pochi decenni prima l'Inghilterra era la nazione più potente del mondo.
Per non parlare dell'apparato militare sovietico , dove è finito?
Io , per esempio , vado spesso in Russia e parlo anche con i militari, adesso che pagano gli stipendi e investono nella ricerca e negli armamenti hanno sempre un esercito in grado di inviare centinaia di aerei in poco tempo contro un eventuale nemico , per non parlare di duecentomila soldati sempre pronti , con armi e altro , ma , pur essendo un esercito forte di mezzi una quindicina di volte quello italiano , la loro forza è sempre una pallida ombra di quella che avevano ai tempi della guerra fredda.
Parlerei delle portaerei americane tra 5 , al massimo dieci anni , e vedremo cosa è rimasto.

Anonimo ha detto...

.......se gli usa non troveranno un accordo salteranno un sacco di pagamenti in tutto il mondo,i primi
saranno gli interessi sul debito americano in possesso dei cinesi e
questi sicuramente non potranno stare a guardare.
Qundi anche i cinesi come ritorsione faranno saltare dei pagamenti agli americani (fornitura di materie prime di qualsiasi tipo), aquesto punto gli americani interromperanno le forniture di materie prime ai cinesi i quali non potendone fare a menno tenterrano accordi commerciali con paesi fornitori o
addirittura con soceta' private
allinterno degli stati stessi pur di avere la merce.
Gli americani non riusciranno ad interromere questi accordi quindi
.......il resto mettetecelo voi...
e tanti auguri.

L'ULTIMO DEI MOICANI

Anonimo ha detto...

"OH OH OH come direbbe Babbo Natale
sapevi che il missile non è mai stato provato contro un obbiettivo in mare?"

Iran testa missili terra-mare supersonici

http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/middleeast/iran/8309873/Iran-test-fires-new-supersonic-missile.html

OHOHOH sai che Babbo Natale non esiste?

Renèe ha detto...

@Mario Barbiero

Sei stato alla Sagra di San Giacomo di Santa Maria di Sala?

Mi sa che ci conosciamo....

:)

Mario Barbiero ha detto...

@anonimo 24 luglio 2011 12:10
io crederò ancora a Babbo Natale, ma tu sei messo molto peggio se credi a telegraph.co.uk

Una notizia che non troverai su telegraph.co.uk.
Gli iraniani sono pieni di parabole satellitari e guardano una marea di programmi occidentali.
Il regime lo sa (le parabole sui tetti si vedono) ma siccome non è una accozzaglia di barboni con la scimitarra in bocca come i mezzi di informazione occidentali li descrivono gli sta bene così.
E le famiglie iraniane più in vista sono ben felici di avere ospiti occidentali nelle cene e serate importanti.
Testimonianza di uno che fa il corrispondente per una agenzia di stampa da Teheran, il quale mi ha detto chiaro e tondo che le informazioni che raccoglie non sono certo per i giornali ...

ps
i cinesi hanno il super missile!!!
e il popolo bue:"ooohhhh!"
gli iraniani provano un sacco di missili!
e il popolo bue:"ooohhh!"
ce l'hanno con noi, li useranno contro di noi
e il popolo bue:"aiuto!"
non vi preoccupate, c'è lo zio Sam che li bastonerà
e il popolo bue:"a morte il nemico, w lo zio Sam!".

Pluto ha detto...

Truppe mal addestrate?
http://youtu.be/RMjmuLRyyKE
http://youtu.be/ru-xQac_sWw

parata + esercitazioni:
http://youtu.be/c6Xd7AOHKRs

un po' di esempi della tecnologia militare cinese:
http://youtu.be/SuW7JzF1dSs

piccolo riassunto:
http://youtu.be/0BLHDh9qKPE

I marines noon funzionano se non hanno le tende con l'aria condizionata, i mc Donald' s nel campo militare e le docce con getti massaggianti da campo..

Mario Barbiero ha detto...

PROPRIETà PRIVATA E CONDIVISIONE
I primi giorni che portavo mia figlia al parco assistevo spesso a scene tipo questa:
bimbetto/a in un angolo con i propri giochi;
altro bimbetto/a che si avvicina per prendere una cosa;
reazione immediata del proprietario a difesa dei propri beni;
genitore che redarguisce il proprio figlio/a perchè non presta le proprie cose;
genitore che redarguisce il proprio figlio/a perchè vuole giocare con le cose di un altro bambino/a
RISULTATO FINALE:
due bimbetti in modalità sirena contraerea e due genitori (nonni, babysitter) alterati.

Un bel giorno una bimbetta arriva con una borsa piena di giocattoli, li rovescia per terra e inizia a giocare.
Si avvicinano i primi bimbetti e già i loro genitori entrano in fibrillazione.
La bimbetta lascia di stuccco tutti perchè si alza, prende dei giochi e inizia a dividerli con i nuovi arrivati.
Sembra ben contenta di avere dei compagni di gioco.

