lunedì 3 ottobre 2011

Grecia, borse giù e Wall Street occupata




Oggi di nuovo le borse sono andate a rotoli.

Sono andate a rotoli perchè Atene ha dichiarato che non riuscirà a rispettare i paletti richiesti dall'Unione Europea per ottenere la sesta tranche di finanziamenti. Neanche il licenziamento di 30.000 dipendenti pubblici sarà utile.

D'altra parte, gli unici che credono ancora che la Grecia potesse essere mai salvata sono solo i politici, gli economisti in capo, e le persone che credono a quello che ripetono i telegiornali, che a loro volta ripetono le parole dei medesimi politici ed economisti in capo.

Queste persone, con lo scopo di preservare il potere che essi ed i loro padroni attualmente detengono (e possibilmente aumentarlo), hanno illuso le persone che gli hanno dato ascolto, con bugie fondate sull'ignoranza economica di coloro che li ascoltavano.

Queste persone hanno dato a credere, nascondendosi dietro concetti apparentemente difficili, che più tasse e più tagli allo stato e popolazione più povera e popolazione nel complesso molto più incerta fosse una soluzione.

Queste persone hanno dato a credere che affossare una nazione sia il modo migliore per salvarla, ed hanno dato a credere che basta prendere 10 dalle tasche della popolazione per coprire 100 nelle tasche delle banche.

Mentre evidentemente con 10 non si riesce a coprire un buco grande 100.

E non è prendendo a calci il paziente che si ristabilisce.

Quindi eccoci ripetutamente a celebrare il funerale greco, che si risolverà ancora un po' con un altro rinvio, che rimanderà il momento della resa dei conti e la renderà più grande e più dolorosa, come gli affezionatissimi ben sanno.

Interessante anche l'emergere di un'altra verità: Venizelos ha dichiarato che la Grecia non è il capretto (ahi) espiatorio d'Europa, ma che ha "problemi strutturali".

Il concetto di "problema strutturale" è una clamorosa ammissione, che i lettori più attenti avranno sicuramente notato, ed è la clamorosa ammissione che Atene dovrà essere sistematicamente e regolarmente salvata, perchè la sua economia non ce la puo' fare da sola.

C'e' da chiedersi allora come abbia fatto la Grecia a campare per millenni, dal momento che la civiltà greca è una delle più antiche e raffinate d'Europa. Mentre i romani si atteggiavano a bulli di periferia e i milanesi cacciavano i cinghiali nelle foreste, gli ateniesi raggiungevano vette di civiltà e democrazia ammirate in tutto il mondo.

E la Grecia, con alti e bassi, è giunta fino ad oggi.

Quindi forse le capacità per farcela le ha.

Ma forse la Grecia non è che la metafora del mondo occidentale, che è destinato a fare la fine della Grecia perchè non ha più le capacità per farcela. Non ha alcun senso riempire i supermercati di pesce australiano, nè di carabattole cinesi che costano poco solo perchè dentro c'e' lavoro in semischiavitu' e sono state acquistate grazie ad un tasso di cambio fissato per legge.

Tutto questo, ed il foraggiamento sistematico ed organizzato di un gruppo di politici, economisti in capo ed i loro padroni, il tutto in cambio di poche briciole, ha portato la situazione attuale greca, ma anche del mondo intero ad essere non più sostenibile.

Ogni euro dato a questo sistema lo alimenta, lo foraggia, e gli dà il potere di tirare il collo ai greci oggi, agli italiani domani mattina, ed a tutto il mondo domani sera.


Occupy Wall Street, inizia la terza settimana

Negli USA, come segnaliamo da più giorni, continua a montare la protesta. Che da qualche giorno si è estesa ad altre città e sta contagiando anche il Canada dopo Boston, Chicago, Los Angeles e New York.

Senza alcuna forma di collegamento, la protesta mostra le stesse caratteristiche che abbiamo visto negli altri paesi: nessun leader, ognuno con la sua ragione, eppure tutti lì a dire che quando è troppo è troppo e che adesso basta.

Sotto l'insegna "We, The People", le persone manifestano, ognuno per la sua propria ragione, ma con quell'elemento unificante.

E c'e' ancora chi pensa che tutto va bene e che le crisi vanno e vengono, dimostrando una ignoranza talmente estrema da essere imbarazzante per un essere vivente che si vanta del titolo di "Essere Umano".


Il pietoso spettacolo della televisione

Di solito apriamo il post, con le oscenità televisive italiche.

