giovedì 7 maggio 2009

Le perdite di AIG, Citigroup, GM e altri

Mentre ancora una volta leggiamo sui media delle menatine di Berlusconi e respiriamo la consueta aria di ripresina, iniziano ad affluire i risultati del primo trimestre delle società a capitale americano.

AIG potrebbe chiudere il primo trimestre con una perdita di “soli” cinque miliardi di dollari, secondo un’indiscrezione del Wall Street Journal riportata da Swissinfo.

La disastrosa perdita della società salvata dal governo americano a spese dei contribuenti è comunque meno drammatica dei 61,7 miliardi di dollari andati bruciati nel 4 trimestre dell’anno scorso.

Citigroup, in coma profondo dal settembre scorso, ha ancora bisogno di capitali. Dopo aver inghiottito denaro pubblico e dopo aver speso una fetta di quell’intervento statale per cambiare i mobili e l’arredamento dell’amministratore delegato, la nota banca zombie chiederebbe altri 5-10 miliardi di dollari al governo. Sembra infatti che dallo stress test sia emersa la necessità di un capitale di 50-55 miliardi per sopravvivere.

Poste americane in perdita, con un buco da 1,9 miliardi di dollari nel secondo trimestre dell’anno fiscale rispetto ad un giro d’affari di 17 miliardi di dollari circa nello stesso periodo.

La perdita nei primi 6 mesi del 2009 sale così a 2,3 miliardi di dollari.

Il disperato tentativo di correggere la tendenza con l’aumento del prezzo dei francobolli non avrà effetti rosei. La ricetta di Joseph Corbett, amminstratore delegato: taglio dei costi a partire dal taglio delle ore di lavoro.

General Motors in crisi chiuderà il secondo trimestre in rosso, con una perdita di 6,9 miliardi di dollari. Raggiunge così l’ottavo trimestre consecutivo di perdite. I dati saranno resi noti in giornata.

Saluti felici

Felice Capretta

15 commenti:

Goodlights ha detto...

...e poi ci vengono a raccontare che la crisi è ormai un brutto ricordo da lasciarsi alle spalle...

...mha...

salut!
Goodlights

PAP8-) ha detto...

Ma la borsa sale imperturbata dagli inizi di marzo!!! Mah....

Anonimo ha detto...

e nel 2011 il mercato postale sarà totalmente liberalizzato anche da noi.
Poste Italiane conta 150.000 dipendenti che NON rimarranno 150.000!
Chissà perchè ma in Italia nessuno ancora dice nulla di quello che ci aspetta.

Daniele T ha detto...

sta salendo tutto,azioni , materie prime , metalli preziosi. Ovvero il dollaro ( ma anche le altre monete) si svalutano.
Nient'altro che questo.
Primi segnali di inflazione all'orizzonte..

Daniele ha detto...

Ennesimo taglio dei tassi...
Ma il cavallo non beve.

Woland ha detto...

Prove tecniche di povertà.

Anonimo ha detto...

far crollare l'occupazione e fare in modo di tenere bassi i salari,scaricare enormi quantità di denaro in eccesso sulle borse creando bolle speculative,sono mezzi per contenere l'inflazione.Sul lungo termine però tutto questo non è sostenibile,di conseguenza e l'inflazione arriverà scaricandosi sulle spalle di tutta la popolazione.è storicamente provato che in tutte le crisi economiche il conto deve essere pagato dai cittadini.Correggetemi se sbaglio.

Anonimo ha detto...

@anonimo
gli Stati sono i cittadini...

Anonimo ha detto...

Scusate, sono ignorante in materia, ho un mutuo a tasso variabile, mi conviene convertirlo a fisso visto il brutto periodo che arriverà? Cosa ne pensate?

Morgan ha detto...

Scusate, qualcuno può spiegarmi che accidente c'è sotto la sfrenata corsa all'acquisto di tutte le case automobilistiche del mondo, da parte di FIAT?
E dove diavolo trova tutti quei soldi? Ma perchè non se lo chiede nessuno?
Mi sembra di sognare ....