Oggi i bambini hanno a disposizione molti giochi, chi porta il pallone, chi palette e secchiello, chi la bicicletta ...
Ogni tanto c'è un bimbo/a nuovo che resta un po' perplesso da questo spirito di condivisione, ma poi vede che lo fanno tutti e che tutto sommato mettendo a disposizione un gioco ne può usare molti altri.
segue

Felice Capretta ha detto...

@ silvano, ultimo dei moicani e altri sul default

mah! la sensazione è che i repubblicani stiano solo cercando di alzare il prezzo carissimo del loro voto, ma vai a sapere cosa puo' succedere.


saluti felici

felice

Anonimo ha detto...

"io crederò ancora a Babbo Natale, ma tu sei messo molto peggio se credi a telegraph.co.uk"

Mentre invece dovrei credere solo a te, sarebbe così la storia?

"Testimonianza di uno che fa il corrispondente per una agenzia di stampa da Teheran"

Che adesso è diventato credibilissimo, mentre cinque secondi fa dicevano solo cazzate.

Sento già le renne.

Bello questo:

i cinesi hanno il super missile!!!
e il popolo bue:"ooohhhh!"
gli iraniani provano un sacco di missili!
e il popolo bue:"ooohhh!"
ce l'hanno con noi, li useranno contro di noi
e il popolo bue:"aiuto!"
non vi preoccupate, c'è lo zio Sam che li bastonerà
e il popolo bue:"a morte il nemico, w lo zio Sam!".


Veramente, il fatto che l'Iran e la Cina possano avere un efficace sistema missilistico DIFENSIVO dato che i SunBurn sono pensati per distruggere le portaerei e non bombardare i poveracci come l'uranio impoverito e le bombe al fosforo è una notizia piuttosto SCOMODA per i guerrafondai, dato che peraltro rende un pochino più difficile convincere la popolazione a una nuova guerra se "beh, sì, ci potrebbero affondare un paio di portaerei o tre da centinaia di miliardi di dollari l'una con tutti i 3-4mila militari americani a bordo, ma è per una buona causa" è sul piatto.

Forse fa più comodo la tua versione "lo zio Sam è strapotente, il più forte di tutti di gran lunga quindi ci conviene a tutti sottometterci ossequiosamente e farci tirare le briciole".

Chissà cosa ne pensa la Befana.

Mario Barbiero OH OH OH ha detto...

Credere in realtà è l'unica cosa che possiamo fare quando ci interessiamo di tutto ciò che non siamo noi e la nostra vita ovvero di tutto ciò che è lontano da noi.
Semplicemente perchè dobbiamo credere alle parole di chi ci dice di aver osservato una certa cosa.
La stessa cosa vale per l'Iran e il modo in cui vivono o i test militari.
Né io né te caro anonimo c'eravamo.
Quindi alla fine questi discorsi si riducono a gossip.
Il fatto che la tua fonte sia un giornale più o meno schierato e
la mia una persona più o meno capace che viene pagata per vedere con i suoi occhi cambia poco.
Né io né te caro anonimo c'eravamo.

Anonimo ha detto...

"Credere in realtà è l'unica cosa che possiamo fare quando ci interessiamo di tutto ciò che non siamo noi e la nostra vita ovvero di tutto ciò che è lontano da noi."

Già, perchè ragionare e usare il cervello quando c'è la fede?
Storicamente ha sempre dato buoni frutti, soprattutto in Terra Santa.

"Semplicemente perchè dobbiamo credere alle parole di chi ci dice di aver osservato una certa cosa."

Perchè scomodarsi a osseervare la realtà?

"La stessa cosa vale per l'Iran e il modo in cui vivono o i test militari."

Le poraterei classe Nimitz invece, sono un assoluto, per dogma. Ma esisteranno veramente?

"Né io né te caro anonimo c'eravamo."

Ovvero, dal dogma assoluto dell'invincibilità americana a "la realtà non esiste" quando si è alle strette.

"Quindi alla fine questi discorsi si riducono a gossip."

Milioni di morti di gossip ultimamente in giro per il mondo, eh?
Io bombarderei subito la sede di Novella2000, per sicurezza.

"Il fatto che la tua fonte sia un giornale più o meno schierato e
la mia una persona più o meno capace che viene pagata per vedere con i suoi occhi cambia poco."

Quando non si ha un cervello o non lo si usa, indubbiamente.

"Né io né te caro anonimo c'eravamo."

C'eravamo tanto armati.
Troppo comodo buttare all'aria la tavola quando vedi che stai perdendo la partita.
Ma dimmi, le portaerei americane esistono o sono solo un sogno?

Perchè, sai, nè tu nè io c'eravamo.

Mario Barbiero OH OH OH ha detto...

@Renèe
zona Padova sud

Mario Barbiero OH OH OH ha detto...

