domenica 11 luglio 2010

Intervista a Giovanni Tamburi, T.I.P.

Nel silenzio dell'ufficio improvvisamente parte il riff di chitarra. Immediatamente l'open space si riempie delle note della memorabile notte in cui in Nirvana si esibirono nel loro concerto Unplugged, e Kurt Cobain attaccava la cover di The Man Who Sold The World di David Bowie.

Non ci sono parole per evocare quella note, o la si conosce o non la si conosce, già dalle prime due note.

Ah, già, è il mio telefono che suona.

All'altro capo del filo metaforico (dal momento che è un cellulare) c'e' Andrea, che mi chiede se ho voglia di fare un'intervista di quelle che non si scordano.

"Andrea, te l'ho già detto: o mi fai intervistare papa Ratzinger in esclusiva per Informazione Scorretta o non se ne fa niente".

"Felice, papa Ratzinger ha l'agenda piena, lo sai, c'e' un buco non prima del 3 settembre 2011"

"Niente da fare, il 3 settembre del 2011 mi scade lo yogurt al cocco"

"Ok, niente Ratzinger. Che ne dici di TIP?"

"Si, Tip, certo. E Tap no, che poi si offende? E Minni, non la intervistiamo? Andrea, stai bene, vero?"

"Ma no Felice, TIP spa, Tamburi Investment Partners, 'gnurànt! Ti interessa farci due chiacchiere? E' disponibile ad incontrare blogger di peso che parlano di economia"

"Mmmmm...ok, quando vuoi, tranne il 3 settembre 2011 che con lo yogurt al cocco non si scherza"


E così, con questa telefonata surreale, che è nato il post che vi proponiamo oggi.

Abbiamo così avuto il piacere di incontrare a Milano Giovanni Tamburi, presidente di Tamburi Investment Partners, società per azioni quotata alla borsa di Milano.

Questo è il resoconto di quella giornata.


L'incontro

Tamburi ci riceve nella sua ampia sala riunioni. Due chiacchiere cordiali nella grande sala, poi a pranzo tocca ai blogger: Bimboalieno, MercatoLibero, Informazione Scorretta.

Mercato Libero parte subito con una serie di domande di taglio più tecnico riguardo la società ed il mondo economico italiano e non solo, che potrete approfondire andando a visitare il blog oggi stesso così come l'ottima review complessiva di Bimboalieno: La Crisi Ha Ucciso I Trend.

Pian piano poi il discorso si sposta verso lo scenario macro, ed è lì che il vostro caprino cronista ha avuto l'opportunità di sentire - e riproprvi ora - l'opinione di una persona che, comunque la si guardi, conosce molto bene l'economia ed ha una mano sensibile sul polso dell'economia italiana, oltre ad una visione chiara dell'economia mondiale.

Domanda:

Nella vita ci sono alcuni eventi che ricordiamo per sempre. La prima volta che prendiamo un temporale senza ombrello, il primo bacio, e molti altri. Ci rimangono impressi nella memoria e ci ricordiamo esattamente cosa stavamo facendo in quel momento, dove eravamo, in alcuni casi anche cosa vestivamo. Se parliamo di scenario macro, partiamo da un evento che è rimasto sicuramente nella memoria di tutti: la caduta di Lehman Brothers. Lei che ricordo ha di quell'evento?

Tamburi ci sorprende subito con un'opinione molto precisa su Lehman Brothers:

Nel 2005 affermavo che tutte quelle bancacce prima o poi sarebbero fallite [....] non possono vivere della vacuità dei loro prodotti.

Vacuità. Effettivamente.

Un impiegato di Lehman Brothers neoassunto prende 130.000 euro l'anno più 50% di bonus.... neanche il mio direttore prende tanto.

Già.

Iniziato bene, si prosegue meglio, quando iniziamo a parlare della tendenza in atto: "Securitization, derivati, speravo che diminuissero. Speravo che la finanza comprendesse e facesse un po' di pulizia. C'e' stato lo sboom delle obbligazioni e le banche hanno capito che di carry trade si poteva morire".


Il darwinismo della crisi

Tamburi ha una visione molto precisa della crisi, quasi darwiniano.

Ci sarà, afferma, un aumento della polarizzazione. In uno scenario di crisi economica come questa, la polarizzazione si manifesta con aziende che vanno male che perderanno quota di mercato e non riusciranno a sopravvivere, ed aziende che, ben gestite e strategicamente dotate, riusciranno a fare bene.

In un certo senso, la crisi opera una sorta di selezione naturale sulle aziende. La crisi economica è vista come un mezzo per "fare pulizia", anche se, dice Tamburi,
si è manifestata una forte inerzia al fare pulizia. Per quale motivo? Perchè le banche hanno interesse a non fare write off.

Tradotto per i meno scorrettamente informati, le banche non hanno interesse a depennare dal loro bilancio i prestiti che hanno fatto e che stanno diventando inesigibili, se non lo sono già.

Perchè si tratterebbe di una manovra dolorosa e con gravi conseguenze di bilancio.

Ed è una operazione che riporta al vero, a chiamare l'attivo con il suo vero nome, il passivo con il suo vero nome, ed a guardare dentro ai buchi.

Tuttavia banche e Vero, come è noto, non vanno molto daccordo.


La crisi sistemica

Non ci sembrava vero condividere buona parte di quello che diceva il presidente di una società quotata. Ehi capretta, il mondo va alla rovescia! Finalmente l'occasione si è manifestata.

Per Tamburi,
il mercato sa usare le sue sofisticazioni e non credo che si arriverà alla crisi sistemica. Abbiamo superato la crisi del 29, supereremo anche questa, magari con una guerra e con la Cina che arriverà a prendersi mezza Africa.
Nel 2009 ho davvero pensato che stavamo rischiando la crisi sistemica.
Oggi sono relativamente ottimista perchè ritengo che riusciremo a salvarci.

Lo speriamo anche noi, anche se divergiamo in questo caso.

A nostro avviso, stiamo vivendo la più grande crisi sistemica che la storia ricordi, con una serie di spostamenti epocali in atto, su un piano non solo economico, dove ogni spostamento puo' essere fatale. Per ora nessuno spostamento è stato veramente fatale, ma le forze in gioco sono talmente enormi che è come andare nello spazio con un missile e tornare: le probabilità di tornare solo feriti sono minime.

O si torna, o non si torna.

Nell'ottobre del 2008 siamo partiti.

E siamo ancora in viaggio.


Inflazione e tassi d'interesse, impoverimento e decadenza

Prosegue così:

avremo inflazione, ma non troppa. Avremo un disallineamento tra inflazione e tassi di interesse, con i tassi di interesse che saliranno ma inflazione stabile o poco in ascesa.
Ci sarà impoverimento della popolazione.
SIamo entrati in un periodo di decadenza che sara' lungo anni, forse un secolo. Se vogliamo elaborare una strategia di fronteggiamento, dobbiamo studiare i secoli bui passati e vedere cosa è successo allora

Avremo inflazione, ma non troppa: come a dire che l'enormità di debito generato sarà spalmata nel lungo periodo a colpi di inflazione non troppo alta. Per capirci, niente di drammatico come la repubblica di Weimar o lo Zimbabwe.

E' una opzione che molti uomini di economia pragmatici vedono come possibile. Per noi vale quanto detto sopra riguardo l'enormità delle forze in gioco.

Ed è con la parola "Decadenza", una decadenza lunga anni, forse un secolo o più, che si è chiuso il nostro incontro. Una parola che ha echeggiato nella sala come se fosse il riff dei Nirvana Unplugged, ma meno gradevole.

Ed una guerra, ed una Cina che dominerà.

Veramente....beh, non si è concluso così.

Perchè ormai lo sapete, a noi piace comunque dare un messaggio di speranza.

Perchè comunque, così come in ogni fase di prosperità ci sono aziende che falliscono miseramente, in ogni fase di crisi ci sono aziende che riescono a prosperare. Perfino in questo paese, in un deserto di incompetenza (e malafede) politica e strategica, ci sono comunque alcune vette di eccellenza che riescono ad avere successo in Italia ed all'estero. Queste sono le aziende su cui punta la società che abbiamo incontrato, e che comunque prospera in modo economicamente ed eticamente corretto. Noi preferiamo pensare che comunque la prosperità nei momenti di crisi, anche sistemica, è possibile, e se ci sono riusciti dei freddi uomini di azienda come quelle in cui investe TIP, ogni singolo affezionato lettore ha tutte le risorse per riuscire a vivere la sua propria vita in prosperità. E le risorse le trova ....nel suo Centro.

saluti felici

Felice Capretta


92 commenti:

Anonimo ha detto...

mi trovo d'accordo con l'ottimistica visione dell'intervistato...è tutto sotto controllo di un gruppo di persone, la decrescita avverra lentamente e non improvvisamente...ci si abituerà

Mario B. ha detto...

Post magnifico, uno dei più belli.

Anonimo ha detto...

Ha ragione Mario. Uno dei piu' bei post che ho letto qui, secondo solo a quello degli occhi sbarrati del tizio che dormiva nell'auto in sosta che Felice prese a calci. Quello fu da leggenda.

Felicidad y
Suerte.

Anonimo ha detto...

Dimenticavo: complimenti per i gusti musicali della Capretta.

RiSuerte

kilkenny1975 ha detto...

“In un certo senso, la crisi opera una sorta di selezione naturale sulle aziende. La crisi economica è vista come un mezzo per "fare pulizia"….”

Scusa Felice, ma la quantità di soldi pubblici iniettati? Non hanno stravolto questa selezione naturale?

“Ci sarà impoverimento della popolazione. Siamo entrati in un periodo di decadenza che sarà lungo anni, forse un secolo”

Fermamente convinto che la coscienza umana non è quella di 80 anni fa, a mio avviso si può e si deve conoscere il passato per creare un futuro migliore, ma i comportamenti della massa saranno necessariamente diversi da quelli osservati decenni addietro.
Conseguenza, che le soluzioni da prendere dovranno essere necessariamente diverse da quelle passate….

Per concludere, ieri 11 furie rosse hanno conquistato il titolo mondiale di calcio, sperando che con il merchandising delle loro magliette, bandiere e sciarpe la spagna possa risollevarsi un pochino, vi auguro una felice giornata…

Un saluto a tutti
C

luigiza ha detto...

