martedì 17 novembre 2009

PIL su, economia giu'

Torna a vedere la luce il PIL giapponese, che è salito dell’1,2% nel terzo trimestre e fa segnare il secondo rialzo consecutivo.

“Si puo’ dire che la situazione economica si consolidi, ma non credo che la fiducia dei consumatori sia migliorata” , dichiara il presidente di Shiseido cogliendo esattamente nel segno.

Fin qui, le buona notizie di Euronews.

Swissinfo invece va più nel dettaglio e i nodi vengono al pettine:

Il deflatore della domanda interna, che misura le variazioni dei prezzi di beni e servizi al netto delle esportazioni e delle importazioni, è precipitato del 2,6%, il tonfo più pesante dal 1958, dopo altri due trimestri consecutivi di frenata.

"Il dato sul Pil segnala che la ripresa è in corso, ma non vi è alcuna modifica delle condizioni di gravità in cui versa l'economia del Paese", ha spiegato il vicepremier e ministro della Strategia nazionale, Naoto Kan.

"Siamo preoccupati di una economia in deflazione e della disoccupazione", ha aggiunto, anticipando che il governo non abbasserà la guardia con un altro extra budget di stimoli pubblici all'economia che, secondo il ministro delle Finanze, Hirohisa Fujii, non supererà i 2.700 miliardi di yen, 30 miliardi di franchi.


Anche il PIL in eurolandia è tornato a salire, ce ne dà notizia Eurostat, dopo ben 5 trimestri consecutivi in discesa. Segna un complessivo +0,4%, con Spagna e UK che dimostrano di essere le economie più dissestate d’Europa, che continuano a sprofondare sotto il segno meno.

Sempre in tema di simpatiche barzellette, Euronews ci informa che General Motors ha chiuso il terzo trimestre con una perdita netta di solo un miliardo e cento milioni di dollari.

Con un solo miliardo di sollari di buco, sarebbe ora possibile mettere a punto un piano di rimborso degli aiuti ricevuti dal governo degli Stati Uniti e da quello del Canada.

Solo un miliardo di dollari di perdite. Un miliardo, non un milione, un miliardo... c’e’ proprio da festeggiare e preparare un piano di rientro.

Già.

Chiude il terzo trimestre in perdita anche la holding franco-tedesca che controlla Airbus. La prima perdita negli ultimi due anni ammonta a 87 milioni di euro.


Sul fronte influenza, tre persone sono decedute in Germania dopo il vaccino.

Saluti felici

Felice Capretta

157 commenti:

Anonimo ha detto...

Sul fronte influenza, tre persone sono decedute in Germania dopo il vaccino.



E allora?
Ne sono morte molte di + PRIMA del vaccino :D

Anonimo ha detto...

@ simpatico anonimo

corri a vaccinarti allora!!!

katanga

Botolino ha detto...

Barzelletta del giorno:

Riferendosi all'allarme occupazione lanciata da Epifani, Scaiola ha aggiunto: "I dati ci pongono in una situazione migliore rispetto al resto d'Europa. Il ricorso alla cassa integrazione sta calando e i fondi per gli ammortizzatori sociali sono stati utilizzati in minima parte".

:-D

Botolino ha detto...

Dimenticavo:
Tranquilli, la crisi è passata e l'influenza A è una influenza come tutte le altre, va tutto bene e tutto è sotto controllo ...

Gian Piero de Bellis ha detto...

“Il deflatore della domanda interna, che misura le variazioni dei prezzi di beni e servizi al netto delle esportazioni e delle importazioni, è precipitato del 2,6%”

"Siamo preoccupati di una economia in deflazione e della disoccupazione".

Felice, siamo certi che questi indici e queste persone facciano davvero riferimento alla vita reale, ai bisogni reali di molta gente e tengano conto del fatto che l’automazione ha reso la produzione non direttamente legata all’occupazione (le 8 ore di lavoro giornaliero)?
Mi sembra di sentire concetti e termini di un mondo trapassato.

Molto più interessante mi sembra dare un’occhiata alla lista sulla corruzione di Transparency International che né la Repubblica né il Corriere della Sera sembrano riportare nella loro edizione on-line di oggi. Se gli date una occhiata (sul sito di Transparency http://www.transparency.org/ o qui http://www.polyarchy.org/basta/sussurri/corruzione.html) capirete subito il perché

corvo ha detto...

5 morti in svezia dopo la vaccinazione
Dopo la vaccinazione vi sono state 5 morti riferisce il ministero della salute svedese.
I colpiti sono morti in uno spazio fra 12 ore e 4 giorni dopo l'appuntamento per l'iniezione.
)Il monistro ha dichiarato ce fino ad oggi la diretta causualitá non é stata provata. Tutti e 5 morti avevano malattie croniche come distubi al cuore i diabete. Avevano fra 54 e 74 anni

Fonte Focus Online

Daniele ha detto...

L'influenza A è una normalissima influenza!
L'ho avuta io e la avuta mia figlia di 8 anni.
Basta sparare caxxate continue su questa normalissima influenza, ecchecavolo!!!

Felice Capretta ha detto...

@gain piero

per la seconda volta ti chiarisco un concetto di un mio post. e ti ringrazio, perchè mi dai la possibilità di esprimermi con maggior chiarezza.

a mio avviso è molto interessante che la stessa notizia viene data da Euronews come buona, ma basta solo aprire un sito anche molto mainstream come Swissifo per scoprire che forse non era proprio una buona notizia, e che sotto le luci brillanti ci sono invece molte ombre.

vedasi il caso del PIL italiano, che peraltro, come alcuni affezionatissimi hanno segnalato, risulta non coerente con i dati del gestore di corrente elettrica, che confermano i nostri dubbi...

per il resto, interessante la classifica. grazie! :-)

saluti felici

FElice

Anonimo ha detto...

@ G.P.
Transparency International, la Madre di tutte le Mani Pulite

http://www.movisol.org/transpa.htm

___

http://cercatoridellaverita.blogspot.com/2009/10/juan-manuel-de-prada-e-la-matrice.html

Anonimo ha detto...

Aerei: Aea; non si vede fine crisi, servono misure sostegno


BRUXELLES (awp/ats/ans) - "La fine della crisi per le compagnie aeree ancora non si vede, gli ultimi dati non indicano alcun segnale di recupero": è l'allarme lanciato dall'associazione europea delle compagnie, l'Aea, che chiede ai governi europei di riunirsi con tutti gli attori del settore per valutare insieme come sostenere il trasporto aereo, a partire da un quadro regolatorio con meno vincoli.

"Le fondamenta di un settore aereo europeo sostenibile si stanno sbriciolando.
Ci sono parti vicine al collasso. Alcune compagnie aeree stanno cessando di esistere come entità autonome. Altre stanno uscendo da mercati nei quali non rientreranno. Decine di migliaia di dipendenti delle compagnie e dell'indotto stanno perdendo il lavoro", dice il segretario generale dell'Aea Ulrich Schulte-Strathaus, che avverte: "Le compagnie aeree non sono riuscite a fare profitti in estate e sono così impreparate ad affrontare quello che sarà un inverno pesantemente non redditizio". Un invito "alla Commissione Europea perché segua l'esempio degli Stati Uniti" che hanno adottato misure con uno stretto confronto con gli attori del settore.

Gli ultimi dati per le 33 compagnie europee che aderiscono all'Aea indicano una contrazione nel periodo gennaio-settembre 2009, rispetto ai primi dieci mesi del 2008, del 7,2% del numero dei passeggeri (oltre 248 milioni), del 5,5 del traffico, del 4,3% dei posti offerti. A settembre, rispetto a settembre 2008, il calo è stato del 4,5% dei passeggeri, del 3,45 del traffico, del 5% dell'offerta.

Anonimo ha detto...

Interessante: sul blog di Grillo e sul Fatto Quotidiano cominciano a chiamare il no b-day l'inizio di una rivoluzione viola (viola sarebbe il colore simbolo del no b-day stesso). che sia forse l'inizio di una nuova rivoluzione colorata...

Ciao, pegasus

Anonimo ha detto...

Grazie Felice
seguo assiduamente "informazione scoretta"e i compagni di viaggio,posso solo portate la mia esperienza nel comparto orafo..sono "solo" 24 anni di esperienza...vicenza valenza e arezzo sono al collasso....aspettiamo i dati di fine anno per vedere le aziende che rimarranno in piedi....negli anno 80 e 90 la produzione mondiale dell'oreficeria era del 70% di produzione italiana...poi abbiamo cominciato a consegnare impianti di produzione ai turchi i quali a sua volta uscivano sul mercato con prodotti al 50% dei nostri costi,poi siamo andati a mettere le fabbriche in cina,ecc.ecc...tanti marchi di orologeria e oreficeria vengono prodotti in cina....gli orologi li hanno fatti sempre a hong kong...un gruppo svizzero che copre diversi marchi noti,ne produce più di due milioni mese e ecc...quando andate a comprare un orologio o un gioiello in acciaio proviene tutto da quel lato del mondo...QUINDI fabbriche di casse per orologi in italia non ne esistono più! fabbriche di bracciali per orologi in italia non ne esistono più!fabbriche di oreficeria siamo ridotti al lumicino!idem per la fabbricazione della gioielleria!il potere di acquisto dell'italiano quando entra in una oreficeria si è ridotto a una spesa di 200/300 euro max 800.....negli anno 90 un italiano spendeva dai 3 ai 6.000.000 di lire,,,,e via dicendo.......rimangono solo i brand...e i laboratori artigianali!
grazie del passaggio sul tuo "treno felice"
acetosella

kilkenny1975 ha detto...

Dati consumi elettricità mese di ottobre ( - 5,1 %)

Leggete qui

Probabilmente in Italia in questo momento ci sono migliaia di cinesi che stanno pedalando per produrre l'energia che serve, solo che noi non lo sappiamo :)

In tema suima,
pensa, io ho pure problemi cardiaci congeniti e sono qui ancora vivo che me la rido...

Andate andate a vaccinarvi, più spazio sui mezzi pubblici, a sto punto forse è megli diventare un po cinici..

Saluti
C

Anonimo ha detto...

Un mondo Strano.

http://www.transurfing.it/arriva-il-transurfing/#more-1

Mario ha detto...

sul vaccino contro l'H1N1 posizione ufficiale del Governo polacco:"è una truffa" http://www.repubblica.it/2009/11/sezioni/cronaca/nuova-influenza-6/ministro-polacco/ministro-polacco.html

yuma ha detto...

@ Mario

Grazie, visto !

ma sono pazzi questi polacchi ? E poi i loro Ministri ... che si comportano come se dovessero fare l'interesse dei cittadini?

Ma dove credono di essere... sono in Europa !

Anonimo ha detto...

Volevo chiedere a Pluto come sta' andando il suo carnivoro. Le attese sono state ben riposte?

Ciao, Zita

Goodlights ha detto...

qualcuno ha notizie su come si è evoluta la situazione in ucraina?

Goody

Goodligts ha detto...

@zita

li avrà mangiati tutti?
:-)

un saluto veloce dall'ufficio...

Goodlghts

Mario ha detto...

@yuma
hai ragione, è scandaloso, un governo che fa gli interessi dei suoi cittadini, non si è mai visto!
piccolo sfogo personale ...
MA QUANTO è BELLO NOVEMBRE
pagata iva terzo trimestre (in parte ancora da incassare visto che alcune fatture sono insolute come pure alcune dei trimestri precedenti);
pagato contributi INPS per una pensione che non vedrò mai;
fine mese acconti IRPEF e IVA 2010(ACCONTI? IL 79% dell'Irpef e l'88% dell'iva, la truffa nelle parole) senza sapere se e quanto si riuscirà a lavorare il prossimo anno.

Anonimo ha detto...

si però Mario, non hai visto report domenica??

un tributarista ha detto che NESSUNO pagherà le tasse alla scadenza... ci sarà un altro condono.

;)

coraggio, che pantalone paga sempre

:)

Zita

per Goodlights: mi chiedevo la stessa cosa per l'appunto.
;) altra ipotesi stanno facendo un sacco di quattrini e stanno zitti zitti.. mah!
Ciao

Mario ha detto...

@Zita
purtroppo i "pantaloni" non sono solo i lavoratori dipendenti anche se effettivamente sono la fetta più grossa ...

kilkenny1975 ha detto...

@Mario
Vai a Palazzo Montecitorio cos'ì capirai una volta per tutte che fine fa l' anticipo IVA

Tieni duro, siamo tutti sulla stessa barca

Saluti
C

guru2012 ha detto...

@ kilkenny1975

..intendi dire che va tutto... in polvere?

Anonimo ha detto...

ore 15:45
oro a 1151,1

a ri...pero'

katanga

Anonimo ha detto...

a mario

certo! per me pantalone son tutti quelli che pagano, non solo gli operai..

che rabbia però!

Ciao, Zita

Anonimo ha detto...

salve a tutti
volevo solo far notare in questa giornata così grigia(almeno a bologna..)ci siano in rete così tante notizie a dir poco particolari:
il ministro polacco che da dei venditori di aria fritta a tutto il sistema che ruota attorno ai medicinali;
l'abi dice che effetivamente soldi alle imprese non è che ne siano arrivati così tanti a fronte di una produzione di cartamoneta mai vista(da qualche parte ho letto che solo in germania dopo la Iguerra mondiale è avvenuta cosa simile...)da parte delle banche;berlsuconi rassicura fini e svastichella(scherzo..);israele respinge critiche per nuovi insediamenti;etc
insomma una grande giornata
grandi avvenimenti
solita robba!!!
grimble

kilkenny1975 ha detto...

@guru2012
eh eh eh eh eh eh eh eh eh eh eh

Gaia ha detto...

Cioè, no dai, ma veramente...
click!

O_O'

kilkenny1975 ha detto...

Abi, in stallo il credito alle imprese
Leggete qui

Menomale che per lavorare a me basta il mio portatile e la mia testa

Anonimo ha detto...

