domenica 26 settembre 2010

Lapidazione in iran, macchianera blog award e le fans tedesche


Stimatissimi, prima di parlarvi della lapidazione in Iran parliamo di cose frivolette.

Venerdì si sono concluse le votazioni per il Macchianera Blog Award 2010, dove eravamo giunti alla fase finale per la categoria "il miglior post dell'anno".

Ha vinto spinoza.it , al quale vanno i nostri complimenti (beh, a nostro avviso il nostro post su via padova era migliore del suo, anzi, era il più bello di tutti, ma si sa: ogni caprettino è bello a mamma sua).

Se avessimo vinto, saremmo andati sul palco ed avremmo proiettato un video.

Non abbiamo vinto, ma chissene: il video ve lo mostriamo lo stesso, sperando che sia gradito e vi faccia sorridere, con i nostri più grandi ringraziamenti caprini a tutti coloro che ci hanno votato e sostenuto.

Grazie amici blogger, tra cui in particolare bimboalieno , mercato libero news e mercato libero .

Grazie lettori, grazie amici.

Ed ecco il filmato, inviato da due affezionate lettrici tedesche, che mostrano così il loro affetto per Informazione Scorretta e per il vostro blogger preferito :-)




Autocompiacimenti a parte, in questi giorni abbiamo avuto modo di grattare un po' più a fondo la quesitone della lapidazione di Sakineh in Iran, e abbiamo scoperto che ci sono alcune incongruenze di fondo.


Il caso Sakineh

Ok, ok, aria fritta.

Ma forse no.

La versione ufficiale racconta che c'e' una persona in Iran, tale Sakineh Mohammadi Ashtiani, che è stata arrestata per adulterio e condannata alla lapidazione. Il regime iraniano è evidentemente un soggetto mostruoso (e si sta pure dotando di armi nucleari) e non sarebbe poi così sbagliato ricoprirlo di bombe.

Già.

Ruminando un po' internet, si scoprono alcune cose molto interessanti.

Si scopre infatti che Sakineh Ashtiani in realtà oltre ad aver commesso adulterio avrebbe anche ucciso il marito al fine di spassarsela con l'amante. Il che, faranno notare gli affezionatissimi, non giustifica la messa a morte per lapidazione.

Concordiamo pienamente, anche se è essenziale sottolineare che nella versione ufficiale che circola in occidente la frase "accusata dell'assassinio del marito" è stata fatta sparire il più delle volte.

Un po' come dire:

"ruba caramelle, condannata all'ergastolo"

anzichè

"ruba caramelle e ammazza il barista, condannata all'ergastolo"

Ecco, c'e' una certa differenza nelle due frasi, e chi opera una cancellazione ottiene una pesante distorsione del Vero. A suo favore, solitamente.

Resta comunque la barbarie della pena di morte.

In particolare, resta la barbarie della lapidazione, che è un tantino più crudele della apparentemente asettica iniezione letale o dell'impiccagione. O della fucilazione, per citare alcune pene di morte ancora presenti nel mondo cosiddetto "civile".

Già.

Che ci sarebbe anche da parlare a lungo della lapidazione. Si, perchè risulta che la lapidazione in Iran non si pratica più da molto tempo. Si sbilancia nientemeno che lo stesso Ahmadinejad, affermando che non è mai esistita una sentenza di lapidazione nei confronti di Sakineh.


Alcuni fatti sulla lapidazione in iran


La lapidazione in iran è stata introdotta nel codice penale islamico solo nel 1983.

Il governo ha decretato una moratoria sulla lapidazione nel 2002, anche se non è mai stata formalmente abolita.

Da quando Ahmadinejad è stato eletto, ci sono stati pochi casi di sentenza di lapidazione da parte dei giudici: nel 2006, 2007 e 2010.

Nel Gennaio del 2005, il portavoce della magistratura Jamal Karimirad ha dichiarato che "la lapidazione è stata eliminata dal codice penale da molto tempo, e nella repubblica islamica questo tipo di condanna non viene portata avanti".