@Capretta che conclude il post con:
..ogni singolo affezionato lettore ha tutte le risorse per riuscire a vivere la sua propria vita in prosperità. E le risorse le trova ....nel suo Centro.

Centro di stabilità permanente, suppongo.
Ah beh allora ..
luigiza

Anonimo ha detto...

"Siamo entrati in un periodo di decadenza che sara' lungo anni, forse un secolo. Se vogliamo elaborare una strategia di fronteggiamento, dobbiamo studiare i secoli bui passati e vedere cosa è successo allora"

nell'ultimo secolo la popolazione e' passata da 1/2 miliardo a 7 miliardi e 1/2 aumentanto di 15 volte.

cio' che e' accaduto all'economia e' accaduto in un mondo dove la popolazione e' cresciuta di numero in maniera esponenziale.

vorrei chiedere a chi dice di guardare al passato per fronteggiare il futuro se si aspetta che la popolazione continui a salire in questa maniera e possa diventare piu di 100 miliardi nei prossimi 50 anni.
altrimenti ogni paragone perde di valore.

ci si scorda troppo spesso della gente quando si pensa solo ai numeri...

esiste un mondo la' fuori, mare, montagne, piante, animali e la gente, si, anche queste cose esistono oltre il mondo virtuale della finanza ed e' proprio qui che l'equilibrio sta cambiando.

il resto sono dettagli.

indopama

Anonimo ha detto...

ecco il grafico che tutti fan finta di non vedere.

Anonimo ha detto...

Guardando quel grafico attentamente,perchè è nei dettagli che si nasconde Satana o il Padreterno(a scelta), si vede che la pendenza ripidissima, ridiventa meno ripida quando si oltrepassano gli anni in corso.D'altra parte,la superficie puramente geometrica della Terra è di 51 (cinquantuno) miliardi di ettari e diventa difficile immaginare una umanità che raggiunga la densità di due abitanti per ettaro, oceani deserti e lande ghiacciate compresi.Sicuramente dovremo adoperare tutta la nostra intelligenza specifica, per evitare ecatombi di immani proporzioni.Ma intelligenza è una parola che viene accostata troppo facilmente a ragione e questa a scienza e questa a tecnologia.
Quattro secoli di sviluppo galileiano ci hanno mostrato però i limiti di questo paradigma.L'attimo fuggente non si può nè prevedere nè calcolare, ma solo cogliere.Questo secolo appena trascorso è stato in un certo senso un fantasmagorico attimo fuggente in tutta la storia dell' Homo Sapiens.
e il decennio o ventennio prossimi potrebbero esserne l'ultimo momento.
Impareremo con l'intuito e l'intelligenza da questo lungo attimo, come prolungare almeno di un millennio la nostra storia?
O il nostro destino è segnato.
E sulla Terra lasceremo solo croste fanghi e bulloni, fetidi tossici e radioattivi, a memoria di una specie che sognava di diventare immortale?

Marco Sclarandis

astabada ha detto...

Karzai continua le trattative con i Talebani, chiedendo di depennarne 50 dalle liste nere del Pentagono - volevo dire dell'ONU.

Chissa` come va a finire questa storia... Noriega dice di saperlo, ma si sa che e` un trafficante di droga quello la`.

Cheers,
astabada

astabada ha detto...

@Marco Sclarandis

Ricordati che l'ultima parte del grafico di indopama e` pura speculazione. L'ONU ha previsto vari scenari di crescita della popolazione, ma questa dipende strettamente da fattori piu` o meno difficili da prevedere: cultura, disponibilita` di cibo a acqua, inquinamento, genocidi, ecc.

Cheers,
astabada

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti.
@felice
è un bell' articolo.
sono temi reali, e anche rimarcati bene, da un "addetto dei lavori."

@ mario
un saluto

siamo , ormai, a ridosso delle ferie di agosto.
felice , che può, è già in ferie, mentre noi, dobbiamo ancora lavorare.

a parte ciò, vorrei fare qualche considerazione su cosa pensavamo di trovare , e su cosa abbiamo trovato.

la vita, quale manifestazione legata al lavoro, alla serenità, non è migliorata.
se osserviamo lo scenario italiano, sai quello internazionale, è sempre più caotico, oseri dire più cupo.

nessuno di noi, ha fatto qualcosa per migliorare la qualità dell' ambiente, la qualità della vita della ns società.
mi sembra di vedere tutti noi, subire le sitiuazioni esterne.
non trovo più la gioia , la serenità.
trovo sempre più persone avvilite, quasi depresse.
perchè?
In questi momenti di lavoro, le aziende private, che ancora hanno la forza di stare in piedi, lo fanno per dignità e per orgoglio; infatti, ogni vendita è portata avanti con margini ridotti; lo stato, di cui, in questione, lei è il rappresentante, non vuol sapere, ne conosce questi problemi, per cui le tasse vengono richieste di pari misura.
Pertanto, è naturale, che le aziende soffriranno ancora.
Tante aziende , che pagheranno acconti per il 2010, non arriveranno alla fine del 2010.
Non pensa che c’è qualcosa di sbagliato nel rapporto azienda e stato?
riporto uno stralcio di lettera , inviata a tremonti, e scritta a settembre 2009.

"Finchè, non inizieremo a pensare che tutti siamo uno, e l’ armonia si raggiunge con la partecipazione serena di tutti, le cose non miglioreranno.

Considerando la situazione politica, economica, sociale, in cui ci troviamo a livello mondiale,
sarebbe necessario adottare misure urgenti , finalizzate a instaurare un nuovo equilibrio tra tutti i cittadini.
Con ciò, non voglio dire, che tutti hanno diritto a tutto. Infatti , ognuno di noi, deve vivere, con senso di responsabilità personale, in quanto , ognuno di noi, è parte attiva di questa umanità.

Ampliando i concetti, diventa logico, affermare che le varie caste non devono più sussistere, che la politica , e i politici, cosi i magistrati, non devono essere al di sopra di tutto e tutti, ma tutti importanti e necessari allo svolgimento della vita.
Allo stesso modo, questo nuovo concetto, vale per ogni tipo di religione, in quanto le varie chiese andrebbero bandite da ogni tipo di vita.

La vita, che è tutto, non ha religione; la vita conosce solo se stessa, non ha dei.

questi, sono pensieri miei, personali, che esulano dal problema , per il quale le scrivo"
franco

Anonimo ha detto...

Gran bel post.
Unico dubbio che mi rimane e: come mai la TIP spa ha deciso di voler "incontrare blogger di peso che parlano di economia"? strano no?

Anonimo ha detto...

Gran bel post.
Unico dubbio che mi rimane e: come mai la TIP spa ha deciso di voler "incontrare blogger di peso che parlano di economia"? strano no?

Marco B. ha detto...

Scrivi:

Avremo inflazione, ma non troppa: come a dire che l'enormità di debito generato sarà spalmata nel lungo periodo a colpi di inflazione non troppo alta. Per capirci, niente di drammatico come la repubblica di Weimar o lo Zimbabwe.

Ma questa considerazione non è figlia della stessa mentalità che ci ha portati a questo punto?

Ovvero il partire dal presupposto che da oggi tutto andrà per il meglio e quindi spalmando un megadebito sulle generazioni future e nel lungo periodo la sofferenza della popolazione sarà minore?

Insomma, la solita crescita infinita sul nostro pianeta finito?

Giusto uno dei microscopici sassolini sul percorso in discesa di questa idilliaca visione: il peak-oil ormai alle spalle.

Capretta, sono deluso: alla prima convocazione nel salotto buono di un affarista "illuminato" (non esiste ricchezza che non sia frutto di un colossale furto, in saecola saeculorum amen) anche i migliori blogger sulla piazza diventano reggimicrofono alla Minzolini.

Al prossimo articolo del genere ti cancello dai preferiti.

Anonimo ha detto...

@ astabada.
potremmo fare un esperimento,e cioè regalare unna mazzetta da 5000 euro (cinquemila euro)o in equivalente valuta, a tutte le coppie fertili della Terra, con la sola clausola di fare un figlio e vedere che cosa succede.L'umanità potrebbe raddoppiare nel giro di un anno.
Ma poi la parte più interessante dell'esperimento, nei lustri a venire potrebbe essere tragicomica.
Non è una questione di soldi ovviamente, che i soldi si coniano o si stampano.
Ma di granaglie e ciotole di minestra.
Da sempre laboriose da moltiplicare.

Marco Sclarandis.

Anonimo ha detto...

Qualcuno mi spieghi perchè quel "picco" di esseri umani è
per lo più concentrato in quelle aree del mondo dove la fame e la povertà dilagano (cina africa india...)
Se tanto mi da tanto con questa crisi economica la poplazione mondiale non dovrebbe calare ma aumentare.
Nic.

kilkenny1975 ha detto...

Un miliardo eravamo tralla la,
quando il sole ci nutriva tralla la.

Siam 7 miliardi oggi tralla la ,
con un biberon di oro nero in bocca tralla la.

Ma quando il cibo finirà ed il sol sole tornerà,
un sol miliardo ritorneremo tralla la.

Scusate ma la bottiglia di vino a pranzo ha dato gli effetti sperati…

luigiza ha detto...

@Mario B. del 12 luglio 2010 03.25
Bravo Mario sono con te.
Felice la prossima volta vieni ad in tervistare me, che di simili banalità-fesserie te ne posso sciorinare a volontà.
E non devi attendere il 2011, e neppure il 21/12/2012.
luigiza

luigiza ha detto...

Errata corrige
Non era Mario B. ma Marco B.
del 12 luglio 2010 03.25
luigiza

Anonimo ha detto...

@ Marco B.
l'articolo e' perfetto per farci capire come chi lavora all'interno della finanza (in questo caso Tamburi), sia completamente sconnesso dal resto della vita e pensi che questa vada avanti seguendo le regole dell'economia.

questi esseri non consapevoli hanno potuto tuttavia esistere in questi ultimi 50 anni ma non verra' da loro la soluzione per il proseguio, loro sono passati, il nuovo e' da fare.

mi fa piacere notare una maggiore consapevolezza della vita che come possiamo vedere si evolve, non sta tornando indietro.
:-)

indopama

Anonimo ha detto...

la vedete l'evoluzione in positivo?

il Tamburi 10 anni fa ci sarebbe apparso come il guru della situazione, un fidato punto di riferimento, oggi invece lo vediamo per quello che e'.

indopama

Anonimo ha detto...

