giovedì 12 febbraio 2009

Peugeot Citroen licenziamenti

Pubblicati i risultati di Peugeot Citroen nel 2008.

L’anno si è chiuso in perdita per la prima volta da dieci anni. Come conseguenza, sono pianificati per il 2009 un taglio della produzione del 20-30% e 11.000 licenziamenti. Peugeot Citroen prevede il ritorno all’utile non prima del 2010.

(ci chiediamo noi: ma in dieci anni di profitti non hanno messo da parte almeno un po’ di soldi per fronteggiare la crisi?)

Totale 2008: più di 300 milioni di euro di perdita, con una riduzione del fatturato del 7,4%.

In Giappone, Pioneer stima una perdita di 1 miliardo di euro per la fine dell’anno fiscale al 31 marzo. Saranno licenziati 10.000 dipendenti in tutto il mondo, di cui 6.000 regolari e 4.000 tra irregolari e con contratti a termine.

Marzo è alle porte e, come previsto da Europe 2020 nel post che abbiamo rilanciato in italiano con il titolo “quanto durerà la crisi economica”, stiamo per affrontare una fase simile a quella dello scorso autunno.

Sarà così diffusa la certezza che non si uscirà dalla crisi economica in tempi brevi, con alti tassi di disoccupazione e ragionevolmente un nuovo crollo delle borse, se non un nuovo rischio di crollo del sistema economico mondiale.

Ah già, ma c’e’ il piano Geithner.

E poi c’e’ il piano di incentivi del governo italiano pubblicato ieri, 11 febbraio, sulla gazzetta ufficiale.

Una vera sferzata ai consumi: incentivi per l’auto, i mobili, la televisione,...

(silenzio e minuto di riflessione)

Oh guarda, una capretta.

(silenzio e altro minuto di riflessione)

Mobili, televisioni...tutti prodotti che rilanciano notoriamente l’economia e mettono in moto un circolo virtuoso.

Specialmente la televisione.

E se anche state pensando di farvi lo schermo al plasma da 42’’ con un bello sconto, scordatevelo - gli incentivi li danno solo a chi ristruttura la casa.

Bello, un governo che prende per il culo i cittadini.

Saluti felici

Felice Capretta

6 commenti:

pedro ha detto...

uhaaa hahahahha.... "GUARDA, UNA CAPRETTA" altro minuto di riflessione.... complimenti felice, davvero heheheheh

riesci a far ridere su cose tremende.....

si si europe 2020 ci ha dato eccome.... ma chi è il loro informatore? non sarà mica la capretta? hehehe
forse loro il minuto di riflessione prima di agire riescono ancora a prenderselo....

Felice Capretta ha detto...

grazie grazie pedro non è il caso : )

in fondo poi la situazione è quella e stracciarsi le vesti non migliorerà la cosa, quindi tanto meglio prenderla con un sorriso.

comunque venerdì o più probabilmente lunedì arriva il nuovo report di E2020...

saluti felici

Felice

Anonimo ha detto...

Tra non molto non ci sarà bisogno di cercare l'elemosina del governo a proposito del televisore al plasma: quando le famiglie non avranno più denaro per beni voluttuari, le aziende dovranno dimezzare i prezzi, altrimenti chiudere!

Daniele ha detto...

Tagliano i posti per non ridurre i margini di profitto...
E così tagliano il ramo dove fino ad ora sono stati seduti ben pasciuti...
Se non si riscrivono le regole da zero non se ne esce, ma questo non lo volgiono sentir dire i "grandi" della finanza, sperano in nuove sovvenzioni politiche (soldi nostri)

Complimenti ancora Felice per il tuo blog, continua mi raccomando

Felice Capretta ha detto...

esattamente daniele

saluti felici

felice

Anonimo ha detto...

io credo che chi si illude che il mondo continui a produrre per sempre tutta questa robaccia che NON ci rende felici fara' una brutta fine.

meglio cominciare ad essere sinceri con se stessi e a sviluppare un nuovo mondo dove il denaro avra' la sua funzione (mezzo di scambio) per i veri bisogni dell'uomo nuovo.

uomo nuovo perche' la crisi e' generata da noi uomini... siamo NOI che non volevamo piu' questa societa' e la stiamo facendo crollare.