Ha inoltre aggiunto che se una sentenza di lapidazione fosse stata comminata da una corte di giudizio, tale decisione sarebbe stata annullata dalle corti di grado più elevato e "nessuno di questi verdetti sarebbe stato portato a compimento".

Nel 2008 la magistratura ha rimosso la lapidazione nel progetto di legge proposto al parlamento per l'approvazione.

Nel 2009 il parlamento iraniano ha rivisto e modificato il codice penale islamico per eliminare la lapidazione.

Dunque in Iran non si lapida più da molto tempo per prassi.

E dal 2009 è vietato dalla legge.


Il resto è propaganda.

Saluti felici

Felice Capretta


ps: resta naturalmente il problema della condanna a morte in tutte le nazioni che ancora la praticano, iran compreso.

45 commenti:

Anonimo ha detto...

Gentile Felice,
se le cose stanno come dici tu, sarebbe una cosa gravissima, in quanto vuol dire che tutti i giornali di mezzo mondo raccontano palle.
La storia della lapidazione per adulterio (e non per omicidio), e` scritta in tutti i giornali del mondo.
So che i giornali spesso danno una versione addomesticata dei fatti, ma il fatto che ci sia stato un cosi` enorme distorcimento della realta` da parte dei media e` semplicemente qualcosa di incredibile, su cui vorrei andare a fondo.
In particolare, non esiste qualche sito di riferimento oltre al sito www.milenio.com che non conosco e sulla cui affidabilita` niente posso dire?
Vuglio dire, qui stiamo dicendo che tutti i giornali del mondo hanno spudoratamente mentito riguardo uno dei principali temi di politica estera, mi sembra che un po` piu` di "evidence" sarebbe opportuna..
Altra domanda, non ho letto completamente il discorso del presidente iraniano, ma perche` nemmeno un accenno a tali presunte bugie dei media occidentali da parte di Ahmadinejiad durante il suo "speech" all` ONU?

Gigi

Anonimo ha detto...

Si, confermo quanto detto da Felice.
Anch'io solo per puro caso ho sentito in TV che era stata indagata anche per l'omicidio del marito.
Ma solo una volta in settimane di propaganda occidentale.

Avrei preferito che tutti i nostri premi nobel avessero lottato per la penna di morte in generale, visto e considerato che in TANTI paesi al mondo esiste ancora e non è presente SOLO in Iran.

Se qualcuno si dovesse chiedere come la penso, credo che esistano tanti altri modi per punire una persona che ti ha privatro di un caro, molto più lunghi e dolorosi.

Con questo voglio solo dire che non sono un buonista e che non credo al finto perdono professato da tanti.

Scusate la mia cruda sincerità ma come tale è sempre scomoda.

Un saluto
L'erede dei 40 ladroni

Anonimo ha detto...

sulla questione della pena di morte i due storici rivali USA e IRAN la pensano alla stessa maniera e si differenziano soltanto per il modo in cui metterla in pratica. Si potrà discutere se la lapidazione è incivile mentre l'iniezione letale è accettabile e di altre sciocchezze del genere continuando a vedere pagliuzze e non la trave. E si dovrà ammettere che la chiesa cattolica e poche altre associazioni laiche sono da sempre state rivoluzionarie da questo punto di vista ... apertamente dicono no alla pena di morte e da tempi non sospetti. Io mi fido di chi ha scelto di parlare apertamente e di arrivare al centro della questione.
Buongiorno
RDM

astabada ha detto...

Faccio notare en passant che Ahmadinejad non c'entra nulla con questa storia in quanto in Iran vige la separazione dei poteri.

Segnalo poi questo articolo sullo stesso tema, in cui si fanno anche i nomi dei promotori della campagna di disinformazione, nonche` quest'altro, per chi avesse voglia di leggerlo o anche solo dare un'occhiata.

Cheers,
astabada

Anonimo ha detto...

ma degli innumerevoli giorni di torture (interrogatorio) non ne parla nessuno???
baleandro

Anonimo ha detto...