"Abbiamo superato la crisi del 29, supereremo anche questa, magari con una guerra e con la Cina che arriverà a prendersi mezza Africa."

Ecco, questo è il genere di discorso che mi fa girare i cosiddetti.

Immagino che tra i pochi eletti che passeranno indenni attraverso questa crisi "secolare" ci sia anche il Tamburi, in virtù delle sue grandi doti in campo economico.

Cambiare le cose no eh?

Neanche a pensarlo.

Io dico invece, che per superare questo momento non servirà un'altra guerra, ma bensì, una pace.

Una grande pace fra i popoli della terra, dove chi più ha, più dovrà mettere.

Fare un'analisi macro-economica di questo tipo, a mio modestissimo parere, significa non aver capito nulla.

O peggio, non voler capire.

guru

Bimbo Alieno ha detto...

Un saluto a tutti, soprattutto a coloro che dopo aver letto questo post avranno la curiosità di venire a leggere il mio articolo sul medesimo incontro..
Rispondo a chi chiede come mai a Tamburi sia venuta voglia di incontrare noi tre: mi pare un gesto che testimonia apertura mentale, e attenzione alle nuove forme di (in)formazione. Non ci vedrei per forza del marcio. Tanto per capirci se Bernanke o Draghi ci concedessero una intervista dovremmo forsi tirarci indietro? Mi sembra un segnale importante, ancorché per ora unico, che i nostri blog non sono più considerati dei covi di nerd complottisti.

Anonimo ha detto...

questo tamburi e' stato molto divertente nelle sue banalita'e nel suo spensierato cinismo

perche' e' ovvio che per chi sta nel sistema ( cioe' ci magna dentro ..:-)) la soluzione ideale e' spalmare la merda finanziaria sul lungo periodo affinche' il suo amato sistema non crolli ... a costui non interessa di certo il "su chi" dovra sorbirsi quella merda di quanto costera' in lacrime e sangue ( " guerra " " decrescita " impoverimento " sono quisquilie per chi pensa di passarsela sempre bene )
anzi ci vede pure un certo " darwinismo" che per chi ha la pancia al sole va sempre bene , (si " liberano risorse" e mica tocca lui ..:-))

resterebbe ancora da chiarire come dovrebbe essere PUNITA questa elite di dementi ( la SUA elite ) che avra' provocato tutto questo casino solo per il piacere di giocare al risiko.

questo a lui non interessa perche' da per scontato che questa elite restera' comunque in sella ...
.. cioe' l' ennesima cecita' di questi ciechi.. che si considerano infallibili .

Se una cosa la storia ci ha insegnato e che quanndo elite STUPIDE e INCAPACI generano disastri .. se forse i popoli pur tra immense sofferenze sopravvivono LORO i RICCHI IDIOTI scompaiono per sempre .
ws

alina ha detto...

@ WS
"resterebbe ancora da chiarire come dovrebbe essere PUNITA questa elite di dementi ( la SUA elite ) che avra' provocato tutto questo casino solo per il piacere di giocare al risiko."

La risposta potrebbe essere un nome tremendo: "Spruchkammmern" e cioè una sorta di tribunale popolare.
Gravemente colpevole,
colpevole,
colpevole in misura minore, colpevole per aver aderito per conformismo ( questa mi piace molto ) ,
scagionato :)
Lo so, Indo, che dobbiamo perdonare....dopo, però :)
Ciao a tutti :) :) :) :)

Anonimo ha detto...

Ehm... lo so che tu sei uno di quelli che prospera anche in momenti di crisi come quelli attuali; buon per te.

Anche perché,se invece al contrario tu fossi stato un "blogger" da poco licenziato, con un tumore al pancreas o da qualche altra parte, appena lasciato dalla moglie...
Beh, forse il signor "Promulgatore di sante guerre" non sarebbe tornato a casa intero!

E, tra parentesi, sarebbe stato quello che si meritava, lui e tutta la sua banda di accoliti!


"Uno parecchio inc...ato"

Anonimo ha detto...

E' stato dato ordine alla stampa italiana di silenziare questo problema

Cioè hanno fatto un referendum per l'autonomia e adesso i cari politici lo affossano.

http://www.elpais.com/articulo/espana/Cumbre/Montilla/Zapatero/proxima/semana/tratar/sentencia/elpepuesp/20100712elpepunac_8/Tes

http://www.elperiodico.com/es/noticias/sociedad/20100712/montilla-ofensas-gratuitas-sentencia-que-tocan-las-narices/382230.shtml

http://www.lavanguardia.es/politica/noticias/20100712/53962215806/montilla-me-reunire-con-zapatero-la-semana-que-viene.html

In particolare Sabato c'è stata una manifestazione oceanica di 1,5 milioni di persone a Barcellona, e la Lega Nord ha dato ordine ai giornali di stare zitti....

Il Folletto

Anonimo ha detto...

C'è un nuovo bollettino finanziario della wegelin.

Paragona grecia a Bear Stearns, e si aspettano una lehman per l'eurozona.
Poi parla dell'evoluzione nella dottrina dello shareholder value, dello stakeholder value e
della gestione con il sistema degli incentivi.

http://www.wegelin-anlagekommentar.ch/home/aktuell.asp

DAZ

Marco B. ha detto...

@Bimboalieno:

«Oste, com'è il vino?»

«Buono!»

[Cultura popolare]

"però bisogna farne altrettanta
per diventare così coglioni
da non riuscire più a capire
che non ci sono poteri buoni"

[Nella mia ora di libertà, De Andrè]

Anonimo ha detto...

@bimbo alieno

:-) prima sorrido, poi esprimo l'idea che mi son fatto leggendo il tuo articolo:
l'economia e la finanza sono due creature che vivono di vita propria, la gente e l'ambiente con le sue risorse non vengono mai menzionati. il motore che li fa girare non sono questi ultimi due bensi' il denaro.

ecco, io credo che quando scoppiera' la bolla in cui vive questo pensiero ci sara' chi rimarra' soffocato. e manca poco tempo.

indopama

astabada ha detto...

@Nic

Nota che tra le aree del mondo a maggiore densita` abitativa ci sono anche le coste USA, svariate zone d'Europa, del Cipango etc. Zone che non sono considerate "povere".

astabada

Anonimo ha detto...

..complimenti x il Post :)

Samoda :)

Felice Capretta ha detto...

il post ha suscitato reazioni, come c'era da aspettarsi. molti pro, alcuni contro.

evito di rispondere uno per uno, ognuno riconoscerà la sua risposta, rispondo in modo aggregato ai favorevoli ed ai perplessi.


@ favorevoli

grazie! il duro lavoro non retribuito di blogger svolto sacrificando mezza giornata di lavoro retribuito dà le sue soddisfazioni :-)


@ (pochi) perplessi

così come riporto il Geab per offrirti un'opportunità di ampliare il tuo orizzonte ed avere un supporto in più alle tue decisioni, allo stesso modo ho avuto l'opportunità di intervistare il presidente di una società quotata che tra l'altro ha pochi peli sulla lingua e te l'ho riportata.

questo comporta che io condivida il 100% di quello che dice il Geab o Tamburi in persona?

quelle frasi quotate nei tuoi commenti sono - naturalmente - il parere dell'intervistato, che mi sono permesso di spiegare meglio per chi non ha alle spalle un background economico.

poi si può condividere o meno, ognuno scelga la sua.

a marco b., ma anche agli altri perplessi, mi permetto di proporre una riflessione: tu che pensi che la ricchezza si fa solo rubando, credi che chiunque viva onestamente non vivra' mai nell'abbondanza?

saluti felici

felice dalla spiaggia (ma non vi farò mancare un paio di post prima di spegnere :-))

Marco B. ha detto...

Cara Capretta, riconosco di dover ancora maturare tantissimo.

Al momento e limitatamente a quanto penso di aver capito sul come funzionano le cose su questo pianeta, questa è forse l'unica certezza che potrei enunciare con forza e convinzione se avessi il coraggio poi di fare scelte di vita radicalissime coerenti con un pensiero del genere (coraggio che ancora non trovo):

Non esiste abbondanza che non si basi sul furto in un sistema chiuso come il nostro.

Ti sfido a provare il contrario, magari mi aiuti a fare un passettino e a sbloccarmi (in un senso o nell'altro)!

Anonimo ha detto...

@indopama

"Siamo entrati in un periodo di decadenza che sara' lungo anni, forse un secolo. Se vogliamo elaborare una strategia di fronteggiamento, dobbiamo studiare i secoli bui passati e vedere cosa è successo allora"

nell'ultimo secolo la popolazione e' passata da 1/2 miliardo a 7 miliardi e 1/2 aumentanto di 15 volte.

cio' che e' accaduto all'economia e' accaduto in un mondo dove la popolazione e' cresciuta di numero in maniera esponenziale.

[CUT]


caro freguggin, come al solito hai letto bene e capito quel che ti conveniva per farci su il tuo bel ricamino.
il tipo si riferisce al periodo che seguì il crollo dell'impero Romano, giustamente definito "secoli bui".
non mi risulta che in quel periodo ci fossero le cose che dici tu, anzi.
l'umanità arretrò su tutti i fronti, culturale, sociale, sanitario.
quindi quando qualcuno così dice di guardare i secoli bui, significa che dovremo ristudiarci come viveva la gente allora, e cercare di adattarci.
ovviamente NON sarà proprio così uguale ad allora, ma simile quello sì.

castigo

marco vicenza ha detto...

Ho trovato davvero ottima questa iniziativa di incontrare i blogger da parte di Tamburi. Ottimo conoscere le opinioni di uno come lui. Con questo non vuol certo dire che abbia ragione, o abbia la verità in mano. Un appunto lo voglio fare a chi invece tira su barricate come qui dentro appena si esce dal solito: oddio la crisi; finisice tutto;impariamo a coltivare ect ect...Non capisco sembra godiate più le cose vanno male. Io il pensiero di Tamburi lo condivido molto di più rispetto al 90% delle persone qui dentro che aspettano solo catastrofi. Un inflazione al 10% c'era anche negli anni 80 e anche io penso sia l'unico modo per ripagare i debiti, volete deflazione e che i bot siano rimborsati al 30%? Nel primo caso molti risparmiatori nemmeno si renderanno conto e tutto continua a funzionare nel secondo hai la gente in piazza....e non si sà quel che può succedere...ma io sò già per cosa tifate....Voi volete un sistema onesto, beh io credo che mai è esistito e mai esisterà....Fate ragioanmenti sul giusto o sbagliato, bene e male, pensate sempre di essere nel giusto...ebbene cominciate a pensare che la vita è fatta di questo altrimenti passerete il resto dei giorni sempre a lamentarvi, a giudicare, a criticare. Per me in Italia resteranno le eccellenze e trovo si agiusto così, conosco un paio di aziende innovative che in questi ultimi mesi (maggio-giugno) hanno fatto fatturati stellari come mai nella loro storia. Il resto è giusto scompaia.