Questa volta lo finiamo. Oggi abbiamo acceso la tv per sentire le solite boiate del tg ma l'abbiamo accesa un po' prima dell'orario canonico. In prima serata, un volto noto della televisione italica si presentava semisvestito in abiti femminili, con parrucca bionda e voce in falsetto. Poco dopo, un altro volto noto della medesima tv ha preso un dito del primo in abiti femminili e se l'e' infilato nel naso davanti alle telecamere.

Il pubblico rideva, prontamente addestrato dall'assistente di studio.

O forse erano solo risate registrate.

Ridi, ridi.

saluti felici

Felice Capretta

26 commenti:

giak ha detto...

E' proprio vero... ridi, ridi: ridi a sazietà, sfogati, perché poi verrà il tempo delle lacrime: autobotti di lagrime.
Felice, grazie di questo bellissimo post; un'altra occasione in più per riflettere e per confermare anche le nostre intuizioni.
Avanti, con gioia, verso la catastrofe.
Saluti
Giacomo - giak

Anonimo ha detto...

"C'e' da chiedersi allora come abbia fatto la Grecia a campare per millenni, dal momento che la civiltà greca è una delle più antiche e raffinate d'Europa. Mentre i romani si atteggiavano a bulli di periferia e i milanesi cacciavano i cinghiali nelle foreste, gli ateniesi raggiungevano vette di civiltà e democrazia ammirate in tutto il mondo."

Non avevano una banca centrale per esempio. Qualcosa vorrà dire.

*Dioniso*777* ha detto...

La demenza, per usare una parola gentile, della Tv nazista del nostro paese dove tutti e applaudono a ogni cretinata mi da la nausea ogni volta che la accendo, vogliamo capire perché siamo messi così male in Italia? Basta pensare che milioni di persone passano ore davanti a quel monitor che rigetta idiozia, disinformazione e spegnimento del cervello.
Ciao, stammi bene

Anonimo ha detto...

MASSIMA ATTENZIONE ALLA NOTIZIA SU " INFORMARE PER RESISTERE"
La Nuova Polizia con Poteri Illimitati
ECCO SVELATI I MOTIVI DEI NOSTRI POLITICI E DI CHI PER LORO.

Anonimo ha detto...

@ Dioniso

la tele è lì a far proprio quello.. ma ormai questo si sa da decenni.
Fessacchiotti a guardarla però soprattutto.
Se son veri i dati rilevati da auditel, sono milioni che la guardano: chi questo e chi quello.
E i dati più significativi riguardano i programmi più idioti. Chissà come mai.
Vuol dire che la tele riflette una realtà, una realtà triste.

Buona giornata


Zita

Anonimo ha detto...

concordo al 100% con dionisio

ecco perchè bisogna trovare il coraggio di buttarla via quella maledetta scatoletta

io l'ho fatto 12 anni fa, e mi sono completamente disintossicato

e non mi manca neanche un po'


Les Paul

Anonimo ha detto...

Mi ricordo 30 anni fa quando mio padre mi impediva di vedere programmi che lui giudicava demenziali. Allora mi dispiaceva, ma con il senno di poi faceva bene.
Kassad

simone ha detto...

Io credo che la situazione si possa risolvere con una radicale modifica del sistema. Mi spiego, tutto nasce da una globalizzazione lasciata sviluppare troppo velocemente. I governi per continuare ad avere un consenso popolare si sono indebitati per mantenere alto il tenore di vita. Finanza che ha approfittato della situazione per lucrare.
Soluzione, rallentare l'entrata di merci straniere obbligando la cina a rivalutare la sua moneta con la minaccia di dazi pesanti.
Incentivare il più possibile la re-industralizzazione dei paesi occidentali per aumentare gli occupati.
Organi di controllo sulla finanza che funzionino davvero e introduzione della tobin tax a livello mondiale con chiusura delle dark-room.
Che ne dite, sono idee valide o sbaglio tutto?

Anonimo ha detto...

Repubblica: Alla terza settimana di protesta 1in uno dei templi della finanza mondiale, gli indignados di Wall Street trovano l'appoggio dell'imprenditore George Soros e dell'ex consigliere del presidente Obama, Van Jones.

Beh, chi l'avrebbe mai detto? Buona rivoluzione colorata hi-tech a tutti...

Anonimo ha detto...

Ma forse la Grecia non è che la metafora del mondo occidentale, che è destinato a fare la fine della Grecia perchè non ha più le capacità per farcela. Non ha alcun senso riempire i supermercati di pesce australiano, nè di carabattole cinesi che costano poco solo perchè dentro c'e' lavoro in semischiavitu' e sono state acquistate grazie ad un tasso di cambio fissato per legge.