Aiutateci a NON FAR MORIRE Agile - ex EUTELIA

AGILE – ex EUTELIA
COME LICENZIARE 9000 PERSONE SENZA CHE NESSUNO SE NE ACCORGA !!!!!
E’ iniziato il licenziamento dei primi 1200 lavoratori di
OLIVETTI-GETRONICS-BULL-EUTELIA-NOICOM-EDISONTEL TUTTI CONFLUITI IN:
AGILE s.r.l. ora Gruppo Omega
Agile ex Eutelia è stata consegnata a professionisti del FALLIMENTO.
Agile ex Eutelia è stata svuotata di ogni bene mobile ed immobile.
Agile ex Eutelia è stata condotta con maestria alla perdita di commesse e clienti .
Il gruppo Omega continua la sua opera di killer di aziende in crisi , l’ultima è Phonemedia 6600 dipendenti che subirà a breve la stessa sorte.
Siamo una realtà di quasi 10.000 dipendenti e considerando che ognuno di noi ha una famiglia, le persone coinvolte sono circa 40.000eppure nessuno parla di noi.

Abbiamo bisogno di visibilità Mediatica, malgrado le nostre manifestazioni nelle maggiori città italiane ( Roma - Siena_Montepaschi – Milano – Torino – Ivrea – Bari – Napoli - Arezzo - ) e che alcuni di noi sono saliti sui TETTI, altri si sono INCATENATI a Roma in piazza Barberini, nessun Giornale a tiratura NAZIONALE si è occupato di noi ad eccezione dei TG REGIONALI e GIORNALI LOCALI.

NON siamo mai stati nominati in nessun TELEGIORNALE NAZIONALE perchè la parola d’ordine è che se non siamo visibili all’opinione pubblica il PROBLEMA NON ESISTE.

==è Dal 4-Novembre-2009 le nostre principali sedi sono PRESIDIATE con assemblee permanenti ç==

Se sei solidale con noi INOLTRA QUESTA MAIL ad almeno 10 amici nei prossimi 30 minuti, non ti costa nulla , ma avrai il ringraziamento di tutti i lavoratori e le Lavoratrici di Agile ex Eutelia che da mesi sono senza stipendio

Altrimenti questa azienda morirà

Le Lavoratrici e i Lavoratori di Agile s.r.l. – ex Eutelia

___

http://www.google.it/search?hl=it&source=hp&q=Agile+s.r.l.+%E2%80%93+ex+Eutelia+&btnG=Cerca+con+Google&meta=&rlz=1R2GGLL_itIT335&aq=null&oq=

jjletho ha detto...

Se leggete cosa scrive l'ufficio studi dell'Abi nel comunicato sulle statistiche relative alla restrizione del credito, c'è da sbellicarsi dalle risate:

"Non si tratta di una restrizione del credito - ha spiegato l'ufficio studi dell'Abi - ma di una mancanza di nuovi investimenti da parte delle imprese che determina una carenza di domanda di credito".

Tagli le linee di credito, strozzi i medio piccoli e poi vieni anche a prenderci per il cu...???
Nemmeno la parola "vergogna" serve più.
Serve solo più che qualcuno si incazzi sul serio.

Kingsgambit ha detto...

Il P.I.L. non è un indicatore affidabile in assoluto dello stato di salute dell'economia. Infatti, è sufficiente notare che le importazioni di beni di consumo vengono conteggoiate in negativo (e quindi se diminuiscono il PIL aumenta) e gli acquisti di beni e servizi, prodotti in loco, da parte dello Stato vengono conteggiati in aumento...
Per quanto riguarda i soldi (non) prestati dalla banche alle imprese c'è stata sicuramente una stretta del credito e l'atteggiamento di queste due tipologie di attori economici la dice lunga su come realmente ipoteri forti pensano che andranno le cose...
In pratica gli imprenditori preferiscono i soldi in prestito (per non rischiare i propri capitalizzando) e le banche, in assenza di capitalizzazione adeguata (quindi di garanzie) si rifiutano di prestarli....
Vedete voi....

jjletho ha detto...

@Kingsgambit: mai sentito parlare di sconto di fatture?
Bene, oggi ti tagliano anche quelle linee di credito, oppure te le erogano scontando a 8-9 volte l'odierno TUS (chi se lo ricorda il vecchio??)
Così facendo, riescono a mettere in difficoltà anche società che fatturano, ma non riescono a farsi pagare.
E poi queste società non riusciranno a ripagare i loro fornitori, creando un effetto catena che blocca centinaia di migliaia di operatori.
Altro che atteggiamento di entrambi i player.
Qui in Italia, gli imprenditori grandi che non vogliono rischiare e che comprano intere società con i soldi delle banche hanno tutto il credito che gli serve. Sono i medio piccoli quelli che sono messi male.

Kingsgambit ha detto...

@jjletho

I medio piccoli, proprio perché hanno ottime probabilità di non riuscire a farsi pagare, sono i più a rischio e quindi quelli che hanno (e avranno sempre di più) meno accesso al credito bancario.

In ogni caso, quanti imprenditori oggi come oggi fanno investimenti (di tasca propria) in azienda?

Anonimo ha detto...

@ Buonaluce e Zita

Vi do un indirizzo dove c'è qualcosa sulla situaz in ucraina.

http://tuttouno.blogspot.com/2009/11/ucraina-la-nuova-influenza-californiana.html

Il carnivoro invece per ora ha perso i denti.
:-)

Echinacea

Anonimo ha detto...

"fine mese acconti IRPEF e IVA 2010(ACCONTI? IL 79% dell'Irpef e l'88% dell'iva, la truffa nelle parole) senza sapere se e quanto si riuscirà a lavorare il prossimo anno."

quindi periodo brutto: da dopo natale,
poi di nuovo marzo.

Anonimo ha detto...

«L’attuale sistema economico finanziario è costruito sul fondamento di miti culturali. Se si aiuta la gente a capire che i miti sono falsi il sistema crolla. Lo svuotamento di questi miti diventa quindi una potente strategia per minare il sistema. Non si tratta altro che di far risuonare verità cariche di una sapienza che è nel cuore di ogni uomo… È questa nuova cultura che permetterà un cambiamento radicale del sistema».

Questo uno stralcio del documento realizzato da Alex Zanotelli sull’organizzazione di una società civile attiva. [del Dicembre 2003]

Axel

Anonimo ha detto...

http://www.italianiliberi.it/Edito09/governomondiale.html

jjletho ha detto...

@kingsgambit
Ne conosco diversi che hanno acceso la seconda ipoteca sulla propria casa per poter andare avanti proprio perchè le banche "non danno credito, se non è prepagato" (questa è una citazione da una canzone dei baustelle).
Non tutti pensano che se la gallina inizia a stare male, e non fa più tante uova, sia meglio mangiarsela piuttosto che guarirla.
Come già detto, c'è la gente marcia in ogni settore.
Il fatto è che oggi il settore finanziario sta facendo il bello ed il cattivo tempo, rovinando persone senza il minimo scrupolo e come gira a loro. Decidendo il prezzo e facendo cartello su qualsiasi cosa.
Senza un forte intervento da parte dei governanti, ci porteranno alla fame.
Il brutto è che se aspettiamo che questo governo faccia qualcosa contro le banche, possiamo morire bruciati...

Anonimo ha detto...

Cari frequentatori del blog, vi seguo da un po' di tempo e le vostre teorie sul futuro della crisi sono tutte affascinanti ed anche plausibili.
C'è chi si concentra di più sugli aspetti economici e chi invece analizza i probabili risvolti sociali altrettanto e forse più rilevanti dei primi.
Sono d'accordo nel ritenere che si è cercato di affrontare la crisi con gli stessi strumenti che l'hanno generata e che i finanziamenti alle banche (praticamente a costo zero) non hanno che alimentato nuove speculazioni finanziarie.
Spesso ho notato la difficoltà a stabilire lo strumento di misura più adatto a misurare la crisi e vorrei raccontarvi il mio "metro".
Vivo la crisi dalla "trincea","imprenditore" piccola azienda 12 dipendenti, 12/13 ore di lavoro al giorno, lo stipendio che manca da luglio, conto in banca in rosso.
Fatturato -27%,non ho messo in cassa integrazione nessuno, non ho licenziato, sono riuscito a tagliare oltre 100 mila euro di spese all'anno e solo grazie alla passione per il mio lavoro, alla correttezza dimostrata negli anni verso clienti e fornitori, riuscirò ad arrivare alla fine dell'anno e forse chissà provare ad andare avanti.
Ho appena ricevuto un rifiuto ad aprire una nuova linea di credito da parte di una BCC (quelle brave) con una scusa banale dopo aver presentato centinaia di carte, bilanci, previsioni, business plan, relazioni etc.
Sapevo già che non mi avrebbero concesso nulla (per via del rating basso) ma mi sono illuso che avrebbero letto le mie relazioni con la stessa passione con la quale le ho scritte, perchè io credo nel mio lavoro e lo faccio col cuore.
Ma probabilmente nessuno le ha lette.
Mi fa rabbia solo dovermi far giudicare da loro, subire la loro arroganza ed il loro potere di decidere chi si e chi no, secondo parametri che non è dato conoscere.
Si è deciso di dare il potere alle banche, tra le principali responsabili della crisi, le cui azioni hanno perso in un anno percentuali spaventose.
Non mi importa se sarò costretto a chiudere, sarà per me un dispiacere sopratutto per chi perderà il lavoro e non potrà ritrovarlo, non ho più voglia di arrabbiarmi con loro, continuerò a fare il mio lavoro finchè mi sarà concesso.

Un grazie a FElice per l'ospitalità.

Saluti a tutti

Jobogan

yuma ha detto...

@jjletho

non voglio fare una difesa di posizioni che sono anche mie nemiche, resta il fatto che nessuno di noi fa credito a qualcuno che non abbia sicura solvibilità.

Questo è un fatto. Purtroppo! E poco vale se io sono solvibile , ma non lo sono i miei Clienti perchè la loro crisi sarà la mia crisi.

E' il solito gatto che si morde la solita coda.

Tutto questo credo si risolverà in una distruziione così grande dell'offerta che ad un certo punto la domanda non potrà fare a meno di rimettere in piedi il meccanismo.

Chi nel frattempo sarà riuscito a resistere diventerà leader.

Anonimo ha detto...

Vedi Yuma,
Se i parametri attraverso i quali si concedesse il credito fossero uguali per tutti, il tuo ragionamento non farebbe una piega.
E evidente anche che se la legge fosse ugaule per tutti, le patrie galere non sarebbero stracolme di disgrazieti.
Non è difficile e neanche (purtroppo) tanto rischioso cambiare qualche numerino per trasformare un bilancio miseramente passivo in qualcosa di esaltante.
Gli esempi non mancano, la storia insegna, e credimi, ciò che spesso viene concesso in termini di credito per le piccole imprese, è stra-largamente coperto dai beni di tanti, come me, è disposto a mettere in gioco tutto.
Ciò che contesto è che si è di fatto messa nelle mani delle banche la facoltà di decidere chi sarà meritevole di diventare "leader".
Siamo sicuri di aver scelto un arbitro davvero imparziale?

Saluti

Jobogan

Kingsgambit ha detto...

Il meccanismo di una crisi dei consumi (quindi della domanda, come è, di fatto questa che stiamo vivendo) è la seguente: deflazione - riduzione della produzione (e quindi dell'offerta) - inflazione.

Adesso siamo nella fase della riduzione della produzione. Ovviamente questo non significa che tutti ridurranno la loro produzione, diciamo, del 30%.

Significa che qualcuno non la ridurrà affatto e altri falliranno.

Questa fase di "cannibalismo" tra gli imprenditori al momento contiene la spinta inflazionistica: chi è patrimonializzato adeguatamente conquista il mercato tramite una politica di bassi prezzi (anche in perdita) e di credito ai clienti (anche a rischio di subire insolvenze). Le banche si tengono fuori dal gioco in attesa di trattare poi con i vincitori.

Questa è la mia opinione. Non significa che la situazione mi piaccia o che sia d'accordo.

Personalmente sto dalla parte di tutte le persone oneste che cercano di fare del loro meglio.

Malgrado ciò non posso fare a meno di rilevare che le insolvenze ed i fallimenti stanno aumentando.

Anonimo ha detto...

Nel frattempo mentre qui si parla solo di denaro e influenza, FINALMENTE quell'omicida di Battisti pagherà per i propri delitti brigatisti.

ERA ORA!

jjletho ha detto...

@yuma
purtroppo sono d'accordo con jobogan.
Tanto per dirne una, Basilea 2 è una presa per il cu..: le pmi e le società che chiedono credito DOVREBBERO avere dei parametri per il rating del credito (rating che, se conosci o se sei importante ti puoi dimenticare che esista: vedi crack parmalat).
Intanto loro fanno ciò che vogliono con la loro patrimonializzazione.

@kingsgambit
ciò che tu stai preannunciando non è un trend economico, è una fine sociale.
Una volta che la disoccupazione raggiungerà il 15-18% nominale (e quindi il 30-36% effettivo) altro che vincitori o perdenti: la gente scenderà in piazza perchè sarà alla fame.

Oltre il problema della domanda/offerta, non scordiamoci che abbiamo ancora il problema delle banche zombi: ancora hanno qualche "problemino" di patrimonializzazione, soprattutto con le corrette scritture del valore del mercato immobiliare.
Ed in Giappone abbiamo visto cosa significa, dagli anni 90 ad oggi: più insabbi, più allunghi il canto del cigno.
Tirando le fila, altro che normale crisi dei consumi...
Qui, secondo me, ci sarà da divertirci.
Ed il bello (o il brutto) è che spero di avere torto marcio.

guru2012 ha detto...

@ Yuma

"...nessuno di noi fa credito a qualcuno che non abbia sicura solvibilità."

Prestare soldi e chiedere un interesse, non è morale, né produttivo, tantopiù se a farlo sono le banche, che i soldi che ti prestano neanche ce l'hanno.

Una banca dovrebbe finanziare i progetti in cui crede e partecipare agli utili, ma anche alle perdite.

Basta con questo gioco dove chi ha il banco vince sempre.

E poi le banche, sono le prime a non essere... solvibili.