Anonimo ha detto...

@Daz

http://vietnambusiness.asia/sbv-allows-re-importing-gold/

The State Bank of Vietnam (SBV) governor, Nguyen Van Giau, has signed a decision to allow businesses to re-import gold.

The decision was issued when the domestic gold price is much higher than the rest of the world. It hit a peak on July 7 with the domestic price was VND700,000 per tael higher than the world price.

The big difference prompted traders import gold illegally, leading to a rise in the price of dollars on free market from VND18,890 to 19,200.

Ecco che il governo vietnamita ritorna sui suoi passi in pochi mesi: al mercato nero l'oro valeva troppo!

Il Folletto

Anonimo ha detto...

@Daz

http://vietnambusiness.asia/sbv-allows-re-importing-gold/

The State Bank of Vietnam (SBV) governor, Nguyen Van Giau, has signed a decision to allow businesses to re-import gold.

The decision was issued when the domestic gold price is much higher than the rest of the world. It hit a peak on July 7 with the domestic price was VND700,000 per tael higher than the world price.

The big difference prompted traders import gold illegally, leading to a rise in the price of dollars on free market from VND18,890 to 19,200.

Ecco che il governo vietnamita ritorna sui suoi passi in pochi mesi: al mercato nero l'oro valeva troppo!

Il Folletto

Anonimo ha detto...

http://www.thedailybell.com/1206/What-Is-Behind-Golds-Recent-Moves.html

Secret gold swap has spooked the market ... It takes a lot to spook the solid old gold market. But when it emerged last week that one or more banks had lent 380 tonnes of gold to the Bank of International Settlements in return for foreign currencies, there was widespread surprise and confusion ... The news that a mystery bank has just pawned the family jewels gave traders a jolt – nervous about the sudden transfer of almost 20% of the world's annual gold production and the possibility of a sell-off. ... In a tiny footnote in its annual report, the bank disclosed its unusually large holding of gold, compared with nothing the year before. The disclosure was a large factor in the correction of the gold price this week, which fell below $1,200 for the first time in more than a month. Concerns hinged on whether the BIS could potentially sell on this vast cache of bullion in the event of a default, flooding the market with liquidity. – UK Telegraph

I'd like to share the two main points that put to rest the fiat vs. gold debate for me:

1 If gold is an ancient relic, why do central banks hoard it? And

2 It is the lack of trust amongst the central banks and their sovereigns themselves that makes gold the ultimate trump. They cannot and will not trust each other to reign in their ability to create money at will. Gold and silver are money by default.( At least on this planet.)

Il Folletto

Fede ha detto...

Riguardo all'intervista questa ha suscitato in me parecchie riflessioni.La più importante è la seguente:

Se contrapponendo due imbuti si annulla l'effetto 'mbuto, appaiandone due nello stesso verso, perchè non si ottiene un effetto 'mbuto 2X?

In questo modo si potrebbe avere un motore a 'mbuto a costo zero.

Nessun guru sa dare una risposta?

Anonimo ha detto...

Perchè la BIS fa tutti questi swap??

http://www.kitco.com/ind/AuthenticMoney/july092010.html

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Per quelli con lo stomaco forte

http://www.youtube.com/watch?v=M_alFCeNk8Y&feature=player_embedded

Il Folletto

Anonimo ha detto...

@capretta,indo e company
"occorre incoraggiare ogni sorta di utopie,per fare perdere il popolo in un labirinto di idee assolutamente impraticabili".da I protocolli dei savi di sion.
Secondo me anche voi siete vittime della propaganda e del lavaggio del cervello,come quelli che fanno i debiti per andare a formentera ecc.in un modo o nell'altro tutti victims of the power!
Asmodeo

Fede ha detto...

@Capretta

Infatti oggi l'economia è basata sul furto, a meno che non pensi che in "contesto globale" sia normale che un impiegato di Lehman Brothers neoassunto prenda 130.000 euro l'anno più 50% di bonus.

Da dove provengono quei soldi?
Semplice, da centinania di migliaia di persone che hanno messo i loro risparmi nelle mani della sua banca.

Una persona che da sola mantiene i tecnici che gli hanno costruito il macchinone, i contadini che gli coltivano la coca, i muratori che gli hanno ristrutturato il loft, le signore che invita a cena, i cuochi che gliela preparano.

Ma lui in cambio cosa da?

Felice Capretta ha detto...

@ marco b.

capisco che il mondo è un sistema chiuso e che se siamo 3 con1 euro a testa, uno che vuola avere 2 euro deve prendere quell'euro da uno degli altri.

e se il mondo fosse più grande di così?

io personalmente conosco persone che vivivono in condizione di prosperità e sono state assolutamente oneste nella loro vita. danno qualcosa a qualcuno e ne ottengono eccellente ritorno economico.

e poi, se pensi così, resterai senza prosperità a meno che non ti metti a rubare...

saluti felici

felice

Anonimo ha detto...

ritorno sul mio concetto, non c' e niente di positivo nell' idee di tamburi salvo il suo sollievo che il SUO sistema rimarra' in piedi senza che nessuno di lorsignori avraì pagato gabella.
la gabella pero' la pagheremo noi.

E non vi fate fregare come al solito dalle parole di questi giocatori di risiko

"guerra" non significa che la vedremo in televisione con i " nostri ragazzi" in trasferta ben pagata a kabul..e " decrescita " non significa che dovrete rinunciare a cambiare auto ogni 3 anni e " impoverimento " non significa che dovrete rivedere le vostre usuali ferie alle seychelles.

dietro questi eufemismi ci saranno lacrime e sangue .. sono " truffe ideologiche" esattamente che quando 20 anni fa ci hanno fottuto con la favola della globalizzazione

Ma a voi quella favola vi e' piaciuta ? beh ne avranno sempre di nuove per voi ..:-)
ws

Anonimo ha detto...

Ecco qua: anche Jim se ne è accorto

http://www.telegraph.co.uk/finance/markets/7884272/Secret-gold-swap-has-spooked-the-market.html

Il Folletto

Anonimo ha detto...

castigo,
non puoi paragonare i tempi dell'impero romano con quelli dell'attuale civiltà che sono davvero anni luce più veloci, per dire il XX secolo ha proposto cadute di imperi, di ideologie, due guerre mondiali, cambiamenti totali nella mentalità (non so se vi rendete conto che prima del 68 riguardo il sesso, la famiglia e anche il linguaggio si era in un mondo opposto a quello attuale, internet ecc.), cambiamenti questi che nel mondo passato richiedevano secoli, insomma quando questo economista parla di "un secolo" non comprende il mondo attuale, i cui cambiamenti sono mensili e giornalieri, insomma fra 10 anni queste supposizioni e questo tipo di economia potranno essere visti come obsoleti.
Ancora rieccheggiano in me le pubblicità di fine secolo, la new economy, la crescita senza limiti, mica parliamo di decenni fa, processi del genere prima del boom tecnologico avrebbero richiesto minimo un secolo, insomma bisogna ragionare diversamente, soprattutto riguardo i tempi.

visitfray

Marco B. ha detto...

No Capretta, nOOoooOOOoooOoo!

Un conformismo del genere me lo potrei aspettare dal Sole24Ore, non da te. Ti leggo dai tempi del trittico inflazio/deflazione/comefronteggiare e ti considero mooooolto più aperto di mente di quanto non dimostri con questa risposta. D'altra parte ti capisco, anch'io ho paura a guardare in fondo a questo pozzo, tant'è profondo.

Essere relativamente onesti (perchè onesti nel sistema di riferimento) non implica automaticamente essere assolutamente onesti.

Lasciamo stare pure gli agiati, che generalmente (soprattutto in Italia) sono ad un altro livello nell'arte del furto, parliamo di noi poveri mortali, magari onesti lavoratori vessati con l'IRPEF al 27% che pagano fino all'ultimo centesimo oltre a tutti gli altri balzelli di ogni genere e grado: trovate accettabile l'idea che la nostra semplice esistenza passata ad arrabbattarsi tra le rate della Punto, il mutuo e il weekend fuori porta sia DA UN PUNTO DI VISTA OCCIDENTALE una schiavitù moderna, ma, contemporaneamente, DA UN PUNTO DI VISTA ALTERNATIVO, una vita di lusso sfrenato che possiamo permetterci solo perchè, nel sistema inteso nella sua globalità, siamo - nonostante tutto - al livello più alto della "catena alimentare"?

Ipersemplificando: se Obama e predecessori non andassero a bombardare con i droni le popolazioni civili nelle nostre numerose guerre di razzia delle risorse, col cazzo che potremmo girare con la macchina presa a rate.

Guarda il tuo telefonino preso a 60 euro in offerta all'Unieuro: contiene tantalite, estratta dal coltan, estratta dai giacimenti in Congo dove le multinazionali depredano il territorio mentre le tribù vengono appositamente armate dall'establishment per scannarsi tra di loro.

Il concetto di furto, come vedi, è applicabile in modo frattale: il grande magna il piccolo, ti senti grande e lo appoggi come ragionamento? Bene, è solo questione di tempo: ci sarà sempre quello più grande di te che ti magnerà (erano previsioni, ormai è cronaca).

Hai il coraggio di guardare fino in fondo a questo pozzo? Hai il coraggio di capire che, accettando l'idea che esistano furti accettabili (come ammonisce l'amico Marco Vicenza "...ebbene cominciate a pensare che la vita è fatta di questo altrimenti passerete il resto dei giorni sempre a lamentarvi, a giudicare, a criticare.") autorizzi automaticamente il pesce più grosso di te a farti la festa?

Anonimo ha detto...

@folletto

Qualcuno ha usato i paracaduti d'emergenza..

invece mi sono perso qualcosa sul viet. perchè avevano bloccato l'oro? qual'era l'idea di fondo?