@ma degli innumerevoli giorni di torture (interrogatorio) non ne parla nessuno???
baleandro

dico che non c'è molta differenza con quello che succede dalle nostre parti...purtroppo.
solo che noi, a detta dei più, siamo i paesi civilizzati.

hai presente cucchi, rasman, aldrovandi, giuliani, ecc...?

Anonimo ha detto...

Gabriele Sandri, Giuseppe Uva, Aldo Bianzino, ecc...

se proprio vuoi altri esempi di giustizia italiana e dei metodi della nostra polizia.

Anonimo ha detto...

Gabriele Sandri, Giuseppe Uva, Aldo Bianzino, ecc...

se proprio vuoi altri esempi di giustizia italiana e dei metodi della nostra polizia.

Anonimo ha detto...

Larry King

La storia di Sakineh fa parte della propaganda messa in piedi dall'OCCIDENTE per preparare la guerra all'Iran.

Ho visto l'intervista di Ahmadinejad da Larry King e m'è parso, nelle sue risposte, sempre molto lucido e pacato.

La cosa surreale è che, Sakineh a parte, tutti stanno a disquisire se l'IRAN possa o meno dotarsi di un armamento nucleare. Ahmadinejad dichiara di non volerlo fare e di voler invece sfruttare il nucleare per scopi civili.

La cosa surreale è che gli americani, che di testate nucleari ne hanno fin troppe (e purtroppo ne hanno fatto anche uso), pretendano di impedire a un libero Stato di fare altrettanto.

Ah, già, dimenticavo che in IRAN c'è la dittatura...

guru

Anonimo ha detto...

http://intermarketandmore.finanza.com/per-basilea-3-lehman-brothers-sarebbe-ok-17088.html

Ma va?

Il Folletto

Anonimo ha detto...

La Cina si prepara ad un nuovo 11 Settembre

http://www.zerohedge.com/article/china-proudly-demolishing-buildings-completed-pursuit-great-housing-bubble-perpetual-engine

Il Folletto

Anonimo ha detto...

@Erede
"Anch'io solo per puro caso ho sentito in TV che era stata indagata anche per l'omicidio del marito."
Indagata o condannata?

Gigi

Mario B. ha detto...

Va bene visto che indopama è in ferie lo chiedo io al suo posto (ragion per cui le lamentele poi le indirizzate al buon indo ...).

Questa videnda della lapidazione cosa cambia nelle nostre vite di tutti i giorni?
Perchè lo scopriamo oggi che l'informazione ufficiale è indirizzata a precisi obbiettivi?

ps ma uno che sta a Bali dove va in ferie? in una grande caotica e inquinata metropolitana?

Mario B. ha detto...

nota di servizo

ben fa Felice a rendere nota l'informazione (quella vera), ma sfugge l'utilità poi del dibattito che segue ... sì è vero i media non hanno detto che è una delinquente ... eh sì l'ho sentito anche io ... ma le pietre che usano sono tonde o a punta? ... ma sono pietre di fiume ... no ho sentito che sono di montagna ... ma granito o calcare ...

e intanto LORO gongolano, il giocattolo INTERNET & LIBERTà funziona che è una meraviglia!!!

Dai non pensavate davvero che Internet non fosse nei loro progetti ...

Anonimo ha detto...

Filmato interessante! Anche se... pensavo che questo blog fosse leggermente più impegnato.
Conosco una famiglia Iraniana e mi sembrano persone normalissime, quello che si dice dell'Iran è sicuramente gonfiato dai mezzi di comunicazione.
Gena

Anonimo ha detto...

@ mario

"Dai non pensavate davvero che Internet non fosse nei loro progetti ..."

Può essere che la rete fosse nei loro progetti, ma sai come sono questi dell'elite, spesso fanno pasticci. :D

Che ne pensi di questo?

guru

Fede ha detto...

Pare le le lapidazioni ci siano.


http://www.lastampa.it/multimedia/multimedia.asp?IDmsezione=10&IDalbum=30284&tipo=VIDEO


Fede

astabada ha detto...

@ Fede

Non capisco proprio cosa c'entri il tuo link!