Tutto questo, ed il foraggiamento sistematico ed organizzato di un gruppo di politici, economisti in capo ed i loro padroni, il tutto in cambio di poche briciole, ha portato la situazione attuale greca, ma anche del mondo intero ad essere non più sostenibile.

Ogni euro dato a questo sistema lo alimenta, lo foraggia, e gli dà il potere di tirare il collo ai greci oggi, agli italiani domani mattina, ed a tutto il mondo domani sera.


Splendida sintesi.
Complimenti y
§uerte

Robertone ha detto...

La verità è che i dati televisivi sono solo relativamente esatti.
Mi spiego meglio ,sono alcune migliaia di apparecchi montati su dei televisori , gli apparecchi registrano quando la televisione è accesa e su che canale.
Diciamo che molte famiglie lasciano sempre acceso il televisore anche se non c'è nessuno davanti , e poi compilano i rapporti con fantasia.
Alle famiglie "tipo" arrivano poi regali e omaggi ogni tanto , non si sa per quale motivo.
Inoltre i dati a computer possono essere falsati facilmente , a fronte di una organizzazione elefantiaca, come tradizione italiana ci saranno pochi addetti al computer.
Corromperli e dargli un lavoro in Mediaset, per esempio , dovrebbe essere abbastanza facile.
Detto questo la realtà dell'Auditel e simili è abbastanza diversa dalla realtà, ne è prova il risultato eccezzionale dell'8ltimo referendum.
Per quanto riguarda la macchina da guerra mediatica del ns presidente del consiglio , durerà solo quanto durerà lui , poi il sui imperi si ridimensionerà e di parecchio.
Basti pensare a personaggi chiaramente con problemi mentali , tipo la Santanchè , che è stata in grado di recuperare venti milioni(Sic!) di pubblicità per le testate amiche del PresDelcons.
Al momento la maggior parte degli introiti di Mediaset arriva da pubblicità , ovvero ha il 67 per cento degli introiti pubblicitari televisivi a fronte del 40 e rotti di share affettivo.
Ovvero , anche con le rilevazioni falsate che ci sono guadagna mooolto di più di quanto dovrebbe.
Una volta caduto l'impero gli inserzionisti spariranno verso lidi più accoglienti.
forse c'è ancora speranza.

Zio Tibia ha detto...

...mi mancano i tuoi consigli sull'orto...

e intanto faccio una domanda a chi sa':
Durante il default dell'argentina, chi aveva un cc gli e' sto bloccato, ma a chi aveva un mutuo, cos'e' successo?

Antonio(ZT)

alboino ha detto...

Egr. Felice
concordo completamente con la tua analisi, ma mi permetti di farti una domanda?
Come fai a sopportare queste boiate televisive, senza avere problemi di stomaco?
A me bastano pochi secondi....
Saluti

una mattina ha detto...

Non so se siete mai stati in Grecia, ma camminare nella Placa e salire al Partenone è come tuffarsi nella storia antica quando la Grecia era il simbolo della ricerca della verità, della politica intesa come il bene comune, i suoi filosofi erano degli Dei confrontati a governanti dei nostri tempi.
Io allora mi sono fatta una domanda: perchè questa grande crisi economica-sociale-politica è partita proprio da li?

Infettato ha detto...

*Simone in realtà la globalizzazione è stata frenata, ciò che tu prospetti in parte è già stato messo in atto e si vede.
Le regole dei vari stati hanno funzionato per un po' di tempo, più occupazione salari alti, in realtà se guardi la Grecia vedi qualsiasi nazione. Il problema è che consumando risorse monetarie in questo caso per lavori improduttivi e superpagati portano al default, loro ci sono arrivati ma poi tocca anche a noi. I posti di lavoro non vanno creati devono nascere spontaneamente, nascono se c'è un imprenditore che ha un idea ha il capitale e vuole rischiare. Se le aziende sono foraggiate dallo stato o sono direttamente statali, il rischio è nullo in teoria, nella pratica porta la situazione attuale.
*zio tibia E' una domanda che mi sono posto anche io, credo che non tutte le crisi si evolvono allo stesso modo (inteso come dinamiche), quindi non c'è una risposta certa... tranquillo comunque, credo che riusciremo a "saperlo" personalmente.
*Felice il gruppo antibank italiano in pratica è costituito esclusivamente da auritiani puri, lol lol in pratica mi sono trovato come un pesce fuor d'acqua....

Anonimo ha detto...

ai tempi dei greci antichi intelligenza significava evitare il male. Nello scorso secolo intelligenza significava Quoziente Intellettivo. Oggi il quoziente intellettivo si è trasferito nei computer. Ognuno tiri le conclusioni per leggere le dofferenti epoche.