..poi volevo darti questo link:

http://en.rian.ru/world/20100227/158032505.html

DAZ

Bimbo Alieno ha detto...

@Marco B. : mi dispiace molto che ti sia passato il messaggio che io sia così povero di spirito da chiedere all'oste se il suo vino è buono. Ribadisco, citando Felice, è un'intervista, non significa che condivido le tesi dell'intervistato. Di fronte all'innovativa proposta venuta dal "sistema" di confrontarsi con dei blogger e con i loro lettori, cosa avremmo dovuto fare? Astenerci per "purezza etnica"?
Cercherei, mi sforzerei, di andare oltre il "noi e loro", le distinzioni tra buoni e cattivi le faceva Bush.
Ci siamo trovati di fronte a qualcuno che, senza supporti politici, ha saputo crearsi uno spazio nel "sistema" e che si permette di dire che le banche sono bancacce, piene di porcherie. Questo non fa di lui un santo, ma nemmeno farei la caccia alle streghe.

@indopama: spero che il sorriso sia figlio di qualche mia battuta, quanto al collasso del sistema, personalmente ritengo che per certi versi il sistema sia già collassato de facto, sta su con scotch e stampelle. Lo scenario di inflazione pesante che scarica il conto sui salariati, che poi andranno a protestare dal benzinaio e dal panettiere invece che presso chi è davvero responsabile mi pare quello più verosimile. Forse prima ci vorrà qualche piccolo default, giusto per fare qualche danno e far sentire con mano l'esigenza irrinunciabile di una monetizzazione massiva.

Anonimo ha detto...

"e poi, se pensi così, resterai senza prosperità a meno che non ti metti a rubare..."

Prosperità.

Sì, mi colpisce l'uso di questa parola. "Ricchezza" avrebbe suonato male, visto l'aria che tira.

Ma caro Felice, non attacca, a giudicare dal tono dei commenti.

Non si tratta di essere pessimisti, o di vedere all'orizzonte solo tragedie, anzi, il contrario.

Siete "voi" realisti che non riuscite neanche a immaginare un possibile cambiamento.

Insomma, ormai il gioco è scoperto, il degrado morale, sociale, economico, è sotto gli occhi di tutti.

Il nostro modello di sviluppo è al capolinea. E questo modello è basato sul POTERE DEL DENARO.

L'UNICA possibilità di mantenerlo in piedi è quella del Nuovo Ordine Mondiale e questo lo hanno capito nella stanza dei bottoni, come lo abbiamo capito noi.

Poi, se vuoi stare con i frati a zappare l'orto, libero di farlo.

Ma poi non dire che non eri stato avvertito.

:D guru

Anonimo ha detto...

si guru, anche se non del tutto e ancora per pochi il gioco e' ormai scoperto.

nell'economia i fondamentali sono due:
1- le risorse disponibili nell'ambiente.
2- le persone col loro lavoro.

stop, il denaro non esiste tra i fondamentali, chi continua a parlarvi di oro, di CDS, di inflazione, sta parlando del lato TRUFFALDINO dell'economia.

il denaro e' si un utilissimo MEZZO DI SCAMBIO ma si presta anche per facili truffe, come infatti avviene oggi.

quando vi parlano di continua crescita, ecc. si dimenticano dei fondamentali, sempre. non so se lo fanno apposta o perche' non lo sanno in ogni caso lo fanno sempre.

certo che c'e' stata crescita fino ad oggi, la popolazione e' quintuplicata in 100 anni!
inoltre abbiamo trovato risorse disponibili che ci hanno permesso di fare quel che abbiamo fatto.

il motore di tutto e' stato la crescita umana che e' partita per esempio prima della scoperta del petrolio. grafico

il motore dell'economia sono le persone e le risorse, non le banche che prestano il denaro!

non so perche' ma si fa finta che le persone e il pianeta non esistano.

dal cuore:
a me il Tamburi che non prende in considerazione popolazione e risorse del pianeta ma parla solo di polarizzazione, banche, derivati, bilanci, mercato, inflazione e tassi di interesse fa semplicemente pena.

chiuso nella sua bolla finanziaria non riesce a vedere che attorno a lui ha un intero pianeta fatto di esseri viventi e sono proprio questi che gli consentono di dare i numeri.

indopama

Anonimo ha detto...

se poi il Tamburi di notte muovesse la testa per guardare il cielo si accorgerebbe anche che ci sono miliardi di stelle che se ne fregano dell'inflazione.

sono felice di vedere che tanti si stanno accorgendo che la vita va ben oltre il denaro e ringrazio felice per averci dato la possibilita' di riflettere su questo.
consapevolezza e' riconoscere ogni cosa per cio' che e'.

indopama

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti.

ho letto i vari commenti.
come sempre, ogniuno di noi vede, capisce, per cosa è dentro.

@marcob
traspare in te un senso di frustazione, di rabbia.

perchè pensare che chi sta bene economicamente sia un ladro?

ti chiedo, cosa hai fatto della tua vita, in tutti questi anni, se non piangerti solo adosso?

cosa hai fatto per cambiare la tua situazione?

io, che scrivo, a 18 anni, non sapevo che esistesse lo yogurt.
ho avuto la forza di lasciare la famiglia, la ia terra ed emigrare.
con tanta fatica, tanti sacrifici, legati da una grande forza di volontà, sono arrivato ad essere ciò che sono.
sto bene sotto tutti punti di vista.
sono sttao emigrato, sono stta chi non aveva un tetto dove dormire, sono sttao chi contava le "dieci lire"oichè al 24 di ogni mese non avevo i soldi per comprare un panino.
ho pianto, ma sono andato avanti.
sono stato un operaio verniciatore.
adesso, sono un titolare di una zaienda, che al pari di me, va avanti con le propie forze, senza dipendere dalle banche o da altri.
non ho mai rubato, non ho mai approfittato di nessuno.
posso guardare negli occhi qualsiasi persona.
vivo con dignità.
ecco perchè cè un parte del mondo, una parte di persone, che vanno avanti, sostengono il peso dell'economia reale, e non sono ladri.

invece di lamentarci, iniziamo a a fare un qualcosa che porti gioia, porti maore in noi e nella ns società.
franco

giak ha detto...

Ciao a tutti e complimenti.
2 sole considerazioni sul Tamburi da me, che non essendo troppo addentro alla micromacroeconomia, forse qualcosa lo vedo meglio con più distacco.

- Un Tamburi che si concede a tre blogger finora ignorati:
1)
a) bel risultato dei blogger: non sono più solo alternativa. E' un bell'accredito, un bel riconoscimento, checchè ne dica chiunque. E aggiungo il mio "bravi!" perché ve lo siete meritato.
b) e anche il riconoscimento di una maggiore consapevolezza nella rete e... questo deve scocciare non poco al sistema (che presto prenderà provvedimenti ad hoc...?)
2) Un tentativo un po' goffo di accreditare proprie visioni finanziarie proprio da quelli che hanno goduto e godono di questi casini, dopo averli provocati. Il lupo cattivo che vuole fare una conferenza sulla bontà dei lupi (e magari dare la colpa a cappuccetto rosso.....).
Stanno cercando di rifarsi una verginità e vedrete che continueranno sempre più. Gli scoccia non poco che ci siano molte persone (sempre più) in giro per il web che cominciano a incazzarsi scoprendo gli altarini....

Termino con una considerazione sulla diatriba della prosperità fra Felice e altri: mi sembra che in fondo non siate lontani perché non penso che parliate della stessa abbondanza: c'è un modo di guadagnare e prosperare per il proprio lavoro che può dare appagamento senza cadere nella rapina v'è l'arricchimento-furto (tipo finanza, tipo Lehmann ecc.). La differenza? Uno fa girare i soldi ed ha alla base il lavoro, l'altro è un avvoltoio che solamente deruba e crea il deserto.
Quindi non credo che si debbano lanciare strali a Felice, mostrando le delusioni e quant'altro. Solo, mi sembrano due angolazioni diverse. Che ne pensate?
Saluti
Giacomo

Marco B. ha detto...

@ anonimo delle 23.03

Curioso, quasi ogni volta che si affronta il discorso che stavamo affrontando esce fuori il self-made-man che ha una lezione importante da darmi.

Allora, l'esperienza mi suggerisce, prima di andare avanti, di dare un paio di note biografico-lavorative: anch'io godo di un certo successo professionale guadagnato con il sudore della mia fronte e senza l'aiuto di nessuno, anzi. Mi sono anche ammalato per raggiungere i miei obiettivi e ora mi chiedo chi cazzo me l'ha fatto fare, per dirla tutta.

Per arrivare dove sono arrivato, ho scalato tutta la filiera del precariato passando per ogni forma esistente di lavoro "moderno", dal lavoro "saltuario" (12 ore al giorno in ufficio, 5 giorni a settimana, tutte le settimane con una settimana di ferie ad agosto) a quello a progetto con progetti rinnovati di mese in mese, dal nero più nero per il padrone che altrimenti mi doveva pagare i contributi alla partita IVA per far passare il mio lavoro dipendente da collaborazione esterna. Ho sempre lavorato da quando avevo 16 anni e andavo ancora a scuola (uscivo e andavo a fare il cassiere in un'agenzia di scommesse per non pesare sulla mia famiglia), ho fatto tutto, dalla raccolta delle olive al barman. Ora, ripeto, sto bene. Finanziariamente.

Questo non implica che io stia bene anche moralmente: caro ex-operaio ora imprenditore (la cui onestà relativa nessuno mette in dubbio), il discorso era assai più ampio: per quanto tu abbia lavorato e fatto sacrifici per poter arrivare alla tua posizione di piccolo borghese, COSA ti dà, oggi, la possibilità di mettere gasolio nei camion della tua azienda?

Non è fose l'assassinio di massa di popolazioni civili che ti dà questa possibilità?

Lo capisci che, non fossimo entrambi complici di un sistematico assassinio di massa, il gasolio non potresti metterlo ai furgoni dell'azienduccia?

Non è forse il sistematico furto verso le generazioni a venire che crea le condizioni per vivere agiatamente, oggi (ancora per poco)?

Lo volete capire che l'illusione di borghesizzazione di massa che vi hanno messo davanti per farvi faticare come le bestie ed appoggiare la LORO causa è, appunto, pura illusione?