Qui si parla dell'Iran, un paese enormemente diverso dal Pakistan, e per cultura e per situazione politica ed economica.

Un po' come dire in un dibattito sulla pena di morte negli USA che pero` in Danimarca la pena di morte non c'e`.
En passant Danimarca e USA sono molto piu` vicine economicamente e culturalmente di quanto non lo siano Iran e Pakistan.

@Mario
Il dare la notizia siamo d'accordo e` sempre utile, l'azione e` (a mio modestissimo avviso) impossibile o inutile in quanto mancano le condizioni necessarie.
Siamo vittime prima di tutto di un fallimento politico e culturale senza precedenti, e ce ne vorra` prima che usciamo da "questa fratta" come si dice dalle mie parti.

Solo i miei due eurocent.
astabada

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=NCyCrl8mMbo&feature=player_embedded

Il Folletto

Fede ha detto...

@astabada

Non credo che andrò in iran per postare delle foto.

Siamo d'accordo che l'attuale campagna mediatica è una strumentalizzazione sulla sofferenza della gente, la mia città è letteralmente tappezzata di manifesti con l'immagine di questa donna.

Il fatto di negare che la legge li è abbastanza "alla mano" (nel senso che te la tagliano) non è un'invenzione.

USA e Danimarca saranno pure molto vicine economicamente e culturalmente come dici te ma non confinano.

Fede

Anonimo ha detto...

@ gigi
scusa ma la domanda sorge spontanea.
ma dove .azz sei vissuto gli ultimi 10 anni?
non ricordo un solo giornale o giornalista che abbia fatto informazione vera ne di destra ne di sinintra ne di centro ne di sopra ne di sotto,sono TUTTI schifosamente, viscidamente e bavosamente VENDUTI;SI?
e scusate il fuori tema,qualch'uno sa come vanno le cosa in islanda?fanno la fame o no?

katanga
hasta luego

Anonimo ha detto...

@katanga
So bene che i media sono piu` o meno controllati, o meglio, spaventosamente di parte.
Ho visto il filmato dell` intervista di Ahmadinejiad a Larry King, e devo dire che anche lui ha detto che la donna e` sotto processo per omicidio, non per adulterio.
Pero` alle volte non sai a chi credere, anche la "contro-informazione" alle volte le spara grosse, ad esempio, quando mette fuori leggende sull` 11 Settembre senza uno straccio di prova.
Parliamo del film di Mazzucco, per esempio, pieno di errori e di dubbia credibilita`.
E allora non sai a chi credere!

Gigi

Felice Capretta ha detto...

@ gigi

ciao, rispondo ora al tuo primo e all'ultimo commento.

per approfondire io cercherei

stoning iran propaganda

ma anche la pagina di wikipedia che ho linkato è un punto di partenza.

perchè ahmadinejad non ne abbia parlato all'onu non lo so, ma presumo perché c'erano cose ancora più importanti di cui discutere (dal suo punto di vista). il folletto ha citato alcuni stralci del discorso di ahmadinejad all'onu ed è stato molto, molto interessante.

vengo all'ultimo commento. a chi credere?
la risposta é: comprendo che in un mondo complesso e frammentato é necessario avere dei punti fermi. anche se l'unico vero punto fermo siamo noi, e nel tuo caso ...sei tu. credere a qualcun altro significa accettare la verità di qualcun altro.

non ti conosco personalmente ma credo che non ti manchi niente per formarti una tua opinione sulla base dei fatti più possibile reali. il film di massimo mostra dei fatti e delle opinioni, altri portano fatti ed opinioni, sta a te dedurre e tirare le conclusioni.

tue e solo tue.

saluti felici

felice

Anonimo ha detto...

"comprendo che in un mondo complesso e frammentato é necessario avere dei punti fermi. anche se l'unico vero punto fermo siamo noi, e nel tuo caso ...sei tu. credere a qualcun altro significa accettare la verità di qualcun altro."

Sì l'argomentazione è corretta, ma... come dire, molto soft.

Pure troppo.