Kingsgambit ha detto...

@jjletho

Si, in concreto penso che potrebbe portare ad una "fine sociale".

I consumi degli ultimi anni sono stati effettuati a credito. Ora i nodi vengono al pettine.

Del resto "il lavoro fisso non è più di moda" parafrasando la Marcegaglia.

Bé allora non sono più dimoda neanche gli appartamenti in residence (con elevate spese condominiali), l'acquisto di auto a rate ed il credito al consumo.

Del resto, se verranno rinnovati gli incentivi alla rottamazione, sarà il quarto anno consecutivo in cui viene prodotto un bene (l'auto) che altrimenti non avrebbe mercato. Tra un pò se vorrai cambiare l'auto la FIAT manderà la fattura direttamente allo Stato..... A seguire i proclami trionfalistici di Marchionne sulle immatricolazioni.
E' ovvio che tutto questo non durerà in eterno.

Mario ha detto...

@Kingsgambit
speriamo che Marpionne non legga il tuo post ...

Mario ha detto...

tra l'altro va detto per correttezza che questa volta la Fiat non ha ancora ricevuto un centesimo, il meccanismo italiano degli incentivi è basato sul credito d'imposta ovvero lo Stato Italiano si è pure indebitato con i costruttori di auto, solo la Fiat "avanza" circa 400/500 milioni, quindi per l'intero comparto siamo sul miliardino di euri ...
ancora pochi mesi e la barracca italiana cadrà, è assolutamente impossibile che si riesca a superare il crollo delle entrate fiscali del prossimo anno.

Anonimo ha detto...

quando si dice che la gente "da' i numeri", ecco..., leggendo qui un po' me ne rendo conto.

le banche, il mio lavoro, la disoccupazione, lettera di credito, parametri, pil, stato.

usate parole diverse per descrivere voi stessi perche' tutte queste cose fanno parte di voi, siete voi che le avete create esattamente cosi' come sono ora.

non esistevano in natura, IL PIL NON NASCE INSIEME AI FUNGHI.

pero' li avete creati difettosi, il sistema cosi' com'e' adesso sta crollando e la cosa che mi fa piu' sorridere e' che cercate il problema fuori da voi, come se a creare questo stato di cose fossero stati i KOALA.

invece la vostra vita l'avete creata voi e se non funziona come volete siete sempre voi che dovete cambiarla perche' nessun'altro puo' farlo.

state mentendo a voi stessi ogni volta che "date i numeri" e le conseguenze di questo non potranno che ricadere sempre su di voi PERCHE' LA COLPA NON E' DEI KOALA.

LA COLPA E' VOSTRA, INUTILE CHE ASPETTIATE LA SOLUZIONE DAI KOALA PERCHE' NON ARRIVERA' MAI E INTANTO IL MALE SI FA SENTIRE OGNI GIORNO PIU' FORTE.

indopama

Anonimo ha detto...

quindi come fare?
un suggerimento dal mio punto di vista...

parlando in giro nessuno ci capisce niente, ognuno si chiude a riccio nel proprio tran tran cercando di ignorare il resto che ha attorno sperando nell'impossibile, che qualcuno da fuori arrivi e magicamente risolva tutto.

QUI STA IL PROBLEMA.

siamo diventati un ingranaggio ignorante, ci siamo specializzati in una piccolissima parte di vita ignorando il resto.
cosi' facendo ci siamo isolati gli uni dagli altri, dimenticando che la razza umana e' una come pure il pianeta in cui viviamo. abbiamo perso il senso della vita e ci siamo rifugiati nella routine, come dei robot.
ma questo non ci basta piu'.

stiamo pagando questo isolamento che possiamo anche chiamare egoismo E FINCHE' NON CAMBIEREMO QUESTO ATTEGGIAMENTO LE COSE CONTINUERANNO A PEGGIORARE.

non importano i numeri, non serve parlare di denaro e nemmeno di petrolio o di carbone.

serve LA CONSAPEVOLEZZA CHE LA VITA E' POSSIBILE IN COMUNIONE CON GLI ALTRI, NON IN CONFLITTO.

IL CONFLITTO UCCIDE, IL MATRIMONIO FA NASCERE LA VITA.

solo questo, bisogna cambiare il nostro atteggiamento nel quotidiano cercando la cooperazione con gli altri per arrivare alla consapevolezza di cosa siamo e cosa facciamo in questa vita.

se non lo facciamo ci puo' solo aspettare il conflitto che vuole dire morte.

termino con una domanda:
VI SENTIRESTE PIU' SICURI SE VI DESSI 1 MILIONE DI EURO IN CONTANTI O SE AVESTE LA FIDUCIA CHE TUTTO IL PIANETA E' A VOSTRA DISPOSIZIONE PER AIUTARVI OGNI VOLTA CHE NE AVETE BISOGNO?

riusciamo a capirla l'enorme differenza?

indopamagensio

Anonimo ha detto...

leggendo indopama mi si apre sempre il cuore, va dritto nel segno con ironia, ti mette davanti al naso la verità facendoti sorridere...e comunque ha pienamente ragione, non è colpa dei koala ma di noi, ci frammentiamo sempre di più è come un puzzle di 100000 pezzi sparsi in qua e in la...non è impossibile metterli assieme (io ci lavoro tutti i gg..con i puzzle). La risoluzione di tutto non è nei guadagni soldi soldi soldi...più uno li cerca più scappano come tutte le cose...viviamo con serenità..iniziamo almeno e tutto il resto viene di conseguenza..
cri

jjletho ha detto...

@indopama
Voi, voi voi...
sono due le cose: o tu sei al di fuori del mondo (un alieno) oppure non è un Voi, ma un Noi. C'eri pure tu. E se dici che tu non c'eri, era solo perchè ti stavi astraendo come fa la gente oggi perchè sente tutto molto lontano.

Ti faccio anche presente una cosa: da quando esiste una società, esiste qualcuno che guida, comanda e crea le regole da far seguire ed il resto che segue.
E' vero che è il resto che segue che potrebbe comandare, ma tutte le volte che lo ha fatto, ce lo ricordiamo perchè ha dovuto scardinare l'ordine sociale in cui viveva per tagliare la testa comandante.
Di solito questi eventi si chiamano: rivoluzione, ribellione, insurrezione, talvolta colpo di stato.
Se non parli con i termini giusti, non ti si capisce, e sembra che ciò che prospetti sia andare al parco a fare un picnic.
Perchè è di questo che stai parlando: le persone si rendono conto che insieme contano e vanno a "chiedere" spiegazioni ai loro governanti.
Certo, potrai (e potremo) creare un network di persone che si aiutano tra loro, ma i meccanismi in cui il network esiste non potranno cambiare fino a che la parte che comanda non deciderà di cambiare. O non verrà cambiata.

Il resto che prospetti è Utopia: "...cosi' facendo ci siamo isolati gli uni dagli altri, dimenticando che la razza umana e' una..." in 10.000 anni di storia umana non è mai successo.
Pensi possa mai accadere una cosa simile in un mondo in cui un cerebroleso sindaco di una cittadine viene a dire che vuole un "White Christmas" dove white non è la neve?
Non succede nelle piccole realtà, figurati nel mondo.

Goodlights ha detto...

@cri e indopamagensio :-)

concordo con quanto dite.

ognuno ha scelto esattamente dove e come essere in questo momento.

L'UOMO E' UN ESSERE CAUSATIVO!

non son certo stati i koala a creare i pensieri che ci hanno portati fin qui :-)

perchè allora non cambiarli questi pensieri?

a volte leggo i commenti e mi passa l'immagine di zio paperone con il simbolo del dollaro negli occhi
:-) o forse :-(

ora qualcuno scriverà che son solo belle parole e che la realtà è diversa e che ci si deve adeguare, tutelare, proteggere...

ok. bene.
e chi la crea questa realtà?
sempre i koala di cui sopra?

no.
la creo IO, la create VOI, la creiamo NOI tutti insieme!

se tutti i nostri pensieri sono concentrati sui soldi, come sembra, saranno i soldi a diventare un problema perchè NOI gli abbiamo dato quest'energia e questo potere.

i soldi non sono la vita!

giornata bella a tutti!
Goodlights

TaO ha detto...

ma perchè , dopo tanti bei commenti , tocca sempre a me fare la parte del demonio ? se qualcuno volesse prendere il mio posto , mi contatti, cedo volentieri l'attività :-)

@ Cri

hai ragione . ma la cooperazione si può ottenre solo da chi la ricerca . E la ricerca senza secondi fini . Altrimenti si corre il rischio di fare la fine della pecorella che voleva vedere cosa c'era nella tana del lupo .

@ Indo

come al solito concordo solo per una parte .
non concordo quando attribuisci reponsabilità oggettive . Dichiarare tutti responsabili è come annullare qualsiasi principio di responsabilità . Il mio livello decisionale è infinitamante inferiore rispetto a quello di altri . Quando sono nato il PIL già c'era , che colpa ne ho ? boh , un giorno me lo dovrai spiegare . solo per farti un esempio .

seconda cosa . dici che il conflitto è deleterio . Però , quando scrivi , tutto in maiuscolo , LA COLPA E' VOSTRA , inneschi un potenziale conflitto , cadendo in contraddizione . Perchè , usando la 2 persona plurale , attribuisci la colpa ad un gruppo da cui tu ti chiami fuori . meglio , concedimelo , sarebbe stata la 1 persona plurale . quindi attenzione . il mondo è sempre potenziale conflitto , non il contrario . sta a noi cercare di superare lo stato delle cose , con sforzi non comuni e solo in casi ben determinati . Altrimenti il conflitto va affrontato , gestito e superato.

Hai creato ciò che dici di voler combattere anche se , ne sono sicuro , per nobili fini . e di questo se ne è accorto Jjletho. Da meditare questa cosa .
Goodlights, per esempio, ha fatto passare lo stesso concetto ma non ha ottenuto lo stesso potenziale "innesco" .

altra cosa : bene hai fatto a paragonare la collaborazione al matrimonio . Il matrimonio si fa in due , ma basta uno solo per rovinarlo . l'analogia , se vuoi , continuala tu .

per concludere : giusto quello che dite . Ognuno , nel suo piccolo , può cambiare e cercare di essere felice ( nel senso di stato , non la Capretta ;-) ) . perfetto . Ma da qui a attrirbuire al pensiero del singolo la forza di cambiare il mondo ce ne passa , considerato che , per la maggioranza , questo è il migliore modo di vivere ( matrix insegna ) . Non è una passeggiata insomma .

saluti demoniaci

TaO

Ps: delle due che hai detto , Indo , scelgo la 2 . non mi renderà più felice . di sicuro so come impiegarli ( te ne restituisco perfino un po' , giuro ) e un po' di denari mi risolverebbero alcuni problemi . Il numero di c.c. te lo mando in privato . Rimango in attesa e ti ringrazio già fin da ora ..... ;-)

Anonimo ha detto...

@GOODLIGHT
:) :) :)
CRI

Goodlights ha detto...

@taodemonio :-)
"altra cosa : bene hai fatto a paragonare la collaborazione al matrimonio . Il matrimonio si fa in due , ma basta uno solo per rovinarlo ."

sicuro sicuro?
:-)

quindi ci sarebbe un carnefice che lo rovina e una vittima che subisce?

mmmm....qualcosa non mi torna...

a mio avviso non esisterebbero carnefici se le vittime la finissero di piangersi addosso e si ribellassero.


riguardo al resto, comprendo quello che scrivi e le motivazioni che porti, ma non condivido per i motivi che ho espresso nel mio commeto di prima.

Siamo esseri causativi, che ci piaccia oppure no!

probabilmente piacerà molto a chi si è creato una bella esistenza e piacerà meno a chi se n'è creata una misera, ma entrambe le figure sono esattamente dove hanno scelto di essere.

compreso questo, fatto proprio il meccanismo, cambiare le situazioni diventa facile.


nessuno ti ha mai puntato una pistola alla tempia per farti decidere di compiere quell'azione piuttosto di questa.

lascia perdere il governo ed i koala :-)
pensa alla tua realtà, a come è cambiata e sta tutt'ora cambiando, in funzione delle scelte che hai fatto e stai facendo


lascia stare il pil, da quello non dipende la tua esistenza, è solo una parola, un'invenzione dell'uomo che non ha un riscontro nella tua realtà.

tu l'hai mai visto un pil?
io personalmente non ho mai avuto il piacere
:-)


siamo liberi di scegliere ogni giorno cosa creare.
di scegliere cosa portare nella nostra vita.
di scegliere quale direzione prendere.

si tratta di cambiare modo di pensare e la realtà che ti circonda verrà modellata da Te e non da altri.

se passo la mia giornata a pensare che qualcuno mi farà del male, alimenterò talmente tanto la cosa e le darò l'energia necessaria per far si ciò avvenga.

se passo la mia giornata a pensare che incontrerò solo persone belle e disponibili, saranno quelle ad arrivare.

lo so che sembra impossibile e incomprensibile, ma quando lo proverai sula tua pelle (e ti auguro il prima possibile) capirai fino in fondo di cosa sto parlando.

L'INTENTO PURO NON HA CONFINI!

a me capita di pensare di volere una cosa e in qualche modo questa arriva.
e ti giuro che non sto scherzando.

un abbraccio immenso!
Goodlights

Anonimo ha detto...

Buongiorno a tutti,

@ Tao

"hai ragione . ma la cooperazione si può ottenre solo da chi la ricerca . E la ricerca senza secondi fini . Altrimenti si corre il rischio di fare la fine della pecorella che voleva vedere cosa c'era nella tana del lupo . "

Parole sante. Di buono c'è che dalle mie parti, si comincia a fare di necessità virtù, e vecchi discorsi per alcuni settori in crisi di dieci/15 anni fa e che i grandi proprietari guardavano di sguincio, oggi cominciano a riscuotere il meritato credito.. ed il matrimonio fra aziende è visto come LA soluzione per poter sopravvivere. Infatti non si uniscono solo denari e patrimoni, soprattutto TESTE che insieme creano alchimie differenti e mondi possibili diversi da questo.