Che lo sviluppo è FINITO su questo pianeta e che ora andrà avanti chi è riuscito a mettere più grano nei granai e non sopravviverà certo chi ha ceduto all'immenso compromesso morale per poter mostrare un telefonino, un'auto più grande e un televisore preso a rate?

Anonimo ha detto...

................x Marco B.

....PIENAMENTE IN SINTONIA CON IL

TUO ULTIMO COMMENTO..............

....TU'SEI E SARAI SEMPRE UN UOMO

LIBERO......NON ARRENDETI..:)

...@L'ULTIMO DEI MOICANI

Marco B. ha detto...

No, sarò libero quando riuscirò a tradurre in azione questo pensiero. Perchè io, da borghesuccio, ci vivo ancora.

yuma ha detto...

Però… la prima domanda che mi frulla in testa è perché il tizio dovrebbe incontrare dei Blogger.

Chi glielo ha suggerito? (o comandato?) Cui prodest?

E poi scusa Felice, ma direi che vi ha propinato un bel po’ di aria fritta .

Peccato, avete perso un’occasione importante. Ed il Beato che si sarebbe roso, probabilmente gongola.

Ps Quella del Blogger non retribuito potevi risparmiartela, ce n’è già uno, basta e avanza.

Anonimo ha detto...

@ Daz

In Vietnam avevano capito tutto e pur di avere il fisico pagavano fino a 1300 $/oz, a quel punto lo Stato per "tutelare" (eheheh) i cittadini ne ha vietato la vendita da Marzo.
http://www.google.com/hostednews/afp/article/ALeqM5i2CFXWwN6o8w7nn9GqYjOZ2dHNwA

Adesso la retromarcia, perchè i cittadini continuavano ad acquistarlo al mercato nero a 1800....così sperano di regolamentare il mercato, però tracciandolo.....

Il Folletto

Mario B. ha detto...

@yuma e agli altri criticoni del Capretta
voi che cosa avreste chiesto al sig. Tamburi?
Preparate un bell'elenco così poi lo mando via fax (è un sistema di comunicazione più antico, ma ha più possibilità di arrivare all'interlocutore della mail).

ps invito al buon senso ovviamente!!!

Sphera Group ha detto...

Molto interessante questo post, anche per le indicazioni gestionali che fornisce. A questo proposito le chiedo se possiamo pubblicarlo sul nostro blog,www.blogospheragroup.blogspot.com/, citando la fonte naturalmente. Attendo autorizzazione in merito.
Grazie.

luigiza ha detto...

@Mario B. che se la prende coi criticoni del Capretta dopo l'intervista del Tamburi.

Io non ci sarei semplicemente andato ad intervistare un personaggio che vive speculando sul lavoro altrui ed investendo soldi di altri.
Io ho sempre investito sul mio lavoro ed i miei risparmi li ho gestiti io con guadagni modesti ma certi.
luigiza

Mario B. ha detto...

@luigiza
Quello che dici è corretto, quindi preciso che la mia domanda era rivolta a coloro i quali non hanno stigmatizzato la scelta di intervistare bensì la qualità dell'intervista.

Anonimo ha detto...

Il punto è:
Tamburi pensa ancora da globalista (in un mondo marcito nell'illusione della globalizzazione), perchè gli conviene (e forse ci crede ancora?). Parla di aziende morte, di cadaveri, di fare pulizia.. Certo, è proprio questo il lato positivo della crisi (l'unico, ma solo per chi sta da quella parte): fare razzia dei cadaveri per ingrandirsi ulteriormente: di meno ma piu ricchi. C'è un noto spot che calza a pennello per tamburi: "ti piace vincere facile???" bonxi bonxi bon bon bon!
Se si continua cosi, il pianeta finirà veramente nelle mani di sole 2-3 aziende (ironicamente, perchè alla fine dei conti non possiedono nulla, nemmeno loro stessi)..

Simone

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti
@marco b.
.. premesso che non son o 2L' anonimo 23.03", ma sono franco , come mi firmo.

mi fa piacere che anche tu hai provato cosa vuol dire "guadagnarsi" il pane con il sudore della tua fronte.
io sono orgoglioso per cosa ho realizzato, non tanto l' aspetto economico, ma l' esperienza che ho ricavato.

ma , non fraintedermi , quanto scrivo,anche io non condivido il modo in cui opera la politica, e le chiese, ossia il potere.
siccome siamo noi, tutti noi, a determinare la ns vita, la ns società, non dobbiamo fare le vittime.
ti chiedo, chi è che mantiene in vita la classe politica?
chi tiene in vita le squadre di calcio?
chi mantiene in vita le chiese?
chi mantiene in vita i veri padroni del denaro?
siamo tutti noi.
siamo noi che non abbiamo mai avuto la forza di dire no.
provo ,spesso, a immaginare ,un mondo, dove tutti noi, non seguiamo la tv, il calcio, la politica.
un mondo più equo,dove non esiste più l' interesse personale, ma l' interesse di tutta l' umanità.
dove ci sia il sorriso, dialogo, senza pensare al colore della pelle o all' aspetto fisico.

@ yuma
sei sempre uguale, per certo, il lavoro di felice , tu non lo faresti mai, in quanto non fai mai niente se non hai un ritorno in denaro, ....
perchè non apprezzare il lavoro di felice, e degli altri blogger, in quanto, hanno avuto la possibilità di portare a conoscenza di tutti noi, il pensiero di uno che sta " dall' altra parte.

@ mario
hai ragione.
a criticare si è sempre pronti, a fare un po meno.
franco

luigiza ha detto...

@Marco B. del 13 luglio 2010 00.19 che scrive:
Che lo sviluppo è FINITO su questo pianeta e che ora andrà avanti chi è riuscito a mettere più grano nei granai e non sopravviverà certo chi ha ceduto all'immenso compromesso morale per poter mostrare un telefonino, un'auto più grande e un televisore preso a rate
Il punto interrogativo finale l'ho rimosso perchè palesemente superfluo (per me).
Quindi ready to kill and die?
Guardate qui http://www.washingtonsblog.com/2010/07/you-are-not-authorized-to-see-these.html per sapere cosa veramente sta morendo o é già morto (N.B. gentile segnalazione di Pluto che sono certo non si offenderà se riporto il link anche qui).
luigiza
P.S. per Pluto.
Capisco la tua difesa d'ufficio, ma immagino che ti debba costare parecchio. Internamente intendo. La mia stima nei tuoi confronti rimane comunque intatta.

Anonimo ha detto...

@luigiza

grazie della segnalazione, davvero sconvolgente.

ne consiglio la visione ad indopama ed a tutti gli altri furbacchioni convinti che il mare sia ricco di ossigeno e comunque non ci siano problemi, che tanto la vita "si sposta un po' più in là".

secondo me a voi si è spostato "più in là" qualcos'altro..... e mi sa che non torna ;-)

castigo

yuma ha detto...

Beh caro Mario, le domande sono tante, ma non credo che il Tizio avrebbe risposto volentieri uscendo da quel seminato che aveva già deciso di coltivare.

Quando dico aria fritta intendo che è chiaro che cercheranno di spalmare l’inflazione cercando di cavalcarla sperando di poter mettere la cenere sotto il tappeto.

Ma questo si chiama socializzazione delle perdite. E non è neanche detto che il giochino riesca.

In ogni caso ad esempio visto che la nostra economia non è assolutamente autonoma, anzi legata a doppio filo soprattutto agli Usa, avrei fatto domande di carattere internazionale.

Avrei chiesto se condivide il pensiero che senza le importazioni cinesi, la domanda globale è scesa del 10 % e che ben 320 milioni di risparmi provengono dal taglio del personale a fronte di 77 milioni di utili e che per circa il 75 % questa riduzione della forza lavoro sarà permanente.

Avrei chiesto se anche lui pensa che il Baltic Dry Index, continuava a salire stimolato dalla frenetica attività di trasformazione di dollari in materie prime messa in atto dalla Cina, e che adesso che il giochino è finito sta letteralmente crollando , dando così un segnale reale di come va l’Economia

Gli avrei chiesto in relazione alle trimestrali Usa cosa pensa di Alcoa che prevede che i suoi investimenti nel 2010, saranno un quarto di quelli del 2009, e se quindi questo si riflette in una diffusa fiducia nel futuro del ciclo economico .

Gli avrei chiesto chi sosterrà la crescita della futura economia se le spese in conto capitale, quelle destinate all’acquisto di macchinari o impianti che permettano di migliorare ed espandere la capacità produttiva. non vengono attuate se non da pochissime Aziende che dubito da sole potranno fare la differenza.

Poi mi sarebbe piaciuto enormemente conoscere la sua posizione in relazione a questi 50 punti

http://www.zerohedge.com/article/presenting-wall-worry-50-ugliest-facts-about-us-economy

e , en passant , magari gli avrei chiesto cosa pensava del franco svizzero come ultima moneta prima dell’oro ?

Parlando di casa nostra gli avrei chiesto un commento su Profumo che all’Ansa dice che con gli stress delle banche si può star tranquilli

http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/ansa/archivio.html?category=A096&backSearchDays=4

e successivamente sempre Ansa ci avvisa che Profumo propone di creare un fondo europeo per il loro salvataggio:

http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/ansa/dettaglio.html?newsId=213451


Tornando agli Uessei mi piacerebbe sapere cosa pensa di quella che viene definita la manina della FEd e se sondo lui, visto che non ha peli sulla lingua, se ritiene che in fondo qui taroccano tutto, dai bilanci ai Repos, alle Agenzie di Rating ,le banche private, la FED;

Per ultimo se quindi ci possiamo aspettare dalle Trimestrali dati positivi visto la facilità con cui i dati vengono taroccati e letti ad uso e consumo (vedendo i dati sulle spese personali, gli americani fino a giugno hanno davvero dato il meglio di loro stessi in termini di spese per beni durevoli e servizi anche se le variazioni rispetto a quelli forniti dalle società di ricerca private sono sospette)

La finisco qui perché non vorrei che consumassi tutta una risma A4

yuma ha detto...

Beh caro Mario, le domande sono tante, ma non credo che il Tizio avrebbe risposto volentieri uscendo da quel seminato che aveva già deciso di coltivare.

Quando dico aria fritta intendo che è chiaro che cercheranno di spalmare l’inflazione cercando di cavalcarla sperando di poter mettere la cenere sotto il tappeto.

Ma questo si chiama socializzazione delle perdite. E non è neanche detto che il giochino riesca.