Prendiamo la vicenda della guerra in Irak. Anche allora c'era chi sosteneva che Saddam fosse il diavolo e chi invece diceva che era Bush il cattivo.

Ognuno si faceva la sua personale opinione, certo.

Ma esisteva una verità oggettiva e milioni di persone ne hanno fatto le spese.

E quelli che attaccavano Saddam, sono gli stessi che oggi attaccano Ahmadinejad.

E la verità, per chi la vuol vedere, sta lì in bella mostra.

Sveglia.

guru

Mario B. ha detto...

@guru
una volta ho sentito uno dire che la verità è facilissima da trovare: nel mondo di oggi basta guardare dove vanno i soldi, la verità è dalla parte opposta!

Mario B. ha detto...

@astabada
Il fallimento è innazitutto nostro come persone, basti pensare al senso civico che c'è nel nostro paese.
La classe dirigente che ci ritroviamo è solo la conseguenza del degrado morale e civile a cui siamo arrivati innanzitutto come singoli e di riflesso come collettività in tutti i suoi aspetti.
Berlusconi, Bossi e compagnia bella altro non sono che ombre su di un muro di milioni di italiani.
I cambiamenti possono partire solo da noi, finchè ciò non accade le cose possono solo che peggiorare.

Anonimo ha detto...

non e' possibile che un gruppo dirigente intelligente e onesto vada a dirigere un branco di ignoranti egoisti.

ma chi lo vorrebbe mai fare?


indopama

astabada ha detto...

@Fede

Non capisco su cosa tu ti basi per dire che li` la legge e` abbastanza alla mano.

Ammesso, come credo, che tu stia parlando dell'Iran, si tratta di uno stato estremamente civile, dove ci sono partitit politici veri, con idee diverse (a differenza che nel mondo occidentale, dove c'e` un solo partito, un po` come nell'URSS) dove il potere esecutivo (fino a prova contraria) non interferisce con quello giudiziario.

Le leggi che ci sono il popolo le condivide in massima parte.

Se invece parli del Pakistan, direi che nelle regioni controllate dai Taliban non c'e` uno stato.
Loro si` che sono "alla mano" e guarda caso sono stati finanziati, in origine, da Arabia Saudita e USA in funzione anti sovietica.

Non credo ti sarebbe difficile filmare una lapidazione in Iran, dato il volume di dati che "trapelo`" durante ad esempio la "rivoluzione verde".

Infine ti faccio notare che nel mondo un sacco di stati che si somigliano non confinano (USA e UK, Isola di Pasqua e Madagascar) e un sacco di stati che confinano non si somigliano (Papua Nuova Guinea e Indonesia, Turchia e Siria, Iran e Pakistan, Kirghizistan e Cina, Etiopia e Somalia, ...)

Con rispetto, come sempre
astabada

astabada ha detto...

@Mario

Sono d'accordissimo con quanto dici, pero` non mi e` chiaro quale sia la linea strategica da adottare.

Mi sembra, in altre parole, che nel mondo occidentale il divario tecnologico tra la classe dominante e il popolo bove sia diventato tale da rendere arduo ogni sforzo.

Una delle cose che possiamo senza dubbio fare e` svegliare le coscienze, ma la competizione tra - si puo` dire noi? Ti offendi? - con i nostri mezzucci e loro, con i loro mezzi (media) mi pare senza speranza.

Per ogni persona che "sveglio", diciamo per fissare le idee, 150 muoiono e le 150 che le sostituiscono (o 149 in Italia) le indottrina la TV.

Il benessere, l'avere (che poi il nostro avere non e` che un piatto di lenticchie, al confronto con quello dei soliti Soros) ha intorpidito la nostra umanita`.

E' naturale che i cambiamenti (in meglio) possano venire solo da noi, perche' la classe al potere si trova benissimo con questo sistema (che essa ha creato su misura delle proprie esigenze) e non ha la minima intenzione di rovesciare il suo apparato di potere.
Siamo d'accordo quindi sul chi (noi) e sul cosa (grossomodo cambiare il sistema, restituire il potere alla gente) ma non capisco bene come.