Io sono fiduciosa ed ottimista

Oggi si!

:P

Zita

Anonimo ha detto...

Il pensiero è tutto...creativo al massimo, anche se uno dice di comportarsi bene, ma poi quello che pensa è l'opposto di quello che fa l'effetto è distruttivo...come si dece..predica bene e razzola male...concordo con goodlight, pensare è creare...a volte anche a me capita di non aver ancora finito di pensare una cosa che poi succede...o sta succedendo.
quindi cos'è la cosa più semplice da fare? cercare di trovare gioia in ogni cosa che faccimao, apprezzare tutto quello che ci circonda e il fatto di alzarci felici ogni mattina...tutto il resto arriva...vi è mai capitato di alzarvi "storti" e tutta la giornata gira male? na me si...ma non è colpa della nebbia o del tempo (molti si nascondono dietro al fatto di essere metereopatici...) siamo noi che non andimao...quindi basta cambiare il pensiero o chiuderci in casa..
:)
baci cri

jjletho ha detto...

@Goodlights:
dove è che vivi? Così ti raggiungo e vivo meglio.
Qui dove vivo io, la filosofia è: "Aspettati il meglio ma preparati per il peggio". Perchè le cose brutte non capitano perchè uno se le aspetta o le pensa così intensamente da farle capitare, capitano e basta. Ieri pomeriggio ho visto una moto centrata da un autobus:
pensi che il ragazzo 25enne morto sull'asfalto avesse pensato brutte cose da qualche tempo a questa parte?
Pensi che l'autista dell'autobus sia, in verità, un assassino represso?
Io penso di no.
Quando io penso "questa volta andrà bene" anche se lo penso molto intensamente, non è detto che succeda. Dipende da tante cose, alcune delle quali non sono sotto il mio controllo.
Qui dove vivo io, non sono io a scegliere cosa creare, a scegliere come vivere liberamente, ma ci sono regole da rispettare. Regole scritte e non scritte.
Pensi sul serio che a tutti i disoccupati che ci sono basti pensare che non hanno bisogno di soldi per vivere, per fare accadere una cosa simile? Se domani la mia famiglia decide che il denaro non ha senso, il verduraio sotto casa non credo che sarà d'accordo con noi, così come il supermercato e tutti i posti dove dovremmo prendere il cibo x vivere.
Mi spiace, viviamo in posti differenti. Io vivo sulla Terra. Tu?

Anonimo ha detto...

Personalmente non credo che tutti possano scegliere bene per sé.

Non che io possa farlo per loro. E' chiaro però, se fosse in questo modo, come mai tanti si trovano in una situazione così pessima? E non sto parlando di svanziche, sto' parlando di persone e vite.

Colpa delle scelte. Certo. Ma siamo del tutto sicuri che finisce tutto li?

Sono per la meritocrazia, per la reazione, per non piangersi addosso, per la giustizia e per la responsabilità personale.

Però

Però non mi sento di liquidare così de facto persone che non si pongono nemmeno il problema per svariati motivi (che sarebbe lungo elencare, non è neanche il caso).
In poche parole: si, noi siamo artefici della ns. realtà: cattivi pensieri, cattiva realtà.
Ma i cattivi pensieri sono sempre farina del sacco di chi pensa e di sua completa e innegabile responsabilità? E' proprio veramente solo e semplicemente così?

Non ne sono così sicura.


:)

Zita

Anonimo ha detto...

un saluto a tutti
@tao
non sei un diavolo.

siccome scrivere non è facile, almeno per me, per cui cerco di spiegarmi.

ogniuno di noi dice il vero.
infatti ciò che diciamo, o scriviamo, è la ns verità, in quanto è solo ciò che conosciamo in quel momento.
ma ciò non toglie, che la realtà, e le possibilità siamo più ampie del ns pensiero.

premesso ciò, vorrei ribadire il mio pensiero, ossia la mia verità, che non è la verità altrui.

prendiamo esempio della vita quotidiana di una normale famiglia.
la vita si può svolgere in maniera serena, con rispetto tra i familiari, con dialogo, con obiettivi comuni.
ogniuno dei familiari, può avere un lavoro diverso, hobbi diversi, ma tutti si trovano a tavola, mangiano insieme, con amore.
tutti contribuiscono alle spese della casa, senza conti separati.
tutti partecipano ai problemi di ogni singolo componente.

questo è un ideale, che esiste, che si trova.

un altro tipo di famiglia, può essere quelal dove ogniuno vive nel suo mondo.
ogniuno ha i conti separati.
ogniuno ha il suo mondo all' esterno della famiglia.
esiste anche questo.

in entrambi i casi, tutti sono uomini.
ma in entrambi i casi ogniuno crea la propia realtà, il propio mondo.

nessuno di noi ha il potere o l' ardire di cambiare il mondo.
è vero che tutti noi, siamo in un mondo che ha regole imposte, ma cuò che possiamo e dobbiamo fare , migliorare sempre il ns mondo personale.
è li, che dobbiamo intervenire.
così facendo, tutti insieme, possiamo realizzare una nuova umanità, una nuova realtà.
è bene, ricordare, che ogni ns pensiero, ogni ns emozione, anche le più nascoste, vengono registate dalla ns anima, la quale si trova vicino al cuore.
queste " registazioni" modificano il ns dna, il quale trasmette tutto alla generazione che nascerà da noi, ossia i ns figli.
se vogliamo ampliare il discorso, un figlio, sceglie di nascere in una certa linea genecologica, piuttosto che in un altra, anche in base allo stato dei potenziali genitori;

per concludere, io sono convinto, che piano piano arriveremo al concetto, e a vivere, dove non esiste un altro estraneo a noi, ma
dove l' altro sono io.
ed insieme abbiamo un percorso da fare, esperienze da affrontare.
dove la conoscenza , e la verità, non saranno tenute nascoste.

per cercare di spiegarmi ancora, il ns cervello, è fatto a starti, e diviso in zone.
funziona al pari di una grossa antenna rice-trasmittente.
ha la possibilità di ricevere e trasmettere su tutte le frequenze presenti nell' universo.
solo che noi, non lo usiamo.
con affetto
franco

Anonimo ha detto...

@Indopama
guardando alla mia situazione (da 4 mesi in cassa integrazione, dopo avere lavorato per anni 10/12 ore al giorno) posso solo dirti che ne sono contento: osservo i miei cari con più tempo a disposizione, parlo loro, ho letto + di 30 libri da gennaio 2009) amo fermarmi alla finestra ad osservare fuori la vita che passa etc. etc. Insomma, contrariamente a quello che potrebbero pensare gli altri, sono molto + sereno e cosciente che tutto questo non è un male ma un bene. In ultima analisi se mi dicessero che d’ora in poi dovrei lavorare solo 4 ore al giorno e le altre potrei andare a zappare l’orto per autosostenermi (oppure studiare per migliorare la cultura e l'amore per la vita, gli chiederei subito dov’è quel pezzetto di terra.

Un saluto FEDRO 55

Anonimo ha detto...

concordo con jjletho, essere positivi può renderti un po' più sereno, ma le difficoltà non cambiano. e a chi dice che i soldi non servono mi chiedo come fanno a comperare non dico una macchina, basta una bicicletta, non dico una villa, dico un appartamento modesto.... e quelli che voglino cambiare vita, se i soldi non li hai o te li da qualcun altro, o ti devi dar da fare!!! provare per credere. I soldi non servono, ma aiutano!!

goodlights ha detto...

@jjletho

vivo sulla terra anch'io, ma non condivido la tua realtà.
ho scelto di crearmene una diversa e, detto fatto, quando voglio intensamente una cosa, ci credo fino in fondo e lei arriva.

che ti devo dire?
fortuna?
andrebbe contro il calcolo delle probabilità...

mi parli del ragazzo investito.
bene.
cosa sai tu dei suoi pensieri?
niente.
esattamente quanto ne so io quindi.

anche se una persona non è consapevole della potenza dei propri pensieri, questi si manifestano comunque.
sempre.

tu dici di pensare intensamente ad una cosa e questa non arriva.
forse non ci credi fino in fondo e una parte di te continua a remare contro.

infatti ho parlato di INTENTO PURO, cioè non contrastato nemmeno nell'inconscio da controintenti di varia natura.

un esempio?
ho un rapporto conflittuale con il denaro perchè fin da piccolo mi ripetevano che ricchezza e felicità non vanno di pari passo, che il denaro è male, che l'unico modo di ottenerlo è lavorare sodo, che bisogna sudare per averne tanto, ecc...

sono diventato un adulto e mi ripeto in continuazione di voler diventare ricco senza ammazzarmi di lavoro, magari vincendo al superenalotto.

e come azz è che sono ancora bloccato in fabbrica a fare l'operaio?

forse perchè non ci credo abbastanza e perchè ho un sacco di controintenti nascosti che mi impediscono di uscire dalla mia attuale situazione.

ho fatto questo esempio visto che si da tutta questa importanza al denaro e forse risulterà più chiaro.

per quanto riguarda il tuo fruttivendolo...
questa volta un esempio personale:
circa un mese fa avevo una voglia pazzesca di zucca.
entro la sera stessa ben due persone me ne hanno offerta.
gratis.

magia?
no, intento.

funziona davvero!
se solo tutti riusciste a cambiare il modo di pensare ed invece di usare la razionalità per capire questa cosa iniziaste a provarla, a metterla in atto, vi rendereste conto che è possibile creare con il pensiero.

che non sono le paranioie di 4 pazzi che vivono su marte, ma di persone come voi che hanno deciso di essere gli artefici della loro esistenza.

capisco che non riusciate ad accettare una cosa di questa portata se non l'avete mai provata e non vi chiedo certo di fare un atto di fede.

però posso chiedervi di provare.
quello si.


@zita
"Personalmente non credo che tutti possano scegliere bene per sé."

e chi può scegliere bene per te se non te stessa?

tanti non ottengono ciò che vogliono semplicemente perchè pensano di non meritarselo.

come ormai ben sapete per lavoro ho a che fare con dei disperati e sapete quali sono le frasi più ricorrenti che gli sento dire:

"nella mia vita va sempre tutto storto"

"è inutile che ci provo, tanto a me va sempre male"

"le cose non cambiano mai"


"la situazione è questa e io da solo non posso fare niente"

capite cosa sto cercando di dire?
secondo voi queste persone che vita hanno e che possibilità hanno di cambiarla continuando a pensare in questo modo?

NESSUNA!

e molti potrebbero scegliere diversamente, ma semplicemente non lo fanno e si crogiolano nel loro ruolo di vittime perenni.

scusate per il tono, ma mi sta particolarmente a cuore questo argomento perchè anch'io la pensavo come molti di voi e cercavo con la testa di capire questo meccanismo.

poi ho lasciato andare e tutto ha preso una piega diversa.

sono una neofita anch'io, se così vogliamo metterla, ma FUNZIONA!
davvero :-)

sono stata spiegata?
:-D

Goody

Anonimo ha detto...

sono stata spiegata?

Io non posso saperlo, devi dircelo tu!
Se eri piegata e qualcuno ti ha aperta, sì.
Spero lo abbia fatto con cura e non ti abbia spiegazzata.

guru2012 ha detto...

Aiuto Goodlights, ha esagerato con l'indopamina, presto chiamate un dottore...!

:D

Goodlights ha detto...

@4.06

nemmeno una piegolina.



@guru

hai ragione:
l'idopamina provoca dipendenza!
se la assaggi una volta non ne puoi più fare a meno ;-)


saluti affettuosi!
Goodlights

Anonimo ha detto...

@jjletho
era un'opportunita' per pensare qualcosa di diverso, l'hai trasformata nella ricerca di un nemico.
sei sicuro che hai sempre bisogno di un nemico nella vita? di solito il nemico serve per incolparlo di cio' che non va nella propria vita.
ma attenzione, non e' detto che il nemico abbia una brutta vita... magari a lui funziona tutto a meraviglia, potrebbe essere interessante conoscerlo.

@Guru
idem, tu ne hai addirittura trovati due...

pero', per chiarire, io non ci trovo nulla di male nei vostri pensieri, non sono ne meglio ne peggio dei miei, sono solo diversi e li accolgo con piacere perche' contribuiscono a creare la vita.
se vogliamo trovarci una differenza: io non ci vedo il nemico.

indopama

Anonimo ha detto...

@ goodlights e indopama
mi voglio provare a sparare anch'io uno schizzo in vena di indopamina!!
se poi e' buona ve lo faccio sapere e ci mettiamo a spacciarla seriamente!!

katanga

TaO ha detto...