Anonimo ha detto...

@Robertone

La pubblicità!
Publitalia!
Mediaset!

Un ottimo metodo per riciclare denaro della mafia?????

Ricordiamoci che non deve dimostrare alcun "costo" materiale dietro...
Praticamente tutte... entrate e relativi costi "intellettuali" !

La mia risposta è affermativa, la vostra?

GiBi

Anonimo ha detto...

Quoto zio tibia... e chi ha un finanziamento in corso? o un azienda che usa sbf o c/anticipi?

Renèe ha detto...

@ una mattina

commento delle 12:55

...come dire che nella domanda c'è già la risposta..., io penso che la situazione economica del paese e la condizione psicologica degli abitanti greci era una ghiotta occasione dove dare inizio al Crack (che da qualche parte doveva pur iniziare) e fare pratica,
magari all'Argentina siamo sopravvissuti, ma ora era il momento migliore per premere l'accelleratore con il "caso greco".
E poi quale migliore occasione di "cancellare", se possibile definitivamente, quell'energia di meraviglia, antichità e saggezza appartenenti all'umanità, coprendola con vibrazioni di sofferenza e paura?
Quest'ultime energie necessarie per chi vuole controllare il popolo.
Da qui ci rendiamo conto quanto c'è ancora da fare per ri-costruire un mondo sincero, buono e soprattutto bello !
Che solo Noi Umani Uniti possiamo costruire :)))
Infatti le ns energie dovrebbero andare tutte in queste direzioni positive.
Però la cosa potrebbe essere vista come un'occasione positiva di aver messo l'Umanità di fronte a se stessa per vedere cosa fa: o tiriamo fuori le cose più belle e quegli slanci incredibili che sappiamo fare e facciamo pendere l'ago della bilancia verso il bene, oppure il bene stesso farà un pò di "ripulisti generale".
Dietro a tutta questa oscurità si intravedono delle Luci meraviliose...e a queste Luci dobbiamo tendere la mano, affinchè il ns cuore emetta zapilli di gioia
Sarò un pò romantica a scrive ciò, ma sono pienamente convinta che tutta la miseria e l'ignoranza che incombono faranno posto all'amore e alla bellezza :)

Anonimo ha detto...

non dimentichiamoci che hanno "suicidato" socrate; quando platone arrivò a siracusa dionigi lo fece buttare in acqua; dopo le guerre tra sparta e atene le città erano così stremate che quasi scomparvero, esiliarono senofonte, per esempio, che dovette andare a combattere come mercenario per artaserse, insieme ai più valorosi; tralasciamo l'abbandono di leonida alle termopili perchè avevano da "giocare" alle olimpiadi; ecc...
anche loro hanno avuto le loro crisi e le loro deficienze. non idealizziamo.
Fra

Anonimo ha detto...

i tg sono li perchè la gente li guarda, quindi hanno quello che si meritano. forse se (a mio parere) nel '68 non avessero sfasciato la scuola ci sarebbero meno ignoranti in giro, anche meno predisposti a bersi certe trasmissioni. ma, si sa, l'ignoranza, la fame e la disoccupazione sono le madri di tutti i regimi.
d'altra parte quanti leggono la gazzetta dello sport e basta?
Fra

Anonimo ha detto...

ti chiedi perchè è partita dalla Grecia? Perchè l'uomo ha dimenticato di vivere in un mondo simblico fatto di significati, dove ogni cosa è connessa, la crisi è dell'occidente e del suo modello di sviluppo e non poteva che iniziare dalla nazione culla dell'occidente, non sono coincidenze...
Jar Jar

Anonimo ha detto...

Occupare Wall Street? Un'operazione globalista
di Kurt Nimmo
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=40476

m

Fabio ha detto...

@ Renèe

mi piace il tuo pensiero, voglio crederti!

Anonimo ha detto...

@ Felice ed a tutti
(tradotto dall’originale francese)

“Se l’impero si corrompe, tutti hanno collaborato alla corruzione. Se la maggior parte tollera, in cosa non è affatto responsabile?”

Da: Citadelle di Antoine de Saint–Exupery – Edition Gallimard Paris -1948

FEDRO 55

alboino ha detto...

Fra hai assolutamente ragione,
il 68 ha avuto la sua influenza, e non fanno eccezione i politici che ora sono ai vertici.
Ho avuto prove di quello che dici, anche nel mio lavoro.
Ma il 68 è stato un preciso disegno, partito alcuni anni prima, guarda caso, dagli Usa.
Ora si raccolgono i risultati.