Anonimo ha detto...

Anonimo:

@anonimo
gli Stati sono i cittadini...


no, lo stato NON è i cittadini, lo stato è una entità composta da coloro che fanno della politica o dell'essere burocrati la loro professione, e pongono in atto ogni genere di sotterfugio, menzogna, sopraffazione e violenza pur di mantenere i loro privilegi.

Morgan:

Scusate, qualcuno può spiegarmi che accidente c'è sotto la sfrenata corsa all'acquisto di tutte le case automobilistiche del mondo, da parte di FIAT?
E dove diavolo trova tutti quei soldi? Ma perchè non se lo chiede nessuno?
Mi sembra di sognare ....


rumenta ha detto...

Anonimo:

@anonimo
gli Stati sono i cittadini...


no, lo stato NON è i cittadini, lo stato è una entità composta da coloro che fanno della politica o dell'essere burocrati la loro professione, e pongono in atto ogni genere di sotterfugio, menzogna, sopraffazione e violenza pur di mantenere i loro privilegi.

Morgan:

Scusate, qualcuno può spiegarmi che accidente c'è sotto la sfrenata corsa all'acquisto di tutte le case automobilistiche del mondo, da parte di FIAT?
E dove diavolo trova tutti quei soldi? Ma perchè non se lo chiede nessuno?
Mi sembra di sognare ....


http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=5868&mode=nested&order=0&thold=-1

buona lettura.

P.S. scusate il post doppio ed incompleto, ma mi si è imbizzarrito il topo....

Delio Bartolucci ha detto...

Salve ragazzi, sono Delio.
Apprezzo molto l'opera di divulgazione e traduzione, e anche alcuni tuoi pensieri.
Vi invito' pero' a riflettere molto attentamente.

Anche leggendo questo articolo ( Fed: 10 grandi banche Usa hanno bisogno di 74,6 miliardi $ http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2009/05/fed-stress-test-banche-usa.shtml?uuid=614db1a6-3b4c-11de-9f71-0cbe0d0ff47d&DocRulesView=Libero )
che gli stati del mondo, Usa in testa, si stanno indebitando con le banche centrale per salvare le banche commerciali.
Bank of America e Citi in testa.
Ma questi soldi, visto che nessuno stato ha diritto di emissione della moneta, nelle tasche di chi vanno, una volta resi come debito pubblico?
Certo, adesso, nei omenti di crisi Trichet sta abbassando il tasso di interesse all'1%, ma il debito, o almeno una parte dei suoi crescenti interessi maturati, vanno pagati.
La federal Reserve, la banca che emettera' i soldi per rimpinguare gli istituti creditizi e far "rilanciare l'economia" a prestito, e li rivorra' maggiorati da interesse, e' composta solo da organi bancari privati. Citi e Bank of America in testa...
Comincia ad esser chiaro il concetto?

Per Morgan. I soldi li metteranno i cittadini tedeschi ed americani. Miliardi di euro. Con gli stessi soldi si sarebbe prodotta una ricerca scientifica che avebbe portato l'umanita' ad abbandonare per sempre il motore a scoppio. E questo perche'? Perche' dovevamo restituire i debiti a Goldman Sachs, JP morgan e tutti gli altri.
Molti dei quali, ancora una volta, interni alla Fed.
Da una parte perdono (quando le aziende falliscono e non restituiscono i crediti) ma poi ecco che arriva lo stato che glieli chiede in prestito PER DARLI PROPRIO A LORO.
Ma riuscite a immaginare qualcosa di piu' perverso?

Delio Bartolucci ha detto...

Il mondo e' governato dai soldi, non dico niente di nuovo.
Per capire qualcosa del mondo dovremmo capire cosa sono i soldi.

Anonimo ha detto...

@Delio

infatti. qui qualcosa per cominciare.

http://www.youtube.com/watch?v=Wo_83wIzeL8&feature=related