@ Franco : a te non rispondo . Non per maleduzione , ci mancherebbe , ma soltanto perchè , dopo la telefonata di ieri , o capito che la linea di pensiero è la stessa . ci soffermiamo sul sfaccettature diverse , questo si . quindi inutile discettare. :-)


@ Goodlihts . qui invece il discorso si complica un pochino . :-)))

andiamo con ordine :

riguardo al matrimonio e alla possiblità che uno solo lo rovini scrivi :
"
sicuro sicuro?
:-)

quindi ci sarebbe un carnefice che lo rovina e una vittima che subisce?

mmmm....qualcosa non mi torna...

a mio avviso non esisterebbero carnefici se le vittime la finissero di piangersi addosso e si ribellassero.
"

si , sono sicuro . In primis a cosa dovrebbero ribellarsi ? non ho capito .

per spiegarmi meglio e cercare di dimostrare che nei rapporti è possibile il cd "recesso unilaterale " e che esso determini la fine dei rapporti bilaterali ( collaborazioni o matrimoni che siano) , faccio un esempio . Poi magari mi dite dove manco . ecco la storia :

Seth conosce Lilith . diventano amici e decidono di andare nel bosco a raccogliere more per poi rivenderle . Le loro volontà si sono incontrate e dunque stanno collaborando . Arrivano nel bosco e , complice il fatto che Lilith si è messa la minigonna ( che peraltro ha messo perchè i pantaloni erano a lavare :-) ) , Seth pensa che si possa fare qualcosa di meglio che raccogliere more . La cooperazione , per come era nata , è finita ,ance se non c'è ancora conflitto . Seth manifesta il suo interesse . Lilith può approvare e allora si "collabora" in altro modo . oppure può NON accettare . Però in questo caso la primgienia collaborazione si spezza, anzi si era già spezzata nel momento in cui seth ha cambiato il proprio volere . di chi è la colpa ? non mi interessa ..... la cosa importante è che è bastato il mutamento di volontà di uno , per far cadere una collaborazione che vedeva impegnati due . o no ???
quale parte del mio ragionamento non funziona ????

sul conflitto in gnenerale :
purtroppo , quando ci si addentra nella ricerca del principio metafisico e lo si fa senza avvalersi di Rivelazioni ( come faccio io ) alla fine si incontrano sempre i paradossi .

quello sul conflitto è che , pur non esistendo esiste . e non possiamo farci nulla . Almeno così penso io .

continua

TaO ha detto...

sul discorso del potere mentale creativo : mio suocero pensa che tutto quello che si inizia di venerdì , abbia un esito infausto . E , per lui , funziona pure . Peccato che lui enfatizzi molto quello che di brutto gli capita il venerdì e minimizzi quello che di bello succede in quel giorno . Capovolge il ragionamento per gli altri giorni della settimana e il gioco è fatto .
con il pensiero positivo è possible fare la stessa cosa : penso a un evento che voglio che accada . se succede è il " pensiero che tutto crea " in azione , se non succede è demerito mio che non ho voluto a sufficenza.

tutto questo , ovviamente , senza voler mettere assolutamente in discussione i tuoi principi oppure mancare di rispetto . Sta di fatto che io , ad esempio , non credo che ci che si inizia di venerdì debba andare per forza storto .

Non nego che il Non Ordinario entri nella nostra vita , come non nego che si possa modifcare in meglio la propria esistenza . Non mi piace però prendere una di queste due affermazioni e renderla assoluta .
Mi piace pensare che la vita di ognuno sia come una barca che cende lungo un fiume . A volte scorre calmo e a volte ci sono le rapide . Pensare di poter dirigere la barca è assurdo , lasciarla andare dove vuole è deleterio . semplicemente lasciamola che vada , godiamoci il viaggio , ma , al momento opportuno remiamo affinchè si possa evitare le rocce oppure si possa approdare e passare qualche tempo su una spiaggetta che il fiume ci offre.

Credere che tutto sia deciso ci dereponsabilizza, credere che possiamo tutto ci fa innalzare troppo .

e , come dicevano gli antichi , chi si innalza è destinato a cadere .

vorrei continuare e dire , ad esempio , due parola sul fatto che i "soldi non contano nulla ", ma devo scappare .

saluti metafisici.

TaO

Goodlights ha detto...

@tao

ciao!

mi hai fatto proprio ridere di gusto con lilith e la sua minigonna che fa perdere la testa al povero seth!
:-D

chissà cosa avrà pensato la nostra lilith per attirarsi le "attenzioni" di seth...


magari mentre andavano a far more, consapevole di avere un bel paio di gambe, era preoccupata che a seth potessero venire pensieri impuri su di lei...mha...chi può dirlo?
;-)

poi...

ne di venere ne di marte ci si sposa o si parte.
dice più o meno così il proverbio, vero?
certo che anche tu a causarti un suocero così!
:-D

il meccanismo di cui parlavo però, è ben lontano dalla libera interpretazione del tuo suocerino...

"Credere che tutto sia deciso ci dereponsabilizza, credere che possiamo tutto ci fa innalzare troppo .
e , come dicevano gli antichi , chi si innalza è destinato a cadere"

infatti io non sono per nessuna delle due.

sono per il riconoscere le nostre vere potenzialità ed usarle.
tutto qui.

tao, so benissimo come la pensi, memore della nostra telefonata di tempo fa.

su alcuni aspetti siamo d'accordo, ma su altri abbiamo un diverso punto di vista.

entrambi rispettiamo il sentire dell'altro e quindi finiamola qui "a pane e salame"
(zita insegna...)

di nuovo un abbraccio!
Goodlights

jjletho ha detto...

@indo
la ricerca di un nemico??
mi spiace, io non cerco nemici, cerco solo di portare nell'ambiente reale le tue parole.
Di concretizzarle (mai sentito parlare di macchine a verità aumentata per effettuare stress test? Eccomi, io faccio la tua. Pure gratis...)
Ciò che dicevi tu, si concretizzava nel fatto che un gruppo di persone si mettono insieme e fanno qualcosa insieme. Se vogliono che ciò funzioni DEVONO cambiare le regole, poichè se restano nelle vecchie regole, decade il presupposto di stacco dal passato.
A qualcun'altro non andrà bene e creerà un altro gruppo con altre regole, oppure rimarrà alle regole di prima.
Al regolatore, cioè chi comanda, può andare bene che tu ed il tuo gruppo decidiate che ora tutto cambia? No, perchè gli stai togliendo il potere da sotto. Il tutto è uguale a guerra (civile o totale dipende dalla scala e dal gruppo che sta cambiando le regole).

Se poi tu ed il tuo gruppo avete la maniera di cambiare le regole o vivere al di fuori di quelle esistenti SENZA dover far decadere i regolatori, dovresti dirci come fate. E poi capiamo insieme se è fattibile su larga scala.

Sul fatto che io cerchi un nemico per dargli le colpe delle cose che non vanno nella mia vita: non ero mica io a dire "LA COLPA E' VOSTRA" ma tu.

@goodlights
non so neanche cosa riponderti, sai?
Cosa dovrei argomentare di fronte al fatto che mi dici che tu ottieni tutto ciò che vuoi?
Non ti conosco, non so se hai tutto ciò che vuoi. Forse chi ti conosce può decidere se stai dicendo verità o meno.
Se stai dicendo verità, ti dico: BEATA TE! (o beato?)
Senti, visto che io, secondo te, ho troppe infrastrutture mentali e penso che bisogni sudare per arrivare a qualcosa nella vita mentre invece a te basta volerlo e la sera ti succede, potresti volere intensamente vincere un superenalotto di una 80 di milioni di euro anche per me?
Per favore??

Mario ha detto...

"serve LA CONSAPEVOLEZZA CHE LA VITA E' POSSIBILE IN COMUNIONE CON GLI ALTRI, NON IN CONFLITTO. "
purtroppo chi ci "governa" fa di tutto per spingerci in quella direzione, vado un po' fuori OT ma ieri sera ho visto un bel film di fantasia per ragazzi, una produzione europea (Ungheria, Regno Unito, Francia) dove l'antagonismo tra due famiglie rischia di portare alla rovina la vallata in cui vivono; la salvezza arriva perchè un membro di ciascuna delle due famiglie si rende conto che i problemi non derivano dalla famiglia antagonista ma dall'antagonismo in sé. Grazie alla collaborazione tra i due, si creano le premesse per il lieto fine "e vissero tutti felici e contenti".
Poi ripenso a film anche fantasy di produzione americana (in realtà ebraica se andiamo a vedere chi tira le fila della "baracca")e con orrore (eh sì, ma il termine è riduttivo) mi sono reso conto che lì l'antagonismo tra le parti porta alla distruzione di quella avversa (dipinta come cattiva e malvagia, quindi se lo merita).
Volevo usare l'espressione "termina con" ma in realtà anche se "i cattivi" vengono distrutti, il pericolo è cessato solo temporaneamente e bisogna restare in guardia perchè il male ovvero il nemico (perchè sono la stessa cosa) è sempre in agguato.
Tra l'altro il bene sconfigge il male sempre e solo attraverso singoli eroi (o Rambo di turno), mai attraverso la cooperazione dei singoli.

goodlights ha detto...

@jjletho
"Senti, visto che io, secondo te, ho troppe infrastrutture mentali"

non lo penso affatto!
anzi, penso che tu abbia incredibili potenzialità e che, per ora, abbia scelto di non sfuttarle.

non c'era un giudizio nei tuoi confronti in quanto ho scritto e mi dispiace che tu ce l'abbia visto.

comunque non mi sento fuori dal mondo o sopra le parti.
al contrario, mi sento tutt'umo con esso.

ciao.
Goody

guru2012 ha detto...

@ Indopama

Scusami, fammi capire, a quali nemici di riferisci?

La mia era solo una battuta in riferimento al cambiamento fatto da goodlights, che leggo dalle sue prime apparizioni in questo blog.

Per quanto riguarda l'indopamina, non c'è da preoccuparsi, ma... una raccomandazione: "leggere attentamente le istruzioni e le modalità d'uso".

kilkenny1975 ha detto...

Ocse, allarme disoccupazione
"In Italia crescerà fino al 2011"

Info qui

Ma la crisi non era finita ?

Goodlights ha detto...

@guru

già.
tutto cambia ed io ne sono un esempio lampante...
vedi che funziona davvero?
un'altra dose per favoreeeeeee
:-)

ciao!
Goodlights

TaO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

in spagna l'informazione sta propio dando i numeri;dal telegiornale di oggi:
" la ripresa c'e! ma non si riflettera' positivamente sull'impiego, si prevede infatti un aumento dell'indice di disoccupazione per il 2010,
ma la ripresa c'e'!"
??????????
siamo al delirio o ci puo' essere qualche anima pia che mi sappia spiegare una dichiarazione del genere?

hasta luego

ps: altro attacco ancor piu' violento a suor Forcades da parte del Pais e ocio,il VATICANO le ordina di ritrattare!!!
e'propio il caso di dire che NON C'E' PIU' RELIGIONE!


katanga

TaO ha detto...

@ goodlights

le discussioni , servono a scambiarsi punti di vista e a migliorarsi . In questo senso mi piace dibattere , anche confutando posizioni altrui . Mi spiace quando creo problemi .
Altrimenti , se ci diciamo che siamo tutti belli e bravi , alla fine cosa ne abbiamo ??
:-)

Io non metto in dubbio che il tuo pensiero creativo sia cosa diversa dal "venerdì funesto" . sta di fatto che , per chi ci crede , quest'ultimo è cosa reale tanto quanto il pensiero che crea lo è per te .

non metto neppure in dubbio che positività e sicurezza in se stessi siano fattori determinanti nell'evoluzione di un individuo . però le cose che si son dette erano un tantino diverse .....

Mi piacerebbe che qualcuno evidenziasse i difetti di ragionamento nella storiella di lilith e seth , come pure mia piacerebbe capire dove sbaglio quando eccepisco che non si può dire che bisogna eliminare i conflitti quando poi , la riga sotto , se ne crea uno . Mi piacerebbe , ma non per litigare eh... per capire .


Ma , come hai detto tu , meglio finirla a pane e salame . :-)))

mistici saluti

tao

Ps: mio suocero ha comunque tante altre qualità . la più grande è quella di avermi iniziato all'apiocoltura . E comunque ho sposato sua figlia , non certo lui :-)

katanga ha detto...

se quello che dici non offende nessuno,vuol dire che non hai detto niente!

Anonimo ha detto...

eh va beh, katanga, mica devi per forza offendere qualcuno, no?

potrebbe anche capitare essere d'accordo UNA volta tanto..

:)

Zita

luciano perazolo ha detto...

Dal sole 24:

I listini sono stati schiacciati dai dati sulle insolvenze degli americani. Secondo i dati della Mortgage bankers asociation quattro milioni di famiglie americane sono insolventi o in ritardo sulle rate dei mutui. A fine settembre oltre il 14 per cento dei titolari di mutui per l'acquisto di casa risultava o insolvente o in ritardo di più di tre mesi sui pagamenti. Una situazione che riaccende le preoccupazioni sulla possibilità che il moltiplicarsi di insolvenze tra le famiglie, con la disoccupazione che aumenta, possa zavorrare nuovamente il settore immobiliare e tutta la ripresa economica.


Pffff... ripresa... x i fondelli, più che economica!!

Saluti.

menohopiusono ha detto...

@katanga

Ciao! mi dai il link dell'articolo su suor Forcades?

E poi: hai notizie da Corvo? Io per ora i video su youTube non li ho visti..

Goodlights ha detto...

@tao

ciao!
ma sto impazzendo o prima avevi postato un altro commento con un senso completamente diverso?

ho letto in ufficio ore fa mi sono ricollegata adesso, ma non mi torna quello che ho appena letto...

comunque sia, non metto in dubbio che confrontarsi sia una buona cosa, ma, capito che su alcune cose non la si pensa allo stesso modo, perchè accanirsi proprio su quelle e passare ore a discuterne?

fin'ora ci siamo confrontati serenamente.
tu hai espresso la tua opinione secondo il tuo sentire ed io ho fatto lo stesso.

questo intendevo con "finiamola a pane e salame"

penso veramente che lilith si sia creata la sua realtà e si sia, consapevolmente o meno, attirata quanto le è successo.
così come tuo suocero, così come me e te.
le mie parole erano in tono scherzoso, ma il senso no.

detto questo e riscontrato che siamo in disaccordo su alcuni punti, mi spieghi perchè dovremmo andare oltre?

è qui che io preferisco fermarmi in un confronto.
non per non offendere nessuno o per essere brava a tutti i costi, ma semplicemente perchè non ne trovo il senso.

il mio obiettivo non è quello di farti cambiare idea perchè rispetto le tue idee ed il tuo sentire e tutto quello che dici, anche se non lo condivido pienamente.

non mi metterò dunque a fare le pulci alla storia di seth e lilith cercando di tirar acqua al mio mulino.
gli lascerò fare le cosacce in pace nel bosco!
:-)

lo so che questo mio atteggiamento non piace ad alcuni e viene giudicato come mancanza di argomentazioni, ma questa sono io e non posso scrivere cose diverse da quello che sono.

porto la mia personale esperienza sperando che possa contribuire in qualche modo alla discussione, ma non mi accanisco nella discussione fino alla vista del sangue.
:-D

serata bella!
Goodlights

TaO ha detto...

" se quello che dici non offende nessuno,vuol dire che non hai detto niente!"

oppure vuol dire che chi ti ascolta o è in accordo con te o non è uno permaloso oppure ancora è persona che sa concedere argomenti agli altri quando ritiene abbiano ragione .


accidenti , oggi è tutto un fiorire di massima di vita , andateci piano con l'indopamina ..... :-)


saluti


tao

yuma ha detto...