Ne vogliamo parlare?
astabada

reboot ha detto...

Krishnamurti una volta disse che il miglior modo d'aiutare l'umanita' e' di raggiungere la perfezione a livello personale. Cominciao a credere che avesse ragione.

Anonimo ha detto...

"La classe dirigente che ci ritroviamo è solo la conseguenza del degrado morale e civile a cui siamo arrivati innanzitutto come singoli e di riflesso come collettività in tutti i suoi aspetti."

Ok, è vero che il nostro tessuto morale è andato a puttane, ma le maggiori responsabiltà vanno attribuite sopratutto a quella classe politica e imprenditoriale che qui si vuole assolvere.

La classe dirigente è quella che decide e deve assumersi le proprie responsabilità.

Il pueblo, più di mettersi a 90 gradi e sottostare alle voglie dei potenti, cosa doveva fare?

La rivoluzione?

guru

Mario B. ha detto...

@astabada
ci sto, riordino le idee e ti dico quale potrebbe essere una sorta di percorso guida.
Potrei scrivere cosa sto facendo io ma vale solo per la mia specifica realtà.

Anonimo ha detto...

@ reboot

L'uomo è un animale... intelligente, ma come tutti gli animali agisce per emulazione di modelli sociali precostituiti.

Ogni uomo, mangia, dorme, fa cacca e pipì, si riproduce.
Tutte cose "terrene".

Io apprezzo il percorso che Mario e altri stanno cercando di compiere per trovare sé stessi e anch'io sto facendo il mio, ma non c'è bisogno di scomodare Krishnamurti.

Si tratta solo di trovare un modo per vivere meglio in questa terra, il paradiso... può attendere. :D

guru

Mario B. ha detto...

@guru
A Padova abbiamo ancora i cassonetti per la raccolta dei rifiuti: in quello vicino a casa mia il secco non riciclabile arriva a mala pena al 50% del contenuto.
Quando non ci trovi calcinacci, piccoli elettrodomestici o ramaglie.
Toglimi una curiosità: secondo te è perchè attorno a me abitano tutti politici o ...

Mario B. ha detto...

@guru (2)
pensa che poi hai il caso di mia suocera e mia nuora che mi abitano sopra e che anzichè conferire l'umido negli appositi bidoni che ho messo in giardino, buttano tutto indistintamente con il secco non riciclabile.

ps il compostaggio non puzza, se puzza vuol dire che avete sbagliato qualche cosa;

Anonimo ha detto...

@ mario

Sono daccordo con te che è uno schifo, abbiamo perso totalmente il nostro senso di appartenenza.

Ma si parlava di responsabilità.

I contadini di una volta, non buttavano via niente.

Erano migliori di noi?
Non lo penso, non credo lo facessero per spirito ecologico.

Lo facevano perché era loro utile.

Anche oggi ci dicono che i rifiuti sono una risorsa. Ok.

Non si capisce allora perché si debba pagare qualcuno per appropriarsi di questa "risorsa".

D'altra parte, se i rifiuti sono invece un problema, non si capisce perché, il mercato faccia di tutto per crearne.

Ciao, guru.

Mario B. ha detto...

ok guru, allora perchè in Friuli hanno ricostruito tutto o quasi dopo il terremoto e in Irpinia invece sono ancora là a chiedere?
I governi non erano democristiani e socialisti sia a livello locale che nazionale?
Non è che il maggior senso civico, la diversa coscienza delle genti friulane, la loro voglia di fare hanno giocato una qualche differenza?

Mario B. ha detto...

Perchè in Norvegia su 19 ministri 10 sono donne?
E in Italia hai la Carfagna?

reboot ha detto...

@Guru

Mah, mi sa che ti confondi con qualcun altro, forse Gesu'? Non mi risulta che Krishnamurti abbia mai creduto o incoraggiato a credere all'esistenza del paradiso. Era decisamente un uomo del qui e ora, molto pratico e terreno.
Per tornare alla citazione, il suo punto e' che finche' non sei tu il primo a fare la cosa giusta, la tua domanda di giustizia risultera' sempre non credibile. E essere un buon esempio e' decisamente piu' difficile che pretendere che siano gli altri a fare la cosa giusta.
E in tema di responsabilita', chi e' senza peccato scagli la prima pietra. :)

Anonimo ha detto...