In ogni caso ad esempio visto che la nostra economia non è assolutamente autonoma, anzi legata a doppio filo soprattutto agli Usa, avrei fatto domande di carattere internazionale.

Avrei chiesto se condivide il pensiero che senza le importazioni cinesi, la domanda globale è scesa del 10 % e che ben 320 milioni di risparmi provengono dal taglio del personale a fronte di 77 milioni di utili e che per circa il 75 % questa riduzione della forza lavoro sarà permanente.

Avrei chiesto se anche lui pensa che il Baltic Dry Index, continuava a salire stimolato dalla frenetica attività di trasformazione di dollari in materie prime messa in atto dalla Cina, e che adesso che il giochino è finito sta letteralmente crollando , dando così un segnale reale di come va l’Economia

Gli avrei chiesto in relazione alle trimestrali Usa cosa pensa di Alcoa che prevede che i suoi investimenti nel 2010, saranno un quarto di quelli del 2009, e se quindi questo si riflette in una diffusa fiducia nel futuro del ciclo economico .

Gli avrei chiesto chi sosterrà la crescita della futura economia se le spese in conto capitale, quelle destinate all’acquisto di macchinari o impianti che permettano di migliorare ed espandere la capacità produttiva. non vengono attuate se non da pochissime Aziende che dubito da sole potranno fare la differenza.

Poi mi sarebbe piaciuto enormemente conoscere la sua posizione in relazione a questi 50 punti

http://www.zerohedge.com/article/presenting-wall-worry-50-ugliest-facts-about-us-economy

e , en passant , magari gli avrei chiesto cosa pensava del franco svizzero come ultima moneta prima dell’oro ?

Parlando di casa nostra gli avrei chiesto un commento su Profumo che all’Ansa dice che con gli stress delle banche si può star tranquilli

http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/ansa/archivio.html?category=A096&backSearchDays=4

e successivamente sempre Ansa ci avvisa che Profumo propone di creare un fondo europeo per il loro salvataggio:

http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/ansa/dettaglio.html?newsId=213451


Tornando agli Uessei mi piacerebbe sapere cosa pensa di quella che viene definita la manina della FEd e se sondo lui, visto che non ha peli sulla lingua, se ritiene che in fondo qui taroccano tutto, dai bilanci ai Repos, alle Agenzie di Rating ,le banche private, la FED;

Per ultimo se quindi ci possiamo aspettare dalle Trimestrali dati positivi visto la facilità con cui i dati vengono taroccati e letti ad uso e consumo (vedendo i dati sulle spese personali, gli americani fino a giugno hanno davvero dato il meglio di loro stessi in termini di spese per beni durevoli e servizi anche se le variazioni rispetto a quelli forniti dalle società di ricerca private sono sospette)

La finisco qui perché non vorrei che consumassi tutta una risma A4

yuma ha detto...

Beh caro Mario, le domande sono tante, ma non credo che il Tizio avrebbe risposto volentieri uscendo da quel seminato che aveva già deciso di coltivare.

Quando dico aria fritta intendo che è chiaro che cercheranno di spalmare l’inflazione cercando di cavalcarla sperando di poter mettere la cenere sotto il tappeto.

Ma questo si chiama socializzazione delle perdite. E non è neanche detto che il giochino riesca.

In ogni caso ad esempio visto che la nostra economia non è assolutamente autonoma, anzi legata a doppio filo soprattutto agli Usa, avrei fatto domande di carattere internazionale.

Avrei chiesto se condivide il pensiero che senza le importazioni cinesi, la domanda globale è scesa del 10 % e che ben 320 milioni di risparmi provengono dal taglio del personale a fronte di 77 milioni di utili e che per circa il 75 % questa riduzione della forza lavoro sarà permanente.

Avrei chiesto se anche lui pensa che il Baltic Dry Index, continuava a salire stimolato dalla frenetica attività di trasformazione di dollari in materie prime messa in atto dalla Cina, e che adesso che il giochino è finito sta letteralmente crollando , dando così un segnale reale di come va l’Economia

Gli avrei chiesto in relazione alle trimestrali Usa cosa pensa di Alcoa che prevede che i suoi investimenti nel 2010, saranno un quarto di quelli del 2009, e se quindi questo si riflette in una diffusa fiducia nel futuro del ciclo economico .

Gli avrei chiesto chi sosterrà la crescita della futura economia se le spese in conto capitale, quelle destinate all’acquisto di macchinari o impianti che permettano di migliorare ed espandere la capacità produttiva. non vengono attuate se non da pochissime Aziende che dubito da sole potranno fare la differenza.

Poi mi sarebbe piaciuto enormemente conoscere la sua posizione in relazione a questi 50 punti

http://www.zerohedge.com/article/presenting-wall-worry-50-ugliest-facts-about-us-economy

e , en passant , magari gli avrei chiesto cosa pensava del franco svizzero come ultima moneta prima dell’oro ?

Parlando di casa nostra gli avrei chiesto un commento su Profumo che all’Ansa dice che con gli stress delle banche si può star tranquilli

http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/ansa/archivio.html?category=A096&backSearchDays=4

e successivamente sempre Ansa ci avvisa che Profumo propone di creare un fondo europeo per il loro salvataggio:

http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/ansa/dettaglio.html?newsId=213451


Tornando agli Uessei mi piacerebbe sapere cosa pensa di quella che viene definita la manina della FEd e se sondo lui, visto che non ha peli sulla lingua, se ritiene che in fondo qui taroccano tutto, dai bilanci ai Repos, alle Agenzie di Rating ,le banche private, la FED;

Per ultimo se quindi ci possiamo aspettare dalle Trimestrali dati positivi visto la facilità con cui i dati vengono taroccati e letti ad uso e consumo (vedendo i dati sulle spese personali, gli americani fino a giugno hanno davvero dato il meglio di loro stessi in termini di spese per beni durevoli e servizi anche se le variazioni rispetto a quelli forniti dalle società di ricerca private sono sospette)

La finisco qui perché non vorrei che consumassi tutta una risma A4

luigiza ha detto...

@Yuma
Abbiamo capito e personalmente ti do ragione.
Non c'era bisogno di postare la tua risposta tre volte;-)
luigiza

Anonimo ha detto...

http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo486193.shtml

Marea nera,installato nuovo "tappo"

Per ora scomparsa fuoriuscita greggio

Il nuovo "tappo" sul pozzo di petrolio all'origine della marea nera nel Golfo del Messico è stato installato da Bp. Stando alle immagini diffuse in diretta da tutte le principali televisioni americane, le operazioni hanno avuto successo: la perdita di petrolio è scomparsa. Per l'ammiraglio Thad Allen, responsabile delle operazioni per conto della Casa Bianca, sarà comunque necessario attendere per sapere se l'operazione ha avuto pieno successo....

Da sottolineare l'affermazione "la perdita di petrolio è scomparsa".


DAZ

yuma ha detto...

@ Luigiza
chiedo venia. Successo come l'altra volta. Me lo dava non inviato (addirittura senza la parola di conferma)

Anonimo ha detto...

@astabada
Si ma le donne con 6-8 figli a testa sono in africa.
In Europa c'è solo un branco di vecchi in andropausa...

Anonimo ha detto...

yuma,
hai finito una risma di A4 ma anche tu ti sei dimenticato di parlare dei 2 fondamentali dell'economia, persone e risorse.

non c'e' niente da fare, il gossip e' come la droga... non si riesce a smettere.

indopama

Anonimo ha detto...

@castigo
per te la fuoriuscita di petrolio e' un problema, per me no. non ci vedo niente di strano, solo 2 persone che guardano la stessa cosa da due punti di vista diversi.

a me non interessa sapere perche' tu hai paura e lo chiami disastro e a te non interessa sapere perche' a me va bene quello che sta accadendo.

eppure la vita va avanti ugualmente, anche se io e te non la pensiamo nella stessa maniera.
la vita va avanti ugualmente e noi continuiamo a non conoscerla pur volendo fare i professori.

e' dura ammettere di non sapere...

indopama

yuma ha detto...

@ Franco

ti chiedo scusa , ma mi sono accorto solo ora che mi avevi tirato in ballo , e tra l'altro solo per caso, in quanto dopo due righe riconosco che sei tu e salto a piedi giunti .

In effetti se ti ricordi ti avevo già consigliato di preparare un post il 1 gennaio e di copiaincollarlo fino al 31 /12

Ho quindi fatto lo sforzo di leggerti anche stavolta e devo dirti senza offesa che sei rimasto quello di sempre, noioso e petulante

Rispondo comunque. Che io faccia tutto per un ritorno in denaro è opinione tua che evidentemente non mi conosci e te la lascio. Non mi interessa neanche commentarla.

Invece approfitto per fare un "errata corrige" ( scusa Franco, non è inglese eh,sai l'altra volta non capivi businnes plan).

Allora il pensiero è il seguente. Continuo a pensare che la cosa sia un'operazione di marketing al pari di quella della bella gnocca giornalista che ti sorride a fianco quando apri il blog (e che ti consiglierei di contattare così magari diventi più allegro.)

Operazione del tutto legittima , a patto che non venga spacciata per altro. Del resto anche Mercato libero è pieno di consigli per gli acquisti.

Devo dire che Bimbo Alieno ha tradotto molto meglio l'intervista e quindi se lo avessi letto prima di IS non avrei postato da lui le cose che ho postato qui.
Mi è piaciuta la sua esposizione ed infatti l'ho messo nei preferiti.

Quindi a Felice al massimo una tiratina d'orecchie per non aver trasmesso bene ( per lo meno a mia personalissima opinione) il senso del tutto che condivido appieno.

Ti lascio con le tue sicurezze, non senza dirti che però in un certo senso il lavoro (quasi ) :-))) di Felice lo stiamo facendo con alcuni che scrivono anche qui e che si chiama "Gli ultimi democratici", ma che tenendo fede al nome, funziona solo su invito... e tu non sei invitato. Sai...siamo Democratici

Un bacione

@ Indo

stavolta concordo con te. Questo E' GOSSIP

Anonimo ha detto...

tutti vogliamo fare solo ciò che sappiamo fare.

Felice Capretta ha detto...

@ mario b.

mi hai anticipato: prossimamente, se trovo il tempo, faremo un contest e i primi 3 classificati potranno proporre ciascuno 3 domande a Tamburi qualora combinassimo una seconda intervista.