@ Tao

adesso ti spiego qual'è il problema

Seth conosce Lilith .

Diventano amici e decidono di andare nel bosco a raccogliere more per poi rivenderle .

Le loro volontà si sono incontrate e dunque stanno collaborando .

Arrivano nel bosco e , complice il fatto che Lilith si è messa la minigonna , Seth pensa che si possa fare qualcosa di meglio che raccogliere more .

La cooperazione , per come era nata ,non è finita ,ma si è solo trasformata.

. Seth manifesta il suo interesse .

Lilith può approvare e allora si "collabora" in altro modo .

Ma Lilith convince Seth a riempire prima il secchio.

Seth, potrebbe non accettare perchè è arrapato.

Ma Lilith gli fa notare che in questo caso la primigienia collaborazione si spezzerebbe .

Seth, con la fronte sudata e rosso in viso comincia a raccogliere le more a piene mani senza curarsi dei rovi che lo fanno sanguinare.

Di chi è la colpa ?

Delle spine !

Non mi interessa ..... la cosa importante è che è bastato il mutamento di ormoni di uno , per far cambiare la collaborazione in lavoro dipendente.

Quale parte del mio ragionamento non funziona ????

La premessa .

Quella zoccola di Lilith si era messa la minigonna perchè quando quel pirla di Seth sanguinante si è abbassato i pantaloni, Lilith gli ha ciulato il secchio pieno di more e si è messa a correre in discesa ,mentre Seth che ha cercato di rincorrerla con i pantaloni abbassati è ruzzolato giù dalla collina ed è caduto nel cespuglio delle more graffiandosi anche il deretano.

Da allora in paese giurano che nelle notti di luna piena si sente ancora un grido indistinto che l'eco ed il vento portano a valle ...

OOOOOOI I I I I A AAA!!!

Non hanno mai spiegato ai bambini cosa vuol dire

TaO ha detto...

@ goodlights

ciao . si ho cambiato il msg perchè l'ho scritto di fretta e alcuni miei pensieri non erano correttamente esposti . O così mi è parso rileggendoli . . Ma più o meno però dicevo le stesse cose .

Il discorso di Lilith e Seth, concedimelo , tendeva a dimostrare altra cosa : non quella che ognuno si merita cosa le accade ( mamma mia, anche qui dissento . una cosa è il vittimismo , altra è rsponsabilità oggettiva di fronte a qualunque evento ci capiti ) ma che nei rapporti collaborativi è possibile il recesso unilaterale ( che tra l'altro è come enunciare che l'acqua calda ..... è calda , appunto :-) ) . Era ciò che mi contestavi no ?

Ad ogni modo rispetto il tuo pensiero e la finisco qui . Definitivamente :-)))) ( metto le faccine a scanso di equivoci anche se le odio )

saluti

tao

TaO ha detto...

Yuma

piantala lì .... e io che cercavo di fare pure il serio .

mi hai fatto morire dal ridere . Ora che ci penso : ieri ho sentito un grido indistinto che scendeva a valle ... che fosse Seth .....

Però concordo : se si va a more non si mette la minigonna .... anche Lilith accidenti ....

saluti

tao

yuma ha detto...

@ Tao

Lilith aveva pianificato tutto...

va beh , me la sono cercata ... adesso aspetto Franco(QNB) che mi fa il culo perchè penso negativo ...

Franco ... pietà!!!

Anonimo ha detto...

@ menohopiusono
qui l'articolo on-line del pais:

http://www.elpais.com/articulo/sociedad/peligro/pendulo/monja/elpepusoc/20091116elpepusoc_5/Tes

e qui anche quello di "scienza marcia"che parla della stessa cosa:

http://scienzamarcia.blogspot.com/

hasta luego

katanga

Anonimo ha detto...

per quanto riguarda i video nessuna notizia!

corvo ha detto...

Per quanto riguarda i video leggete le vostre mail in google.
scusate il ritardo.

gabriele ha detto...

grande Mario :
"Tra l'altro il bene sconfigge il male sempre e solo attraverso singoli eroi (o Rambo di turno), mai attraverso la cooperazione dei singoli."
Hai toccato un punto-chiave del nostro ciclo di vita (orami alla frutta). Vinci (o meglio vale solo per il tuo dna) un viaggio interstellare a impiantare una nuova vita in un altro ciclo di vita :-)

jjletho ha detto...

Se la Lilith che dite voi è quel tronco di bella ragazza che conosco io, è Seth che pianificava di farci qualcos'altro nel bosco, piuttosto che raccoglier more.
E' quindi la dichiarazione di intenti che si è rivelata fallace fin dal principio.

Ritornando alla crisi (e al cibo), un bel report dell'USDA che dice che nel 2008 il 14.6% della popolazione US ha sofferto di "Food Insecurity".
http://www.nakedcapitalism.com/2009/11/food-insecurity-in-america-skyrockets.html
Indi questo ed il prossimo anno ci sarà da ridere (si fa per dire), in merito.

Anonimo ha detto...

per prima cosa un saluto a tutti.
poi dico due parole sul pil altrimenti vado fuori tema.
pil
giu'

:-)

e oggi mi sento di scrivere qualcosa sul perche' io scambio idee con voi.
perche' sento che c'e' qualcuno in difficolta', lo comprendo perche' lo ero pure io, non lo sono pero' piu' e credo o spero che la mia esperienza possa essere utile ad altri per uscire da una situazione che non gli garba.

il mio problema era semplice:
facevo quello che gli altri volevano che io facessi, non facevo quello che io mi sentivo di fare.

la soluzione e' stata quella di fare solo quello che mi sentivo di fare, tutto qui. per farlo ho dovuto mettere da parte la paura, la paura di essere giudicato male, la paura di avere dei nemici, la paura di essere isolato, la paura di incamminarmi in qualcosa che ancora non conoscevo, la paura di non avere abbastanza soldi.
la paura, la mia paura, non era quella di nessun'altro, ero io il problema.

quindi adesso faccio quello che mi sento, non seguo le regole se non me lo sento di seguirle, seguo il cuore.
cosa c'e' dentro il cuore? e' tutto da scoprire, ogni giorno ci sono sorprese, in ogni caso e' li' che nascono i miei pensieri, diciamo che alla fine e' li' che si decidono le mie azioni.

e l'importante poi sono le azioni, ho notato che meno penso e meglio e', la prima impressione e' quella giusta, la seconda e' gia elaborata dalla mente e mi porta su di una strada piu' difficile.

questo e' quello che voleva dire goodlights, fai quello che ti senti perche' le cose che ti senti accadono sempre, forse e' un disegno che ancora non comprendiamo ma fa niente, io lo accetto e seguendolo tutto va a meraviglia. in fondo sono sempre io che alla fine sento se va bene oppure no. se scelgo di fare quello che mi sento di fare non puo' che essere la cosa migliore.

le scelte le faccio sempre nel presente ma con un occhio al futuro, in fondo il risultato delle mie azioni viene sempre dopo la mia azione, a volte dopo alcuni secondi, a volte dopo alcuni anni. o per lo meno cosi' mi sembra perche' e' comunque sempre qui ed ora che sento che l'azione di ieri mi ha dato il risultato di oggi.

tornando piu' nel concreto la vita e' fatta di azioni, queste portano il cambiamento nella nostra realta', tutta la vita' e' azione, movimento, cambiamento.

e a me piace l'azione, magari qualcuno pensa che mi perdo in storie fantastiche ma io sono uno come voi, padre di famiglia con 2 figli piccoli, il solo a lavorare, sono consapevole che posso facilmente perdere il lavoro che faccio ora, avro' forse ancora un anno o due se tutto va bene ma dovro' cambiare.
mi preparo per un nuovo lavoro, un lavoro che mi sento potra' essere piu' utile agli altri, ho deciso di spostarmi con la casa e sto costruendone una nuova.
sto cercando di raggruppare persone con capacita' strategiche e aperte ad esplorare la vita.
mi sta riuscendo, come pensavo, perche' sto facendo quello che mi sento. senza sforzo apparente, seguendo un disegno che io ancora non conosco ma che ogni giorno si fa via via piu' chiaro. seguendo il cuore, ogni giorno sperimento il nuovo, la creazione e devo dire che mi riempie di gioia.

tutto qui per oggi, torno a finire il mio progetto di macchina automatica dopodiche' raggiungo la famiglia che sta' gia' dormendo, e domani si vedra'...

:-)
indopama

Daniele ha detto...

@indopama
continuo a rifletterci sai...
E comunque ogni giorno ho sempre meno ansie e paure.
Comunque per chi diceva che da questa crisi la finaza avrebbe imparato e cambiato le regole, oggi ho avuto la comunicazione dalla banca con cui ho il mutuo che in gennaio questo è rientrato in una "cartolarizzazione"
:-D
Continuano a vendere l'aria fritta e c'è chi la compra...
E pure chi ci crede
ahahahahahah

Mario ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mario ha detto...

vado nuovamente OT, ma si ricollega al discorso fatto da indopama (così il mio OT è colpa sua AH AH AH), è incredibile il torpore di noi italiani, ci privatizzano l'acqua come se niente fosse e noi ... ZZZZZZ ah c'è il Grande Fratello questa sera; un po' alla volta tutti i servizi primari saranno privatizzati, visto che in futuro non avremo più soldi per le pu**anate (non mi veniva parola migliore) ecco che ci venderanno qualche cosa che è già nostro, non dico che i servizi primari debbano essere totalmente gratuiti, è giusto coprire i costi di manutenzione ed erogazione, ma è inconcepibile che ci possa essere su questo chi realizzi un guadagno.
La collettività almeno quella italiana è ormai svuotata di ogni significato; siamo un insieme di singoli che affrontano ciascuno con le proprie forze e la propria ignoranza/conoscenza i problemi quotidiani, anzichè mettere in campo risorse comuni per affrontare i singoli problemi.
Se pensiamo che lo strumento con cui si realizza tutto ciò è la politica, ma finchè scegliamo il peggio che il mercato offre ...

Kingsgambit ha detto...

Sapete, sono perplesso.

Siamo in una situazione drammatica. Sempre più gente perde il lavoro, sempre più imprese chiudono, ci sono persone che non sanno se tra tre mesi saranno ancora in grado di sfamare i loro figli.

E c'è un mucchio di gente che parla di cooperazione, comunione, amore universale e quant'altro.

Gentilmente qualcuno mi fa esempio storico di una società basata su concetti simili?

Perché se,come credo, non ne è mai esistita una, bé allora è molto probabile che non esisterà mai.

L'istinto più forte dell'essere umano è l'istinto di sopravvivenza
e questo giustifica tutto, compresa la guerra preventiva: ti bombardo (se ci sono i democratici)
o ti invado (se ci sono i repubblicani) perché potresti essere pericoloso.

L'istinto di sopravvivenza giustifica sopratutto la sopraffazione del più debole e l'accumulo dirisorse ai suoi danni (bisogna pur pensare alla famiglia)

Questo è l'essere umano e questi sono i principi che dominano la società attuale e che hanno dominato tutte le società che ci hanno preceduto.

Il resto è più che altro una **** mentale.

Anonimo ha detto...

giusto appunto sugli esseri umani che bei tipini sono

(ANSA) - LIMA, 19 NOV -La polizia peruviana ha arrestato con un vasto blitz 4 banditi sospetti aver ucciso 60 persone per vendere grasso dai corpi a fini cosmetici.Grasso ceduto in Peru' ma pure in Europa ad aziende disposte a utilizzarlo per fabbricare prodotti cosmetici.Per i media locali tra gli acquirenti anche due italiani.Il prezzo era 15.000 dlr al gallone.Il caso fu scoperto a inizio mese quando agenti arrestarono due uomini che ritiravano un involucro contenente grasso di un uomo ucciso a settembre.

oddio come vorrei essere marziano!!!

saluti anonimi

Anonimo ha detto...

allora

un gallone metrico = 4 litri

io sono parecchio savrappeso
diciamo almeno 12 litri di grasso lo possiedo

3 galloni X 15.000 = 45.000 dlr

mmmh... mi ci vengono circa 13 crociere in suite per 130 giorni di pacchia...... mmmh

quasi quasi

grassi saluti anonimi

Mario ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mario ha detto...

@Kingsgambit
una cosa che non è mai esistita per principio non ci potrà mai essere?
siamo solo istintivi o anche razionali?

E' vero c'è il quotidiano cui ciascuno di noi deve far fronte come meglio può - anche indopama che uno potrebbe immaginarsi come un eremita in una caverna dotata di connessione wireless deve soddisfare bisogni materiali - ma questo non esclude che si possa iniziare un approccio diverso alla realtà che ci circonda.

Il primo passo è porsi delle domande su ciò che facciamo e su ciò che ci circonda.
Se ci va tutto bene il cammino è già finito e andiamo a vederci una puntata del Grande Fratello in santa pace altrimenti ...

Il passo successivo è il più difficile perchè prevede
un cambio di "mentalità", questa parte più spirituale è una tappa obbligata, se vogliamo che il mondo cambi e un giorno sia migliore dobbiamo prima di ogni cosa cambiare noi:
finchè gli altri vengono visti come antagonisti e non come compagni di viaggio, si possono fare tutte le rivoluzioni che si vogliono, torneremo sempre al punto di partenza.

Il passo successivo è che
continuiamo a dover affrontare e risolvere il quotidiano, ma con una nuova consapevolezza che ci porta a vedere le cose e a prendere decisioni diverse rispetto al passato.

Il penultimo passo è più spontaneo e naturale, si inizia a sentire il bisogno di cercare e condividere questa nuova consapevolezza con altre persone che provano lo stesso e così si scopre che i problemi sono comuni.

L'ultimo passo è più logico e cioè se i problemi sono comuni perchè continuare ad affrontarli da soli? è faticoso, irrazionale e controproducente.

Sembra tanto difficile, irraggiungibile?

Scusate, ma su questo blog che cosa facciamo ogni giorno?