@ mario

Sì, sì, il Friuli e il sud d'Italia hanno storie differenti, io comunque, se dovessi scegliere preferirei vivere al sud.

E comunque, prima dell'unità d'Italia, il sud dell'Italia era molto più "civilizzato" del nord, poi sono arrivate le camice rosse.

Comunque ricorda che ogni posto è a sud di qualcosa.

In quanto ai ministri donna..., per carità sono per la parità dei diritti, ma non mi sembra che la politica al femminile sia così diversa da quella al maschile.

Comunque, tanto per dire, a me piacciono le donne che si occupano della famiglia e della casa.

Lo trovo un ruolo molto più IMPORTANTE di quello del politico.

guru

Anonimo ha detto...

@ Reboot

La battuta sul paradiso era fuori luogo, hai ragione.

Condivido che il cambiamento passi per un percorso personale, ma credo che si debbano creare le condizioni perché ciò possa avvenire.

Io, ai miei figli, cerco di insegnare l'educazione, le buone maniere e la sincerità.

Tutte cose che gli creeranno un sacco di problemi...

guru

Anonimo ha detto...

@Felice
Forse i mezzi di informazione non sono tanto tanto deviati, dopo tutto.
Dal Corriere di oggi:
"Il procuratore generale iraniano Gholam-Hossein Mohseni-Ejei ha annunciato la condanna a morte di Sakineh Mohammadi Ashtani, la donna accusata di adulterio e di complicità nell’omicidio del marito. La donna, secondo quanto si legge sul Teheran Times, è stata condannata per il secondo dei due capi d’imputazione: per questa ragione Sakineh non sarà giustiziata per lapidazione ma per impiccagione. "
Mi pare di capire che si dica piu` o meno lo stesso che scrivi tu nell` articolo (piu` o meno).

Riguardo al discorso del a chi credere, anche io ho i miei dubbi sulla versione ufficiale del 9/11, ma ritengo che chiunque voglia proporre una versione alternativa, debba stare attento a quello che scrive, perche` se scrive cose contraddittorie o fa errori, non solo delegittima la sua storia, ma delegittima anche altre persone che stanno cercando la verita` e che vengono quindi bollate come "cospirazioniste".
"Just my two cents worth", come dicono gli anglosassoni.

Gigi

Gigi

Anonimo ha detto...

e dopo il bel chiacchierare di ieri anche oggi non cambiera' proprio un bel niente...

una volta se ne discuteva al bar o in strada e magari poteva succedere che ci si organizzasse per provare a cambiare qualcosa nel concreto.

oggi se ne parla su di un blog, ognuno di fronte al proprio monitor, e i potenti (i responsabili secondo voi ma non secondo me) possono tranquillamente girare per strada.

la rivoluzione monitorizzata! a colpi di click sul mouse.

chissa' che paura che hanno... va la' che la sanno lunga, ad ogni bestiame un po' di mangime, quel tanto che basta.
se sono la' a comandare e voi a lamentarvi un motivo c'e', REBOOT ne sa qualcosa.


indopama

Anonimo ha detto...

Carissimi, Paolo Barrai e' un vero e proprio assassino, un criminale bastardo e spietato. Il suo avvocato mega riciclatore di soldi mafiosi, Berlusconazista Mario Brusca, ha sfruttato il potere poltico di Berlusconi, affinche' le sue condanne al carcere, non siamo visibili sulla fedina penale, ma Paolo Barrai, e' un criminale assassino spietato, in circolazione, e va' " rinchiuso"

Anonimo ha detto...

Gli americani detengono il potere monetario e quello bellico e comprano gli stati a fior di dollari chi si oppone a questo viene diffamato o nella peggiore delle ipotesi bombardato questo è il punto