@ yuma

permetti che mi girino le palle caprine se penso che ho preso mezza giornata di permesso per un post, che potevo invece prendere per andarmene al parco con lady capretta, e mi dici pure che potevo risparmiarmela quando faccio notare che l'unico guadagno e gratificazione sono i complimenti ed i ringraziamenti.


niente di personale, prendi nota e amici come prima.

(poi l'articolo in sè ti puo' piacere o meno, ma questo è un altro discorso e lo rispetto)


@marco, guru

c'e' differenza tra lusso sfrenato da una parte e prosperità o abbondanza dall'altra. Io percepisco la ricchezza come prosperità, il lusso sfrenato non mi interessa e non ne parlo. Occhio che sono uscite delle convinzioni interessanti comunque.


@ spheragroup

ma certamente, con link attivo all'articolo originale puoi ripubblicare quello che preferisci.



@ altri più in generale

comunque....

....visto che energia si smuove nel gruppo quando si parla di denaro?

subito si sguainano i coltelli.

quello là è uno stronzo, tu non capisci niente, etc etc, perfino tra persone mediamente pacate ed equilibrate.

ora le chiacchiere sono utili a tirar fuori le proprie menate sul denaro, e vanno bene, almeno si è più consapevoli dei propri limiti.

Fatto questo, ad ognuno sta cogliere le opportunità e gli esempi che arrivano dal confronto per arricchire il proprio mondo.

Molti suggerimenti sono stati proposti nei commenti qui sopra...e che condivido.

saluti felici

Felice Capretta

Anonimo ha detto...

@indopama

@castigo
per te la fuoriuscita di petrolio e' un problema, per me no. non ci vedo niente di strano, solo 2 persone che guardano la stessa cosa da due punti di vista diversi.


fin qui niente da dire.

a me non interessa sapere perche' tu hai paura e lo chiami disastro e a te non interessa sapere perche' a me va bene quello che sta accadendo.

io non sono eccessivamente preoccupato della questione "corrente del golfo", noi siamo influenzati più dal mediterraneo.
resta comunque un FATTO: è un disastro per la zona e, se guardi le foto dell'articolo linkato da luigiza, la vita non si è "spostata un po' più in là", come vai cianciando dal tuo pulpito.

e sarà pure gossip, tirato fuori ad arte in un momento particolare, considerati tutti gli altri eventi simili, ma resta il FATTO che sia un disastro.

eppure la vita va avanti ugualmente, anche se io e te non la pensiamo nella stessa maniera.
la vita va avanti ugualmente e noi continuiamo a non conoscerla pur volendo fare i professori.


è giusto, la vita continua.
nonostante le sciocchezze che scrivi la vita continua.
nonostante i tuoi scivoloni su argomenti di cultura elementare, la vita continua.
e qui non si tratta di voler fare i "professori" discutendo di bosoni o fisica dei quanti, ma semplicemente di leggere un libro di scuola media (di quelli vecchi, però, che sono ancora decenti).

e' dura ammettere di non sapere...

infatti tu, piuttosto che farlo, ti lanci in improbabili affermazioni sulla inesistenza di correnti oceaniche, acclarati benefici effetti di queste ultime e, ultimo ma non meno importante, sull'impossibilità che manchi l'ossigeno nell'acqua.
hai ragione, è proprio dura.......

castigo

yuma ha detto...

Libero arbitrio ,mio caro Felice,libero arbitrio.

Capisco il giramento, ma non te l'ho detto io di non andare al parco con Lady Capretta.

Del resto credo tu abbia capito il riferimento.
Ci sono già altri che fanno i piagnucolosi per non essere sufficientemente apprezzati, li sto trovando un po' dappertutto.

Ma nessuno ha chiesto niente loro.

Ho sempre pensato che tu fossi fatto di un'altra pasta, visto anche la tua stoicità di sopportazione addirittura per le minacce.

Cosa che ho sempre ammirato.

Mi hai spiazzato . Tutto qui.

Prendi nota ed amici come prima certamente, ci mancherebbe.

Ma fra amici non la si manda a dire , credo.

arturo ha detto...

salve è la prima volta che posto: leggo informazione scorretta perchè mi sembra un blog interessante e ci trovo anche dei commenti interessanti.

putroppo, però, posto per dire che questo articolo è veramente scandaloso. molto probabilmente i discorsi di marco b. sono quelli più giusti. il sistema è nel mezzo del collasso e sinceramente perdere tempo dietro a un "big" dell'industria mi sembra davvero un flop. il problema è che questa gente è fuori di testa, pazza.

volevo solo esprimere la mia delusione e la mia "solidarietà" con marco b. e soci. naturalmente questa è la mia opinione personale, e continuerò a leggere il blog. sempre che non prenda una deriva "pericolosa" come questo articolo. a quel punto sarebbe come leggere i quotidiani nazionali

questa vuole essere una "critica costruttiva"

Anonimo ha detto...

"....visto che energia si smuove nel gruppo quando si parla di denaro?"

Ma è chiaro che IL DENARO è l'argomento, quello con cui dobbiamo fare i conti, volenti, o nolenti, ogni santo giorno.

E guarda, sono andato a leggermi anche il post di bimbo alieno (quello di Barrai l'ho saltato a pié pari), è vero, ha un altro taglio, ma la storia è quella.

Capisci Felice, la gente fa fatica a pagare le bollette.
Lo sai cosa succede se non paghi una bolletta dell'energia elettrica?

Ti staccano.

Questo è profondamente umiliante, non credi?

Ora, tanto di cappello a Franco, che ha fatto il suo percorso e ha raggiunto il suo obiettivo, ma come dice la canzone "uno su mille ce la fa" e gli altri 999 se la prendono in saccoccia: "arrivederci e grazie", se sei fortunato, altrimenti, un calcio in culo e via.

Non è più accettabile, l'ho già scritto, il gioco è scoperto.

La truffa del DEBITO, quella delle banche, delle finanziarie, della borsa...

Non è più accettabile.

La gente vuole vivere in pace, non gliene frega più niente della competizione, del successo.

La gente vuol trovarsi la sera a fare quattro chiacchiere, a bere.

Non ha più voglia di star lì a rigirarsi sul letto per cercare il modo di pagare quella maledetta bolletta.

Capisci Felice?

guru

Felice Capretta ha detto...

@ guru


certo che capisco.

di chi è la responsabilità se non riesci a pagare le bollette?

saluti felici

Felice

Bimbo Alieno ha detto...

@guru: che la gente non abbia più voglia di... (mettici quello che vuoi) è argomento debole: quale gente? Spesso attribuiamo a tutti i comportamenti che noi vediamo come logici, ma poi scopriamo che il mondo non ci somiglia. Aggiungerei che la platea dei lettori dei nostri blog è in qualche modo una selezione, non rappresentativa della media. La media, penso, non è che non vuole i problemi, semplicemente non vuole affrontarli, spera ciclicamente che arrivi "qualcuno" a togliere le castagne dal fuoco e a risolvere le questioni in ballo. L'atteggiamento dello struzzo è molto più diffuso di quello della ricerca della consapevolezza. Tamburi, come ogni essere umano, vive la sua realtà e la sua non è certamente quella di pagare la bolletta, ma quello che dice Tamburi non è mica oro colato, è solo l'opinione di Giovanni Tamburi.

Anonimo ha detto...

@ Felice

"di chi è la responsabilità se non riesci a pagare le bollette?"

Sì, sì, certo, ognuno è responsabile dei suoi successi, o dei suoi fallimenti.

Me lo diceva sempre anche 'l mi babbo. E aveva ragione, ma forse non era questo il senso delle mie parole.

Ho come l'impressione che tu non riesca a cogliere la gravità della situazione.

Spero di sbagliarmi.


@ Bimbo Alieno

Ringrazio anche te, per il tuo intervento. Le mie non erano critiche al blog tuo, o a quello di Felice.

Anche nelle tue parole, però, colgo l'accenno a un certo individualismo sterile che alla fine della fiera è quello che ci frega tutti, ricchi e poveri, belli e brutti.

Del resto, ho letto nel tuo post che anche tu consideri il nostro sistema economico ormai al default, ma da quel che hai scritto qui sopra, sembri nutrire una "cattiva" considerazione della gggente.

Lo trovo un atteggiamento snob.

La gente era quella che voleva comprare la macchina nuova in contanti e il concessionario insisteva per fare un leasing dal "Tamburi" di turno.

Ciao, per tua sfortuna sei finito nella lista dei miei "preferiti".

guru

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti.

@yuma
ho toccato uno dei tuoi punti deboli.
altrimenti non avresti risposto.

per gli inviti a far parte di qualche gruppo, grazie ; ma faccio parte già di un gruppo, e siamo già in troppo.
siamo io e me stesso.

a me non interessa gruppi privati, come non interessa essere al centro dell' attenzione.
non giudico gli altri per cosa hanno, non giudico affatto.
vedo cosa sono dentro.

per quanto riguarda un post e poi ricopiarlo, in fondo , hai ragione. hai ragione per il fatto che la verità è assoluta.
vivo la mia verità.

tutto qui.
franco

Bimbo Alieno ha detto...

@guru: non ho una cattiva considerazione della "gente" è solo che non amo molto il concetto di "gente".
Per il resto diciamo che se oggi dovessimo scrivere le regole del mondo e mi chiedessero di partecipare alle decisioni proporrei regole molto, ma molto diverse da quelle che abbiamo. Altra cosa pero è dissertare del mondo che ci circonda e della realtà in cui viviamo.
Molte persone andavano in banca a chiedere un mutuo al 120% del valore dell'immobile per pagarsi anche il notaio e l'arredo. La sola cosa che è cambiata è che oggi le banche rispondono di no. È triste, ma al momento, su questo fronte, le banche hanno capito la lezione meglio della gggente, o meglio -visto che la "gente" non esiste- hanno capito di più rispetto a coloro che per non farsi carico di troppi problemi e congetture si limitano a considerare che un immobile è un investimento sicuro e dunque non c'è rischio nel sovraindebitarsi. In questo atteggiamento ci vedo quell'individualismo stolto cui tu ti riferivi.

Bimbo Alieno ha detto...

@tutti: i commenti sono aperti anche nel mio blog, sarei felice di rispondervi di là che poi Yuma vede tanti commenti qui e pochi da me e mi dice che ho pochi contatti ;-)

Un abbraccio alieno