Mario ha detto...

ci manca solo l'ultimo passo ...

Anonimo ha detto...

l'azione...

jjletho ha detto...

@Mario:
questa la dico io, perchè mi piace ripetermi...
Un gruppo di persone si mettono iniseme per un fine comune, che può anche solo essere quello di aiutarsi.
Se le regole in cui si trovano gli vanno bene, rimarranno invinschiati per sempre in un limbo in cui si sentono costretti da regolatori che creano regole per garantire le lobby, i più forti etc etc...
L'alternativa è: tentare di cambiare le regole e/o il regolatore.

Sei un rivoluzionario, ammettilo :-).

Anonimo ha detto...

Sì, il rivoluzionario d'u babbà

corvo ha detto...

let's talk about revolution

Cari amici, facciamo un punto della situzione.

Alcune settimane fa avevamo iniziato a parlare di ció che potrebbe succedere con la discussione sugli scenari 2015 (che fra parentesi in un altro blog stanno copiando). Successivamente avevo lanciato l'idea di discutere COSA si potrebbe fare per i nove diversi quadranti dello scenario.

Questo in quanto ho qualche dubbio che la massa della gente sarebbe disposta a seguire le idee di Indopama.
ma forse mi sbaglio.
Il punto é: QUALI SONO LE SOLUZIONI DI INDOPAMA?
e quali sono le soluzioni di Mario?

L'altra notte ho ritrovato la mia tesi di laurea che si intitola "l'Ultima Ragionevole Follia" .
Descrive come l'ascesa di un sistema sociale esponenziale porti automaticamente al suo collasso.

Abstract
La crescita senza fine, come quella proposta dal nostro modello di sviluppo, in un sistema finito, come il pianeta su cui viviamo non é possibile. Quando si raggiunge il “picco della crescita” segue la discesa.
La nostra civiltá é prossima al picco della crescita e quello che seguirà sarà un ritorno a uno stato energetico molto piú basso rispetto a quello attuale.


Nulla di nuovo, penseranno i piú.
Beh, la tesi l'ho scritta 20 anni fa. In quel testo descrivevo come sia possibile "deviare" un sistema sociale sfruttandone l'inerzia.
Un poco come nelle arti marziali.

Oggi é troppo tardi per deviare l'intero sistema in una regione sicura. Non solo non stiamo deviando ma continuiamo ad accelerare su tutti i parametri.
La qual cosa é talmente strana che ho iniziato a valutare cosa ci potesse essere dietro al fallimento totale (epical failure) delle policies governative.

Per capire il sistema che é in crisi bisogna andare ben oltre l'analisi della economia e della politica e considerare elementi "esotici".
Ció non significa rifuggirsi nello spirtualismo e sperare che arrivi il deux ex machina a salvarci.

Quello che ho scoperto lo sto pubblicando pezzo a pezzo separatamente.

Torniamo a noi.
La situazione é molto piú drammatica di quanto la maggior parte dei lettori qui si immagina.
I problemi che discutiamo sono creati ad arte per distrarci dai problemi piú importanti.

Ma invece di vivere nella paralisi dei problemi, vogliamo tornare a parlare di soluzioni?

Anonimo ha detto...

Riunione FAO

"Negati aiuti per la fame, non considerata una priorità da parte dei governi mondiali"

Alle banche hanno dato migliaia di Miliardi di Dollari....

Basterebbero 44 Miliardi di dollari per non sentirne più parlare.

http://www.vocidallastrada.com/2009/11/fao-il-summit-dei-condannati.html

Se non si cambia dall'alto, pensare positivo non basterà.

GiBi

Anonimo ha detto...

A mio avviso questa notizia della riunione FAO pone il punto su quello che dovrebbe essere fatto, ossia:

-Iniezione di Indopamina al posto del vaccino anti-suina; iniezione obbligatoria per i governanti del mondo, e contenente vari adiuvanti tra cui:
-amore
-intelligenza
-altruismo
-umanità


-Redistribuzione della ricchezza

-Iniezione di richiamo di Indopamina, per far stabilizzare il pensiero e non tornare più a sperimentare il caos nel quale stiamo vivendo.

^__^

GiBi

Anonimo ha detto...

Altra soluzione:

partire e andare a prendere a schiaffi

FAO, UNICEF, ONU etc... etc.... etc....

GiBi

P.S. Certo che... se siamo a questo punto, come possiamo ancora pensare che esista un minimo di umanità?


P.P.S. E l'operazione "White Christmas" proposta da quel testa di c...o di sindaco leghista? Siamo veramente alla frutta, sia economicamente ma, ancor più, umanamente.

Anonimo ha detto...

soluzione:

VIULEEEENZAAAAAA!!!!!!

Anonimo ha detto...

il fatto e' che non sappiamo perche' accade cio' che accade...

perche' la vita e' cosi' com'e' oggi?
perche' ci sembra di sbagliare?
non lo sappiamo, per quanto impegno possiamo metterci la risposta non arriva.

con questa constatazione non ci resta che seguire la corrente di chi ha costruito il fiume, perche' se l'ha costruito in questa maniera un motivo ci deve pur essere.

piu' ci sforziamo di dirigere la barca controcorrente e piu' ci mancano le forze.
e adesso siamo stanchi, abbiamo fatto tutto quello che ci hanno detto di fare, abbiamo seguito le leggi, le regole, abbiamo comprato l'ultimo modello di tv al plasma e siamo sfiniti.
non vi pare?

quindi la soluzione quale sarebbe, riscrivere altre regole con l'illusione che seguendole la vita si trasformi in un paradiso?

la vita e' una cosa misteriosa, non si limita ad una partita di calcio. bisogna prima conoscerla un minimo per poi provare di dirigerla meglio...

il primo passo non e' cosa fare ma conoscere cosa stiamo facendo, solo dopo potremo cambiarlo in qualcosa che piu' ci piace.

e la vita non e' quello che fa berlusconi ma le azioni che io compio ogni momento, sono io la cosa misteriosa da scoprire. io sono l'unica cosa che so di certo essere viva, tutto il resto (se c'e') e' comunque una elaborazione dei miei pensieri perche' lo ripeto:

io penso di chattare
io penso di guardare il monitor
io penso di stare ascoltando la musica
io penso di star bevendo un caffe'

senza di ME il MIO mondo non puo' esistere.

IO SONO LA COSA PIU' MISTERIOSA CHE CONOSCO.

indopama

jjletho ha detto...

@corvo
sia indo che mario puntano alla stessa soluzione, è quello che ho cercato di spiegare prima. Lo dicono solo in modo diverso ma alla fine il risultato è uguale.
Forse Goodlights aveva detto qualcosa di differente, perchè era più specifica verso il singolo.

"Oggi é troppo tardi per deviare l'intero sistema in una regione sicura. Non solo non stiamo deviando ma continuiamo ad accelerare su tutti i parametri.
"
Ti do un tip per un parallelismo di studio: prova a vedere cosa succede in un plasma ad altissima energia ed altissima gravità quando queste due forze non riescono a controbilanciarsi. Stiamo sempre parlando di massa ed energia in un sistema isolato ed entropico(escludiamo i fattori esterni per ora per semplificare il modello, anche se sarebbe meglio modellare su un sistema aperto).
Vedrai che se uno dei valori è sbilanciato troppo in confronto all'altro, alcuni parametri schizzeranno in maniera convulsa, a vedere da fuori sembrerebbe una nuova giovinezza, mentre altri rimarranno fissi o arretreranno.
Indovina tu quale è il passo successivo.

Faurio ha detto...

Scusa Indopama, ma allora io penso che il camion mi stia schiacciando ma poi muoio.
La realtà allora esiste a prescindere da noi?
C'è qualcosa oltre i nostri pensieri o tu sei solo una proiezione della mia mente che pensa che ci sia uno che vive a Bali che posta concetti bellissimi e che si firma Indopama?
Non è che i pensieri sono il tramite attraverso cui noi interagiamo con la realtà esterna?
Questo PC esiste e io ci sto scrivendo sulla tastiera, attraverso i miei pensieri lo sto utilizzando e vedendo.
Che casino...
Saluti
Faurio

Ps. credo che questi siano argomenti di filosofia che peraltro io non ho mai approfondito.

Anonimo ha detto...

Temo che la soluzione dell'ultimo intervento "VIULENZA" sia un'ipotesi poco remota, allo stato attuale della situazione.

Do' ragione a Corvo, quando dice che le cose sono molto più gravi di come sembrano.

Do' ragione a Tao, quando dice che purtroppo non dipende tutto da noi, nel bene e nel male.

Do' ragione però anche a Goodlights: dipende moltissimo anche da noi, ma in termini di INDIVIDUO e gruppo familiare. Un fattore troppo limitato e troppo limitante per incidere potentemente sulla realtà.

E arrivo al punto.

Paradossalmente ma non tanto, chi fa' numero non ha strumenti di discernimento e di scelta: è debole quindi facilmente manipolbile dai potenti (senza distinzione). Qs. accade per necessità e per svogliatezza, pigrizia, l'ignoranza per cui è sempre un cane che gira su se stesso in una spirale senza fine che vira verso il basso..

Quindi, o qualcuno con notevoli qualità professionali, una purezza d'animo e d'intenti ed etica incorruttibili si fa' carico del destino di un popolo, oppure non so' proprio come andrà a finire.

Sono sempre ottimista, ma realista nel convenire che io non sono solo io, ma sono collegata strettamente ad altri.

C'è qualcuno che si offre volontario?

:)

Zita

Anonimo ha detto...

grande Faurio,

hai detto una cosa che a mio parere descrive al meglio la vita:

CHE CASINO.

:-)))
indopama

Anonimo ha detto...

Dare la colpa a qualcosa che è fuori di noi è sicuramente la via più facile da seguire....facile scaricare sempre su qualcosa o su qualcuno...oppure diciamo pure..il destino...non è filosofia questa...forse il fatto di chiamarla così anche questo è uno scaricare qualcosa...quello che non conosciamo ci fa un'immensa paura e la paura è ciò che blocca tutto...il pensiero vergine è la via giusta..solo che quando pensiamo non abbiamo ancora finito di farlo che iniziamo ad elaborare il pensiero stesso con tanti ma se e.... lo distorciamo modifichiamo e qui inizia il CASINO...
scrivo poco ma quando scrivo lo faccio nel momento in cui lo sento cercando di non "elaborare" quello che mi esce da dentro quindi mi dispiace se non sono chiara o se faccio "orrori" di ortigrafia, ma sono così...e mi piace essere così
buona giornata
cri

Mario ha detto...

"qualcuno si fa carico del destino di un popolo"

se si vuole una "soluzione veloce" per il presente, ma presto o tardi si ritorna al punto di partenza perchè:

questo qualcuno ci darà delle regole, le sue;

magari all'inizio lo seguiremo ciecamente perchè sarà visto come "il salvatore";

arriverà un momento in cui i famosi primi 100 giorni "del salvatore" finiranno;

la nostra guida si vedrà costretta a stabilire un meccanismo di controllo e sanzione perchè noi si rispetti le regole (possono essere anche le migliori del mondo);

prima o poi a qualcuno di noi tutto questo non andrà più bene e vorrà dire la sua;

il salvatore sa il sistema è ancora troppo fragile (se è onesto)per stare in piedi da solo quindi o si fa da parte con il rischio che chi prenderà il suo posto sia incapace o disonesto (ad esempio uno come Berlusconi è disonesto ma capace, una come la Gelmini è onesta ma incapace)oppure impone la sua autorità con ogni mezzo possibile (dall'uso della forza all'uso dei mezzi di comunicazione, a seconda del grado di evoluzione della società)...

siamo di nuovo punto e a capo

se ci serve un pastore vuol dire che siamo pecore, se ne sentiamo il bisogno vuol dire che abbiamo analogamente alle pecore paura.

@Zita guarda mi ci metto per primo, sono ancora una pecora, ma che vorrebbe iniziare un cammmino con altre pecore senza il pastore.

Mario ha detto...

uhm cammino con tre m ...

Faurio ha detto...

"qualcuno si fa carico del destino di un popolo"

ma noi italiani siamo un popolo?

Ma mi faccia il piacere, mi faccia!

Mussolini disse: governare gli italiani non è impossibile è inutile.
Lo trovo estremamente attuale.
Siamo e abbiamo quello che ci meritiamo. E qui ci si potrebbe anche allacciare al pensiero guida....

Saluti
Faurio

Mario ha detto...

di milioni di italiani Berlusconi altro non è che l'ombra su di un muro ...

rumenta ha detto...

Mario:

Se pensiamo che lo strumento con cui si realizza tutto ciò è la politica, ma finchè scegliamo il peggio che il mercato offre ...

perché, c'è pure un "meglio" da scegliere??
e me lo indicheresti, per cortesia??

yuma ha detto...

@ Corvo

I problemi che discutiamo sono creati ad arte per distrarci dai problemi piú importanti.

OK allora andiamo per gradi e cominciamo dal principio che così capiamo tutti.

Quali sono i problemi più importanti?

corvo ha detto...

@Yuma
vuoi che ti facio una lista di quelli "dicibili" o di quelli "indicibili"?

perché per i secondi ho deciso di spostare la discussione altrove per salvare la capretta dai Lupi (i corvi , si sa volano)

katanga ha detto...

@ mario e rumenta e a tutti

COME MORIMMO e
QUESTO E' IL POTERE
di Barnard
questi due articoli,come gia'detto a prescindere dalla sua orientrazione politica,
dovrebbero rendere piu' chiaro il ruolo dei politici in italia e nel mondo nessuno escluso.
il POTERE semplicemente e sommamente astuto e' nascosto e i Ns amati politici altro non sono che marionette nelle mani di chi tira i fili e questo non e' COMPLOTTISMO, e' la realta' delle cose.
chiunque crede che votando rosso o nero possa cambiare le carte e' semplicemente fuori strada,dove ovviamente si e' deciso che debba stare per non rompere troppo i maroni quando si rende conto fra una partita di calcio e una puntata del grande fratello che la sua vita e' una merda a causa del precariato,debiti,materialismo,edonimo e chi piu' ne ha piu' ne metta,e non sappia neanche chi e' il responsabile di tutto perche' e' ormai inebetito da anni di bombardamenti mediatici .
perche' va bene non dare colpe ad altri ma in questo caso la societa' ha una orientazione ben precisa a causa dello sviluppo di un'IDEA stabilita e sviluppata da 30 anni a questa parte e i responsabili ci sono eccome....