@solito anonimo
l'atto di fede è quello che facciamo quando ascoltiamo chiunque ci parli di un qualche cosa che non abbiamo visto o sentito.
esempio banale:
repubblicani e democratici non trovano l'accordo sul debito.
Ma sarà vero?
Nessuno di noi è presente quando si incontrano.
Ce lo dicono i mezzi di informazione, lo sentiamo anche dalle parole dei diretti interessati.
Ma sarà vero?
Lo sanno solo i diretti interessati, noi da fuori possiamo crederci ovvero ci fidiamo di quello che ci viene detto oppure non ci crediamo e proviamo ipotizzare cosa sta realmente succedendo.
Oppure possiamo semplicemente disinteressarci e concentrare la nostra attenzione su ciò su cui abbiamo possibilità di incidere veramente ovvero la nostra vita e in misura minore su quella di chi ci sta intorno o sta percorrendo un tratto di strada in nostra compagnia.
Io su di una portaerei ci sono pure stato, con il suo bel gruppo da battaglia.
Di sottomarini ne ho visto uno solo in emersione, effettivamente dell'esistenza del secondo l'ho saputo perchè me lo hanno detto. Quindi sì per il secondo sottomarino ho fatto atto di fiducia.
Così come faccio atto di fiducia sul fatto che gli Usa abbiamo più di un gruppo da battaglia non avendo visto tutti gli altri.

Ma almeno uno posso dire di averlo visto con i miei occhi.

ps il processo razionale è una fregatura perchè ha due sostanziali limiti:
1)la veridicità delle informazioni che vengono razionalizzate;
2)la capacità individuale di razionalizzare correttamente le informazioni.

punto 1
se si riceve una informazione sbagliata si può anche essere il mago della logica e della razionalità, si lavorerà su di una informazione sbagliata
punto 2
siamo di fronte ad una informazione relativa ad un fatto totalmente nuovo, mai accaduto prima che si fa? con cosa lo si confronta? mancano le categorie di riferimento quindi o ce ne inventiamo di nuove o proviamo ad usarne di conosciute per processi che assomigliano vagamente a ciò che stiamo osservando.
Con tutti gli errori del caso!

Mario Barbiero OH OH OH ha detto...

@solito anonimo
ovviamente aspetto trepidante una tua foto a fianco di un DO DONG o a bordo di un materassino mentre un missile iraniano plana su di te.
E che siano ben nitide!

Anonimo ha detto...

"l'atto di fede è quello che facciamo quando ascoltiamo chiunque ci parli di un qualche cosa che non abbiamo visto o sentito."

No, io quando ascolto qualcuno, ascolto e basta, non faccio "atti di fede".
Successivamente, traggo le conclusioni del caso.

"Io su di una portaerei ci sono pure stato, con il suo bel gruppo da battaglia."

Questo lo dici tu, quindi, come prima, non mi hai dimostrato niente, incluso il fatto che le portaerei americane esistano davvero.

Continuiamo il giochino?
Troppo comodo prima fare affermazioni categoriche sull'onnipotenza americana (o qualsiai altra cosa) come si avesse la verità in tasca e poi mettere in discussione l'intero universo per coprire una probabile figuracccia.

Renèe ha detto...

@Mario B.

sono anch'io di Padova,
penso che tu sia venuto a qualceh conferenza di Gaia,
ci rivedremo presto quest'autunno con una bella sorpresa :)

Mario Barbiero OH OH OH ha detto...

@solito anonimo
Tutti ascoltano e poi traggono delle conseguenze:
è così
non è così
è così solo in parte
Cosa ci permette di prendere una delle tre posizioni?
Facile se siamo stati testimoni oculari; ci formiamo un giudizio sulla base di ciò che abbiamo visto.
Non siamo testimoni oculari quindi se decidiamo di valutare lo stesso quanto ci viene detto ci affidiamo a dei processi di tipo razionale con i quali valutiamo il racconto di chi stiamo ascoltando.
Processi che hanno più o meno i limiti che ho espresso nel predente intervento.
Senza contare che chi stiamo ascoltando potrebbe non essere testimone diretto, ma raccontare qualche cosa che un altro gli ha raccontato, che un altro gli ha raccontato.
Se hai qualche cosa di utile da riferirmi sull'argomento ti ascolto volentieri.

ps quando la Corea del Nord ha bombardato un'isola della Corea del sud i cinesi hanno mandato la propria riprovazione, gli americani invece un gruppo da battaglia.
Almeno così hanno detto ...

Anonimo ha detto...

"ovviamente aspetto trepidante una tua foto a fianco di un DO DONG o a bordo di un materassino mentre un missile iraniano plana su di te."

La mettiamo accanto alla tua sul ponte di volo della Nimitz.

A proposito, che ci facevi la?

Anonimo ha detto...

L'URSS è caduta perchè non riusciva più a sostenere le spese militari oggi tocca agli USA che hanno spese militari e di combustibili a dir poco apocalittiche, per sostenerle dovranno ridurre la spesa pubblica ad un livello che accenderà una rivolta popolare anzi una guerra civile tra stati confederati...ieri alla Russia oggi agli USA...

Mario Barbiero OH OH OH ha detto...

@Hi.. pardon solito anonimo
ero un bimbetto in vacanza e un amico di famiglia mi ha fatto un grande regalo, se ti accontenti carico la foto su di un cacciatorpediniere di quella flotta ...