Mario ha detto...

@Rumenta
Touché!
in realtà è ognuno di noi che deve saper vedere o almeno mettersi a cercare.
Ed è qualche cosa che ogni anno sempre più persone hanno iniziato a fare, con due grosse conseguenze:

A)la crisi delle formazioni storiche di opposizione, molto brave a gridare ai quattro venti i problemi salvo poi dimostrare di non avere volontà e/o capacità a risolverli quando ne hanno avuto l'occasione;

B)l'abolizione dei collegi elettorali che dava almeno sulla carta la possibilità ad ognuno di noi di potersi candidare sul territorio (TOC TOC c'è qualcuno della Lega?) ed essere eletto a favore invece di un sistema su base regionale e macro regionale che permette ai soli partiti di competere con successo.

Re Gilardin ha detto...

AVETE MAI SENTITO DI UNA CAPRETTA CHE SBRANA UN CANE (DA CACCIA NATURALMENTE)?

STA PER SUCCEDERE, SE NON E' GIA' SUCCESSO.

COME CAMBIANO I TEMPI... O FORSE NON CAMBIANO PROPRIO!

NON CI RIMANE CHE AVIDITA'

Re Gilardin ha detto...

scusate se ho scritto in maiuscolo
ma una profezia come questa aveva bisogno del giusto risalto

Mario ha detto...

@katanga
1.000 parlamentari espressione di tre o quattro forze politiche si possono "indirizzare" più facilmente, 1.000 parlamentari espressione di 1.000 realtà no.
Sono consapevole dell'obiezione che si governa più speditamente in pochi (non meglio attenzione), ma chissà che cosa succederebbe se in parlamento un giorno sedessero 1.000 persone della società civile( anche meno visto che tutti questi parlamentari non servono, quelli attuali a niente anche se fossero in dieci) e quale governo sarebbero in grado di esprimere.

Mario ha detto...

@katanga (2)
Barnard lo leggo da tempo, fa male come un pugno allo stomaco, ma i suoi interventi spiegano molte cose!

Anonimo ha detto...

Avete tutti ragione. C'è pure la possibilità che a forza di prendere calci nel di dietro impariamo qualcosa una volta tanto, e voltiamo pagina una volta per tutte. No?

No eh?

Si ho capito, una battaglia persa.

Si.


"Faurio: Mussolini disse: governare gli italiani non è impossibile è inutile."

come darti torto?

:)

"Mario:@Zita guarda mi ci metto per primo, sono ancora una pecora, ma che vorrebbe iniziare un cammmino con altre pecore senza il pastore."

Saremmo già in due!
:))

Zita

Faurio ha detto...

Non siete in due, mi ci metto pure io e facciamo tre.

Ma come analizzato bene da Mario con questo sistema elettorale non c'è storia.
Ergo, bisogna cambiare tutto.
Ergo, non cambieremo niente xchè siamo tutti attaccati al ns. orticello e abbiamo paura di rimetterci. Troppi interessi, troppe caste.

Però a zonzo fra pecorelle e caprette si può anche andare.

Saluti
Faurio

Anonimo ha detto...

Una curiosità, ma le idee di Goodlights mi ricordano molto quelle di Scientology e Dianetics, esatto?
Saluti,

Nello

Anonimo ha detto...

No lei ricorda solo gli sprovveduti che gli credono

le idee sono quelle di Franco

Anonimo ha detto...

Ma Franco....
sarà mica il Franco cantautore siciliano?

Sentite cosa dice:
"Avevo gli esami di maturità e mio padre stava morendo, quindi non avevo la testa per studiare. Ho pensato di studiare un tema per materia. Quando mi hanno interrogato mi hanno chiesto esattamente quelle precise cose. Non ci volevo credere, ma alla fine penso di avere avuto una sorta di protezione, qualcosa di magico"

Kingsgambit ha detto...

Per capire dove si vuole andare la prima cosa da fare è capire dove si è.

La propria POSIZIONE.

La nostra posizione è la seguente:

Siamo tutti gli ipernutriti figli del mondo occientale. Figli di un sistema fondato sulla violenza e sulla prevaricazione che condanna a morte per fame milioni di persone nel terzo mondo ogni anno.

E a noi non ce ne frega un accidente.

E già, perché non ci pensiamo nemmeno a rinunciare al nostro superfluo per dare il necessario a qualcun altro.(Sia chiaro: io per primo).

Anche quelli di noi che agognano una ridistribuzione della ricchezza, pensano che vada ridistribuita quella altrui e che loro ne sarebbero in qualche misura i beneficiari.

Poi, per sentirsi più buoni (sapete com'è tra poco è Natale) aggiungono: "ah, quando abbiamo realizzato il nuovo mondo, ricordiamoci di dare una tazza di riso ai bambini che muoiono di fame, poveracci!"

Non va bene. La nostra POSIZIONE è
che siamo i mandanti morali dell'attuale situazione e di tutte le morti che l'hanno preceduta e che la seguiranno.

Tutti quelli che dispongono di un collegamento a internet, nessuno escluso, indipendentemente dalle belle parole che scrivono.
(E che non hanno mai sfamato nessuno)

TaO ha detto...

@Kingsgambit

completamente d'accordo con te


saluti

Tao

Anonimo ha detto...

No lei ricorda solo gli sprovveduti che gli credono

le idee sono quelle di Franco


Scusi, non ho capito se "gli sprovveduti " era riferito a coloro che seguono Scientology e Dianetics ,a me o a Goodlights.
Grazie,
saluti,

Nello

Mario ha detto...

@Kingsgambit
hai ragione, forse non in questo blog, ma intorno a noi la maggior parte delle persone ignora la realtà delle cose; nella nostra società siamo ai piani bassi, ma di contro la nostra società rispetto alle altre è ai cosidetti piani alti.
Abbiamo goduto come sistema paese di un relativo benessere, frutto non già e non solo del nostro sudato lavoro, ma risultato di un furto perpetrato a danno di una larga fetta del mondo.
All'interno del sistema paese si è replicato il medesimo furto da parte di pochi (elite/classe dirigente ...) verso tutti gli altri.
La torta è stata sufficientemente grande e ricca fino ad ottobre 2008.
Adesso non basta più e sì, hai ragione in giro c'è chi sta cercando una soluzione perchè tutto continui come prima allineandosi al pensiero strombazzato dai media della classe dirigente,la quale invece sa bene che la festa sta finendo.
Ma qui molti noi sono disposti a fare più di qualche passo indietro rispetto al passato, perchè consapevoli che solo così si potrà andare avanti.

Goodlights ha detto...

@nello
"Una curiosità, ma le idee di Goodlights mi ricordano molto quelle di Scientology e Dianetics, esatto?
Saluti,
Nello"

ciao!
conosco solo di nome i "gruppi" di cui parli, quindi, per chiarire i tuoi dubbi, ti informo che le mie idee sono solo mie.


@mario
anch'io, anch'io...
beeeeeeeeeeeeeeeeeeeee :-)

serata bella !
Goody

Anonimo ha detto...

Lei (Goodlight) ricorda sì gli sprovveduti adepti di Dianetics e Scientology, ma le "sue" idee non sono quelle di L. Ron Hubbard, bensì quelle del nostro guru Franco.

Goody ha detto...

@9.45

hai proprio ragione.

contento?

ora puoi andare a far nanne felice e soddisfatto e magari sognare di avere anche tu qualche interessante idea da condividere con noi.

magari...

serata bella!
Goody

Anonimo ha detto...

@Mario
ci sarebbe da discutere su cosa uno intenda per "benessere" perche' io ho trovato piu' persone felici qui a Bali dove prendono 70 euro al mese che in Italia.

il benessere non si misura coi soldi o da quanto cresce l'economia, il ben-essere e' l'essere che sta bene, o una cosa del genere. per stare bene cosa serve? forse fare quello che uno vuole fare?

l'uomo che ha raggiunto il ben-essere ha come risultato finale l'essere incazzato tutto il giorno? perche' e' questo che vedevo attorno a me in italia, nessuno era mai contento, voleva sempre di piu'.

e allora sono finito nel quarto mondo, dove tutti mi sorridono felici ogni giorno. ma qui sono dei poveracci... senza tv al plasma, niente suv, con delle case che in italia non si usano nemmeno negli allevamenti dei polli.

quindi?

indopama

corvo ha detto...

ATTENZIONE

la seconda parte della campagna Pandemia é iniziata.

"ricercatori danesi hanno dichiarato di avere trovato una forma mutata del virus"

fonte
ArteTV
http://plus7.arte.tv/de/1697660,CmC=2942766.html

TaO ha detto...

Che tristezza , che delusione .

comunque, a questo punto e per quel che può valere , questa volta sono d'accordo con Indo .


arrivederci


TaO

Mario ha detto...

@indopama
adesso cadranno tuoni e fulmini perchè sto per mettere in discussione "un pezzo da 90" del blog ...
condivido, se mi passi l'espressione sintetica, le linee guida del tuo pensiero, anzi ti dirò che riflettendo sui tuoi discorsi ho trovato molte cose che mi stanno aiutando a trovare un nuovo equilibrio quindi grazie innanzitutto a te e a tutti gli altri "ragazzi e ragazze" del blog, se riesco a migliorare come persona sarà anche grazie al vostro aiuto.
Detto questo trovo la conclusione a cui tu vuoi arrivare un eccesso opposto all'eccesso cui siamo arrivati oggi in Italia e più in generale in occidente.
Avere i SUV è sbagliato tanto quanto vivere in case che in Italia non si userebbero nemmeno per i polli; noi abbiamo sbagliato a mettere al primo e unico posto della nostra vita il benessere materiale e a vivere in funzione di esso (il più delle volte male), ma fare l'opposto in favore di quello spirituale è forse moralmente più qualificante, ma oggettivamente analogamente sbagliato.
Tentare di trovare un equilibrio tra le due cose mi sembra se non il traguardo almeno una tappa obbligata.

jjletho ha detto...

@indo
partiamo da un presupposto: sappiamo tutti che non è la ricchezza totale di un popolo che porta la felicità dello stesso, sappiamo che non è il pil che può dare uno spaccato della condizione di felicità della popolazione che lo origina.
Detto questo, anche io ho visto tanti cinesi felici delle condizioni in cui erano PRIMA di vedere come vivevano gli occidentali.
DOPO non erano più felici perchè avevano visto qualcosa che per loro era meglio (fissiamo i paletti: meglio 8-10 ore di lavoro piuttosto di 15, meglio avere qualcosa di proprio piuttosto che un letto in un buco da qualche parte e venire sfruttati etc. etc.). E' vero che hanno visto solo ciò che è scintillante e non tutta la solfa, però loro hanno ritenuto che fosse un miglioramento rispetto alle condizioni.
Per questo hanno smesso di essere felici. Non è che le persone che ci dici non conoscono qualcosa di meglio e quindi non lo desiderano e sono quindi felici perchè ignoranti (nel senso di ignorare)?

@tutti
just thinking: e' possibile che le emozioni vengano messe a fattor comune nella comunità e quindi percepite incosciamente da tutti i facenti parte della stessa?
Se tanti sono arrabbiati o non sono felici, è possibile che anche gli altri (che non hanno una ragione specifica per provare qualcosa del genere) vengano inconsciamente portati a provare queste emozioni (televisione e mezzi di comunicazione a parte)? Da ciò originerebbe il fatto che la società moderna, anche avendo tantissimo, non riesce ad essere felice perchè è portata all'infelicità dalla gran massa di infelici che la compongono.
Se guardiamo bene, è in periodi ed in società dove la forbice sociale è più ampia che si ha un effetto simile.

Anonimo ha detto...

@Mario
niente maestri, tutti alievi. :-)

io non ho giudicato se sono un bene un male i due diversi stili di vita, li ho solo descritti, li accetto entrambi, la differenza non lo fa il suv o la bicicletta ma il sorriso della gente.

non lo so se la soluzione migliore sta nel mezzo, devo dire che non mi dispiacerebbe il sorriso dei balinesi e i suv americani insieme, secondo me l'uno non esclude l'altro.


@jjletho
non e' che non hanno visto il benessere, attorno a loro c'e' anche il lusso piu' sfrenato, lo desiderano anche ma fino ad un certo punto, sono felici di cio' che hanno e vivono alla giornata.

indopama

jjletho ha detto...

@indo
Spero per loro sul serio che sia felicità e non rassegnazione nel sapere che ciò che vedono come possibile condizione migliore non lo avranno mai.

TaO ha detto...

Posso permettermi di essere d'accordo pure con Mario ? Mi è concesso ?

La via di mezzo , la ricerca di equilibrio sono , secondo me , strade da percorrere .
La modernità e la tecnologia non èsono un mali in sè , lo diventano nel momento in cui spostano su di loro quel centro che dovrebbe essere dell'uomo .

Comunque meglio vivere sereni in un pollaio che in una reggia , se la conquista della reggia ha comportato solo infelicità. Opinione personale eh......

saluti cordiali

tao

Mario ha detto...

"Comunque meglio vivere sereni in un pollaio che in una reggia , se la conquista della reggia ha comportato solo infelicità"

se la scelta è tra queste due opzioni, con il senno di poi (non vivo in una reggia, ma è comunque una bella dimora) sottoscrivo la prima, quando ripenso a cosa è costata la casa dove abito sul piano umano mi rendo conto che non valeva la pena (ci sono dietro storie di beghe familiari, purtroppo quando hai a che fare con chi si crede più figlio degli altri il finale della storia è già scritto).

ps. scusate l'OT!

Botolino ha detto...

Mentre l'euro sfiora 1,51 dollari al momento. Chissà cosa inventeranno questa volta, gli americani per contrastare la caduta libera?